Gentili utenti! Tutti i materiali presenti sul sito consistono in traduzioni da altre lingue. Ci scusiamo per la qualità dei testi, ma confidiamo che possano essere di vostro gradimento. Cordialmente, l'Amministrazione del sito. La nostra e-mail: [email protected]

Cos’è l’ipermagnesemia?

L’ipermagesemia si riferisce a una quantità eccessiva di magnesio nel sangue. È raro e di solito è causato da insufficienza renale o scarsa funzionalità renale.

Il magnesio è un minerale che il corpo utilizza come elettrolita, nel senso che trasporta cariche elettriche intorno al corpo quando si dissolve nel sangue.

Il magnesio ha un ruolo nella salute delle ossa, nella funzione cardiovascolare e nella neurotrasmissione, tra le altre funzioni. La maggior parte del magnesio è immagazzinata nelle ossa.

Che cos’è?

Magnesio.

L’ipermagesemia è rara e si verifica quando circola troppo sangue nel magnesio.

Nelle persone sane, pochissimo magnesio circola nel sangue. I sistemi gastrointestinale (intestino) e renale (rene) regolano e controllano la quantità di magnesio che il corpo assorbe dal cibo e quanto viene escreto nelle urine.

Questi sistemi controllano la quantità di magnesio che il corpo assorbe dal cibo e quanto viene escreto nelle urine.

Un corpo sano mantiene sempre un livello da 1,7 a 2,3 milligrammi per decilitro (mg / dL) di magnesio.

Un livello di magnesio alto è 2,6 mg / dl o superiore.

Le cause

La maggior parte dei casi di ipermagnesiemia si verifica in persone con insufficienza renale. L’ipermagnesiemia si verifica perché il processo che mantiene i livelli di magnesio nel corpo a livelli normali non funziona correttamente nelle persone con disfunzione renale e malattia epatica allo stadio terminale.

Quando i reni non funzionano correttamente, non sono in grado di eliminare il magnesio in eccesso e questo rende la persona più suscettibile a un accumulo di minerali nel sangue.

Alcuni trattamenti per la malattia renale cronica, inclusi gli inibitori della pompa protonica, possono aumentare il rischio di ipermagnesiemia. La malnutrizione e l’alcolismo sono ulteriori fattori di rischio nelle persone con malattia renale cronica.

Altre cause

È raro che qualcuno che ha una normale funzione renale sviluppi ipermagnesemia. Se una persona con una funzione renale sana sviluppa ipermagnesiemia, i sintomi sono generalmente lievi.

Altre cause di ipermagnesiemia includono:

  • terapia al litio
  • ipotiroidismo
  • morbo di Addison
  • sindrome latte-alcali
  • farmaci contenenti magnesio, come alcuni lassativi e antiacidi
  • ipercalcemia ipocalcera familiare

La condizione può anche svilupparsi in qualcuno che è stato trattato per overdose di farmaci con catartici contenenti magnesio.

Le donne che assumono il magnesio come trattamento per la preeclampsia possono anche essere a rischio se la loro dose è troppo alta.

Sintomi

I sintomi dell’ipermagnesiemia includono:

  • nausea
  • vomito
  • compromissione neurologica
  • pressione arteriosa anormalmente bassa (ipotensione)
  • risciacquo
  • mal di testa

Livelli particolarmente elevati di magnesio nel sangue possono causare problemi cardiaci, difficoltà respiratorie e shock. Nei casi più gravi, può provocare il coma.

Diagnosi

Analisi del test del sangue.

L’ipermagesemia viene diagnosticata mediante un esame del sangue. Il livello di magnesio trovato nel sangue indica la gravità della condizione.

Un livello normale di magnesio è compreso tra 1,7 e 2,3 mg / dL. Qualunque cosa al di sopra di questo e fino a circa 7 mg / dL può causare sintomi lievi, inclusi arrossamento, nausea e mal di testa.

Livelli di magnesio compresi tra 7 e 12 mg / dL possono avere un impatto sul cuore e sui polmoni, mentre i livelli nella parte superiore di questo intervallo possono causare affaticamento estremo e bassa pressione sanguigna.

Livelli superiori a 12 mg / dL possono portare a paralisi muscolare e iperventilazione. Quando i livelli sono superiori a 15,6 mg / dL, la condizione può risultare in un coma.

Trattamento

Il primo passo nel trattamento dell’ipermagnesemia è l’identificazione e l’arresto della fonte di magnesio extra.

Un apporto di calcio per via endovenosa (IV) viene quindi utilizzato per ridurre sintomi quali respirazione alterata, battito cardiaco irregolare e ipotensione, nonché l’impatto neurologico.

Il calcio per via endovenosa, i diuretici o le pillole d’acqua possono anche essere usati per aiutare il corpo a liberarsi del magnesio in eccesso.

Le persone con disfunzione renale o coloro che hanno avuto un sovradosaggio di magnesio grave possono richiedere la dialisi se si verificano insufficienza renale o se i livelli di magnesio continuano a salire dopo il trattamento.

Prevenzione

Le persone con problemi renali di base sono a rischio di sviluppare ipermagnesiemia perché i loro reni potrebbero non essere in grado di espellere abbastanza magnesio.

Evitare i farmaci che contengono magnesio può aiutare a prevenire complicazioni. Questo include alcuni antiacidi e lassativi da banco.

I medici sono invitati a testare l’ipermagnesiemia in tutti i reni con prestazioni insufficienti che manifestano i sintomi associati.

prospettiva

Se diagnosticata precocemente, l’ipermagnesiemia è solitamente curabile. Se la funzione renale è normale, i reni possono espellere rapidamente il magnesio in eccesso una volta che la fonte è stata identificata e fermata.

Casi gravi, soprattutto se diagnosticati in ritardo, possono essere più difficili da trattare in quelli con reni danneggiati. La dialisi e il calcio per via endovenosa possono tuttavia arrestare rapidamente i sintomi.

Le persone anziane con disfunzione renale hanno un rischio più elevato di sviluppare gravi complicanze. Le persone gravemente ammalate già ricoverate in ospedale hanno un più alto tasso di morte se diagnosticate con ipermagnesiemia.

Like this post? Please share to your friends: