Gentili utenti! Tutti i materiali presenti sul sito consistono in traduzioni da altre lingue. Ci scusiamo per la qualità dei testi, ma confidiamo che possano essere di vostro gradimento. Cordialmente, l'Amministrazione del sito. La nostra e-mail: admin@itmedbook.com

Come si sviluppano le tue allergie?

In tutto il mondo, le allergie sono in aumento a un ritmo allarmante. In che modo i nostri corpi scambiano sostanze altrimenti innocue per potenziali pericoli e causano i sintomi di allergia spiacevoli, a volte persino fatali?

Ragazzo con inalatore

Dalla madre che guarda ansiosamente i segni del respiro affannoso la prima volta che il bambino mangia burro di arachidi per l’improvvisa reazione del pensionato ai molluschi, le allergie possono colpire in qualsiasi momento durante le nostre vite.

La febbre da fieno colpisce 400 milioni di individui a livello globale, con asma che colpisce 300 milioni, allergie alimentari tra i 200 e i 250 milioni e allergie ai farmaci che colpiscono circa il 10% della popolazione mondiale.

L’Organizzazione mondiale per l’allergia (WAO) avverte che “la diffusione delle malattie allergiche in tutto il mondo sta aumentando drammaticamente sia nei paesi sviluppati che in quelli in via di sviluppo”.

Gli allergeni, o molecole con il potenziale di causare allergie, sono ovunque nel nostro ambiente. Vengono sotto forma di polline degli alberi, cibo, muffe, acari della polvere, veleno di serpenti o insetti e animali come gatti, cani e scarafaggi.

Quando il corpo commemora una di queste sostanze come una minaccia e reagisce con una risposta immunitaria, sviluppiamo un’allergia. Nessuno nasce con allergie. Invece, i 50 milioni di persone negli Stati Uniti che soffrono di allergie lo hanno sviluppato solo una volta che il loro sistema immunitario è entrato in contatto con il colpevole.

Ma come fanno i nostri corpi a scambiare un amico per un nemico? E quali sono i sintomi con cui molti sono così familiari?

Sorveglianza del sistema immunitario

L’allergia è definita come una risposta immunitaria inappropriata ad una sostanza altrimenti innocua nell’ambiente.

Lisa A. Reynolds e B. Brett Finlay – entrambi dei Michael Smith Laboratories presso l’Università della British Columbia a Vancouver, in Canada – spiegano in un articolo pubblicato sulla rivista come il sistema immunitario reagisce a sostanze estranee.

Le nostre cellule immunitarie sono sempre alla ricerca di pericoli, come batteri, virus, parassiti e sostanze tossiche. Quando queste molecole entrano nel corpo – attraverso i polmoni, la bocca, l’intestino o la pelle – il sistema immunitario può reagire etichettandoli come innocui o pericolosi.

Il più delle volte, i nostri corpi accettano o tollerano la presenza di allergeni.

Questa è chiamata risposta immunitaria di tipo 1 e il tipo di cellula al centro di questo processo è la cellula T regolatrice.

Quando un amico diventa nemico

Detto questo, in alcune persone, le cellule immunitarie del corpo vedono l’allergene come una minaccia e come risultato una risposta proinfiammatoria. Questa è chiamata risposta immunitaria di Tipo 2, e una classe diversa di cellule T appare sulla scena: T helper di tipo 2 cellule.

Queste cellule stimolano la produzione di molecole di immunoglobuline (Ig) E nella maggior parte delle allergie.

La prima esposizione ad un allergene che provoca una risposta immunitaria di tipo 2 è chiamata sensibilizzazione allergica.

È importante sottolineare che una volta che il corpo è stato sensibilizzato, mantiene un ricordo duraturo della sostanza. E poi, quando entrerà in contatto con il colpevole, le molecole di IgE sono innescate per rilasciare una cascata di giocatori infiammatori come l’istamina, causando i sintomi di allergia spiacevoli e potenzialmente letali.

Risposte allergiche

Le allergie possono manifestarsi in molti modi diversi, e l’esperienza di ognuno è unica. I nostri corpi possono reagire sviluppando eczema (dermatite atopica), raffreddore da fieno (rinite allergica), asma allergica, allergie alimentari o anafilassi, che è una reazione allergica grave e potenzialmente letale.

Le allergie sono un compagno di una vita, e il trattamento ruota principalmente intorno alla gestione dei sintomi.

Ma, poiché gli scienziati stanno costantemente arrivando alla fine di ciò che rende il nostro sistema immunitario in grado di passare dalle risposte di tipo 1 a quelle di tipo 2, vi è una chiamata a concentrarsi sulla prevenzione di allergie che si verificano in primo luogo.

Con il 40-50% degli scolari di tutto il mondo sensibilizzati a uno o più allergeni, è probabile che le allergie in futuro abbiano un enorme impatto sulla salute globale.

Like this post? Please share to your friends: