Gentili utenti! Tutti i materiali presenti sul sito consistono in traduzioni da altre lingue. Ci scusiamo per la qualità dei testi, ma confidiamo che possano essere di vostro gradimento. Cordialmente, l'Amministrazione del sito. La nostra e-mail: admin@itmedbook.com

Come viene trasmessa l’epatite C?

L’epatite C è un virus che influenza il funzionamento del fegato di una persona.

Quando qualcuno ha il virus dell’epatite C, possono manifestare un’infezione acuta da epatite C, che è una malattia relativamente lieve.

Tuttavia, la maggior parte dei casi di epatite C si trova solo una volta che la malattia è diventata cronica, quando un individuo può averlo per il resto della sua vita.

Per alcune persone, l’infezione si risolverà. Ma altri sperimenteranno effetti cronici a lungo termine che possono portare alla fine all’insufficienza epatica. Secondo l’Organizzazione mondiale della sanità (OMS), circa 71 milioni di persone in tutto il mondo hanno un’epatite cronica C.

Cos’è l’epatite?

Epatite CEsistono diversi tipi di epatite.

La parola epatite significa infiammazione del fegato. Esistono cinque diversi tipi di virus dell’epatite, ognuno dei quali si diffonde in modo diverso.

  • Epatite A: La trasmissione è principalmente bevendo acqua contaminata o mangiando cibo contaminato. L’epatite A può anche essere diffusa attraverso le feci infette, scarsa igiene e alcune pratiche sessuali.
  • Epatite B: la trasmissione avviene tramite esposizione a sangue infetto, sperma o altri fluidi corporei. L’epatite B può diffondersi da madre a figlio o tramite contatto con fluidi corporei infetti, anche attraverso il contatto sessuale o gli aghi usati.
  • Epatite C: trasmessa solitamente attraverso l’esposizione a sangue infetto. Tuttavia, una persona può anche contrarre l’epatite C attraverso un rapporto sessuale.
  • Epatite D: le persone possono sviluppare epatite D dopo essere state infettate dall’epatite B.
  • Epatite E: la trasmissione avviene bevendo acqua contaminata o mangiando cibi contaminati.

I medici ritengono tipicamente che i tipi di epatite B e C siano i più preoccupanti dei cinque tipi.

Esiste un vaccino per prevenire l’epatite B, ma al momento non esiste un vaccino per arrestare l’epatite C. Pertanto, è fondamentale prevenire la trasmissione dell’epatite C.

Come viene trasmessa l’epatite C?

L’epatite C è un virus trasmesso per via ematica, il che significa che una persona deve entrare in contatto con sangue infetto per contrarla.

Secondo l’OMS, i modi più comuni di trasmissione dell’epatite C sono:

  • Iniezione di droghe usando un ago infetto.
  • Uso o riutilizzo di attrezzature mediche, come siringhe e aghi, che non sono stati adeguatamente sterilizzati.
  • Ricevere una trasfusione di sangue da sangue o prodotti sanguigni che non sono stati adeguatamente sottoposti a screening.

Prima del 1992, l’afflusso di sangue negli Stati Uniti non era stato sottoposto a screening per malattie come l’epatite C, come è oggi. Di conseguenza, le persone che hanno ricevuto trapianti di sangue o di organi erano a maggior rischio di contrarre l’epatite C.

I metodi di screening attuali sono molto più rigorosi. Tuttavia, è possibile che qualcuno abbia ricevuto sangue infetto molto tempo fa e potrebbe non sapere di avere l’infezione da epatite C.

I metodi meno comuni di trasmissione dell’epatite C includono:

Siringa.

  • fare sesso con una persona infetta
  • passando il virus tra madre e bambino
  • usando oggetti per la cura personale, come spazzolino da denti o rasoio, che erano in contatto con il sangue di una persona infetta,

L’OMS ha stimato che 1,75 milioni di persone sono state recentemente infettate dall’epatite C nel 2015. Una volta che una persona ha il virus, in genere inizierà a diffondersi tra le cellule dopo 2 settimane a 6 mesi.

Molte persone, in particolare quelle che hanno l’epatite C cronica, potrebbero non manifestare i sintomi fino a molto tempo dopo.

Fattori di rischio

Poiché l’epatite C cronica spesso non causa sintomi immediati, una persona potrebbe non scoprire di avere l’infezione fino a quando ha già subito un danno epatico significativo.

Per questo motivo, è importante che le persone sappiano in anticipo come viene trasmessa l’epatite C. Questa conoscenza critica può aiutare le persone a evitare di diffondere o contrarre l’epatite C.

I seguenti gruppi possono essere a rischio di contrarre l’epatite C:

  • persone che si iniettano droghe
  • persone che hanno ricevuto prodotti sanguigni o emoderivati ​​infetti da strutture sanitarie con processi di controllo delle infezioni inadeguati, di solito prima del 1992
  • persone che hanno un partner sessuale con l’epatite C.
  • persone con HIV
  • persone che hanno tatuaggi o piercing, in particolare quelli fatti in strutture non regolamentate
  • operatori sanitari, che possono essere accidentalmente infetti da un ago

Una persona che ha avuto l’epatite C in precedenza o un altro tipo di epatite può ancora essere a rischio di sviluppare un’infezione da epatite C.

Prevenire la trasmissione dell’epatite C.

Al momento non esiste un vaccino per l’epatite C. La prevenzione del virus si concentra sulla gestione sicura degli aghi, sulla protezione del sesso e sull’astensione dall’uso di droghe per via endovenosa.

Ci sono molte idee sbagliate su come viene trasmessa l’epatite C. Il virus non può essere trasmesso attraverso:

  • latte materno, cibo o acqua
  • abbracciare o baciare
  • condividere cibo o bevande con una persona infetta
  • essere morso da una zanzara infetta

Sintomi

Una persona può avere un’infezione da epatite C acuta o cronica.

Una persona con epatite acuta svilupperà sintomi poco dopo aver contratto il virus dell’epatite C. I sintomi di epatite C acuta includono:

Donna a letto con la febbre.

  • febbre
  • urina scura
  • perdita di appetito
  • itterizia
  • dolori articolari
  • nausea
  • mal di stomaco
  • vomito

Secondo i Centers for Disease Control and Prevention (CDC), una percentuale stimata tra il 65 e l’85 per cento delle persone che vengono infettate dall’epatite C svilupperà un’infezione cronica.

I sintomi dell’epatite C cronica di solito non compaiono fino a quando una persona non ha avuto l’infezione per qualche tempo.

Più comunemente, una persona impara di avere l’epatite C dopo aver subito un esame del sangue per un’altra condizione. Il loro esame del sangue può mostrare uno squilibrio nei loro enzimi epatici.Tuttavia, le persone infette da epatite C possono ancora avere normali test degli enzimi epatici.

I sintomi dell’epatite cronica includono:

  • facile sanguinamento e lividi
  • fatica
  • accumulo di liquidi nell’addome, noto come ascite
  • aspetto ittero, o ingiallimento della pelle e delle mucose
  • cambiamenti di appetito
  • prurito della pelle
  • perdita di peso

Poiché molti di questi sintomi non sono specifici, molte persone potrebbero non rendersi conto o addirittura considerare che potrebbero avere l’epatite C.

Diagnosi e quando vedere un medico

Il CDC raccomanda che alcuni gruppi vengano sottoposti a test per l’epatite C. Questi includono persone che hanno sintomi di epatite C o uno dei seguenti fattori di rischio:

  • sono nati tra il 1945 e il 1965
  • usare droghe per via endovenosa
  • avere una storia di anormali esami del fegato o malattie del fegato
  • avere l’HIV
  • sono stati trattati per un disturbo della coagulazione del sangue prima del 1987
  • ha ricevuto una trasfusione di sangue o un trapianto di organi prima del 1992
  • sono in emodialisi a lungo termine
  • lavoro in sanità o sicurezza pubblica e sono stati esposti agli aghi

Se l’analisi del sangue identifica gli anticorpi contro il virus dell’epatite C, un medico ordinerà ulteriori test per verificare se una persona ha il virus attivo dell’epatite C. Verranno inoltre richiesti esami per cercare eventuali cambiamenti nel funzionamento del fegato di una persona.

prospettiva

Esistono trattamenti antivirali per l’infezione da epatite C.

La Food and Drug Administration (FDA) statunitense ha recentemente approvato diversi farmaci antivirali per il trattamento dell’epatite C.

Nel luglio 2017, la FDA ha approvato un farmaco chiamato Vosevi per il trattamento di adulti con epatite cronica C che non hanno risposto ad altri antivirali.

Nell’aprile 2017, la FDA ha approvato i farmaci Sovaldi e Harvoni per il trattamento di bambini dai 12 anni in su, infetti da epatite C. Questi farmaci sono anche usati per gli adulti e, nella maggior parte dei casi, curano l’infezione da epatite C.

Se l’epatite C viene lasciata non curata, una persona può presentare complicazioni potenzialmente letali, tra cui la cirrosi (cicatrici epatiche), insufficienza epatica e cancro al fegato.

Coloro che hanno sintomi di epatite C o che sono a rischio di infezione dovrebbero assicurarsi che un medico li metta alla prova.

È importante che una persona inizi il trattamento il prima possibile per prevenire ulteriori danni al fegato o complicanze.

Like this post? Please share to your friends: