Gentili utenti! Tutti i materiali presenti sul sito consistono in traduzioni da altre lingue. Ci scusiamo per la qualità dei testi, ma confidiamo che possano essere di vostro gradimento. Cordialmente, l'Amministrazione del sito. La nostra e-mail: admin@itmedbook.com

Come respirano i bambini nell’utero?

Lo sviluppo dei bambini ha bisogno di ossigeno all’inizio della gravidanza. Ma un bambino non riprenderà il suo primo respiro fino a dopo la nascita. Ciò significa che i bambini non respirano veramente nell’utero. Invece, il cordone ombelicale fornisce al bambino ossigeno fino al primo respiro.

Lo sviluppo del polmone inizia all’inizio della gravidanza, ma non è completo fino al terzo trimestre. Tra le 24-36 settimane di gravidanza, i polmoni iniziano a sviluppare gli alveoli – le minuscole sacche polmonari che si riempiono di ossigeno. Fino a quando queste sacche non sono completamente sviluppate, un bambino non può respirare da solo al di fuori dell’utero.

Le donne che partoriscono a volte si preoccupano di come i loro bambini possano respirare, specialmente quando il bambino viaggia lungo gli stretti confini del canale del parto. Il cordone ombelicale continua a fornire ossigeno a un bambino fino a quando non è nato.

Fatti veloci su come i bambini respirano nel grembo materno:

  • Nelle prime settimane di gravidanza, un bambino in via di sviluppo assomiglia più a una palla di cellule che a una persona. In queste prime settimane, non c’è bisogno di respirare.
  • Il cordone ombelicale è la principale fonte di ossigeno per il feto.
  • Finché il cordone ombelicale rimane intatto, non ci dovrebbero essere rischi di annegamento all’interno o all’esterno dell’utero.

Come respirano i bambini nell’utero?

bambino in utero

Diversi sistemi e processi biologici svolgono un ruolo. Loro includono:

Il cordone ombelicale

neonato

Dopo 5-6 settimane di gravidanza, il cordone ombelicale si sviluppa per fornire ossigeno direttamente al corpo del feto in via di sviluppo. Il cordone ombelicale si collega alla placenta, che è collegata all’utero. Entrambe le strutture ospitano molti vasi sanguigni e continuano a crescere e svilupparsi durante la gravidanza.

Insieme, il cordone ombelicale e la placenta forniscono i nutrienti dalla madre al bambino. Inoltre forniscono al bambino il sangue ricco di ossigeno necessario per la crescita.

Ciò significa che la madre respira per il bambino e l’ossigeno nel suo sangue viene quindi trasferito nel sangue del bambino. La madre respira anche per il bambino, dal momento che il biossido di carbonio del bambino viene trasferito attraverso la placenta al sangue della madre, il rimosso con espirazione.

Le sostanze che entrano nel bambino in via di sviluppo, come l’ossigeno, non interagiscono mai con le sostanze che escono dal bambino, come i prodotti di scarto. Viaggiano attraverso il cordone ombelicale attraverso due vene separate.

Sviluppo polmonare nell’utero

Lo sviluppo polmonare è normalmente completo dopo 35-36 settimane di gravidanza. Tuttavia, lo sviluppo varia ed è possibile calcolare male quando è stato concepito un bambino. Questo è il motivo per cui anche i bambini prematuri hanno spesso difficoltà a respirare. Gli steroidi possono aiutare a velocizzare lo sviluppo dei polmoni di un bambino. Quando una donna deve partorire presto, o quando è a rischio di parto prematuro, i medici possono raccomandare steroidi somministrati alla madre per migliorare le possibilità di sopravvivenza del bambino al di fuori dell’utero.

Anche quando i polmoni di un feto sono completamente sviluppati, è impossibile per il feto respirare fino a dopo la nascita. I bambini in via di sviluppo sono circondati dal liquido amniotico e i loro polmoni sono pieni di questo fluido. Verso la fine del terzo trimestre, i bambini in via di sviluppo iniziano a prendere respiri “di pratica”. Ma questi respiri non forniscono ossigeno e riempiono solo i polmoni con più liquido amniotico. Poiché è normale che i polmoni di un feto si riempiano di liquido, un feto non può annegare nell’utero.

Se c’è un problema con la placenta o il cordone ombelicale, non c’è altro modo per un bambino in via di sviluppo di respirare. Di conseguenza, i problemi con queste strutture possono causare malformazioni alla nascita, lesioni cerebrali o anche la morte del feto.

Respirazione durante e dopo la nascita

Alcuni bambini nascono con il cordone ombelicale avvolto intorno al collo. Questo problema relativamente comune, chiamato cordone nucale, si verifica nel 12-37 per cento delle nascite. Nella maggior parte dei casi, non provoca problemi. Questo perché il cordone ombelicale è ancora in grado di fornire ossigeno al bambino.

Tuttavia, se il cavo è avvolto molto strettamente attorno al collo del bambino, la fornitura di ossigeno nel cavo potrebbe essere limitata. Durante la nascita, l’operatore sanitario controllerà la presenza di una corda nucale e, se possibile, aprirà il cavo. Una volta che il bambino è nato, il nuovo ambiente – che include i cambiamenti di temperatura, la mancanza di liquido amniotico e l’esposizione all’ossigeno – innesca il primo respiro del bambino.

Alcuni bambini hanno il loro primo movimento intestinale durante la nascita, prima di uscire dall’utero. Questo sgabello è chiamato meconio. Durante un respiro di pratica durante o poco prima della nascita, un bambino può inalare il meconio. L’inalazione del meconio è seria e può danneggiare l’abilità di un bambino di respirare al di fuori dell’utero. Quindi i bambini che hanno inalato meconio possono aver bisogno di un trattamento con aspirazione e ossigeno dopo la nascita.

Come il parto in acqua influisce sulla respirazione

nascita d'acqua

Molti ospedali offrono la nascita di acqua, che alcune donne preferiscono alle opzioni di nascita tradizionali. Le donne che partoriscono a casa o nei centri di parto possono anche scegliere la nascita dell’acqua. La nascita di acqua può essere calmante, può aiutare con sollievo dal dolore e imita l’ambiente dell’utero. È generalmente sicuro e non influirà sulla capacità del bambino di respirare.

Questo perché il bambino continuerà a ricevere ossigeno dal cordone ombelicale finché non viene rimosso dalla vasca da parto. Un bambino lasciato troppo a lungo nella vasca da parto potrebbe annegare teoricamente. Rapporti isolati suggeriscono che è possibile che un bambino si ferisca durante il parto in acqua. Tuttavia, una revisione Cochrane del 2009 che ha esaminato 12 studi precedenti sulla nascita di acqua non ha rilevato alcun aumento del rischio di danno al bambino. Al momento della consegna il bambino viene allevato e fuori dall’acqua e fa il suo primo respiro quindi.

Privazione di ossigeno come danno alla nascita

Quando un bambino non riceve abbastanza ossigeno durante e immediatamente dopo la nascita, si chiama ipossia. L’ipossia priva il cervello e il corpo dell’ossigeno di cui hanno bisogno per funzionare correttamente.Ciò può causare una serie di lesioni alla nascita, tra cui paralisi cerebrale e morte. Le cause più comuni di ipossia includono:

  • Problemi al cavo, come un cavo danneggiato o un cavo con vasi sanguigni danneggiati.
  • Presentazione anormale Alcuni bambini nati culatta soffrono di privazione di ossigeno alla nascita.
  • Distocia di spalla, che si verifica quando le spalle si bloccano, rallentando la consegna dopo che la testa è emersa.
  • Emorragia eccessiva durante la gravidanza o il parto.

Un’assistenza prenatale di qualità e un fornitore attento di cure durante la nascita possono ridurre notevolmente il rischio di ipossia. Un bambino a rischio di ipossia può aver bisogno di cure di supporto, come ossigenoterapia o un ventilatore.

Like this post? Please share to your friends: