Gentili utenti! Tutti i materiali presenti sul sito consistono in traduzioni da altre lingue. Ci scusiamo per la qualità dei testi, ma confidiamo che possano essere di vostro gradimento. Cordialmente, l'Amministrazione del sito. La nostra e-mail: admin@itmedbook.com

Come si ottiene il cancro ovarico?

Il cancro ovarico si riferisce a qualsiasi crescita cancerosa che inizia nell’ovaia.

È la quinta causa più comune di decessi per cancro nelle donne e il decimo tumore più comune tra le donne negli Stati Uniti.

Tra i tumori ginecologici – quelli che colpiscono l’utero, la cervice e le ovaie – il cancro ovarico ha il più alto tasso di morti.

Nel 2017, circa 22.440 donne negli Stati Uniti dovrebbero ricevere una diagnosi di cancro ovarico e circa 14.080 moriranno di questa malattia.

Fatti veloci sul cancro ovarico

  • Circa 22.000 americani ricevono una diagnosi annuale di cancro ovarico.
  • I fattori di rischio per lo sviluppo del carcinoma ovarico comprendono la storia familiare, l’età avanzata, la storia riproduttiva e l’obesità.
  • Le opzioni di trattamento comprendono chirurgia, radioterapia e chemioterapia.
  • Se viene diagnosticato nelle fasi iniziali, c’è una probabilità del 94% di sopravvivere per almeno altri 5 anni.

Sintomi

Dolore pelvico

La maggior parte dei cancri ovarici inizia nell’epitelio, o rivestimento esterno, dell’ovaio.

Nelle prime fasi potrebbero esserci pochi o nessun sintomo.

I sintomi possono assomigliare a quelli di altre condizioni, come la sindrome premestruale (PMS), la sindrome dell’intestino irritabile (IBS) o un problema temporaneo alla vescica.

La principale differenza tra cancro ovarico e altri possibili disturbi è la persistenza e il progressivo peggioramento dei sintomi.

I primi sintomi di cancro ovarico possono includere:

  • dolore nella pelvi, nell’addome inferiore o nella parte inferiore del corpo
  • mal di schiena
  • indigestione o bruciore di stomaco
  • sentirsi pieno rapidamente quando si mangia
  • minzione più frequente e urgente
  • dolore durante i rapporti sessuali
  • cambiamenti nelle abitudini intestinali, come la stitichezza

Mentre il cancro progredisce, ci possono essere anche:

  • nausea
  • perdita di peso
  • affanno
  • stanchezza
  • perdita di appetito

Se un individuo soffre di gonfiore, pressione o dolore all’addome o al bacino che dura per più di qualche settimana, dovrebbe consultare immediatamente un medico

Le cause

Il cancro ovarico si verifica quando le cellule si dividono e si moltiplicano in modo non regolato. Tuttavia, esattamente perché questo accade non è chiaro.

I seguenti fattori di rischio sono legati a una maggiore probabilità di sviluppare la malattia:

Storia famigliare

Le donne con parenti stretti che hanno avuto tumore ovarico o mammario hanno un rischio più elevato di sviluppare il cancro ovarico, rispetto ad altre donne.

Lo screening genetico può determinare se qualcuno porta determinati geni associati a un aumento del rischio.

Età

La maggior parte dei casi di cancro ovarico si verifica dopo la menopausa, e specialmente nelle donne di età superiore ai 63 anni. È raro prima dei 40 anni.

Storia riproduttiva

Le donne che hanno avuto una o più gravidanze a termine, soprattutto prima dei 26 anni, hanno un rischio più basso. Più gravidanze hanno, più basso è il rischio.

Anche l’allattamento al seno può ridurre il rischio.

Controllo delle nascite

L’uso della pillola anticoncezionale per almeno 3 o 6 mesi sembra ridurre il rischio. Più a lungo viene usata la pillola, più basso appare il rischio.

Utilizzando un ormone contraccettivo iniettabile, depot medrossiprogesterone acetato (DMPA o Depo-Provera CI), specialmente per 3 anni o più, riduce ulteriormente il rischio.

Sterilità o trattamento della fertilità

I farmaci per la fertilità sono stati collegati a un più alto rischio di cancro ovarico, specialmente nelle donne che li hanno usati per più di un anno senza rimanere incinta. Quelli che sono sterili possono anche avere un rischio maggiore rispetto a quelli che non lo sono, possibili a causa del mancato svolgimento di una gravidanza.

Cancro al seno

Le donne che hanno ricevuto una diagnosi di carcinoma mammario hanno una maggiore probabilità di essere diagnosticata con carcinoma ovarico.

Per questo motivo, le donne a cui è stato diagnosticato un cancro al seno e che risultano positivi al gene BRCA1 o BRCA2 possono optare per l’ovariectomia come terapia preventiva.

Terapia ormonale

HRT aumenta leggermente il rischio delle donne di sviluppare il cancro ovarico. Il rischio sembra aumentare più a lungo continua la terapia ormonale sostitutiva e ritorna normale non appena il trattamento si interrompe.

Anche la terapia con androgeni, come l’uso del farmaco, Danazolo, può aumentare il rischio.

Obesità e sovrappeso

L’obesità e il sovrappeso sembrano aumentare il rischio di sviluppare molti tumori. Il cancro ovarico è più comune nelle donne con un indice di massa corporea (BMI) superiore a 30.

Chirurgia ginecologica

Avere un intervento chirurgico sugli organi riproduttivi sembra ridurre il rischio di cancro ovarico. Nelle donne che si sottopongono alla legatura delle tube, questo può essere ridotto fino a due terzi. Un’isterectomia può ridurre il rischio di un terzo.

Endometriosi

Le donne che sviluppano l’endometriosi hanno un rischio del 30 percento più elevato di sviluppare il cancro ovarico, rispetto ad altre donne.

fasi

Se viene diagnosticato un tumore ovarico, il passo successivo è identificare il suo stadio e il suo grado.

Lo stadio di un cancro si riferisce alla diffusione del cancro.

Esistono diversi modi per mettere in scena il cancro. L’American Cancer Society utilizza un sistema a quattro stadi.

Fase 1: le cellule tumorali influenzano solo l’ovaio o le ovaie e non si sono diffuse in un’altra area.

Stadio 2: il tumore ha colpito una o entrambe le ovaie e anche altri organi all’interno del bacino, come l’utero, le tube di Falloppio, la vescica o il retto.

Stadio 3: il tumore colpisce una o entrambe le ovaie e il rivestimento dell’addome o dei linfonodi nella parte posteriore dell’addome.

Fase 4: il tumore si è diffuso ad altre parti del corpo, al di fuori della cavità peritoneale. Questa cavità comprende l’addome e il bacino. Le aree che possono ora essere colpite includono il fegato, la milza e il liquido intorno ai polmoni.

Identificare la fase e il grado aiuterà il medico a decidere il trattamento migliore.

Tuttavia, lo stadio e il grado di cancro ovarico da solo non possono prevedere come si svilupperà.

Diagnosi

Un medico eseguirà un esame pelvico e controllerà eventuali anomalie palpabili nell’utero o nelle ovaie. Controlleranno anche la storia clinica e la storia familiare del paziente.

I seguenti test sono utilizzati per aiutare a diagnosticare il cancro ovarico:

Esami del sangue: controllo di livelli elevati di un marcatore chiamato CA-125.

Test di imaging: possono essere utilizzati ecografia transvaginale, risonanza magnetica o TAC.

Laparoscopia: un laparoscopio, un tubo di osservazione sottile con una fotocamera all’estremità, viene inserito attraverso una piccola incisione nell’addome inferiore. Ciò consentirà al medico di vedere le ovaie e, se necessario, di prelevare un campione di tessuto

Colonscopia: se è presente stitichezza o sanguinamento dal retto, può essere necessaria una colonscopia per esaminare l’intestino crasso o il colon.

Aspirazione del liquido addominale: se l’addome del paziente è gonfio, potrebbe esserci un accumulo di liquido, che può essere esaminato usando un ago sottile per rimuovere un po ‘di liquido attraverso l’addome.

Biopsia: il modo usuale per diagnosticare il cancro ovarico è quello di rimuovere il tumore o parte del tumore per esaminare la presenza di cellule cancerose.

Trattamento

Il trattamento per il carcinoma ovarico può consistere in chirurgia, chemioterapia, radioterapia, terapia ormonale o terapia mirata. Spesso viene usato più di un trattamento.

Il tipo di trattamento dipende da molti fattori, tra cui il tipo di tumore ovarico, il suo stadio e grado, nonché la salute generale del paziente.

Chirurgia

Nella maggior parte dei casi, la chirurgia viene eseguita per rimuovere il cancro. Spesso è la prima opzione. L’entità dell’intervento dipende dallo stadio del tumore.

Salpingo-ovariectomia: la chirurgia è eseguita per rimuovere le ovaie e le tube di Falloppio.

Isterectomia: il chirurgo rimuove l’utero e tutti i tessuti circostanti interessati. Se viene rimosso solo l’utero, questa è una isterectomia parziale. Nelle donne in premenopausa, la menopausa inizierà immediatamente dopo questa procedura.

Dissezione linfonodale: il chirurgo rimuove i linfonodi nella pelvi e vicino all’aorta.

Chirurgia citoriduttiva o di debulking: se il tumore si è diffuso oltre l’area pelvica, il chirurgo ridurrà il più possibile il tessuto canceroso. Questo può includere tessuto dalla cistifellea e altri organi. Questa procedura può aiutare ad alleviare i sintomi e rendere la chemioterapia più efficace.

Chemioterapia

La chemioterapia è l’uso di alcuni farmaci per distruggere le cellule tumorali. Il farmaco citotossico fornisce farmaci che sono velenosi per le cellule. Questi farmaci impediscono alle cellule tumorali di dividersi e crescere.

La chemioterapia viene utilizzata per indirizzare le cellule tumorali che la chirurgia non può o non ha rimosso.

Il trattamento di solito prevede da 3 a 6 sedute di chemioterapia o cicli. Questi verranno somministrati a 3-4 settimane di distanza, per consentire al corpo di riprendersi. Se il cancro ritorna o ricomincia a ricrescere, la chemioterapia può essere ridistribuita.

Chemioterapia mirata

I nuovi farmaci possono indirizzare direttamente specifici percorsi o funzioni nelle cellule tumorali. Questi farmaci comprendono bevacizumab (Avastin) e olaparib (Lynparza).

A differenza della chemioterapia tradizionale, questi farmaci limitano il danno alle cellule normali. Questo riduce gli effetti collaterali comuni.

Effetti collaterali

La chemioterapia mira a dividere rapidamente le cellule. Sfortunatamente, anche le cellule sane che si dividono rapidamente, come i globuli rossi e bianchi e i follicoli piliferi, possono essere colpite.

La gravità e il tipo di effetti collaterali dipendono dal tipo di farmaco, dal numero di trattamenti e da alcuni aspetti del paziente e dalla loro salute generale. Gli effetti collaterali possono includere:

  • nausea
  • diarrea
  • la perdita di capelli
  • perdita di appetito
  • piaghe alla bocca
  • anemia
  • infezioni, perché il numero dei globuli bianchi è basso

Le cellule sane danneggiate normalmente si riparano rapidamente dopo che il trattamento è finito e gli effetti collaterali scompaiono presto.

Follow-up di chemioterapia

Verranno eseguiti test di follow-up, come esami del sangue e scansioni di immagini, per determinare l’efficacia del trattamento.

Se il cancro è ancora presente dopo il trattamento di chemioterapia, i medici passeranno ad altri trattamenti.

Terapia ormonale

La terapia ormonale (HT) può essere aggiunta al piano di trattamento per evitare che gli estrogeni raggiungano le cellule tumorali.

Tagliare la fornitura di estrogeni rallenta la crescita delle cellule tumorali.

La terapia ormonale può comprendere goserelina (Zolodex), leuprolide (Lupron), Tamoxifene o un inibitore dell’aromatasi

Radioterapia

Le radiazioni sono meno utilizzate nella terapia del cancro alle ovaie. Può essere usato se ci sono piccole tracce di cancro nel sistema riproduttivo o per trattare i sintomi del cancro avanzato.

prospettiva

Il chirurgo seguirà il trattamento per monitorarne il successo. Se i test di laboratorio mostrano che le cellule sono prive di cancro, il cancro è “in remissione”.

Il trattamento riuscito è possibile, ma dipende dalla fase in cui viene diagnosticato il cancro.

I tassi di sopravvivenza per il cancro sono spesso misurati come la probabilità relativa di sopravvivenza per 5 anni o più dopo la prima diagnosi. Le prospettive variano a seconda del palcoscenico:

  • Nella fase I, il tasso di sopravvivenza a 5 anni è del 90%.
  • Alla fase II, è il 70 percento.
  • Alla fase III, è il 39 percento.
  • Alla fase IV, è del 17%.

Per questo motivo, è importante partecipare a tutti gli screening raccomandati e cercare assistenza medica non appena compaiono i sintomi.

tipi

Ci sono oltre 30 tipi di cancro ovarico e sono definiti dal tipo di cellula in cui iniziano.

Questi si verificano in tre gruppi principali:

  • Tumori epiteliali: crescono nelle cellule che rivestono la superficie dell’ovaio. Sono i più comuni e i più pericolosi, che si verificano nell’85-90% delle donne con cancro ovarico.
  • Tumori a cellule germinali: questo tipo di tumore si verifica nelle cellule che producono uova per la riproduzione.Sono spesso benigni e, nei casi in cui diventano cancerogeni, il 90 per cento può essere curato.
  • Carcinoma peritoneale primario: è simile al carcinoma ovarico epiteliale, ma non è influenzato dalla rimozione delle ovaie.

Il tipo di tumore ovarico modellerà il trattamento, i sintomi e la probabilità di sopravvivenza di una persona.

Like this post? Please share to your friends: