Gentili utenti! Tutti i materiali presenti sul sito consistono in traduzioni da altre lingue. Ci scusiamo per la qualità dei testi, ma confidiamo che possano essere di vostro gradimento. Cordialmente, l'Amministrazione del sito. La nostra e-mail: admin@itmedbook.com

Come possiamo superare la solitudine?

La solitudine è un’esperienza umana universale che può influire negativamente su di noi come qualsiasi disturbo fisico. All’inizio del nuovo anno, il sordo trambusto delle vacanze a volte può lasciare un senso di vuoto e isolamento. Quindi, come possiamo superarlo?

un uomo che sembra triste

Come dice la scrittrice americana Fanny Howe, la solitudine è “un compagno non invitato e non creato” che “scivola accanto a te” senza preavviso.

Gli psicologi definiscono la solitudine in molti modi e spesso la dividono in categorie a seconda della sua durata.

In sostanza, tuttavia, la maggior parte degli specialisti concorda sul fatto che la solitudine, anche se è un’esperienza umana condivisa, è un’emozione indesiderata e dolorosa che può influenzare sia la nostra salute fisica che mentale. Studi recenti hanno rilevato che la solitudine può influire sul funzionamento del nostro sistema immunitario, danneggiare la qualità del sonno e metterci a rischio di malattie cardiache.

Uno studio dello scorso anno ha sostenuto che la solitudine “aumenta significativamente il rischio di mortalità prematura”, più di altri fattori di salute.

Un sondaggio rivolto agli adulti di 45 anni e più negli Stati Uniti ha rilevato che circa un terzo degli intervistati identificati come “soli”. Rapporti incentrati su bambini e giovani adulti hanno anche indicato che una percentuale significativa di intervistati di età compresa tra 17 e 25 anni ha sperimentato la solitudine.

Infine, uno studio che ha attirato l’attenzione dei media ha affermato che 35 è l’età in cui gli uomini si sentono i più soli. In breve, sembra che nessun gruppo di età sia sicuro di affrontare questa emozione dannosa.

Dall’inizio di gennaio è apparentemente il momento più micidiale dell’anno, con il leggendario Blue Monday – presumibilmente il giorno più deprimente dell’anno, il terzo lunedì di gennaio – proprio dietro l’angolo, guardiamo ai modi per superare il senso di solitudine ciò potrebbe influire su alcuni di noi in seguito alle vacanze invernali.

Anche se la solitudine non colpisce quando le feste di fine anno arrivano alla fine, gli strumenti e le idee delineati di seguito ti lasceranno meglio equipaggiato per respingere questo compagno indesiderato, ogni volta che potrebbe provare a prenderti per mano o cuore.

Riconoscere e reagire

John Cacioppo, Tiffany e Margaret Blake Distinguished Service Professor presso l’Università di Chicago, Illinois, si è specializzato nella solitudine, perché possiamo sperimentarla, come può influenzarci e cosa possiamo fare per farcela.

Nel TED talk che potete osservare qui sotto, il prof. Cacioppo sostiene che la nostra società è cresciuta nel valorizzare sempre di più l’individualismo e l’autosufficienza, il che spesso spinge gli individui a isolarsi e rifiutano di riconoscere la solitudine quando la sperimentano.

“Non si sente la gente parlare di sentirsi soli”, spiega il prof. Cacioppo nel discorso, “e questo perché la solitudine è stigmatizzata, l’equivalente psicologico di essere un perdente nella vita o una persona debole, e questo è veramente sfortunato, perché significa che è più probabile negare di sentirsi soli, il che non ha più senso che negare di provare fame, sete o dolore. “

La negazione, sostiene il prof. Cacioppo, non fa altro che esacerbare i sentimenti di solitudine e può portare a strategie controproducenti, come cercare ulteriore isolamento. Quindi, il primo passo verso la lotta all’impatto negativo di questo stato emotivo è riconoscere che ciò che proviamo è la solitudine.

“Secondo”, continua, “capisci cosa [la solitudine] fa al tuo cervello, al tuo corpo, al tuo comportamento”.

“È pericoloso, come membro di una specie sociale, sentirsi isolati, e il nostro cervello scatta in modalità di autoconservazione, che porta con sé effetti indesiderati e sconosciuti sui nostri pensieri e le nostre azioni verso gli altri”.

Prof. John Cacioppo

Una volta che riconosciamo i nostri sentimenti e comprendiamo che possono influenzare seriamente la nostra salute mentale e fisica, così come il nostro comportamento, il Prof. Cacioppo ci consiglia di rispondere al nostro senso di solitudine formando e rafforzando le connessioni.

“Si possono promuovere connessioni intime sviluppando [il rapporto con] un individuo di cui si ha fiducia, in cui si può confidare e che può confidarsi con te”, spiega. “Puoi promuovere la connessione relazionale semplicemente condividendo bei momenti con amici e familiari” senza distrazioni.

Infine, “la connessione [C] ollettiva può essere promossa diventando parte di qualcosa di più grande di te stesso”, quindi perché non “considerare il volontariato per qualcosa che ti piace”?

Licenzia i social media

I social media possono essere la prima soluzione che viene in mente quando siamo soli; sembra essere una soluzione rapida e semplice. Tuttavia, molti studi hanno dimostrato che le nostre reti online, sebbene possano offrire un’illusione di connettività, in realtà ci rendono ancora più solitari e più segregati.

donna che controlla il telefono cellulare

Uno studio pubblicato lo scorso anno ha rilevato che gli utenti dei social media si sentono più isolati rispetto ai colleghi che dedicano poco tempo alle reti online.

Nel libro, la psicologa sociale Sherry Turkle sostiene anche che l’iperconnettività attraverso i social media ci rende più estranei gli uni dagli altri nelle nostre vite offline.

“Ci aspettiamo di più dalla tecnologia e meno gli uni dagli altri, e mi chiedo, ‘perché le cose arrivano a questo?’, E credo che sia perché la tecnologia ci attrae di più dove siamo più vulnerabili, e siamo vulnerabili, noi Siamo soli ma abbiamo paura dell’intimità “, spiega Turkle.

Per formare una vera rete di supporto che ci aiuti a tenere a bada la solitudine, dobbiamo guardare al di fuori dei nostri computer e dispositivi palmari e rafforzare invece i nostri legami con la famiglia, gli amici e la comunità.

Lo psicologo Guy Winch ci consiglia di affrontare le nostre paure e incertezze e fare il primo passo per connetterci o ricollegarci con gli altri.Quando raggiungiamo gli altri, suggerisce che inviamo messaggi positivi piuttosto che negativi, oltre a stabilire calendari chiari per l’evento sociale.

Ad esempio, inviando qualcosa come “Mi manchi, perché non ci prendiamo il caffè domenica prossima?” è più probabile che sia efficace di “Ehi, non so nemmeno se siamo più amici”.

Un altro motivo per cui il contatto faccia a faccia è preferibile al contatto online è semplicemente perché gli esseri umani hanno bisogno di un contatto fisico per sentirsi confortati e connessi, secondo Helena Backlund Wasling, della State University of New York Upstate Medical University di Sycaruse.

Ovviamente, non dovresti andare casualmente a toccare estranei per strada, ma tenere la mano di un genitore o di un bambino, o abbracciare un amico, potrebbe fare miracoli per la nostra salute mentale; il tatto è anche uno strumento di comunicazione, che invia messaggi sui nostri stati emotivi.

Un animale domestico può aiutare

Quando il contatto umano non è disponibile, può essere utile godere della presenza di un amico peloso, alcuni studi suggeriscono.

Uno studio condotto lo scorso anno ha scoperto che possedere un cane può aiutare a ridurre il rischio di morte prematura, soprattutto tra le persone che vivono da sole, che è il gruppo più a rischio di sperimentare la solitudine debilitante.

Ricerche precedenti hanno anche scoperto che i proprietari di animali domestici possono avere migliori abilità sociali e di comunicazione e impegnarsi maggiormente nelle attività della comunità.

Gli animali possono essere grandi antipasti di conversazione e prendersi cura di un animale domestico – portandolo a spasso o dal veterinario – può scoraggiare il sedentarismo e offrire l’opportunità di incontrare nuove persone.

Se un animale più grande, come un cane o un gatto, sembra essere troppo fastidioso o troppo costoso, perché non prendere in considerazione una minuscola alternativa, per lo più senza tante complicazioni, come pesci, lumache o insetti?

Uno studio del 2016 ha rivelato che gli adulti più anziani ai quali venivano offerti i cricket per prendersi cura degli animali domestici erano meno depressi e avevano migliorato il funzionamento cognitivo entro 8 settimane dall’inizio dell’esperimento.

Oppure, puoi fare volontariato in un rifugio per animali, o offrirti di badare agli animali domestici di amici e conoscenti quando sono in vacanza, per godere degli stessi benefici e migliorare i tuoi rapporti sociali.

Riscrivi la storia

Se non puoi scappare da solo e questo ti fa sentire solo, prova a trasformare quella solitudine in solitudine e usala a tuo vantaggio. Quando sei bloccato da solo, perché non trasformarlo in un’opportunità per un certo “tempo”, così puoi conoscerti meglio, destare e sviluppare nuove o vecchie competenze?

uomo che legge un libro su una panchina

Uno studio, co-autore dello psicologo clinico Ami Rokach, sostiene che “l’accettazione e la riflessione” sono un modo per trasformare l’impatto negativo della solitudine in un atteggiamento più positivo.

Gli autori definiscono questo approccio come “usare l’opportunità di essere da soli e prendere coscienza delle proprie paure, desideri e bisogni come il mezzo più saliente per affrontare la solitudine”.

Rokach e il suo coautore spiegano che, quando impariamo ad accogliere la solitudine e ad usarla a nostro vantaggio, possiamo evitare la solitudine e i suoi effetti negativi.

“I risultati del presente studio suggeriscono che la solitudine (cioè, la solitudine accettata in contrapposizione alla solitudine) può aiutare a far fronte in modo efficace al dolore della solitudine in quella solitudine che ferma i tentativi di negare la solitudine, promuovendo così la sua accettazione come esistenziale e, a volte , condizione umana inevitabile. “

Inoltre, i ricercatori dell’Università di Tel Aviv in Israele suggeriscono inoltre che la meditazione di consapevolezza può essere utile in questo contesto, poiché “potrebbe ridurre la sensazione soggettiva di solitudine riducendo le funzioni cognitive disadattive”.

Quindi, se sei da solo e scioperi della solitudine, potrebbe essere una buona idea prepararti una tazza di tè, mettere su una rilassante musica da meditazione e goderti l’opportunità di fare amicizia con te stesso prima di tutto.

“Inizia a pensare alla solitudine come a una cosa buona, falla spazio”, incoraggia Turkle nel suo discorso TED, suggerendo che imparare a stare bene solo con noi stessi potrebbe aiutarci a superare la solitudine e migliorare le nostre relazioni con gli altri.

Like this post? Please share to your friends: