Gentili utenti! Tutti i materiali presenti sul sito consistono in traduzioni da altre lingue. Ci scusiamo per la qualità dei testi, ma confidiamo che possano essere di vostro gradimento. Cordialmente, l'Amministrazione del sito. La nostra e-mail: admin@itmedbook.com

Confronto tra premenopausa e perimenopausa

Durante la sua vita, una donna sperimenta molte fluttuazioni ormonali che influenzano la sua fertilità.

Quando inizia il ciclo, può potenzialmente concepire un bambino. Man mano che invecchia, i suoi livelli di ormone riproduttivo diminuiscono e alla fine cessano, portando a quella che è conosciuta come la menopausa.

La menopausa è quando le ovaie smettono di produrre estrogeni e altri ormoni sessuali, facendo sì che una donna non abbia periodi per 12 mesi consecutivi. Sebbene altre parti del corpo continuino a produrre questi ormoni, i loro livelli diminuiscono significativamente durante la menopausa.

Tuttavia, i livelli degli ormoni generalmente non diminuiscono durante la notte. Invece, una donna entra in una fase della sua vita riproduttiva conosciuta come perimenopausa, dove i suoi livelli ormonali iniziano a diminuire. Questa fase provoca sintomi e segnali che la menopausa può verificarsi nel prossimo anno o anni.

Premenopausa vs. perimenopausa

Donna matura all'aperto

Premenopausa e perimenopausa sono termini simili che a volte vengono usati l’uno dell’altro.

Il termine “pre” significa “prima” e il termine “peri” significa “circostante” o “vicino”. Tecnicamente, una donna è in premenopausa in qualsiasi momento prima di entrare in menopausa.

Alcuni medici si riferiscono alla premenopausa come il tempo tra il primo e l’ultimo periodo di una donna.

Per questo motivo, il termine perimenopausa può descrivere più accuratamente quando una donna è vicina alla menopausa, poiché implica una diminuzione dei livelli ormonali.

I medici possono anche usare il termine “transizione della menopausa” per descrivere una donna in perimenopausa.

fasi

I medici hanno identificato tre fasi della menopausa: perimenopausa, menopausa e postmenopausa. Ogni fase è un cambiamento graduale che di solito si svolge nell’arco di diversi anni.

perimenopausa

Sintomi della menopausa

La perimenopausa di solito si verifica 3-4 anni prima che una donna entri in menopausa, ma può iniziare già 10 anni prima. Durante questo periodo, le ovaie iniziano a ridurre la quantità di estrogeni che producono.

Alla fine, smetteranno di rilasciare le uova e una donna smetterà di avere periodi. Una donna può essere in perimenopausa e rimanere incinta.

La fase perimenopausa si verifica più comunemente negli anni ’40 di una donna, ma può verificarsi nei suoi 30 anni. I sintomi della perimenopausa possono diventare più pronunciati man mano che si avvicina alla menopausa.

Menopausa

Durante la menopausa, le ovaie di una donna non rilasciano più uova e la produzione di estrogeni nelle ovaie rallenta notevolmente. I sintomi della perimenopausa possono continuare in menopausa.

Tecnicamente, la menopausa è definita come il tempo in cui una donna non ha avuto un periodo di 12 mesi consecutivi.

Post menopausa

La postmenopausa è la fase dopo la menopausa. In questo frangente, una donna può sperimentare un aumento dei sintomi associati alla ridotta produzione di estrogeni.

Tuttavia, lei avrà generalmente ridotto i sintomi della menopausa. I trattamenti sono disponibili, ma hanno effetti collaterali che sono importanti per una donna per discutere con il suo medico.

Durata

La perimenopausa può durare da 3 a 10 anni. Tecnicamente, la premenopausa dura da quando una donna ha il suo primo periodo a quando ottiene il suo ultimo periodo ed entra in menopausa.

Se una donna sperimenta la menopausa prima dei 45 anni, i medici fanno riferimento a questo come menopausa precoce. Se la menopausa si verifica prima dei 40 anni, è conosciuta come menopausa precoce.

Ci sono alcuni casi in cui un medico può raccomandare un trattamento farmacologico o una menopausa chirurgicamente. Ciò farà sì che la menopausa si verifichi prima o più rapidamente che sarebbe naturale.

Sintomi in ogni fase

Durante ogni fase della menopausa, ci sono sintomi che una donna può provare, così come cambiamenti interni nella produzione di ormoni che possono essere testati da un medico.

Sintomi premenopausa

Mentre i livelli ormonali fluttuano naturalmente durante la premenopausa, è improbabile che una donna abbia sintomi correlati a una perdita di estrogeni.

Invece, una donna in premenopausa di solito ha periodi regolari o semi-regolari, essere fertile e può presentare sintomi di sindrome premestruale (PMS).

I sintomi di PMS includono:

  • spasmi
  • sbalzi d’umore
  • nausea
  • ansia o irritabilità
  • depressione
  • gonfiore
  • seno tenero

Sintomi perimenopausa

Il calo dei livelli ormonali può portare a una serie di sintomi. I periodi irregolari sono spesso il primo sintomo evidente per una donna in perimenopausa.

Sudori notturni e insonnia.

Altri sintomi di perimenopausa includono:

  • pelle secca e diradata
  • perdita di capelli o diradamento
  • vampate di calore o un senso di calore improvviso e travolgente
  • insonnia
  • sudorazioni notturne
  • sbalzi d’umore improvvisi e inspiegabili
  • difficoltà di concentrazione
  • urgenza urinaria, o sentendo il bisogno di urinare più spesso ma passando solo una piccola quantità di urina
  • secchezza vaginale
  • aumento di peso

Una donna in perimenopausa può anche notare cambiamenti nel suo ciclo mestruale, come il peggioramento dei suoi sintomi premestruali.

Sintomi della menopausa

Una donna è in menopausa quando non ha avuto il ciclo per 12 mesi consecutivi. Ciò si verifica in un’età media di circa 51 anni.

Durante la menopausa, una donna può avvertire sintomi simili alla perimenopausa, ma può essere più pronunciata, poiché i livelli ormonali si sono significativamente ridotti.

Esempi di questi sintomi includono vampate di calore, difficoltà a dormire e secchezza vaginale. Questi cambiamenti sono chiamati sintomi vasomotori.

Sintomi della postmenopausa

La postmenopausa si verifica dopo che una donna ha attraversato la menopausa. Questa fase durerà per il resto della sua vita.

Un medico può ordinare esami del sangue per determinare se una donna è in fase postmenopausa. Un medico può testare l’ormone follicolo-stimolante (FSH). Sebbene i livelli ormonali possano variare, i livelli di FSH sono generalmente più alti in postmenopausa.

Gestione

I sintomi della perimenopausa e della menopausa sono molto simili e sono gestiti in modo simile. Esistono metodi sia a casa che medici per gestire i sintomi in ogni fase.

Gestione della premenopausa

Gestire la premenopausa comporta alleviare i sintomi della sindrome premestruale. Questo può includere l’assunzione di farmaci antidolorifici da banco e l’uso di cuscinetti riscaldanti per i crampi premestruali.

Alcune donne usano pillole contraccettive orali per aiutare a ridurre il dolore e il disagio durante la premenopausa.

Gestione perimenopausa

Le donne in perimenopausa hanno spesso periodi irregolari, che possono causare forti emorragie e crampi. Questo a volte viene trattato con una pillola contraccettiva orale a basso dosaggio.

Le pillole contraccettive orali hanno dimostrato di ridurre alcuni degli effetti della diminuzione dei livelli ormonali legati alla menopausa. Gli esempi includono riduzione della perdita ossea e protezione contro i tumori dell’endometrio e dell’ovaio.

Aiuto per vampate di calore

Per le vampate di calore perimenopausa e menopausa, ci sono diversi modi per minimizzare i sintomi. Questi includono:

  • evitando i trigger, come cibi piccanti, bevande calde e climi caldi
  • respirando profondamente e lentamente
  • indossare indumenti larghi e aderenti che possono essere rimossi facilmente
  • tenere un ventilatore nelle vicinanze, specialmente di notte
  • bere liquidi freddi quando si verifica una vampata di calore

Trattamenti medici

I medici possono raccomandare pillole di estrogeni a basso dosaggio, cerotti o creme per ridurre gli effetti di forti vampate di calore.

Tuttavia, la terapia con estrogeni è associata ad un aumento dei rischi per alcuni tipi di cancro, in particolare il cancro al seno. Pertanto, è importante che una donna assuma la più piccola dose efficace.

Se una donna non desidera utilizzare la terapia estrogenica, potrebbe essere in grado di assumere antidepressivi, come la venlafaxina o gli inibitori selettivi della ricaptazione della serotonina (SSRI), per aiutare con i sintomi.

Gestione postmenopausale

Mentre la maggior parte delle donne sperimenterà una riduzione o un arresto completo dei sintomi vasomotori dopo la menopausa, potrebbero comunque presentare alcuni sintomi. Questi includono secchezza vaginale, difficoltà a dormire e sbalzi d’umore.

Applicare un lubrificante a base di acqua prima del rapporto sessuale può aiutare a ridurre gli effetti della secchezza e del disagio vaginale.

Alcune donne possono scegliere di prendere la terapia ormonale in menopausa (MHT). Questo tipo di farmaco include estrogeni e progesterone. Se una donna ha avuto un’isterectomia, prenderà solo estrogeni.

Questi trattamenti possono ridurre i sintomi vasomotori e il verificarsi di sbalzi d’umore. Tuttavia, aumentano il rischio di coaguli di sangue, infarto, ictus e cancro al seno.

Una donna dovrebbe considerare attentamente i rischi prima di iniziare il trattamento.

Like this post? Please share to your friends: