Gentili utenti! Tutti i materiali presenti sul sito consistono in traduzioni da altre lingue. Ci scusiamo per la qualità dei testi, ma confidiamo che possano essere di vostro gradimento. Cordialmente, l'Amministrazione del sito. La nostra e-mail: admin@itmedbook.com

Come trattare le infezioni dell’orecchio

Infezioni virali o batteriche possono verificarsi nel mezzo dell’orecchio. Questi spesso causano dolore, infiammazione e accumulo di liquidi.

Circa il 75% dei bambini avrà almeno una infezione all’orecchio prima che raggiungano i 3 anni. Le infezioni alle orecchie sono la ragione più comune per cui i bambini visitano i medici.

Le infezioni dell’orecchio sono anche note come orecchio di colla, otite media secretiva, infezione dell’orecchio medio o otite media sierosa.

Le infezioni nell’orecchio sono ben comprese e la loro presenza comune significa che la ricerca viene spesso effettuata. Questo articolo spiega i sintomi e le cause delle infezioni dell’orecchio, le opzioni di trattamento disponibili, nonché i diversi tipi e metodi di prova.

Fatti veloci sulle infezioni all’orecchio:

Ecco alcuni punti chiave sulle infezioni dell’orecchio. Maggiori dettagli e informazioni di supporto sono disponibili nell’articolo principale.

  • Le infezioni alle orecchie sono più comuni nei giovani che nelle ragazze.
  • La maggior parte delle infezioni alle orecchie migliora senza trattamento.
  • Vaccinare un bambino contro l’influenza può aiutare a prevenire le infezioni dell’orecchio.
  • Biofilm di batteri resistenti agli antibiotici possono essere la causa di casi prolungati e ripetuti di infezione all’orecchio
  • Il fumo passivo aumenta il rischio di infezioni dell’orecchio.

Cos’è un’infezione all’orecchio?

Anatomia del modello dell'orecchio.

Un’infezione all’orecchio è un’infezione batterica o virale dell’orecchio medio. Questa infezione provoca infiammazione e l’accumulo di liquido all’interno degli spazi interni dell’orecchio.

L’orecchio medio è uno spazio pieno d’aria situato dietro il timpano. Contiene ossa vibranti che convertono il suono dall’esterno dell’orecchio in segnali significativi per il cervello.

Le infezioni alle orecchie sono dolorose perché l’infiammazione e l’accumulo di liquidi in eccesso aumentano la pressione sul timpano.

Un’infezione all’orecchio può essere acuta o cronica. Le infezioni dell’orecchio cronico possono danneggiare in modo permanente l’orecchio medio.

Sintomi

Negli adulti, i sintomi sono semplici. Gli adulti con infezioni dell’orecchio avvertono dolore e pressione all’orecchio, liquido nell’orecchio e riduzione dell’udito. I bambini sperimentano una gamma più ampia di segni. Questi includono:

  • tirare o tirare l’orecchio
  • dolore alle orecchie, soprattutto quando si è sdraiati
  • difficoltà a dormire
  • piangere più del normale
  • perdita di equilibrio
  • difficoltà uditive
  • febbre
  • mancanza di appetito
  • mal di testa

tipi

Le infezioni alle orecchie sono generalmente divise in tre categorie.

Otite media acuta (AOM)

AOM è la forma più comune e meno grave di infezione all’orecchio. L’orecchio medio diventa infetto e gonfio e il liquido è intrappolato dietro il timpano. Può anche verificarsi la febbre.

Otite media con effusione (OME)

Dopo che un’infezione all’orecchio ha fatto il suo corso, potrebbe esserci del liquido lasciato dietro il timpano. Una persona con OME potrebbe non manifestare sintomi, ma un medico sarà in grado di individuare il liquido rimanente.

Otite media cronica con versamento (COME)

COME si riferisce al fluido che ritorna ripetutamente all’orecchio medio, con o senza presenza di infezione. Questo porta ad una ridotta capacità di combattere altre infezioni e ha un impatto negativo sulla capacità uditiva.

Le cause

Un’infezione all’orecchio spesso inizia con un raffreddore, influenza o risposta allergica. Questi aumentano il muco nei seni e portano alla lenta liquidazione dei fluidi dalle tube di Eustachio. La malattia iniziale infiammerà anche i passaggi nasali, la gola e le trombe di Eustachio.

Il ruolo delle trombe di Eustachio

I tubi di Eustachio collegano l’orecchio medio alla parte posteriore della gola. Le estremità di questi tubi si aprono e si chiudono per regolare la pressione dell’aria nell’orecchio medio, fornire aria a quest’area e drenare le normali secrezioni.

Un’infezione o un’allergia respiratoria può bloccare le tube di Eustachio, causando un accumulo di liquidi nell’orecchio medio. L’infezione può verificarsi se questo fluido viene infettato battericamente.

I tubi di Eustachio dei bambini piccoli sono più piccoli e più orizzontali che nei bambini più grandi e negli adulti. Ciò significa che è più probabile che il fluido si raccolga nei tubi piuttosto che drenare via, aumentando il rischio di un’infezione all’orecchio.

Il ruolo delle adenoidi

Le adenoidi sono cuscinetti di tessuto situati nella parte posteriore della cavità nasale. Reagiscono al passaggio di batteri e virus e svolgono un ruolo nell’attività del sistema immunitario. Tuttavia, le adenoidi possono a volte intrappolare i batteri. Questo può portare a infezioni e infiammazioni delle tube di Eustachio e dell’orecchio medio.

Le adenoidi sono vicine alle aperture delle trombe di Eustachio e, se si gonfiano, possono causare la chiusura dei tubi. I bambini hanno adenoidi relativamente grandi che sono più attivi di quelli degli adulti. Questi rendono i bambini più probabilità di contrarre infezioni all’orecchio.

Test e diagnosi

Medico che esamina un orecchio dei pazienti con un otoscopio.

Il test per l’infezione all’orecchio è una procedura relativamente semplice e spesso è possibile effettuare una diagnosi sulla base dei soli sintomi.

Il medico userà generalmente un otoscopio, uno strumento con un attacco leggero, per verificare la presenza di liquido dietro il timpano.

Un medico a volte userà un otoscopio pneumatico per testare l’infezione. Questo dispositivo controlla il liquido intrappolato rilasciando un soffio d’aria nell’orecchio. Qualsiasi fluido dietro il timpano farà sì che il timpano si muova meno del normale.

In caso di dubbio, il medico può utilizzare altri metodi per confermare un’infezione dell’orecchio medio.

timpanometria

Il medico usa un dispositivo che sigilla e regola la pressione all’interno del condotto uditivo. Il dispositivo misura il movimento del timpano. Ciò consente al medico di determinare la pressione dell’orecchio medio.

Riflettometria acustica

Questo metodo funziona facendo rimbalzare il suono contro il timpano. La quantità di suono che viene rimbalzata indica i livelli di accumulo di liquidi. Un orecchio sano assorbirà la maggior parte del suono, ma un orecchio infetto rifletterà più onde sonore.

timpanocentesi

Se un’infezione all’orecchio non ha risposto bene al trattamento, un medico può usare la timpanocentesi.Questa procedura comporta la creazione di un piccolo foro nel timpano e il drenaggio di una piccola quantità di liquido dall’orecchio interno. Questo fluido può quindi essere testato per determinare la causa dell’infezione.

trattamenti

I bambini sotto i 6 mesi di età hanno bisogno di un trattamento antibiotico per aiutare a prevenire la diffusione dell’infezione. L’amoxicillina è spesso l’antibiotico di scelta.

Per i bambini dai 6 mesi ai 2 anni, i medici raccomandano di monitorare il bambino senza antibiotici, a meno che il bambino non abbia segni di una grave infezione.

Le infezioni alle orecchie spesso si risolvono senza trattamento e l’unico farmaco necessario è la gestione del dolore. Gli antibiotici sono usati solo in casi più gravi o prolungati.

L’American Academy of Family Physicians (AAFP) raccomanda una vigile attesa per:

  • bambini dai 6 ai 23 mesi che hanno avuto un lieve dolore all’orecchio interno in un orecchio per meno di 48 ore e una temperatura inferiore a 102,2 ° Fahrenheit (39 ° Celsius)
  • bambini di 24 mesi e più con lieve dolore all’orecchio interno in una o entrambe le orecchie per meno di 48 ore e una temperatura inferiore a 102,2 ° F

Per i bambini di età superiore a 2 anni, gli antibiotici non sono normalmente prescritti. L’abuso di antibiotici porta alla resistenza agli antibiotici. Ciò può significare che le infezioni gravi diventano più difficili da trattare.

L’AAFP consiglia la terapia antidolorifica per le infezioni persistenti, tra cui paracetamolo, ibuprofene o eardrops. Questi aiutano con febbre e disagio.

Un impacco caldo, come un asciugamano, può lenire l’orecchio colpito.

Se le infezioni dell’orecchio continuano con episodi ricorrenti nell’arco di diversi mesi o un anno, il medico può suggerire una miringotomia. In questa procedura, un chirurgo esegue un piccolo taglio nel timpano, consentendo il rilascio di fluido accumulato.

Viene quindi inserito un tubicino di miringotomia molto piccolo per favorire l’espulsione dall’orecchio medio e prevenire l’ulteriore accumulo di liquidi. Questi tubi vengono lasciati sul posto per 6-12 mesi e spesso cadono naturalmente invece di aver bisogno della rimozione manuale.

Prevenzione

Le infezioni alle orecchie sono estremamente comuni, specialmente tra i bambini. Ciò è dovuto a un sistema immunitario immaturo e alle differenze nell’anatomia dell’orecchio. Non esiste un modo sicuro per prevenire l’infezione, ma ci sono una serie di raccomandazioni che ridurranno il rischio:

  • I bambini vaccinati hanno meno probabilità di contrarre infezioni alle orecchie. Chiedi a un medico informazioni su meningite, pneumococco e vaccinazioni antinfluenzali.
  • Lavati spesso le mani e le mani di tuo figlio. Questo impedisce potenzialmente la diffusione di batteri al tuo bambino e può aiutare a prevenire il raffreddore e l’influenza.
  • Evitare di esporre un bambino al fumo passivo. I neonati che passano il tempo intorno a persone che fumano hanno maggiori probabilità di contrarre infezioni alle orecchie.
  • Allattare i bambini quando possibile. Questo aiuta a migliorare la loro immunità.
  • Durante l’allattamento artificiale di un bambino, darle da mangiare seduti per ridurre il rischio che il latte scorra nell’orecchio medio. Non permettere a un bambino di succhiare una bottiglia mentre è sdraiata.
  • Evita che il bambino giochi con i bambini malati e cerca di minimizzare la loro esposizione alle cure di gruppo o ai grandi gruppi di bambini.
  • Non usare antibiotici se non necessario. Le infezioni alle orecchie sono più probabili nei bambini che hanno avuto un’infezione all’orecchio nei 3 mesi precedenti, specialmente se sono stati trattati con antibiotici.

Le infezioni alle orecchie sono una parte dell’infanzia della maggior parte delle persone. Possono essere dolorosi e debilitanti, ma presentano pochissimi problemi a lungo termine se correttamente gestiti.

Like this post? Please share to your friends: