Gentili utenti! Tutti i materiali presenti sul sito consistono in traduzioni da altre lingue. Ci scusiamo per la qualità dei testi, ma confidiamo che possano essere di vostro gradimento. Cordialmente, l'Amministrazione del sito. La nostra e-mail: admin@itmedbook.com

Come la vitamina D protegge dal diabete di tipo 2

La carenza di vitamina D può mettere le persone a più alto rischio di sviluppare il diabete di tipo 2, secondo un nuovo studio ora pubblicato sulla rivista.

integratori di vitamina D sul cucchiaio di legno

Lo studio, che è il lavoro di ricercatori dell’Università della California (UC), della San Diego School of Medicine e della Seoul National University in Corea, non è il primo a collegare i livelli ematici più alti di vitamina D a un rischio ridotto di diabete di tipo 2 .

Tuttavia, come notano nel loro diario, gli autori spiegano che le prove fino ad oggi sono “miste” e omettono i livelli ematici di vitamina D che sono “al di sopra del range normale”.

I nostri corpi hanno bisogno della vitamina D per assorbire il calcio durante la digestione e per fornire calcio e fosfato attraverso il sangue ai processi che producono e mantengono ossa sane.

La vitamina D è anche importante per la crescita cellulare, la funzione muscolare, combattere le infezioni e ridurre l’infiammazione.

Quanta vitamina D abbiamo bisogno?

Il corpo ottiene vitamina D da alcuni alimenti naturali, alcuni alimenti fortificati, integratori alimentari ed esposizione al sole. Una volta nel corpo, la vitamina subisce alcune modifiche chimiche per renderla biologicamente utile.

Il fegato è il principale produttore di vitamina D biologicamente attiva; converte la forma inerte in una forma attiva chiamata 25-idrossivitamina D (25 [OH] D).

Il livello di 25 (OH) D nel sangue, che è noto come “concentrazione sierica”, è considerato “il miglior indicatore dello stato di vitamina D”.

Al momento, c’è un grande dibattito su quale dovrebbe essere il livello ideale di 25 (OH) D per evitare la malattia e garantire una salute ottimale.

L’Institute of Medicine (IOM) suggerisce che 20 nanogrammi per millilitro siano “adeguati per l’osso e la salute generale in individui sani”. Altri gruppi hanno sostenuto che il cut-off dovrebbe essere molto più alto, fino a 50 nanogrammi per millilitro.

I ricercatori dietro il nuovo studio – tra cui Cedric F. Garland, che è professore a contratto presso il Dipartimento di Medicina di famiglia e Sanità pubblica presso l’UC, San Diego School of Medicine – hanno definito il “range normale” di 30 nanogrammi per millilitro – cioè, 10 unità sopra il livello proposto dall’IOM.

Bassa vitamina D, maggiore rischio di diabete di tipo 2

Il Prof. Garland e colleghi hanno esaminato i dati su 903 adulti sani – in media 74 anni – che erano stati arruolati nello studio Rancho Bernardo.

Nessuno di questi partecipanti ha avuto diabete o prediabete quando sono stati sottoposti a esami e ha compilato questionari durante le visite di studio che hanno avuto luogo nel 1997-1999.

Durante queste visite, hanno anche fornito campioni di sangue dai quali i ricercatori potevano valutare i loro livelli di vitamina 25 (OH) D e altri marcatori.

Durante un periodo di follow-up terminato nel 2009, il gruppo ha sviluppato 47 casi di diabete di tipo 2 e 337 di prediabete, che è una condizione in cui lo zucchero nel sangue è più alto del normale ma non abbastanza alto da essere classificato come diabetico.

I risultati hanno mostrato che il rischio di sviluppare diabete di tipo 2 in persone con livelli di 25 (OH) D nel sangue inferiori a 30 nanogrammi per millilitro era cinque volte superiore a quello di coloro i cui livelli erano superiori a 50 nanogrammi per millilitro.

Il Prof. Garland afferma che per raggiungere un livello di sangue di 25 (OH) D di 30 nanogrammi per millilitro, la gente dovrebbe assumere giornalmente da 3.000 a 5.000 unità internazionali di vitamina D. L’esposizione al sole di circa 10-15 minuti al giorno intorno a mezzogiorno potrebbe ridurre questa quantità.

Lui e i suoi colleghi fanno notare che ci sono “preoccupazioni ancora irrisolte” sul fatto che 25 nanogrammi per millilitro dovrebbero essere il livello di sangue “desiderabile” di vitamina D. Tuttavia, “tentativamente suggeriscono” che non dovrebbe essere inferiore a 40 nanogrammi per millilitro.

Vitamina D e meccanismi del diabete

Speculando sui meccanismi che potrebbero spiegare perché livelli più alti di vitamina D potrebbero ridurre il rischio di diabete di tipo 2, gli autori citano una serie di studi.

Uno studio, condotto su topi, ha rivelato che la mancanza del recettore della vitamina D era legata a più alti tassi di diabete. Un recettore è una proteina cellulare che riceve segnali chimici specifici nell’ambiente cellulare.

Altri studi hanno scoperto che le cellule produttrici di insulina nel pancreas hanno recettori di vitamina D e che i sottoprodotti della vitamina D nel corpo “stimolano il pancreas a produrre insulina”.

Citano anche altri studi sugli animali che hanno dimostrato che “i metaboliti attivi della vitamina D” possono proteggere le cellule produttrici di insulina nel pancreas dal ricevere certi segnali che scatenano l’infiammazione e la morte cellulare.

Nelle loro osservazioni conclusive, i ricercatori sottolineano che il loro studio ha una serie di limitazioni.

Una cosa ovvia è che il gruppo che hanno studiato non era rappresentativo della popolazione degli Stati Uniti: consisteva di “caucasici relativamente sani di classe medio-alta borghese”, tutti con “buon accesso all’assistenza sanitaria” e vissuti in luoghi che aveva “tempo soleggiato durante tutto l’anno”.

Un altro limite dello studio è che alcuni dei più alti livelli di vitamina D possono essere dovuti a differenze nelle tecniche di laboratorio.

“Sono necessarie ulteriori ricerche sull’eventualità che alti livelli di 25-idrossivitamina D possano prevenire il diabete di tipo 2 o il passaggio dal prediabete al diabete”.

Prof. Cedric F. Garland

Like this post? Please share to your friends: