Gentili utenti! Tutti i materiali presenti sul sito consistono in traduzioni da altre lingue. Ci scusiamo per la qualità dei testi, ma confidiamo che possano essere di vostro gradimento. Cordialmente, l'Amministrazione del sito. La nostra e-mail: admin@itmedbook.com

Cos’è il dolore e come lo tratti?

Il dolore è una sensazione sgradevole e un’esperienza emotiva legata al danno tissutale. Il suo scopo è quello di consentire al corpo di reagire e prevenire ulteriori danni ai tessuti.

Proviamo dolore quando un segnale viene inviato attraverso le fibre nervose al cervello per l’interpretazione.

L’esperienza del dolore è diversa per tutti, e ci sono diversi modi di sentire e descrivere il dolore. Questo può rendere difficile la definizione e il trattamento.

Il dolore può essere a breve o lungo termine, può rimanere in un posto o può diffondersi nel corpo.

Fatti veloci sul dolore:

Ecco alcuni punti chiave sul dolore. Maggiori dettagli sono nell’articolo principale.

  • Il dolore deriva dal danno tissutale.
  • Fa parte del meccanismo di difesa del corpo. Ci avverte di agire per prevenire ulteriori danni ai tessuti.
  • Le persone sperimentano e descrivono il dolore in modo diverso, e questo rende difficile la diagnosi.
  • Una gamma di farmaci e altri trattamenti può aiutare ad alleviare il dolore, a seconda della causa.

Le cause

Dolore cronico acuto

Il dolore si avverte quando speciali nervi che rilevano danni ai tessuti inviano segnali per trasmettere informazioni sul danno lungo il midollo spinale al cervello. Questi nervi sono noti come nocicettori.

Il cervello decide quindi cosa fare riguardo al dolore.

Ad esempio, se si tocca una superficie calda, un messaggio viaggerà attraverso un arco riflesso nel midollo spinale e provocherà un’immediata contrazione dei muscoli. Questa contrazione allontanerà la tua mano dalla superficie calda.

Questo accade così velocemente che il messaggio non raggiunge nemmeno il cervello. Tuttavia, il messaggio del dolore continuerà al cervello. Una volta lì, causerà una spiacevole sensazione di dolore da sentire.

Come il cervello di una persona interpreta questi segnali e l’efficienza del canale di comunicazione tra i nocicettori e il cervello determina come le persone provano dolore.

Il cervello può anche rilasciare sostanze chimiche di benessere come la dopamina per contrastare gli spiacevoli effetti del dolore.

I ricercatori stimano che il dolore costa agli Stati Uniti (USA) tra $ 560 e $ 635 miliardi all’anno in termini di costi di trattamento, salari persi e giorni di lavoro persi.

tipi

Il dolore può essere acuto o cronico.

Il dolore acuto è generalmente intenso e di breve durata. È il modo del corpo di avvisare una persona per un infortunio o danno tissutale localizzato. Trattare la lesione sottostante risolve normalmente questo tipo di dolore.

Il meccanismo di “lotta-o-fuga” del corpo è innescato da un dolore acuto, che spesso si traduce in battiti cardiaci più veloci e tassi di respirazione.

Esistono diversi tipi di dolore acuto:

  • Il dolore somatico è dolore superficiale che si avverte sulla pelle o sui tessuti molli appena sotto la pelle.
  • Il dolore viscerale ha origine negli organi interni e nei rivestimenti delle cavità nel corpo.
  • Il dolore riferito viene sentito in una posizione diversa dalla fonte del danno tissutale, come il dolore alla spalla sentito durante un attacco di cuore.

Il dolore cronico dura molto più a lungo del dolore acuto. Spesso non può essere risolto. Può essere lieve o grave, può essere continuo, come nell’artrite, o può essere intermittente, come nelle emicranie. Il dolore intermittente si verifica in occasioni ripetute, ma si ferma in mezzo.

Le reazioni di “lotta o fuga” si fermano alla fine nei casi di dolore cronico, poiché il sistema nervoso simpatico che scatena queste reazioni si adatta allo stimolo del dolore.

Se si verificano sufficienti casi di dolore acuto, possono creare un accumulo di segnali elettrici nel sistema nervoso centrale (SNC) che possono stimolare eccessivamente le fibre nervose.

Questo è noto come “windup”, un termine che mette a confronto l’accumulo di questi segnali elettrici con un giocattolo a molla. Avvolgere un giocattolo con più intensità porta il giocattolo a correre più velocemente più a lungo. Il dolore cronico funziona allo stesso modo. Questo è il motivo per cui il dolore può essere sentito molto tempo dopo l’evento che causa dolore.

Descrivere il dolore

Esistono altri modi più specializzati di descrivere il dolore.

Questi includono:

Dolore neuropatico: segue la lesione dei nervi periferici che collegano il cervello e il midollo spinale al resto del corpo. Può assumere la forma di dolore da elettroshock, tenerezza, intorpidimento, formicolio e disagio.

Dolore fantasma: si verifica dopo l’amputazione di un arto e si riferisce a sensazioni dolorose date dall’arto mancante. Colpisce circa il 70 percento degli amputati.

Dolore centrale: è spesso causato da infarto, ascesso, tumori, degenerazione o emorragia nel cervello e nel midollo spinale. Il dolore centrale è in corso e può variare da lieve a estremamente doloroso. I pazienti riferiscono sensazioni di bruciore, dolore e pressione.

Sapere come descrivere il dolore può aiutare una persona ad ottenere una diagnosi più specifica.

Diagnosi

La diagnosi dipende dalla descrizione soggettiva di un individuo del dolore. Non esiste una scala oggettiva per identificare il tipo di dolore, quindi il medico prenderà una storia di dolore.

Il paziente sarà in grado di descrivere:

    Diagnosi del dolore

    • il carattere di tutti i dolori avvertiti dal paziente, come bruciore, puntura o pugnalata
    • il sito, la qualità e la radiazione del dolore, o dove si sente il dolore, come si sente e quanto si diffonde come si diffonde
    • quali fattori aggravano e alleviano il dolore
    • quando il dolore si verifica durante il giorno
    • l’impatto sulla funzione quotidiana e l’umore della persona
    • la comprensione della persona del loro dolore

    Un certo numero di sistemi può identificare e classificare il dolore, ma il fattore più importante per ottenere una diagnosi accurata è che il paziente e il medico comunichino il più chiaramente possibile.

    Misurazione del dolore

    Alcune delle misure del dolore utilizzate sono:

    • Scale di valutazione numerica: misurano il dolore su una scala da 0 a 10, dove 0 significa assenza di dolore e 10 indica il peggior dolore immaginabile. È utile per valutare i cambiamenti dei livelli di dolore in risposta al trattamento o ad una condizione di deterioramento.
    • Scala descrittore verbale: può essere utilizzata per misurare bambini con handicap cognitivi, anziani o persone con autismo o dislessia. Invece di numeri, vengono poste diverse domande descrittive per restringere il tipo di dolore che il paziente prova.
    • Scala dei volti: una serie di volti è mostrata alla persona che soffre, che va da angosciata a felice. Questo è principalmente usato con i bambini e ha anche mostrato risposte efficaci nelle persone con autismo.
    • Inventario del dolore breve: questo è un questionario scritto più dettagliato che misura l’effetto del dolore sull’umore, sull’attività, sui modelli di sonno e su come il dolore possa aver influenzato le relazioni interpersonali del paziente. Inoltre, traccia la cronologia del dolore per rilevare eventuali modelli.
    • Questionario sul dolore McGill: questo incoraggia le persone a scegliere le parole da 20 gruppi di parole per ottenere una comprensione approfondita di come si sente il dolore. Il gruppo 6, ad esempio, è “tirare, strappare, strappare” e il gruppo 9 è “opaco, dolente, dolente, dolorante, pesante”.

    Altri indicatori di dolore

    Quando le persone con disabilità cognitive non possono descrivere con precisione il loro dolore, ci possono essere chiari indicatori sulla presenza del dolore. Questi includono:

    • irrequietezza
    • pianto
    • lamenti e gemiti
    • smorfie
    • resistenza alla cura
    • interazioni sociali ridotte
    • aumento del vagabondaggio
    • non mangiando
    • problemi di sonno

    Se curabile, il medico tratterà il problema sottostante, che causa dolore o prescriverà un trattamento analgesico, come la medicina, per gestire il dolore.

    Trattamento e gestione

    Diversi tipi di dolore saranno trattati in modi diversi. Un trattamento efficace contro un tipo di dolore non può alleviare un altro.

    Trattamento del dolore acuto

    Il trattamento del dolore acuto spesso comporta l’assunzione di medicinali.

    Gli antinfiammatori non steroidei (FANS) sono un tipo di analgesico, o antidolorifico, che può ridurre il dolore e aiutare la persona a riacquistare la funzione quotidiana. Sono disponibili over-the-counter (OTC) o su prescrizione in una gamma di punti di forza. Sono adatti per i dolori acuti minori come mal di testa, distorsioni leggere e mal di schiena.

    I FANS possono alleviare l’infiammazione localizzata e il dolore dovuto al gonfiore. Possono avere effetti collaterali nel sistema digestivo, compreso il sanguinamento. Un medico monitorerà dosaggi più alti.

    Leggere sempre la confezione per scoprire cosa si trova in un analgesico prima dell’uso e per controllare il dosaggio massimo. Non superare mai la dose raccomandata.

    Gli oppioidi sono prescritti per i dolori acuti più estremi, come dopo un intervento chirurgico, ustioni, cancro e fratture ossee. Gli oppiacei sono molto avvincenti, causano sintomi da astinenza e perdono efficacia nel tempo. Hanno bisogno di una prescrizione.

    In gravi situazioni di trauma e dolore, il medico gestirà e gestirà attentamente la dose, riducendo gradualmente il dosaggio per minimizzare i sintomi di astinenza.

    Discutere attentamente tutte le opzioni di trattamento con un medico e comunicare eventuali condizioni e farmaci attuali. BPCO, malattie renali, problemi al fegato, precedenti dipendenze e demenza possono essere seriamente compromesse dagli oppioidi.

    Spesso, un medico può identificare e trattare un disturbo sottostante. Se un’infezione, ad esempio, causa un mal di gola, gli antibiotici rimuovono l’infezione e il dolore scompare.

    Alternative alla terapia

    Una gamma di terapie non farmacologiche può aiutare ad alleviare il dolore.

    Questi includono:

    • Agopuntura: l’uso di aghi in determinati punti di pressione può fornire un effetto analgesico.
    • Blocchi nervosi: queste iniezioni possono intorpidire un gruppo di nervi che agiscono come fonte di dolore per uno specifico arto o parte del corpo.
    • Psicoterapia: questo può aiutare con il lato emotivo del dolore in corso. Il dolore cronico può spesso influenzare il godimento delle attività quotidiane e può portare a non essere in grado di lavorare. Uno psicoterapeuta può aiutare a migliorare la comprensione e mettere in atto cambiamenti nello stile di vita per abilitare queste parti della vita.
    • Stimolazione dei nervi elettrici transcutanei (TENS): la TENS ha lo scopo di stimolare i sistemi di gate oppioidi e del dolore del cervello per fornire sollievo.
    • Chirurgia: vari interventi chirurgici su nervi, cervello e colonna vertebrale sono possibili per alleviare il dolore cronico. Questi includono rizotomia, decompressione e procedure elettriche di stimolazione del cervello profondo e del midollo spinale.
    • Biofeedback: questa è una tecnica mente-corpo. Attraverso il biofeedback, le persone possono imparare a controllare meglio i loro organi e processi automatici, come la frequenza cardiaca, con i loro pensieri.
    • Terapie di rilassamento: copre un’ampia gamma di tecniche ed esercizi di rilassamento controllati, principalmente nel campo della medicina alternativa e complementare. Questo può includere l’ipnosi, lo yoga, la meditazione, la terapia di massaggio, le tecniche di distrazione e il tai chi.
    • Manipolazione fisica: un fisioterapista o chiropratico può a volte aiutare ad alleviare il dolore manipolando la tensione dalla schiena di una persona.
    • Calore e freddo: l’utilizzo di pacchi caldi e freddi può aiutare. Questi possono essere alternati o selezionati in base al tipo di lesione o dolore. Alcuni farmaci hanno un effetto riscaldante se applicati localmente alla parte interessata.
    • Riposo: se il dolore è causato da un infortunio o da un’azione ripetitiva, il riposo può essere l’opzione migliore.

    Con un’efficace gestione del dolore, è possibile mantenere le attività quotidiane, l’impegno sociale e una qualità di vita attiva.

    Like this post? Please share to your friends: