Gentili utenti! Tutti i materiali presenti sul sito consistono in traduzioni da altre lingue. Ci scusiamo per la qualità dei testi, ma confidiamo che possano essere di vostro gradimento. Cordialmente, l'Amministrazione del sito. La nostra e-mail: admin@itmedbook.com

Cos’è l’ipotiroidismo?

Ipotiroidismo è quando la ghiandola tiroidea non produce abbastanza ormoni tiroidei per soddisfare i bisogni del corpo. La tiroide è insufficiente.

L’opposto è l’ipertiroidismo, in cui la tiroide produce troppo ormone tiroideo. Tuttavia, il legame tra ipertiroidismo e ipotiroidismo è complesso e in certe circostanze si può arrivare all’altro.

Gli ormoni tiroidei regolano il metabolismo o il modo in cui il corpo utilizza l’energia. Se i livelli di tiroxina sono bassi, molte delle funzioni del corpo rallentano.

Circa il 4,6% della popolazione di 12 anni e più negli Stati Uniti ha ipotiroidismo.

La ghiandola tiroidea si trova nella parte anteriore del collo sotto la laringe, o casella vocale, e ha due lobi, uno su ciascun lato della trachea.

È una ghiandola endocrina, costituita da cellule speciali che producono ormoni. Gli ormoni sono messaggeri chimici che trasmettono informazioni agli organi e ai tessuti del corpo, controllando processi come il metabolismo, la crescita e l’umore.

La produzione di ormoni tiroidei è regolata dall’ormone stimolante la tiroide (TSH), che è prodotto dalla ghiandola pituitaria.

Questo, a sua volta, è regolato dall’ipotalamo, una regione del cervello. Il TSH assicura che siano stati fatti abbastanza ormoni tiroidei per soddisfare i bisogni del corpo.

Fatti veloci sull’ipotiroidismo

Ecco alcuni punti chiave sull’ipotiroidismo. Maggiori dettagli e informazioni di supporto sono nell’articolo principale.

  • La tiroide produce due ormoni tiroidei, TS3 e TS4.
  • Questi ormoni regolano il metabolismo del corpo.
  • La causa più comune di ipotiroidismo negli Stati Uniti è la malattia di Hashimoto.
  • I sintomi dell’ipotiroidismo comprendono affaticamento, intolleranza al freddo e dolori articolari e muscolari.

Sintomi

Ipotiroidismo

Gli ormoni tiroidei influenzano più sistemi di organi, quindi i sintomi dell’ipotiroidismo sono di ampia portata e diversi.

La tiroide crea due ormoni tiroidei, triiodotironina (T3) e tiroxina (T4). Questi regolano il metabolismo e influenzano anche le seguenti funzioni:

  • sviluppo del cervello
  • respirazione
  • funzioni cardiache e del sistema nervoso
  • temperatura corporea
  • forza muscolare
  • secchezza della pelle
  • cicli mestruali
  • peso
  • livelli di colesterolo

I sintomi di ipotiroidismo comunemente includono, ma non sono limitati a:

  • fatica
  • aumento di peso
  • intolleranza al freddo
  • battito cardiaco rallentato, movimenti e linguaggio
  • dolore articolare e muscolare, crampi e debolezza
  • stipsi
  • pelle secca
  • capelli sottili o fragili o unghie
  • diminuzione della sudorazione
  • formicolio
  • periodi pesanti o menorragia
  • debolezza
  • colesterolo alto
  • viso, piedi e mani gonfi
  • insonnia
  • equilibrio e problemi di coordinamento
  • perdita di libido
  • infezioni ricorrenti delle vie urinarie e del tratto respiratorio
  • anemia

Se non trattata, possono manifestarsi i seguenti sintomi:

  • raucedine
  • gonfiore in faccia
  • sopracciglia assottigliate o mancanti
  • battito cardiaco lento
  • perdita dell’udito
  • anemia

Se si sviluppa nei bambini o negli adolescenti, i segni e i sintomi sono generalmente gli stessi degli adulti.

Tuttavia, potrebbero anche sperimentare:

  • scarsa crescita
  • sviluppo ritardato dei denti
  • scarso sviluppo mentale
  • pubertà ritardata

Ipotiroidismo si sviluppa lentamente. I sintomi possono passare inosservati per un lungo periodo e possono essere vaghi e generali.

I sintomi variano molto tra gli individui e sono condivisi da altre condizioni. L’unico modo per ottenere una diagnosi concreta è attraverso un esame del sangue.

Trattamento

Il trattamento per l’ipotiroidismo si concentra sull’integrazione dell’ormone tiroideo.

Tiroxina sintetica

Per ricostituire i livelli, i medici prescrivono di solito la tiroxina sintetica, un farmaco identico all’ormone T4.

Il dosaggio è determinato dalla storia, dai sintomi e dal livello attuale di TSH del paziente. I medici monitoreranno regolarmente il sangue del paziente per determinare se il dosaggio del T4 sintetico deve essere regolato.

Sarà richiesto un monitoraggio regolare, ma la frequenza degli esami del sangue diminuirà probabilmente nel tempo.

Iodio e nutrizione

Lo iodio è un minerale essenziale per la funzione tiroidea. La carenza di iodio è una delle cause più comuni dello sviluppo del gozzo o dell’ingrossamento anormale della ghiandola tiroidea.

Mantenere un’adeguata assunzione di iodio è importante per la maggior parte delle persone, ma quelli con malattia tiroidea autoimmune possono essere particolarmente sensibili agli effetti dello iodio, il che significa che può innescare o peggiorare l’ipotiroidismo.

Dovrebbero informare il loro medico se sono sensibili agli effetti dello iodio.

Le persone con ipotiroidismo dovrebbero discutere con il proprio medico di eventuali importanti cambiamenti dietetici, soprattutto quando si inizia una dieta ricca di fibre, o si mangia molta verdura a base di soia o crucifere.

La dieta può influenzare il modo in cui il corpo assorbe i farmaci della tiroide.

Durante la gravidanza, i requisiti di iodio aumentano. L’uso di sale iodato nella dieta e l’assunzione di vitamine prenatali possono mantenere i livelli richiesti di iodio.

L’ipotiroidismo può essere normalmente gestito in modo appropriato seguendo il consiglio di un professionista sanitario qualificato. Con un trattamento appropriato, i livelli di ormone tiroideo dovrebbero tornare alla normalità.

Nella maggior parte dei casi, i farmaci per l’ipotiroidismo dovranno essere assunti per il resto della vita del paziente.

Prevenzione

Non c’è modo di prevenire l’ipotiroidismo, ma le persone che possono avere un rischio maggiore di problemi alla tiroide, per esempio le donne durante la gravidanza, dovrebbero consultare il proprio medico circa la necessità di ulteriore iodio.

Lo screening non è raccomandato per coloro che non hanno sintomi, a meno che non abbiano i seguenti fattori di rischio:

  • una storia di malattia autoimmune
  • precedente radioterapia alla testa o al collo
  • un gozzo
  • storia familiare di problemi alla tiroide
  • uso di farmaci noti per influenzare la funzione tiroidea

Queste persone possono essere testate per i primi segni della condizione.Se i test sono positivi, possono adottare misure per prevenire il progredire della malattia.

Non ci sono prove che una particolare dieta prevenga l’ipotiroidismo e non c’è modo di prevenire l’ipotiroidismo a meno che non si viva in una regione con bassi livelli di iodio nella dieta, ad esempio in alcune parti del Sud-Est asiatico e in Africa.

Dieta

Non è raccomandata una dieta specifica per l’ipotiroidismo, ma gli individui dovrebbero seguire una dieta varia e ben bilanciata che non sia ricca di grassi o sodio.

Inoltre, quelli con Hashimoto autoimmune possono beneficiare di seguire una dieta priva di glutine. La ricerca suggerisce un collegamento tra la malattia celiaca e la malattia autoimmune della tiroide, ed entrambe hanno componenti infiammatorie. Evitare il glutine può aiutare nelle malattie autoimmuni non celiache, ma è importante parlare con un medico prima di tagliare gli alimenti che contengono glutine.

Altri alimenti e sostanze nutritive possono essere pericolosi, specialmente se consumati in grandi quantità.

Questi includono:

  • soia, poiché può influire sull’assorbimento della tiroxina
  • iodio, trovato in alghe e altre alghe e in integratori, compresi alcuni multivitaminici
  • supplementi di ferro, in quanto possono influenzare l’assorbimento della tiroxina
  • le verdure crocifere, come il cavolfiore, il cavolo e il cavolo possono contribuire a un gozzo, ma solo in quantità molto elevate

Il consumo di iodio aggiuntivo può interferire con l’equilibrio coinvolto nel trattamento. Se si sviluppa ipertiroidismo, lo iodio può essere pericoloso.

Eventuali modifiche alla dieta o alla supplementazione devono essere discusse con un medico.

Le cause

Ipotiroidismo può verificarsi se la ghiandola tiroide non funziona correttamente, o se la ghiandola tiroidea non viene stimolata correttamente dall’ipotalamo o dalla ghiandola pituitaria.

La malattia di Hashimoto

La causa più comune di ipotiroidismo negli Stati Uniti è la malattia di Hashimoto, nota anche come tiroidite cronica linfocitaria o tiroidite autoimmune.

La malattia di Hashimoto è una malattia autoimmune, una malattia in cui il sistema immunitario attacca le cellule e gli organi del corpo.

La condizione fa sì che il sistema immunitario attacchi la ghiandola tiroidea, causando infiammazione e interferendo con la sua capacità di produrre ormoni tiroidei.

tiroidite

La tiroidite è un’infiammazione della tiroide. Fa fuoriuscire nel sangue gli ormoni tiroidei, aumentando i loro livelli complessivi e portando all’ipertiroidismo. Dopo 1 o 2 mesi, questo può evolvere in ipotiroidismo.

La tiroidite può essere causata da un’infezione virale o batterica, una condizione autoimmune o successiva alla gravidanza.

Ipotiroidismo congenito

Nei casi di ipotiroidismo congenito, la ghiandola tiroidea non funziona correttamente sin dalla nascita.

Questo può portare a problemi di crescita fisica e mentale, ma un trattamento precoce può prevenire queste complicazioni. La maggior parte dei neonati negli Stati Uniti viene sottoposta a screening per ipotiroidismo.

Chirurgia e trattamento della tiroide come cause di ipotiroidismo

Il trattamento e la chirurgia tiroidea possono portare a ipotiroidismo.

Ipotiroidismo dopo chirurgia della tiroide.

Diverse condizioni come l’ipertiroidismo, i gozzi, i noduli tiroidei e il cancro alla tiroide possono essere curati rimuovendo parzialmente o completamente la ghiandola tiroidea. Ciò può causare ipotiroidismo.

Il trattamento con le radiazioni della tiroide può anche portare all’ipotiroidismo. Lo iodio radioattivo è un trattamento comune per l’ipertiroidismo. Funziona distruggendo le cellule della ghiandola tiroidea e diminuendo la produzione di T4.

Le radiazioni sono anche usate per trattare le persone con tumori della testa e del collo, la malattia di Hodgkin e altri linfomi, che possono causare danni alla ghiandola tiroidea.

medicazione

Un certo numero di farmaci può interferire con la produzione di ormoni tiroidei. Questi includono amiodarone, interferone alfa, interleuchina-2, litio e inibitori della tirosin-chinasi.

Anomalie della ghiandola pituitaria

Se la ghiandola pituitaria smette di funzionare correttamente, la ghiandola tiroidea non può produrre la quantità corretta di ormone tiroideo.

I tumori ipofisari o la chirurgia ipofisaria possono influenzare la funzione della ghiandola pituitaria e questo può influire negativamente sulla ghiandola tiroidea.

La sindrome di Sheehan è una condizione che comporta danni alla ghiandola pituitaria.

Se una donna perde una quantità di sangue pericolosa per la vita o ha una pressione del sangue gravemente bassa durante o dopo il parto, la ghiandola può essere danneggiata, causando la produzione insufficiente di ormoni ipofisari.

Squilibrio di iodio

Lo iodio è necessario per la produzione degli ormoni tiroidei, ma il livello deve essere bilanciato. Troppo o troppo poco iodio può portare a ipotiroidismo o ipertiroidismo.

Rimedi naturali

Alcuni rimedi naturali sono proposti per l’ipotiroidismo, ma è importante parlare prima con un medico, perché il trattamento per i problemi della tiroide deve essere delicatamente equilibrato.

Selenio: le persone con alcuni tipi di problemi alla tiroide possono trarre beneficio dall’assunzione di selenio, ma questo dovrebbe essere usato solo dopo aver discusso con un medico. I ricercatori osservano che “la carenza o l’eccesso di questo micronutriente può essere associato a esiti avversi”. Gli integratori di selenio che non sono raccomandati da un professionista della salute potrebbero essere pericolosi.

Vitamina D: una carenza è stata collegata alla gravità della malattia in Hashimoto. Potrebbe essere necessario un supplemento per raggiungere livelli di vitamina D benefici oltre 50 ng / dL.

Probiotici: alcune persone con ipotiroidismo possono avere cambiamenti nell’intestino tenue, dove i batteri del colon si diffondono nell’intestino tenue dove non si trovano normalmente, noti come crescita eccessiva batterica dell’intestino tenue (SIBO).

In uno studio, 40 pazienti hanno avuto risultati anormali in un test del respiro al glucosio. Dopo aver preso il probiotico per un mese, il risultato del test per 19 partecipanti era normale. Sia gli antibiotici che i probiotici sono risultati efficaci per SIBO.

Inoltre, per quelli con patologie autoimmuni e infiammatorie della tiroide, integratori come la curcuma (contenente almeno 500 mg di curcumina) e gli omega-3 possono aiutare a migliorare l’infiammazione.

Diagnosi

I medici di solito effettuano un esame fisico, prendono una storia medica e vengono inviati a un laboratorio per l’analisi.

Il test del sangue più comune è il test TSH. Questo rileva la quantità di TSH nel sangue.

Se la lettura del TSH è superiore al normale, il paziente può avere ipotiroidismo. Se i livelli di TSH sono inferiori al normale, il paziente può avere ipertiroidismo o ipotiroidismo.

I test degli autoanticorpi tiroidei T3, T4 e della tiroide sono esami del sangue aggiuntivi utilizzati per confermare la diagnosi o determinarne la causa.

Il medico può eseguire un pannello tiroideo completo, testando i livelli di autoanticorpi T3 e T4, TSH e tiroide al fine di stabilire pienamente la salute e l’attività della ghiandola tiroidea.

Ci possono essere anche test per controllare i livelli di colesterolo, gli enzimi epatici, la prolattina e il sodio.

Fattori di rischio

Oltre ad alcuni disturbi e farmaci, altri fattori di rischio includono:

Le persone hanno un rischio maggiore di sviluppare un disturbo della tiroide se hanno condizioni come la sindrome di Turner o malattie autoimmuni come il lupus o l’artrite reumatoide.

Il rischio di ipotiroidismo è più alto nelle persone con una storia familiare di malattie della tiroide e quelle di età superiore ai 60 anni.

Più comunemente colpisce le donne dalla mezza età in poi, ma può verificarsi a qualsiasi età.

Durante e dopo la gravidanza

Gravidanza ipotiroidismo

L’aumento delle richieste di metabolismo durante la gravidanza si traduce in un aumento della domanda sulla tiroide.

In uno studio, l’85% delle donne in gravidanza e in terapia per la sostituzione dell’ormone tiroideo necessitava di un’assunzione aggiuntiva del 47% in media durante la gravidanza.

Se l’ipotiroidismo si verifica durante la gravidanza, di solito è dovuto alla malattia di Hashimoto. Questa condizione colpisce tra 3 e 5 su 1.000 donne durante la gravidanza.

L’ipotiroidismo incontrollato aumenta il rischio di aborto spontaneo, parto pretermine e aumento della pressione sanguigna durante la gravidanza tardiva o preeclampsia.

Può anche influenzare lo sviluppo del cervello e i tassi di crescita.

Le donne che sono state gravide negli ultimi 6 mesi hanno un rischio più elevato di tiroidite e ipotiroidismo.

Like this post? Please share to your friends: