Gentili utenti! Tutti i materiali presenti sul sito consistono in traduzioni da altre lingue. Ci scusiamo per la qualità dei testi, ma confidiamo che possano essere di vostro gradimento. Cordialmente, l'Amministrazione del sito. La nostra e-mail: admin@itmedbook.com

Come puoi affrontare la paura di volare?

Oggi, volare è la modalità di trasporto più veloce e più facile tra i paesi. Ma molti di noi sono terrorizzati dal solo pensiero di salire su un aereo. Perché è così, e come affrontiamo questa ansia?

aereo in volo

Per la maggior parte di noi, il trasporto aereo è diventato una necessità; viaggiamo tra paesi per studiare, lavorare, andare in vacanza e incontrare nuove persone.

La Federal Aviation Administration riferisce che la sua unità di organizzazione del traffico aereo gestisce più di 42.000 voli e 2,5 milioni di passeggeri ogni giorno.

Anche se da qualche parte circa 10.000 aerei sono in volo e trasportano in sicurezza i loro passeggeri verso destinazioni in tutto il mondo proprio adesso, molti di noi – incluso me stesso – si sentono male solo pensando di salire su un aereo.

Questa paura può variare dall’avere il nervosismo quando si sale su un attacco di panico in piena regola che ti mette fuori dalla prenotazione di qualsiasi volo, anche se questo significa che stai perdendo molte opportunità per progredire nella tua carriera o avere il tempo della tua vita su una spiaggia assolata.

Ma l’ansia non dovrebbe mai ostacolare il modo di sfruttare al massimo la nostra vita. Io, per esempio, non posso permettermi di cedere a questa particolare paura. Per anni ho studiato all’estero, a 3.000 miglia di distanza dalla mia famiglia, e ora anche il mio lavoro è all’estero. Per finire, la famiglia del mio partner vive in un altro paese, e adoro viaggiare ogni volta che ne ho l’opportunità.

Con questo in mente, ecco alcuni modi per far fronte alla tua paura di volare prima e durante un volo che ho trovato utile. Tuttavia, è necessario tenere presente che siamo tutti diversi, quindi è necessario sperimentare un po ‘e trovare il cocktail di strategia che funziona meglio per voi.

Cerca di capire

La paura del volo, o aviofobia, è caratterizzata da una evasione spesso estrema di aerei, o qualsiasi cosa associata al volo, compresi gli aeroporti. Qualcuno con grave aviofobia potrebbe “organizzare [la loro] vita in giro evitando di volare”, come afferma la psicologa Patricia Furness-Smith.

Quando effettivamente si sale su un aereo, i volantini impauriti avranno probabilmente paura di una o più di una serie di cose, dai rumori e dalle sensazioni associate al decollo o all’atterraggio, alla sensazione nauseata che spesso deriva da una turbolenza improvvisa o prolungata.

È importante imparare cosa scatena la tua particolare ansia legata al volo – per me, è tipicamente turbolenza – in modo che tu possa prendere provvedimenti per anticiparlo.

Una buona conoscenza degli aeroplani, come funzionano, quali sono i suoni che senti durante il volo, perché proviamo sensazioni fisiologiche come le orecchie bloccate e come l’equipaggio è addestrato per il loro lavoro aiuta davvero a radicare la consapevolezza che sei in buone mani, su una modalità di trasporto sicura.

Scopri la tua paura e il tuo volo

Se puoi permetterti di prendere in considerazione la possibilità di prenotare un posto in un corso che affronti la paura di volare. Altrimenti, ci sono un sacco di risorse gratuite sia online che offline che puoi usare per informarti sul volo. I video possono essere un buon punto di partenza. Un esempio include un capitano di compagnia aerea commerciale che spiega cosa succede durante il decollo e l’atterraggio e come la turbolenza sia scomoda ma sicura.

Invece di indulgere in fantasie spaventose e irrealistiche, impara cosa sta realmente accadendo quando viene attivato il segnale delle cinture di sicurezza.

Inoltre, considera quali altre fonti di ansia potrebbero essere collegate alla tua aviofobia.

Spesso, la paura di volare ha cause sottostanti, come la paura di spazi chiusi (claustrofobia), la paura della folla (agorafobia), la paura dell’altezza (acrofobia) o l’ansia di non avere il controllo.

È importante trattare queste ansie di base, ma solo sapere che sono lì ti equipaggia anche per affrontarle meglio su un aereo.

Per esempio, se possibile, mi piace prendere il posto sul corridoio, il che mi fa sentire meno sobrio e mi dà più libertà di movimento. Sono anche a disagio con le altezze, quindi evito di guardare fuori dalla finestra.

Concentrati sul controllo di ciò che puoi

Cerca di controllare le cose a portata di mano eliminando quanto più possibile le fonti di stress correlate, dal momento che non devi preoccuparti di perdere il tuo volo ed essere ansioso di trovarti sullo stesso volo.

ragazzino con aeroplanino giocattolo

Preparati in anticipo il più accuratamente possibile. Assicurati di avere tutto il tempo per raggiungere l’aeroporto e imballare i bagagli in modo appropriato, in modo da non dover affrontare il reimballaggio di due valigie grandi all’ultimo momento.

Indossare abiti comodi per ridurre al minimo il senso di disagio corporeo, portare con sé qualsiasi farmaco di cui si possa aver bisogno e assicurarsi di rimanere idratati mentre si è in aereo.

Oltre a soddisfare i tuoi bisogni primari quando si tratta di benessere fisico, dovresti anche prevenire la tua ansia in modo da evitare di aggiungere al tuo generale senso di disagio. Mi piace pensare alla mia paura del volo come un bambino indisciplinato che deve essere costantemente placato in condizioni non familiari e scomode.

Furness-Smith ha un approccio simile alle cose. Paragona l’aviofobia a “un imp”, una piccola creatura cattiva a cui piace creare angoscia e che deve essere tenuta sotto controllo.

“Immagina la tua fobia come un piccolo folletto malizioso. L’unico scopo di queste piccole creature del folklore tedesco era quello di infastidire e molestare gli umani ingannandoli. […] Un folletto non è davvero un nemico pericoloso, più come un bambino irritante che ha bisogno di essere disciplinato e controllato “.

Patricia Furness-Smith

La ricerca ha dimostrato che l’ipossia ad alta quota, che è una leggera diminuzione dell’approvvigionamento di ossigeno, potrebbe naturalmente aumentare il senso di ansia, quindi mentre non sei in alcun pericolo, potresti provare disagio come se fossi sotto minaccia.

Uno studio suggerisce che alcuni aviatori timorosi potrebbero scambiare questo effetto fisiologico con l’aviofobia, poiché i loro cervelli cercano di dare un senso alla sensazione di ansia attribuendole la causa più immediatamente disponibile: volare.

In un modo o nell’altro, quindi, l’ansia è fuorviante, quindi non devi permetterle di prendere il sopravvento e farti prendere da un attacco di panico. Questo, tuttavia, non significa respingere la tua ansia e provare a fingere che non esista.

Abbraccia la tua paura

So che questo potrebbe sembrare esattamente il contrario di ciò che dovresti fare, ma credimi su questo: quando la paura inizia a montare, piuttosto che spingerla via, inizia accettandola. Ho capito che più cerco di fingere che non ci sia, peggiore è il terrore.

Quello che alla fine succede è che ho paura di avere paura, aumentando l’ansia in un circolo vizioso. La paura iniziale è spesso molto meno severa e più facile da calmare rispetto alla fossa del terrore in cui la negazione può lanciarmi.

Jonathan Bricker, Ph.D. – uno psicologo dell’Università di Washington a Seattle – spiega che l’ansia tende a peggiorare più si tenta di spingerlo via.

“Più non vuoi sentirti preoccupato”, ha detto, “più quella sensazione tornerà”. Suggerisce un esercizio di visualizzazione in cui “impacchetta mentalmente [l’angoscia] in un immaginario bagaglio a mano, che puoi immagazzinare sopra e sotto di te – l’idea è che” l’ansia è con me, ma la porto con me e continuo a viaggiare ovunque io voglia. ‘”

Uno studio recente riporta anche che le persone che accettano le loro emozioni negative hanno meno probabilità di sviluppare disturbi dell’umore come ansia e depressione.

Respira

Quando senti che l’ansia inizia a prendere piede e l’hai riconosciuta, dovresti immediatamente prendere provvedimenti per evitare che si intensifichi. In primo luogo, puoi agire direttamente sui sintomi fisiologici, come il battito cardiaco e la respirazione superficiale, che possono anche farti sentire male e svenire.

donna che si distende sull'aereo

Agire sui segni fisici può anche indurre la tua mente a sentirsi più a suo agio. Un modo per farlo è imparare alcuni esercizi di respirazione consapevole, come quelli delineati sul Greater Good Science Center dell’Università della California, Berkeley.

Consigliano di attirare la vostra attenzione cosciente sul vostro corpo e su come ci si sente, quindi concentrarsi sulla respirazione normalmente. Mentre la tua mente cerca di allontanarsi in scenari paurosi, riporta la tua attenzione al tuo respiro finché non diventi più calmo.

Un’altra tecnica che può aiutarti è la respirazione della scatola, in cui prendi e trattieni respiri profondi per consentire al polso di rallentare e alleviare il senso di agitazione. Questa tecnica richiede di inspirare lentamente attraverso il naso fino al conteggio di quattro, trattenere il respiro per altri 4 secondi, quindi espirare lentamente fino al conteggio di quattro.

Ricorda perché lo stai facendo

Qualcos’altro che ti può aiutare con la tua paura di volare è semplicemente riacquistare un senso di eccitazione e di scopo. In un precedente articolo, ho citato uno studio della Harvard Business School di Boston, Massachusetts, che suggeriva di superare l’ansia attraverso la rivalutazione.

Questo studio spiega che ci sono meno gradi di separazione tra ansia ed eccitazione che tra ansia e calma, quindi è molto più facile indurre la tua mente a pensare che il tuo cuore da corsa sia causato dal tuo entusiasmo al pensiero di arrivare a destinazione.

Inoltre, ricordando a te stesso il motivo per cui sei su un aereo, in primo luogo, può aiutare ad aumentare quel senso di eccitazione e la motivazione per farlo.

Se stai andando a casa per le vacanze, pensa alla gioia e alla pace che porterà l’essere con i tuoi cari. Se ti stai prendendo una pausa dal lavoro o dalla scuola, immagina tutto il divertimento che avrai a destinazione.

“Concentrarsi sullo scopo più alto del tuo viaggio mette la paura in prospettiva”, ha detto Bricker. Se riesci ad aggrapparti al risultato felice e capisci che solo poche ore di disagio ti separano da esso, ciò può aiutare a ridurre al minimo le proporzioni spaventose che il volo ha assunto nella tua mente.

Continua così!

Soprattutto, una volta che hai fatto i passi per affrontare la tua paura, prenota quel volo e saliscilo, non devi fermarti a quel primo risultato. Ripeti, ripeti, ripeti; con ogni nuovo volo, stai normalizzando l’evento e impedendo all’ansia di controllare le tue scelte di vita.

uomo che aspetta in aeroporto

L’Associazione di Ansia e Depressione americana afferma che la desensibilizzazione è un passo cruciale per superare qualsiasi paura persistente, quindi sottolineano che è necessario “valutare ogni volo”, poiché consente di far volare un evento di routine che non garantisce di provare ansia .

L’esposizione è anche un ingrediente principale della terapia cognitivo comportamentale – la terapia di scelta per la maggior parte delle fobie, compresa l’aviofobia.

Quindi, anche se ti senti ancora un po ‘scosso dalla tua più recente esperienza a bordo di un aereo, cerca di non lasciarti scoraggiare dal pianificare il tuo prossimo volo.

Infine, ricorda che superare la paura – ogni paura – è un processo lungo e laborioso, e che avrai dei bei momenti e dei brutti momenti. Goditi il ​​bene e non lasciare che il male ti riporti al punto di partenza.

Like this post? Please share to your friends: