Gentili utenti! Tutti i materiali presenti sul sito consistono in traduzioni da altre lingue. Ci scusiamo per la qualità dei testi, ma confidiamo che possano essere di vostro gradimento. Cordialmente, l'Amministrazione del sito. La nostra e-mail: admin@itmedbook.com

Come può il CBD aiutare con la fibromialgia?

Il cannabidiolo (CBD) è uno degli oltre 100 composti chimici derivati ​​dalla cannabis, una pianta nota anche come marijuana. Un piccolo gruppo di ricerche suggerisce che il cannabidiolo può aiutare le persone con fibromialgia.

Una revisione dal 2013 afferma che il cannabidiolo (CBD) può contribuire ad alleviare il dolore causato dalla fibromialgia e altre condizioni, tra cui l’artrite reumatoide e la sclerosi multipla.

Tuttavia, l’American Food and Drug Administration (FDA) non ha approvato l’uso medicinale della CBD. La ricerca è in corso e lo stato legale di questo e di altri cannabinoidi varia. Una persona dovrebbe verificare le proprie leggi locali prima di tentare di ottenere il CBD.

Ciononostante, il CBD rimane una scelta popolare. In questo articolo, esploriamo perché il CBD potrebbe essere in grado di alleviare il dolore della fibromialgia. Esaminiamo anche il suo uso più efficace e potenziali effetti collaterali.

Il CBD è lo stesso della marijuana?

Cbd per fibromialgia

In breve, il CBD non è lo stesso della marijuana. Il CBD è una delle molte sostanze chimiche presenti in alcuni ceppi della pianta di marijuana.

Tuttavia, il CBD è responsabile di molti benefici per la salute della marijuana medica. Forme più concentrate di CBD, come l’olio di cannabidiolo, potrebbero offrire maggiori benefici con meno rischi rispetto all’uso di marijuana medica.

Il composto di marijuana che ottiene alti gli utenti è chiamato tetraidrocannabinolo (THC). Nessuna evidenza suggerisce che il CBD possa far innalzare una persona. Questo potrebbe renderlo una buona opzione per le persone che:

  • voglio astenermi dall’uso di marijuana
  • ha una storia di cattive reazioni alla marijuana
  • sono a disagio usando sostanze che alterano la mente

Negli ultimi anni c’è stato un aumento di interesse nella somministrazione di CBD a bambini con epilessia, perché è efficace nel ridurre le convulsioni.

Come funziona il CBD per la fibromialgia?

Solo pochi studi hanno esaminato l’efficacia del CBD nel trattamento della fibromialgia. I ricercatori non possono dire in modo decisivo perché il composto sembra ridurre alcuni sintomi della fibromialgia. Inoltre non capiscono perché funzioni in alcune persone e non in altre.

Gli effetti antidolorifici del CBD possono essere spiegati dal modo in cui questa sostanza agisce sul cervello. Può interrompere i percorsi nervosi che inviano segnali di dolore tra il cervello e il corpo.

C’è anche un dibattito sul fatto che il CBD sia più efficace se usato da solo o come marijuana medica. Una combinazione di altre sostanze chimiche nella pianta può intensificare gli effetti positivi della CBD e fornire ulteriori benefici. Uno studio del 2006 ha stabilito che il CBD ha funzionato al meglio in combinazione con il THC, ma poche ricerche sono state seguite.

Uno studio 2016 ha suggerito che la mancanza degli endocannabinoidi – neurotrasmettitori che si legano ai recettori dei cannabinoidi – può essere alla base di sindromi da dolore cronico, tra cui l’emicrania e la fibromialgia. L’assunzione di CBD può correggere questa carenza, spiegando il successo del composto nell’alleviare il dolore cronico.

Sono necessarie ulteriori ricerche per comprendere questo processo.

Il CBD è efficace?

Cbd per fibromialgia può aiutare il dolore

Dati aneddotici suggeriscono che l’assunzione di olio di CBD può alleviare i sintomi della fibromialgia in alcune persone. Può cambiare il modo in cui processano il dolore, con effetti benefici.

La ricerca di qualità viene ora condotta su questo metodo di trattamento. In passato, la ricerca si concentrava sulla marijuana medica piuttosto che sul CBD in particolare. Nuovi studi stanno trovando benefici legati a questo composto.

CBD è stato trovato per ridurre efficacemente il dolore, migliorare il sonno, e diminuire il dolore refrattario in pazienti con fibromialgia, emicrania, sindrome del colon irritabile, e condizioni simili che coinvolgono il dolore cronico.

È probabile che gli utilizzatori di marijuana medica consumino un po ‘di CBD, ma le quantità esatte non sono note.

Perché le prove sono state difficili?

Molti studi sul CBD:

  • sono molto piccoli
  • produrre risultati contrastanti
  • non coinvolgere i placebo
  • chiedi ai partecipanti i loro sintomi, senza usare misure oggettive

Lo status legale di marijuana e CBD rende la ricerca difficile.

Altre sfide che i ricercatori devono affrontare includono:

  • trovare CBD di alta qualità
  • trovare marijuana medica di alta qualità
  • controllare il dosaggio
  • potenza di controllo

Di conseguenza, i dati sono misti e inconcludenti. Tuttavia, un piccolo gruppo di studi suggerisce che il CBD è efficace per la fibromialgia.

Cosa dicono gli studi

Una revisione del 2015 ha analizzato la ricerca sull’uso di cannabinoidi per il dolore cronico, sebbene non specificamente il dolore legato alla fibromialgia. Sette degli 11 studi inclusi nella revisione hanno dimostrato che il CBD alleviava il dolore.

Un’altra revisione del 2015 ha esaminato i risultati di 28 studi randomizzati e clinicamente controllati di marijuana medica come trattamento per il dolore. Molti degli studi si sono concentrati sul dolore legato alla sclerosi multipla. La revisione ha rilevato che prove di alta qualità supportano l’uso della marijuana medica per il trattamento del dolore cronico.

Uno studio del 2017 ha concluso che il CBD potrebbe contrastare l’ipersensibilità delle cellule che circondano i nervi nelle persone con dolore cronico, comprese quelle con fibromialgia. Tuttavia, sottolinea anche la necessità di ulteriori ricerche.

La cannabis sintetica funziona?

Una revisione Cochrane del 2016 ha valutato gli effetti di una forma sintetica di cannabis, chiamata Nabilone, sulla fibromialgia. I ricercatori hanno scoperto che è stato scarsamente tollerato e non ha avuto benefici significativi, rispetto a un placebo.

Come usare l’olio di CBD

Una varietà di siti web offre istruzioni per l’uso dell’olio di CBD, ma non c’è quasi nessuna conoscenza approfondita dell’uso o del dosaggio.

Chiunque sia interessato alla CBD dovrebbe discuterne con un medico esperto di marijuana medica, CBD e fibromialgia.

Come con qualsiasi farmaco, è consigliabile iniziare con un basso dosaggio e osservare attentamente la reazione del corpo.

Effetti collaterali

Il trattamento con CBD per la fibromialgia è ancora illegale in alcuni stati

Ci sono poche prove che il CBD o la cannabis causino effetti collaterali.

Tuttavia, quelli più comunemente associati alla marijuana medica e al CBD includono:

  • vertigini
  • nausea
  • bocca asciutta
  • sonnolenza

Questi sono gli effetti collaterali tipici della maggior parte dei farmaci.

Legalità del trattamento

Il maggior rischio associato all’olio di CBD riguarda la sua legalità.

Diversi stati negli Stati Uniti hanno legalizzato l’uso del CBD e della marijuana medica. Tuttavia, la Drug Enforcement Agency (DEA) del paese ha recentemente chiarito che la CBD rimane illegale a livello federale. Ciò potrebbe mettere in pericolo gli utenti, in particolare se possiedono o assumono il CBD in uno stato in cui la marijuana medica non è legale.

La CBD può essere difficile da accedere legalmente e la potenza può variare. È importante trovare una fonte di qualità, idealmente attraverso un dispensario o un operatore sanitario.

Outlook e da asporto

La fibromialgia è una malattia cronica e il CBD non lo cura. I sintomi possono variare nel tempo, indipendentemente dal fatto che una persona venga trattata o meno. Tuttavia, molti con la condizione scoprono che sperimentare combinazioni di rimedi può aiutare a gestire o eliminare i sintomi.

Nella maggior parte dei casi, il CBD funziona meglio se combinato con farmaci e rimedi di stile di vita.

Se una persona vive in un’area in cui la marijuana medica e il CBD sono legali, potrebbe voler consultare un operatore sanitario esperto. Potrebbe essere necessario sperimentare varie strategie di trattamento nel tempo.

Like this post? Please share to your friends: