Gentili utenti! Tutti i materiali presenti sul sito consistono in traduzioni da altre lingue. Ci scusiamo per la qualità dei testi, ma confidiamo che possano essere di vostro gradimento. Cordialmente, l'Amministrazione del sito. La nostra e-mail: admin@itmedbook.com

Come si diffondono le cellule tumorali? Lo studio fa luce

Il cancro metastatico è responsabile della stragrande maggioranza dei decessi per cancro, ma la nostra comprensione limitata di come inizia la metastasi rende difficile trovare un modo per fermarlo. Tuttavia, un nuovo studio potrebbe fornire alcune informazioni.

una cellula cancerosa

Ricercatori dell’Università della California, San Diego (UCSD) hanno scoperto come l’ambiente circostante di un tumore possa causare la metastasi delle cellule cancerose.

In parole povere, il cancro metastatico si verifica quando le cellule tumorali si staccano da un tumore primario e si spostano in altre aree del corpo – più comunemente le ossa, il fegato e i polmoni.

Una volta che le cellule tumorali si sono metastatizzate, controllarle diventa molto più difficile. Mentre i trattamenti attuali come la chemioterapia e la radioterapia possono aiutare a rallentare la diffusione delle cellule tumorali, non sempre hanno successo.

Si stima che circa il 90% dei decessi correlati al cancro siano il risultato di un cancro metastatico, evidenziando la necessità di strategie più efficaci per combattere la malattia.

Ma, come la leader dello studio Stephanie Fraley – un professore di bioingegneria presso l’UCSD – osserva, “Siamo bravi a combattere la crescita del tumore, ma non ne sappiamo abbastanza sulle metastasi”.

La nuova ricerca, tuttavia, ha rivelato ulteriori informazioni su ciò che scatena il cancro metastatico, una scoperta che potrebbe portare a trattamenti di maggior successo.

I ricercatori hanno recentemente riportato i loro risultati sul diario.

Moduli genetici e mimetismo vascolare

Per il loro studio, Fraley e colleghi hanno costruito una matrice di collagene 3-D, che ha permesso loro di avere uno sguardo approfondito sull’attività migratoria di vari tipi di cellule tumorali umane.

“È fondamentale avere le celle circondate da un ambiente tridimensionale che riproduca ciò che accade nel corpo umano”, osserva Fraley.

I ricercatori hanno scoperto che un ambiente condensato ha causato alle cellule cancerose l’attivazione di un insieme distinto di geni, o un “modulo genetico”, che i ricercatori hanno chiamato fenotipo di rete indotto da collagene (CINP).

Il team ha scoperto che l’attivazione di questo modulo genico ha provocato un fenomeno noto come mimetismo vascolare, che è la formazione di strutture simili a vasi sanguigni.

Queste strutture promuovono la metastasi del cancro; forniscono i tumori con il sangue e aiutano a fornire alle cellule tumorali i “nutrienti” di cui hanno bisogno per sopravvivere.

“Abbiamo pensato che mettere le cellule in questo ambiente più limitato avrebbe impedito la loro diffusione”, afferma il primo autore dello studio, Daniel Ortiz Velez, del Dipartimento di Bioingegneria dell’UCSD. “Ma è successo il contrario.”

Il modulo genetico predice le metastasi del cancro

Successivamente, il team ha cercato il modulo del gene CINP su una gamma di tipi di cancro.

Hanno scoperto che erano in grado di utilizzare il CINP per predire la metastasi in nove diversi tipi di cancro, tra cui cancro al seno, cancro ai polmoni e cancro del pancreas. Erano anche in grado di utilizzare il modulo genico per predire la sopravvivenza del paziente.

I ricercatori ora pianificano di vedere se riescono a replicare le loro scoperte in più tipi di cellule tumorali e modelli animali, e sperano che la loro ricerca possa scoprire un modo per fermare l’attivazione di CINP e fermare le metastasi del cancro.

“E ‘possibile che l’analisi dell’espressione genica di ulteriori tipi di cellule cancerose indotte nel comportamento simile a quello del mimetismo vascolare dal nostro sistema di collagene 3-D possa aiutare a perfezionare ulteriormente il modulo del gene CINP conservato”, dicono.

“Ciò faciliterebbe la definizione delle priorità dei geni per studi funzionali mirati per identificare i principali regolatori e potenziali bersagli terapeutici”.

“La convalida del valore prognostico di questo modulo genico potrebbe aiutare i pazienti a evitare gli effetti collaterali a lungo termine delle radiazioni aggressive e della chemioterapia se la probabilità di metastasi è molto bassa”, concludono i ricercatori.

Like this post? Please share to your friends: