Gentili utenti! Tutti i materiali presenti sul sito consistono in traduzioni da altre lingue. Ci scusiamo per la qualità dei testi, ma confidiamo che possano essere di vostro gradimento. Cordialmente, l'Amministrazione del sito. La nostra e-mail: admin@itmedbook.com

Come reagisce il cervello di una madre al suo bambino che piange?

Una nuova ricerca esamina ciò che accade nel cervello delle madri quando sentono piangere il loro bambino. I risultati possono aiutare a identificare un comportamento inadeguato di cura.

madre e bambino

Un team guidato da ricercatori dell’Eunice Kennedy Shriver National Institute of Child Health e Sviluppo Umano (NICHD) si è proposto di esplorare i modelli cerebrali coinvolti nelle risposte materne al suono dei bambini che piangono.

Marc Bornstein, Ph.D. – capo della sezione di NICHD sulla ricerca sui bambini e sulla famiglia – ha condotto la ricerca, ei risultati sono stati pubblicati sulla rivista

Secondo il nuovo studio, ascoltare il pianto di un bambino attiva aree cerebrali associate al movimento e alla parola, e certi schemi cerebrali e comportamentali sono universali in molte culture.

Comportamento coerente con l’attività cerebrale

Per esaminare la risposta materna, i ricercatori hanno analizzato il comportamento di 684 madri in 11 paesi – “Argentina, Belgio, Brasile, Camerun, Francia, Israele, Italia, Giappone, Kenya, Corea del Sud e Stati Uniti” – rappresentando un ampio varietà culturale.

Nella prima parte dello studio, hanno registrato e analizzato come madri e bambini hanno interagito per 1 ora. Durante questo periodo, il team ha cercato segni di affetto, distrazione, educazione e conversazione.

Esempi di comportamento alimentare comprendono l’alimentazione del bambino e il cambio del pannolino. Inoltre, il team ha esaminato con quale frequenza le madri raccoglievano i bambini e li tenevano.

Parlando dei risultati, il Dr. Bornstein ha detto:

“Di [cinque] risposte positive comuni, due sono state regolarmente impegnate in modo […] rapido e preferenziale: raccogliere, trattenere e parlare.”

Il dott. Borstein ha spiegato che, tipicamente, le madri hanno raccolto, trattenuto e parlato con i loro bambini entro 5 secondi dal sentirli piangere.

Le madri si sono anche impegnate in diversi altri comportamenti “a volte”, ha detto il ricercatore, ma era evidente che queste due azioni erano “preferite, rapide e robuste”.

Inoltre, i risultati potrebbero essere generalizzati cross-culturalmente. Con questa conoscenza, il Dr. Bornstein ha detto: “Abbiamo ipotizzato che alcuni meccanismi neurali potrebbero essere [su] giocare”.

Quindi, “Nella seconda […] parte dello studio, abbiamo chiesto a [43] madri di [tre] diverse culture […] di [mentire] nello scanner della risonanza magnetica e di ascoltare le grida infantili – il loro stesso bambino piangere o grida standard – rispetto ad altri suoni e rumori “, ha continuato.

Gli studi “hanno rivelato una maggiore attività in territori concordanti del cervello legati all’intenzione di muoversi e parlare, di elaborare la stimolazione uditiva e di caregive”.

Queste regioni del cervello erano “l’area motoria supplementare, le regioni frontali inferiori, le regioni temporali superiori, il mesencefalo e lo striato”.

Punti di forza e limiti dello studio

Parlando dei risultati, il Dr. Bornstein ha dichiarato: “Siamo rimasti sorpresi […] dalla relativa coerenza degli schemi di risposta comportamentale delle madri […] in tutto il mondo.”

Ha sottolineato ulteriori punti di forza della ricerca, dicendo: “Abbiamo anche studiato il cervello di quasi 100 madri (e non madri) in tre [paesi] nello scanner MRI e abbiamo anche trovato modelli coerenti di risposte cerebrali”.

Tuttavia, il Dr. Bornstein ha anche evidenziato alcune limitazioni al suo studio: “Per la parte comportamentale abbiamo studiato i partecipanti [da] 11 culture”, ha detto, “ma questi partecipanti non erano rappresentativi delle loro intere nazioni, ovviamente, e per il cervello parte abbiamo studiato partecipanti in [tre] culture, e lo stesso vale per tutto “.

“Inoltre,” continuò, “non abbiamo misurato il cervello delle stesse madri per le quali abbiamo registrato comportamenti (o viceversa), e quindi stiamo assumendo che […] queste associazioni di comportamento del cervello tengano.”

“Infine,” concluse il Dr. Bornstein, “questo non era un esperimento, ma il coordinamento di [due] serie di osservazioni: sul comportamento e sul cervello”.

In futuro, gli scienziati hanno in programma di continuare ad analizzare “un’abbondanza di dati interculturali e fMRI [risonanza magnetica funzionale]”.

Like this post? Please share to your friends: