Gentili utenti! Tutti i materiali presenti sul sito consistono in traduzioni da altre lingue. Ci scusiamo per la qualità dei testi, ma confidiamo che possano essere di vostro gradimento. Cordialmente, l'Amministrazione del sito. La nostra e-mail: admin@itmedbook.com

Come la stevia può aiutare a controllare la glicemia

Un numero crescente di persone sta optando per alternative più salutari allo zucchero e la stevia è diventata una scelta popolare, in particolare tra le persone con diabete. Gli studi hanno suggerito che il dolcificante naturale senza calorie può aiutare a controllare i livelli di zucchero nel sangue, sebbene fino ad ora non sia stato chiaro come esattamente ciò sia stato raggiunto.

[Foglia di stevia e un cucchiaino di stevia]

Ricercatori dal Regno Unito e dal Belgio hanno scoperto che la stevia attiva una proteina chiamata TRPM5, che è associata alla percezione del gusto. Questa proteina svolge anche un ruolo nel rilascio dell’insulina ormonale dopo aver mangiato.

Il coautore dello studio Koenraad Philippaert, del Dipartimento di Medicina cellulare e molecolare di KU Leuven in Belgio, e colleghi dicono che le loro scoperte potrebbero aprire la porta a nuovi trattamenti per il diabete di tipo 2.

I ricercatori hanno recentemente riportato i loro risultati sulla rivista.

La stevia è un dolcificante derivato dalle foglie della pianta – comunemente noto come foglia di zucchero – che è originario del Sud America.

La stevia è circa 200-400 volte più dolce dello zucchero da tavola ed è spesso usata come sostituto dello zucchero in soda dietetica, caramelle, yogurt, dessert e altri alimenti e bevande.

La Stevia è destinata alle proteine ​​responsabili del sapore dolce, della secrezione di insulina

Il dolcificante a base vegetale è generalmente considerato sicuro per le persone con diabete con moderazione e ricerche precedenti hanno indicato che la stevia può persino aiutare a controllare i livelli di zucchero nel sangue.

I meccanismi alla base dell’effetto positivo della stevia sui livelli di zucchero nel sangue, tuttavia, non sono stati ben compresi. Il nuovo studio di Philippaert e colleghi mirava a far luce.

In esperimenti che coinvolgono colture cellulari, i ricercatori hanno scoperto che la stevia attiva TRPM5, che è una proteina importante per la percezione dei gusti dolci, amari e umami.

“La sensazione gustativa è resa ancora più forte dallo steviolo della componente stevia, che stimola il TRPM5, il che spiega il sapore estremamente dolce della stevia e il suo retrogusto amaro”, osserva Philippaert.

Inoltre, TRPM5 induce le cellule beta del pancreas a rilasciare insulina dopo l’assunzione di cibo. Questo aiuta a regolare i livelli di zucchero nel sangue e previene lo sviluppo del diabete di tipo 2.

Il diabete di tipo 2 è una condizione in cui il pancreas non produce abbastanza insulina, o il corpo non è in grado di utilizzare efficacemente l’ormone. Una dieta non salutare è una causa comune del diabete di tipo 2.

La Stevia non ha impedito il diabete nei topi privi di TRPM5

Per confermare il ruolo della stevia nella stimolazione del TRPM5, i ricercatori hanno effettuato esperimenti su topi.

I topi sono stati nutriti con una dieta ricca di grassi per un lungo periodo al fine di stimolare lo sviluppo del diabete di tipo 2.

Tuttavia, quando la dieta ad alto contenuto di grassi è stata integrata con una dose giornaliera di stevioside – un componente attivo della stevia – i ricercatori hanno scoperto che i roditori non sviluppavano il diabete di tipo 2. Questo non era il caso dei topi che mancavano della proteina TRPM5.

“Questo indica che la protezione contro livelli anormalmente elevati di zucchero nel sangue e diabete è dovuta alla stimolazione del TRPM5 con componenti di stevia”, afferma il co-autore dello studio, Prof. Rudi Vennekens, anche del Dipartimento di Medicina cellulare e molecolare di KU Leuven.

I ricercatori dicono che i loro risultati potrebbero portare a nuove strategie per trattare o addirittura prevenire il diabete di tipo 2, anche se avvertono che è necessaria più ricerca prima che diventi una realtà.

“Questa è una ricerca fondamentale, e c’è ancora molta strada da fare prima di poter pensare a nuovi trattamenti per il diabete”, afferma Philippaert. “Per prima cosa, i dosaggi ricevuti dai topi sono molto più alti della quantità di stevioside presente nelle bevande e in altri prodotti destinati al consumo umano”.

“Sono necessarie ulteriori ricerche per dimostrare se le nostre scoperte si applicano facilmente agli esseri umani.Tutto questo significa [è] che i nuovi trattamenti per il diabete non saranno per il prossimo futuro.”

Scopri come mangiare frutta fresca potrebbe aiutare a prevenire il diabete.

Like this post? Please share to your friends: