Gentili utenti! Tutti i materiali presenti sul sito consistono in traduzioni da altre lingue. Ci scusiamo per la qualità dei testi, ma confidiamo che possano essere di vostro gradimento. Cordialmente, l'Amministrazione del sito. La nostra e-mail: admin@itmedbook.com

Cos’è la fenciclidina (PCP) o polvere di angelo?

La fenciclidina, o PCP, nota anche come “polvere d’angelo”, è un farmaco psichedelico illegale che induce allucinazioni e produce una sensazione di distacco da se stessi e dall’ambiente circostante.

Originariamente sviluppato negli anni ’50 come anestetico chirurgico, il farmaco fu presto interrotto dopo che si scoprì che causava agitazione e mania, allucinazioni e pensiero irrazionale nei pazienti che ne seguivano l’uso.

Gli effetti psichiatrici variano ampiamente, ma è considerato pericoloso e il suo uso è stato collegato a azioni violente e aggressive, psicosi e al rischio di morte accidentale. Un sovradosaggio può essere pericoloso per la vita.

Fatti veloci su PCP

Ecco alcuni punti chiave su PCP. Maggiori dettagli sono nell’articolo principale.

  • PCP è un programma II, una droga allucinogena. Un allucinogeno altera la percezione sensoriale, l’umore e i modelli di pensiero.
  • Ha effetti psicologici ed è stato collegato a comportamenti bizzarri, violenti e psicotici.
  • L’interruzione improvvisa dell’uso di PCP porterà a sintomi di astinenza, inclusi desiderio e depressione.
  • Il ricovero è spesso necessario per aiutare qualcuno a smettere di usare PCP.

Cos’è PCP?

Allucinazione

Il PCP è apparso sul mercato negli anni ’50 come anestetico e tranquillante noto come Sernyl. Fu interrotto nel 1967 e limitato al solo uso veterinario.

Nel 1979, la produzione legale di PCP negli Stati Uniti (Stati Uniti) è stata sospesa.

È ora una sostanza controllata da Schedule II negli Stati Uniti, perché comporta un elevato potenziale di abuso e può portare a una grave dipendenza psicologica o fisica. Una persona può essere imprigionata per averla fatta, distribuita, posseduta e utilizzata.

È fatto illegalmente in laboratori segreti, insieme a decine di analoghi (farmaci chimicamente simili) disponibili per strada. Si pensa che venga prodotto principalmente negli Stati Uniti (Stati Uniti), principalmente nella California meridionale, ma è distribuito in tutto il paese.

I seguenti sono i nomi delle strade per PCP:

  • polvere d’angelo
  • Tranquillante elefante
  • Liquido per imbalsamazione
  • Maiale
  • Ozono
  • Wack
  • Giunti killer
  • La pillola di PeaCe
  • Carburante per missili
  • Supergrass

PCP è una polvere bianca cristallina e dall’aspetto amaro che si dissolve rapidamente in acqua o alcool. Si trova anche in forma di compresse o capsule.

Gli utenti possono fumare, sniffare, deglutire o iniettare PCP. Piante frondose come menta, prezzemolo o marijuana vengono spesso spruzzate con la sostanza chimica, oppure un giunto laminato viene immerso in una soluzione PCP e poi affumicato.

Cosa succede quando qualcuno prende PCP?

PCP colpisce più sistemi di neurotrasmettitori nel cervello. Inibisce la ricaptazione di dopamina, norepinefrina e serotonina.

Inoltre inibisce l’azione del glutammato bloccando i recettori NMDA, che sono responsabili della sensazione di dolore, emozioni, apprendimento e funzioni di memoria.

L’interruzione di questi recettori consente al cervello di disconnettersi dalle normali esperienze sensoriali o dalla “realtà”. In dosi più elevate, tuttavia, può anche eccitare questi recettori.

Una dose tipica è compresa tra 5 e 10 milligrammi e 10 mg sono stati segnalati come causa di stupore. Gli effetti si avvertono da 30 a 60 minuti dopo l’ingestione orale o pochi minuti dopo il fumo. Gli effetti immediati durano dalle 4 alle 6 ore, ma il ritorno a uno stato normale può richiedere fino a 24 ore.

Tuttavia, poiché il farmaco viene prodotto illegalmente in condizioni incontrollate, non c’è modo di sapere quanto viene preso o quale sarà l’effetto.

Effetti a breve termine

Gli effetti del PCP variano a seconda della quantità di farmaco assunto e del modo in cui viene assunto.

Un individuo può usare PCP perché produce euforia, effetti psichedelici e un senso di calma. Tuttavia, potrebbero verificarsi effetti che non desiderano.

Subito dopo aver assunto una dose bassa, potrebbe esserci un aumento della pressione sanguigna, della temperatura corporea e della frequenza cardiaca.

Una dose maggiore avrà l’effetto opposto, riducendo la pressione sanguigna, la frequenza cardiaca e la respirazione.

PCP può causare l’esperienza di una persona:

  • euforia
  • suono, immagine e distorsione del corpo
  • depersonalizzazione o sentimenti di distacco
  • perdita di equilibrio e coordinamento
  • perdita di sensibilità e incapacità di provare dolore
  • ansia acuta, agitazione e sbalzi d’umore
  • sentimenti di rovina imminente
  • intorpidimento delle braccia e delle gambe

Altre persone potrebbero notare che l’utente sta mostrando:

  • scarsa coordinazione e un’andatura incerta
  • occhi iniettati di sangue e movimenti oculari rapidi
  • discorso impacciato o confuso, o difficoltà a parlare
  • confusione e disorientamento
  • uno sguardo vuoto
  • stupore o mancanza di movimento
  • combattività o aggressività
  • comportamento bizzarro

Possono essere sbavando.

Può anche portare a:

  • muscoli rigidi
  • deliri
  • amnesia o perdita di memoria
  • brividi e sudorazione
  • battito cardiaco irregolare e bassa pressione sanguigna
  • tasso respiratorio ridotto
  • vertigini, nausea e vomito

Alte dosi possono portare a:

  • convulsioni
  • coma
  • danno ai muscoli scheletrici, noto come rabdomiolisi.
  • Morte

Cattive capacità di giudizio e ragionamento, psicosi, paranoia e azioni autoinflitte o violente possono verificarsi in coloro che sono già inclini a questi comportamenti. La persona può sviluppare un tipo di psicosi simile a quella vista nella schizofrenia.

Un senso di super forza e invulnerabilità, combinato con l’incapacità di provare dolore e scarsa capacità di giudizio, può portare a lesioni gravi.

Gli utenti di PCP vengono spesso portati nei pronto soccorso a causa dei gravi effetti psicologici della droga e dei comportamenti violenti o suicidi.

L’ingestione di PCP con altri depressivi del sistema nervoso centrale (SNC), come l’alcol o i tranquillanti prescritti, può portare al coma.

Un avvelenamento da PCP grave può verificarsi anche se un individuo, nel tentativo di nascondere il farmaco alle autorità, ingerisce ingenti quantità dovute al riempimento del corpo o all’imballaggio.

Gli effetti possono essere difficili da prevedere, perché la produzione e la vendita sono illegali e quindi non controllate.

Rischi per la salute a lungo termine

Gli effetti a lungo termine includono:

  • balbuzie e difficoltà a parlare
  • problemi con il ragionamento e la memoria
  • ansia e depressione
  • pensieri suicidi
  • isolamento sociale e ritiro
  • flashback

Questi possono durare fino a un anno.

Alcune persone possono sperimentare flashback e allucinazioni per molto tempo dopo aver usato PCP. Questo è noto come disturbo percettivo persistente indotto da allucinogeno (HPPD).

La psicosi tossica può anche svilupparsi, causando ostilità, paranoia e delusioni negli utenti.

Questi problemi possono persistere fino a un anno o più dopo che un individuo ha smesso di usare PCP.

La dipendenza può anche svilupparsi, come una persona costruisce una tolleranza al farmaco. La dipendenza e i relativi problemi di salute mentale rendono difficile il funzionamento sociale, finanziario e professionale. Questo può portare a ulteriori complicazioni.

Ritiro e trattamento

Il primo passo verso il ritiro dal PCP è cercare una terapia di supporto.

L’interruzione improvvisa di PCP può provocare sintomi da astinenza. Chiunque cerchi un recupero dall’uso del PCP avrà bisogno di supervisione medica e possibilmente di ricovero ospedaliero.

I sintomi di astinenza includono:

  • brama
  • confusione
  • depressione

Mentre doloroso, il ritiro dal PCP non è in pericolo di vita. Il recupero richiede del tempo, tuttavia, poiché la persona avrà bisogno di supporto mentre apprende le competenze necessarie per una vita libera dalla droga.

Quelli con problemi comportamentali persistenti o effetti psicologici angoscianti possono richiedere una valutazione psichiatrica e un trattamento per problemi di salute mentale.

Il comportamento di una persona che usa PCP può essere pericoloso per se stesso e per gli altri. È importante che la persona cerchi aiuto, o che i suoi cari intervengano, se possibile.

Può valere la pena chiedere ad una persona professionalmente preparata di avvicinarsi alla persona amata, poiché può essere difficile per le famiglie intervenire.

Si raccomanda il trattamento con un centro di riabilitazione dalla droga o da un professionista della dipendenza.

La linea di fondo

L’entità dell’uso di PCP sembra diminuire. Nel 1979, il 13% degli studenti delle scuole superiori affermava di aver provato PCP. Nel 1990, questa cifra era scesa al 3%.

I risultati di un’indagine nazionale sull’uso e la salute delle droghe, pubblicata da SAMHSA (“Abuso di sostanze stupefacenti” e “Mental Health Services Administration”), mostrano che, nel 2015, lo 0,2 per cento dei bambini di età compresa tra i 12 ei 17 anni aveva provato in qualche momento della loro vita.

Nonostante questo calo del suo utilizzo, il PCP è ancora fonte di preoccupazione per le autorità sanitarie e le agenzie farmaceutiche.

Chiunque sia interessato all’uso di sostanze dovrebbe parlare con il proprio medico di base. Un medico può essere d’aiuto in caso sia necessario un trattamento medico, e può anche riferire una persona ai servizi locali disponibili o ai gruppi di supporto.

Il sito Web SAMHSA può indirizzarti a linee di assistenza telefonica e altra assistenza.

Like this post? Please share to your friends: