Gentili utenti! Tutti i materiali presenti sul sito consistono in traduzioni da altre lingue. Ci scusiamo per la qualità dei testi, ma confidiamo che possano essere di vostro gradimento. Cordialmente, l'Amministrazione del sito. La nostra e-mail: admin@itmedbook.com

Cos’è il pus?

Il pus è un liquido ricco di proteine ​​giallo-giallastro, giallo o giallo-marrone chiamato che si accumula nel sito di un’infezione.

Consiste in un accumulo di globuli bianchi morti che si formano quando il sistema immunitario del corpo risponde all’infezione.

Quando l’accumulo è sopra o vicino alla superficie della pelle, si chiama pustola o brufolo. Un accumulo di pus in uno spazio di tessuto chiuso è chiamato un ascesso.

Fatti veloci su pus

  • Il pus è un risultato naturale dell’infezione del corpo.
  • Il pus può essere giallo, verde o marrone e in alcuni casi può avere un cattivo odore.
  • Se compare pus dopo l’intervento, contattare immediatamente un medico.
  • Gli accumuli più piccoli di pus possono essere autogestiti a casa.
  • Accumuli più grandi o meno accessibili di pus possono richiedere un intervento chirurgico e l’applicazione di un canale di drenaggio.

Le cause

Cellule Pus T.

Il pus è il risultato del sistema immunitario naturale del corpo che risponde automaticamente a un’infezione, solitamente causata da batteri o funghi.

I leucociti, o globuli bianchi, sono prodotti nel midollo osseo. Attaccano gli organismi che causano l’infezione.

I neutrofili, un tipo di leucociti, hanno il compito specifico di attaccare funghi o batteri nocivi.

Per questo motivo, il pus contiene anche batteri morti.

I macrofagi, un altro tipo di leucociti, rilevano i corpi estranei e rilasciano un sistema di allarme sotto forma di piccole molecole proteiche di segnalazione cellulare chiamate citochine.

Le citochine allertano i neutrofili e questi neutrofili filtrano dal flusso sanguigno nell’area colpita.

Il rapido accumulo di neutrofili porta infine alla presenza di pus.

Pus dopo l’intervento

Pus è un segno di infezione.

Pus dopo l’intervento chirurgico indica che c’è una complicanza post-chirurgica nella forma di un’infezione.

Le persone che rilevano uno scarico di pus dopo l’intervento chirurgico devono informare immediatamente il medico.

In un paziente con immunità indebolita, il sistema potrebbe non rispondere correttamente. Potrebbe esserci un’infezione senza pus.

Questo può accadere se la persona:

  • sta ricevendo la chemioterapia
  • sta assumendo farmaci immunosoppressori in seguito a un trapianto di organi
  • ha l’HIV
  • ha un diabete scarsamente controllato

Il medico probabilmente prescriverà un antibiotico, forse un unguento per applicazione topica.

Gli antibiotici aiutano i globuli bianchi ad attaccare l’infezione. Questo accelera il processo di guarigione e previene ulteriori complicazioni con l’infezione.

Se c’è un ascesso, potrebbe essere necessario un drenaggio e potrebbe esserci un programma speciale per la cura dell’incisione.

Perché il pus è giallo?

Il colore giallo-biancastro, giallo, giallo-marrone e verdastro del pus è il risultato di un accumulo di neutrofili morti.

Il pus può talvolta essere verde perché alcuni globuli bianchi producono una proteina antibatterica verde chiamata mieloperossidasi.

Un batterio chiamato produce un pigmento verde chiamato piocianina.

Il pus da infezioni causate da è particolarmente maleodorante.

Se il sangue penetra nell’area interessata, il colore giallastro o verdastro potrebbe anche presentare riflessi rossi.

trattamenti

La ragione alla base del pus è l’obiettivo principale per il trattamento e la strategia dipenderà dalla causa.

Trattamenti domiciliari

Se il pus si accumula vicino alla superficie della pelle, come nei brufoli, non è richiesto l’intervento medico. Il pus può essere drenato a casa.

Immergere un asciugamano in acqua tiepida e tenerlo premuto contro il pus infetto per 5 minuti ridurrà il gonfiore e aprirà il brufolo o l’ascesso cutaneo per un processo di guarigione più veloce.

Intervento clinico

Pus ascesso

I pazienti che hanno subito un intervento chirurgico e che notano uno scarico di pus non devono applicare crema antibiotica da banco, alcool o perossido.

Dovrebbero contattare il loro medico o il chirurgo.

Gli ascessi di grandi dimensioni o quelli che sono di difficile accesso dovrebbero essere trattati da un medico.

Il medico tenterà di creare un’apertura in modo che il pus possa fuoriuscire o evacuare. Possono anche essere necessari farmaci.

Il trattamento per rimuovere il pus può essere necessario nei seguenti casi:

Otite media ricorrente o infiammazione dell’orecchio medio: questo può portare a ricorrenti liquidi in eccesso nell’orecchio medio. Uno specialista potrebbe aver bisogno di inserire un occhiello nel timpano per aiutare l’evacuazione di questo fluido.

Passacavi sono piccoli tubi di plastica che vengono inseriti nell’orecchio.

Oltre al drenaggio del fluido, i gommini di protezione consentono anche l’ingresso di aria nello spazio dietro il timpano, riducendo il rischio di un accumulo di liquidi in futuro.

Ascessi: gli antibiotici possono trattare ascessi più piccoli, ma a volte non sono efficaci.

Il medico potrebbe aver bisogno di inserire un canale di drenaggio per aiutare a evacuare rapidamente il pus.

Un drenaggio chirurgico può essere utilizzato per aiutare con la rimozione di pus.

Questa è una struttura tubolare che può o meno essere collegata a una pompa di aspirazione.

Artrite settica: se un’infezione si sviluppa in un’articolazione, o passa da un’altra parte del corpo a un’articolazione, nell’articolazione può verificarsi infiammazione generale e pus.

Dopo aver identificato quale batterio sta causando l’infezione, il medico deciderà su un ciclo di antibiotici somministrati per via endovenosa. Questo può durare molte settimane.

Il drenaggio delle articolazioni può essere necessario per rimuovere il pus.

Un tubo flessibile con una videocamera all’estremità, chiamato artroscopio, viene inserito nell’articolazione attraverso una piccola incisione.

Questo dispositivo guida il medico ad inserire i tubi di aspirazione e drenaggio attorno all’articolazione per estrarre il liquido sinoviale infetto.

L’artrocentesi è una procedura diversa.

Si tratta di rimuovere il fluido infetto con un ago. Il liquido estratto viene esaminato per i batteri e l’artrocentesi si ripete ogni giorno fino a quando non ci sono più batteri nel liquido.

Like this post? Please share to your friends: