Gentili utenti! Tutti i materiali presenti sul sito consistono in traduzioni da altre lingue. Ci scusiamo per la qualità dei testi, ma confidiamo che possano essere di vostro gradimento. Cordialmente, l'Amministrazione del sito. La nostra e-mail: admin@itmedbook.com

Complessi felici del paziente di ferita del gambo cerebrale a casa

La nostra qualità della vita è estremamente importante per tutti noi. Tuttavia, per quei milioni che sono colpiti da lesioni alla radice cerebrale, la loro felicità è spesso dibattuta. In recenti risultati positivi, tuttavia, i pazienti con “sindrome bloccata” dicono di essere felici e molti dei fattori riportati da coloro che dicono di essere infelici possono essere migliorati, cambiando così la percezione che questi pazienti non possano più godersi la qualità della vita e sono candidati per l’eutanasia o il suicidio assistito.

La sindrome bloccata descrive una condizione in cui una persona è pienamente cosciente, ma non può muoversi o comunicare, salvo attraverso i movimenti degli occhi o le palpebre. La sindrome è causata dalla lesione del tronco cerebrale e le persone colpite possono sopravvivere per decenni.

La ferita del tronco cerebrale è una condizione di salute molto fatale che può cambiare la memoria, paralizzare o cambiare la propria personalità. Il trattamento richiesto per la ferita del tronco encefalico è molto costoso e causa serie difficoltà per tutta la vita della famiglia della persona affetta insieme a problemi emotivi e psicologici. Sicuramente rende la vita tragica, e quindi, una vittima che ha subito un trauma cranico a causa della negligenza di un’altra persona ha diritto al risarcimento monetario.

Trattare con la ferita del tronco cerebrale è molto difficile. Il tronco cerebrale è molto suscettibile alle lesioni, poiché è presente nella parte posteriore del nostro collo. Si stima che ogni anno si verifichino quasi due milioni di lesioni al tronco cerebrale e pochissimi casi si riprendano dall’infortunio.

La ferita al tronco cerebrale può portare a danni permanenti, dal momento che il tronco cerebrale regola quasi tutte le attività quotidiane del nostro corpo. Le funzioni di base del corpo come la respirazione e il battito cardiaco possono essere interrotte a causa di una ferita al tronco encefalico. Pertanto, la lesione del tronco cerebrale è un problema di salute molto grave. Qualsiasi danno al cervello può essere direttamente correlato a una ferita al tronco cerebrale e, quindi, i sintomi sono simili. Traumi o gonfiore nel cervello sono le cause più comuni della lesione del tronco encefalico. Quando il cervello si gonfia a causa di qualche ragione, porta alla compressione del tronco cerebrale che viene poi ferito.

L’economista ecologico Robert Costanza commenta:

“Mentre la qualità della vita è stata a lungo un obiettivo politico esplicito o implicito, definizione e misurazione adeguate sono state elusive: diversi indicatori” oggettivi “e” soggettivi “in una gamma di discipline e scale e lavori recenti su indagini sul benessere soggettivo e la psicologia della felicità ha stimolato un rinnovato interesse “.
Di quei pazienti interrogati sulla loro storia medica, lo stato emotivo e le opinioni sui problemi di fine vita, il 72% in totale ha dichiarato di essere complessivamente felice.

Per coloro che hanno riferito di essere infelici, depressione, pensieri suicidi e un desiderio di non essere rianimati, dovrebbe sorgere il bisogno, o per l’eutanasia erano più comuni.

Oltre il 50% degli intervistati ha riconosciuto severe restrizioni sulla propria capacità di reinserirsi nella comunità e condurre una vita normale e solo uno su cinque è stato in grado di partecipare alle attività quotidiane che consideravano importanti.

Il sette percento ha dichiarato che opterebbe per l’eutanasia se ne avesse la possibilità.

Gli autori dello studio concludono:

“I nostri dati mostrano che, qualunque sia la devastazione fisica e il disagio mentale di [questi] pazienti durante la fase acuta della condizione, l’assistenza ottimale per il mantenimento della vita e la riconvalida possono avere un grande beneficio a lungo termine. Suggeriamo che i pazienti recentemente colpiti dalla sindrome Bisogna informare che, date le cure adeguate, hanno una considerevole possibilità di riacquistare una vita felice.A nostro parere, l’accorciamento delle richieste di vita … è valido solo quando i pazienti hanno avuto la possibilità di raggiungere uno stato stazionario di benessere soggettivo “.
Scritto da Sy Kraft, B.A.

Like this post? Please share to your friends: