Gentili utenti! Tutti i materiali presenti sul sito consistono in traduzioni da altre lingue. Ci scusiamo per la qualità dei testi, ma confidiamo che possano essere di vostro gradimento. Cordialmente, l'Amministrazione del sito. La nostra e-mail: admin@itmedbook.com

Cos’è la colite collagenica?

La colite collagenica si riferisce a un tipo di colite microscopica caratterizzata da una fitta fascia di collagene sotto il rivestimento del colon.

In questo articolo, scopri i sintomi, le cause e il trattamento della colite collagena.

Cos’è la colite collagenica?

Micrografia ad alto ingrandimento della colite collagenosa. Immagine di credito: Nephron, (2010, 6 novembre)

La colite collagenica è un tipo di colite microscopica, caratterizzata da una fascia spessa e non elastica di collagene sotto il rivestimento del colon. Il collagene è un tipo di proteina strutturale nel corpo.

È descritto come un tipo di colite microscopica perché l’infiammazione che provoca può essere vista solo al microscopio. A differenza della maggior parte delle condizioni infiammatorie intestinali, la colite collagene non è considerata un fattore di rischio per il cancro del colon.

Il termine colite microscopica di solito si riferisce sia alla colite collagenosa che alla colite linfocitica. Entrambe le condizioni condividono gli stessi segni, sintomi, test diagnostici e processo di trattamento.

Alcune ricerche mostrano anche che la colite collagene e la colite linfocitica possono, infatti, essere stadi diversi della stessa condizione.

La colite collagenica è considerata una malattia rara, con la più alta incidenza negli adulti oltre i 45 anni.

Solo a circa 42 su 100.000 persone viene diagnosticata una colite collagenosa.

Sintomi

La gravità, la frequenza e la durata dei sintomi della colite collagenica variano. Le persone con questa condizione possono sperimentare riacutizzazioni quando manifestano sintomi frequenti e periodi di remissione quando hanno pochi o nessun sintomo.

Mentre alcune persone possono avere sintomi dolorosi e invalidanti, altre soffrono solo di un lieve disagio. E, mentre molte persone sperimentano riacutizzazioni che durano pochi giorni o settimane, altre persone hanno sintomi che durano per mesi o anni.

I sintomi più comuni della colite collagenosa includono:

  • diarrea cronica acquosa, non cruenta o feci molli, spesso tra 3 e 20 volte al giorno
  • crampi e dolori addominali
  • disidratazione
  • perdita di peso
  • nausea e vomito
  • gonfiore e gas
  • esaurimento
  • incontinenza fecale o passaggio accidentale delle feci, specialmente di notte
  • nutrizione ridotta
  • anemia

Le cause

Mensola di farmaci confezionati in farmacia.

La colite collagenica colpisce il colon, che è l’intestino crasso. Il colon preleva una miscela liquida di cibo digerito dall’intestino tenue e lo trasforma in uno sgabello solido prima di consegnarlo al retto, per la rimozione dal corpo.

La colite collagenica causa un’infiammazione generale dell’epitelio o dello strato di base delle cellule che rivestono il colon.

Le cellule epiteliali del colon sono vitali per le prestazioni generali dell’organo perché aiutano la digestione e mantengono la relazione tra il sistema immunitario del corpo e le comunità sane dei microbi nell’intestino.

Trilioni di microbi, come batteri e virus, vivono nel tratto gastrointestinale e aiutano la digestione.

Quando le cellule epiteliali del colon sono danneggiate o distrutte, si verificano una varietà di sintomi digestivi. In caso di colite collagenica, lo strato di collagene – una proteina del tessuto connettivo che aiuta a sostenere le cellule epiteliali – diventa circa cinque volte più spesso del normale.

Proprio come molte altre condizioni infiammatorie gastrointestinali, i ricercatori non sono sicuri del motivo per cui la colite collagene si verifica. La maggior parte delle ricerche indica che probabilmente ha una base genetica e può essere correlata ad altre condizioni autoimmuni.

Alcune delle cause proposte di colite collagene includono:

  • anomalie genetiche
  • condizioni autoimmuni, come la celiachia, la malattia di Graves, il morbo di Crohn, la colite ulcerosa, la malattia di Hashimoto, l’artrite reumatoide e la psoriasi
  • alcuni tipi di farmaci
  • condizioni che interferiscono con l’assorbimento degli acidi biliari
  • infezioni batteriche, virali e fungine
  • fumo

Alcuni dei farmaci più comunemente associati allo sviluppo della colite collagene includono:

  • antinfiammatori non steroidei (FANS), come ibuprofene, naprossene e aspirina
  • lansoprazolo (Prevacid)
  • sertralina (Zoloft)
  • acarbose (Prandase, Precose)
  • ranitidina (Tritec, Zantac)
  • ticlopidina (Ticlid)
  • inibitori della pompa protonica (PPI)
  • statine
  • beta-bloccanti
  • inibitori selettivi della ricaptazione della serotonina (SSRI)

Fattori di rischio

Sebbene le persone di qualsiasi età possano sviluppare colite collagenosa, i fattori che possono aumentare il rischio di sviluppare la condizione includono:

  • Avere più di 50 anni. Si stima che il 75% dei casi si sviluppi nelle persone di età pari o superiore a 50 anni, sebbene siano stati segnalati alcuni casi nei bambini.
  • Essere femmina. Le donne hanno maggiori probabilità rispetto agli uomini di sviluppare la colite collagenosa.
  • Fumo.
  • Alcuni farmaci Diversi farmaci gastrointestinali, digestivi, del sonno e dell’umore sono stati collegati alla colite collagenosa.
  • Avere una condizione autoimmune.
  • Storia famigliare. Le persone che hanno una storia familiare di malattie autoimmuni o un tipo di colite hanno maggiori probabilità di sviluppare una colite collagenosa.

Diagnosi

Un gastroenterologo, o un medico specializzato in condizioni digestive e gastrointestinali, di solito diagnostica e tratta la colite collagenosa.

Un gastroenterologo può iniziare eseguendo un esame fisico. Farà quindi domande sulla famiglia e sulla storia medica della persona, nonché sulle abitudini di vita, i modelli alimentari, se fumano o hanno fumato e quali farmaci usano.

Per diagnosticare la colite collagenosa, un gastroenterologo dovrà prendere più biopsie da diverse sezioni del colon.

Una biopsia del colon richiede una colonscopia o una sigmoidoscopia, che comportano l’inserimento di un endoscopio nell’ano. Un endoscopio è un tubo di plastica con una piccola telecamera che consente al medico di vedere all’interno dell’intestino.

Questi campioni di tessuto saranno inviati a un patologo, che analizzerà le biopsie tissutali al microscopio.

Molti medici useranno ulteriori test medici per escludere la presenza di altre condizioni infiammatorie gastrointestinali come parte del processo diagnostico.

Test aggiuntivi includono:

  • analisi del sangue
  • test delle feci
  • Raggi X
  • scansione di tomografia computerizzata (CT)
  • scansione di risonanza magnetica (MRI)

Trattamento

integratori di fibre di psillio in forma di capsule.

Nella maggior parte dei casi, la colite collagenica risponde bene al trattamento. E in alcuni casi, i sintomi si risolvono anche senza intervento medico.

In primo luogo, i medici consiglieranno a una persona di smettere di usare qualsiasi farmaco associato alla colite collagenosa.

Esiste una varietà di farmaci che possono aiutare a ridurre o risolvere i sintomi. La maggior parte degli studi ha trovato che budesonide è una prima linea efficace di terapia per la colite collagene.

Altri farmaci comuni prescritti per aiutare a trattare la colite collagenosa includono:

  • farmaci antidiarroici, comunemente quelli contenenti subsalicilato di bismuto, diphenoxylate o loperamide,
  • integratori per aumentare la massa delle feci, come psillio (Metamucil)
  • colestiramina
  • mesalazina
  • antibiotici

Se i sintomi non migliorano, i medici possono prescrivere:

  • terapie anti-TNF, che bloccano parte della risposta immunitaria
  • immunomodulatori

Di solito alcune scelte di stile di vita aiutano anche a ridurre i sintomi. Questi includono:

  • Smettere di fumare
  • mantenere un peso corporeo sano e la pressione sanguigna
  • esercitarsi regolarmente
  • rimanendo idratato
  • evitando l’uso eccessivo di FANS da banco, come l’ibuprofene e l’aspirina

In rari casi, in genere nei casi in cui i sintomi gravi non hanno risposto ad altre forme di trattamento, un medico può raccomandare un intervento chirurgico per il trattamento della colite collagenosa.

Dieta

Anche se ogni caso di colite collagenica varia, alcuni cibi e sostanze chimiche sono pensati per aumentare la gravità dei sintomi e persino le scintille.

Sebbene vi siano molte informazioni contrastanti su ciò che una persona con colite collagenosa dovrebbe e non dovrebbe mangiare, i seguenti cambiamenti dietetici possono aiutare nell’allentamento dei sintomi e nella riduzione del rischio di complicanze:

  • evitando caffeina e zuccheri artificiali
  • evitare i latticini se la persona è intollerante al lattosio
  • evitando cibi contenenti glutine

È essenziale bere molti liquidi, e questo è particolarmente importante quando qualcuno ha la diarrea.

Le persone con colite collagenosa dovrebbero parlare con un medico o un dietologo per capire quale sarebbe l’approccio migliore da adottare con la dieta.

prospettiva

La colite collagenica è un tipo di colite microscopica che causa periodi di diarrea acquosa e non cruenta che può durare per giorni o mesi.

È diverso da altre forme di malattia infiammatoria intestinale (IBD) perché il colon appare normale su una colonscopia e mostra solo segni di infiammazione al microscopio. È contrassegnato da uno spesso strato di collagene sotto il rivestimento del colon.

I sintomi sono in genere intermittenti, il che significa che la maggior parte delle persone sperimenta riacutizzazioni per un periodo seguito da un periodo senza sintomi.

I sintomi della colite collagenosa possono essere scomodi e possono portare a disidratazione e malnutrizione. Tuttavia, i sintomi possono essere gestiti con farmaci e aggiustamenti dietetici.

A differenza di altri tipi di condizioni infiammatorie gastrointestinali, la colite collagena non è pensata per aumentare il rischio di cancro al colon.

Like this post? Please share to your friends: