Gentili utenti! Tutti i materiali presenti sul sito consistono in traduzioni da altre lingue. Ci scusiamo per la qualità dei testi, ma confidiamo che possano essere di vostro gradimento. Cordialmente, l'Amministrazione del sito. La nostra e-mail: admin@itmedbook.com

Cos’è l’epiglottite?

L’epiglottite è un’infezione batterica che causa l’infiammazione dell’epiglottide molto rapidamente. Se l’epiglottide si gonfia, ciò può causare gravi difficoltà respiratorie. Se le vie aeree si bloccano, può essere fatale.

Il gonfiore può anche derivare da un infortunio. L’epiglottite è talvolta nota come supraglottite.

L’epiglottide è l’aletta alla base della lingua. Impedisce al cibo di scendere nella via sbagliata nella trachea quando mangia.

Perché l’epiglottite è così seria?

La posizione dell’epiglottide è cruciale per la respirazione. Se diventa gonfio, può causare gravi difficoltà alle vie aeree. Per questo motivo viene trattato come un’emergenza medica.

[L'epiglottide ha un ruolo chiave nella digestione e nella respirazione.]

A volte, un epiglottide gonfio può chiudere completamente la trachea e il paziente non può respirare. Questo è noto come ostruzione respiratoria e può bloccare completamente le vie aeree.

È necessario un immediato intervento medico, perché i sintomi possono peggiorare rapidamente e il paziente può morire in poche ore.

L’epiglottite era comune tra i bambini piccoli, prima dell’introduzione del vaccino contro l’HF (hemophilus influenzae type B). Ora ci sono molti meno casi di questo tipo, ma si verificano.

I bambini di età inferiore a 12 mesi, che non hanno ancora completato le tre vaccinazioni per Hib, sono comunque suscettibili. Infiammazioni simili, causate da altri batteri, possono anche portare all’epiglottite.

Secondo i Centers for Disease Control and Prevention (CDC), si registrano mediamente 2.562 infezioni ogni anno, da tutte le fasce d’età.

Si pensa che George Washington sia morto di epiglottite.

Quali sono i sintomi dell’epiglottite?

È probabile che una persona con epiglottite abbia segni di:

  • Febbre
  • Dolore e difficoltà durante la deglutizione
  • sbavando
  • Una voce rauca o ovattata
  • Stridore, un suono acuto quando una persona respira, specialmente quando inspira
  • Grave mal di gola
  • Cianosi, quando la pelle appare blu perché il paziente non riceve abbastanza ossigeno.

Un bambino con l’epiglottite apparirà estremamente malato. Possono avere difficoltà a stabilire un contatto visivo e non essere in grado di riconoscere i loro genitori.

Il bambino può cercare di trovare una posizione che gli consenta di respirare più facilmente, sedendosi piuttosto che sdraiarsi, iperestendendo il collo e spingendo la mascella in avanti.

Che cosa causa l’epiglottite?

L’epiglottite può accadere per una serie di motivi. Qui ce ne sono un po:

  • Infezione batterica da Hemophilus influenzae tipo b (Hib), che può causare epiglottite, meningite e polmonite
  • Altri batteri, come lo streptococco pneumoniae, il tipo che comunemente causa la polmonite
  • I funghi, specialmente negli individui con un sistema immunitario indebolito, sono deboli
  • Varicella
  • Una ferita da ustione, dopo aver ingerito una bevanda molto calda, o inalando fumo o vapore può causare gonfiore, così come un colpo al collo
  • Gli utilizzatori di cocaina crack possono sviluppare epiglottite quando il farmaco inalato o il fumo che ne deriva vengono a contatto con l’epiglottide e i tessuti circostanti

Questi possono tutti causare un gonfiore dell’epiglottide e il rischio associato di problemi respiratori.

Come viene diagnosticata l’epiglottite?

Prima di diagnosticare l’epiglottite, un professionista sanitario si assicurerà le vie respiratorie. Se esiste la possibilità che un paziente possa avere l’epiglottite, verrà somministrato ossigeno.

Un laringoscopio flessibile, un tubo flessibile lungo e sottile con una fotocamera all’estremità può essere utilizzato per diagnosticare la condizione. Il dispositivo viene inserito nella bocca del paziente e nella gola, possibilmente con un anestetico locale per alleviare il disagio.

Possono essere eseguiti i seguenti test:

  • Un esame del sangue, per determinare se un’infezione causa il gonfiore e, in tal caso, di quale tipo
  • Un tampone faringeo, per testare il muco sull’epiglottide
  • Una biopsia, che è un campione di tessuto epiglottico, per testare l’infezione
  • Una scansione a raggi X o CT.

Il trattamento dipenderà dai risultati della diagnosi.

Qual è il trattamento per l’epiglottite?

Una persona con una diagnosi di epiglottite sarà immediatamente ricoverata in ospedale.

[maschera d'ossigeno]

Il team medico assicurerà le vie aeree e si assicurerà che il paziente riceva abbastanza ossigeno, iniziando con una maschera di ossigeno.

Se una maschera di ossigeno non è sufficiente, potrebbe essere necessaria l’intubazione tracheale. Il medico inserirà un tubo nella bocca del paziente o talvolta nel naso. Il tubo passa oltre l’epiglottide e nella trachea, portando ossigeno ai polmoni del paziente.

In casi molto gravi, può essere necessaria una tracheotomia. I chirurghi eseguiranno un’operazione per posizionare un tubo di respirazione direttamente attraverso il collo del paziente e nella trachea, bypassando l’epiglottide.

Il medico farà un’iniezione di antibiotici ad ampio spettro, perché anche se la condizione è dovuta al calore o all’esposizione chimica, c’è ancora il rischio di infezione.

Quando i test diagnostici hanno mostrato esattamente quale tipo di infezione ha la persona, possono essere somministrati farmaci più mirati.

Quali sono le complicanze dell’epiglottite?

La complicazione più pericolosa è l’incapacità di respirare, che è pericolosa per la vita.

Se c’è un’infezione, può diffondersi. Possono svilupparsi otite media, o infezione dell’orecchio interno, polmonite, meningite o pericardite, un’infezione del rivestimento del cuore.

Come viene prevenuta l’epiglottite?

L’Hib è un importante fattore di rischio per l’epiglottite. Tra il 50% e il 65% delle infezioni porta a meningite e il 17% porta all’epiglottide.

L’incidenza dell’epiglottite è diminuita drasticamente da quando il vaccino Hib è diventato di routine per i bambini.

Uno studio suggerisce che solo un bambino è stato identificato con epiglottite da Hib durante il periodo di studio dal 1997 al 2012, rispetto a 24 bambini in uno studio comparabile del 1975-1984.

Questo miglioramento è molto probabilmente dovuto alla vaccinazione Hib.

Il modo migliore per prevenire l’epiglottite consiste nel vaccinare un bambino contro Hib, per proteggere il bambino e gli altri nella comunità.

Like this post? Please share to your friends: