Gentili utenti! Tutti i materiali presenti sul sito consistono in traduzioni da altre lingue. Ci scusiamo per la qualità dei testi, ma confidiamo che possano essere di vostro gradimento. Cordialmente, l'Amministrazione del sito. La nostra e-mail: admin@itmedbook.com

Cos’è il parkinsonismo?

Il parkinsonismo è una malattia che si verifica quando una persona ha sintomi e disfunzioni del cervello comunemente associate al morbo di Parkinson, ma ha anche altri sintomi correlati a una condizione o causa aggiuntiva.

Una persona con Parkinsonismo avrà anche un altro disturbo che causa ulteriori sintomi neurologici, che vanno dalla demenza all’incapacità di guardare su e giù.

La stessa malattia di Parkinson si riferisce alla disfunzione e alla morte cellulare della porzione di cervello che produce dopamina. La dopamina è un neurotrasmettitore – una sostanza chimica che trasmette segnali tra il cervello e le cellule nervose. È parzialmente responsabile della realizzazione di movimenti controllati nel corpo.

In questo articolo, esaminiamo i sintomi del parkinsonismo, come viene diagnosticata la malattia e cosa si può fare per curarlo.

Fatti veloci sul parkinsonismo:

  • I medici chiamano questa malattia il parkinsonismo più o il parkinsonismo atipico.
  • Quando una persona ha il morbo di Parkinson, i suoi movimenti sono significativamente influenzati.
  • Nelle fasi successive della malattia, una persona avrà difficoltà a camminare e avere muscoli molto rigidi e spastici.
  • Il trattamento mirerà a ridurre i sintomi del morbo di Parkinson trattando anche il disturbo di accompagnamento.

Sintomi

signora anziana con parkinsonsismo che guarda fuori da una finestra

Una persona con Parkinsonismo di solito inizia a sviluppare sintomi ovunque tra i 50 e gli 80 anni, secondo l’University of Texas Southwestern Medical Center.

La malattia di Parkinson può causare sintomi variabili e progressivi lungo tutto il suo corso. Alcuni dei sintomi più comuni associati alla malattia includono:

  • difficoltà a mostrare le espressioni facciali
  • rigidità muscolare
  • movimenti rallentati e affetti
  • cambi di discorso
  • tremore, specialmente di una mano

Una persona con parkinsonismo può avere alcuni, ma non tutti, i sintomi sopra elencati. Questo perché hanno anche un disturbo aggiuntivo che influenza il funzionamento del cervello.

Ad esempio, le persone con Parkinsonismo spesso non hanno il tremore alle mani che colpisce molte persone affette dal morbo di Parkinson.

Altri sintomi associati al parkinsonismo includono:

  • demenza
  • problemi con il sistema nervoso autonomo, come problemi con movimenti controllati o spasmi
  • problemi iniziali con equilibrio
  • insorgenza rapida e progressione dei sintomi

Ogni causa alla base del parkinsonismo, come la demenza con corpi di Lewy, ha anche un proprio insieme di sintomi.

Le cause

Il parkinsonismo può essere causato dalla stessa malattia di Parkinson e da un’altra condizione sottostante.

Altre cause associate al parkinsonismo includono:

  • Degenerazione cortico basale: questa condizione provoca demenza e movimenti affetti, di solito da un lato. Una persona potrebbe anche non essere in grado di eseguire movimenti muscolari controllati.
  • Demenza con corpi di Lewy: questa condizione causa cambiamenti nella vigilanza generale e allucinazioni visive. Questa condizione è la seconda causa più comune di demenza dopo la malattia di Alzheimer, secondo Johns Hopkins Medicine.
  • Atrofia multipla del sistema: questa condizione influisce sulla coordinazione e sulla disfunzione autonomica, compresa l’incontinenza intestinale e della vescica.
  • Paralisi sopranucleare progressiva: questa condizione causa demenza, frequenti cadute all’indietro e problemi a muovere gli occhi su e giù in aggiunta ai sintomi della malattia di Parkinson.

Le condizioni di cui sopra sono le quattro cause più comuni di parkinsonismo, secondo University of Texas Southwestern Medical Center. Il numero di persone con queste condizioni è di circa un quarto della quantità di persone che hanno la malattia di Parkinson stessa.

Esiste anche un’altra condizione meno comune chiamata Parkinsonismo vascolare. Questa condizione causa più e piccoli tratti che possono influenzare l’equilibrio, il camminare e la memoria di una persona.

Il parkinsonismo è anche a volte il risultato dell’assunzione di alcuni farmaci. I medici chiamano questa condizione Parkinsonismo indotto da farmaci. Esempi di farmaci che potrebbero causarlo includono aripiprazolo (Abilify), aloperidolo (Haldol) e metoclopramide (Reglan).

Idealmente, se una persona ha il Parkinsonismo indotto da farmaci, può ridurre lentamente il dosaggio di questi medicinali. Tuttavia, ciò potrebbe non essere sempre possibile, e una persona non dovrebbe smettere di prendere un farmaco senza l’approvazione del proprio medico.

Come fanno i medici a diagnosticare il parkinsonismo?

paziente che ha una scansione CT per disturbo di conversione

Non esiste un singolo test per i medici per diagnosticare il parkinsonismo.

Un medico inizierà prendendo la storia della salute di una persona e rivedrà i suoi sintomi attuali. Chiederanno un elenco di farmaci per determinare se alcuni farmaci potrebbero causare i sintomi.

Un medico probabilmente prescriverà anche esami del sangue per verificare le potenziali cause sottostanti, come problemi alla tiroide o al fegato. Un medico ordinerà anche scansioni di imaging per esaminare il cervello e il corpo per altre cause, come un tumore al cervello.

I medici possono eseguire un test che monitora il movimento della dopamina nel cervello. Questo è noto come il test DaT-SPECT.

Il test utilizza marcatori radioattivi progettati per tracciare la dopamina nel cervello. Ciò consente al medico di osservare il rilascio di dopamina nel cervello di una persona e identificare le aree del cervello che lo fanno o non lo ricevono.

Poiché il parkinsonismo non risponde ai trattamenti tipici e può avere una varietà di sintomi, i medici possono avere difficoltà a venire a una diagnosi rapida. Potrebbe essere necessario del tempo prima che i medici escludano altre condizioni e inizino a formulare raccomandazioni terapeutiche.

trattamenti

Uno dei farmaci più comunemente prescritti per il trattamento del morbo di Parkinson è la levodopa. Questo farmaco è correlato alla dopamina e può aumentare la quantità di dopamina disponibile nel cervello.

Tuttavia, le persone con Parkinsonismo non solo hanno problemi a produrre dopamina, ma hanno anche cellule danneggiate o distrutte che non possono rispondere alla dopamina. Di conseguenza, la levodopa potrebbe non funzionare altrettanto bene per ridurre i sintomi.

I medici possono trovare difficile il trattamento del Parkinson perché i sintomi della condizione non rispondono sempre bene o del tutto a farmaci che aumentano la dopamina.

Di conseguenza, i trattamenti per il parkinsonismo dipendono dalla malattia “più” che una persona ha. Ad esempio, se una persona ha degenerazione cortico basale e spasmi muscolari correlati, un medico può prescrivere antidepressivi e iniezioni di tossina botulinica A (BOTOX).

I trattamenti per il parkinsonismo di solito mirano a ridurre i sintomi di una persona ogni volta che è possibile per aiutarli a mantenere l’indipendenza. I medici raccomandano spesso la terapia fisica e occupazionale perché possono aiutare una persona a mantenere i muscoli forti e migliorare l’equilibrio.

prospettiva

Le prospettive per il parkinsonismo dipendono dal tipo di parkinsonismo che una persona ha e dalla rapidità con cui le colpisce.

Secondo il Parkinson’s Disease Clinic and Research Center presso l’Università della California, a San Francisco, il tasso di sopravvivenza per una persona che ha un’atrofia multisistemica è di circa 6 anni dalla diagnosi clinica. Le persone con altri tipi di parkinsonismo possono avere aspettative di vita più o meno lunghe.

L’insorgenza e la progressione dei sintomi del Parkinsonismo tendono ad essere molto più rapidi di quelli del solo morbo di Parkinson. Tuttavia, i ricercatori stanno lavorando ogni giorno per trovare trattamenti per la malattia di Parkinson e il parkinsonismo nella speranza di migliorare la qualità della vita e la riduzione dei sintomi.

Like this post? Please share to your friends: