Gentili utenti! Tutti i materiali presenti sul sito consistono in traduzioni da altre lingue. Ci scusiamo per la qualità dei testi, ma confidiamo che possano essere di vostro gradimento. Cordialmente, l'Amministrazione del sito. La nostra e-mail: admin@itmedbook.com

Cos’è la medicina nucleare?

Le radiazioni sono utilizzate in medicina nucleare e radiologia. Nella medicina nucleare vengono introdotti nel corpo materiali radioattivi noti come radioisotopi o radiofarmaci. In radiologia, i raggi X entrano nel corpo dall’esterno.

Secondo il Center for Nuclear Science and Technology Information, circa un terzo di tutte le procedure utilizzate negli ospedali moderni coinvolgono radiazioni o radioattività. Le procedure offerte sono efficaci, sicure e indolori e non necessitano di anestesia.

Medicina nucleare nella diagnosi

[radiologo]

La medicina nucleare viene utilizzata per diagnosticare un’ampia gamma di condizioni.

Il paziente inalerà, deglutirà o sarà iniettato con un radiofarmaco. Questo è un materiale radioattivo. Dopo aver assunto la sostanza, il paziente si sdraierà normalmente su un tavolo, mentre una fotocamera scatta foto.

La telecamera si concentrerà sull’area in cui è concentrato il materiale radioattivo, e questo mostrerà al medico che tipo di problema c’è e dove si trova.

Tipi di tecniche di imaging includono tomografia a emissione di positroni (PET) e tomografia computerizzata a emissione di singolo fotone (SPECT).

Le scansioni PET e SPECT possono fornire informazioni dettagliate su come funziona un organo del corpo.

Questo tipo di imaging è particolarmente utile per diagnosticare la malattia della tiroide, la cistifellea, le condizioni cardiache e il cancro. Può anche aiutare a diagnosticare la malattia di Alzheimer e altri tipi di demenza e le condizioni del cervello.

In passato, diagnosticare i problemi interni spesso aveva bisogno di un intervento chirurgico, ma la medicina nucleare lo rende inutile.

Dopo la diagnosi e quando inizia il trattamento, PET e SPECT possono mostrare quanto bene funzioni il trattamento.

PET e SPECT offrono anche nuove informazioni sulle condizioni psichiatriche, i disturbi neurologici e la dipendenza.

Altri tipi di imaging coinvolti nella medicina nucleare includono ultrasuoni molecolari mirati, che sono utili per individuare diversi tipi di cancro e per evidenziare il flusso sanguigno; e l’ecografia a risonanza magnetica, che ha un ruolo nella diagnosi del cancro e dei disordini metabolici.

Medicina nucleare in trattamento

[primo piano di un dottore che consegna a un paziente alcune pillole]

Le tecniche radioattive sono anche utilizzate nel trattamento. Gli stessi agenti utilizzati nell’imaging nucleare possono essere utilizzati per fornire un trattamento. Il radiofarmaco può essere ingerito, iniettato o inalato.

Un esempio è lo iodio radioattivo (I-131). È stato usato per oltre 50 anni per curare il cancro alla tiroide e l’ipertiroidismo o una tiroide iperattiva. Ora, è anche usato per trattare il linfoma non Hodgkin e il dolore osseo da alcuni tipi di cancro.

La terapia con radionuclidi mirati allo iodio-131 (I-131) (TRT) introduce lo iodio radioattivo nel corpo. Come le cellule della tiroide o le cellule tumorali assorbono questa sostanza, le uccide. I-131 può essere somministrato in capsule o in forma liquida.

In futuro, potrebbe essere possibile incorporare la chemioterapia in agenti di imaging del farmaco che si attaccheranno solo alle cellule tumorali. In questo modo, la chemioterapia ucciderebbe solo le cellule bersaglio e non il tessuto sano vicino. Ciò ridurrebbe alcuni degli effetti avversi della chemioterapia.

La radioimmunoterapia (RIT) combina la medicina nucleare (radioterapia) con l’immunoterapia. L’immunoterapia è un trattamento che imita l’attività cellulare nel corpo. La combinazione dei due tipi di trattamento significa che la medicina nucleare può essere indirizzata più direttamente alle cellule che ne hanno bisogno.

Sono usati vari radionuclidi. Il più comune è l’I-131 o la terapia con iodio radioattivo (RAI). Altre opzioni includono 90Y-ibritumomab tiuxetan, o Zevalin, che viene usato per trattare diversi tipi di linfoma. 131-I-tositumomab, o Bexxar, è usato per trattare il linfoma e il mieloma multiplo.

Esperti in nanotecnologia, chimica avanzata dei polimeri, biologia molecolare e ingegneria biomedica stanno studiando i modi per consegnare i farmaci al sito corretto senza influenzare i tessuti circostanti.

La teranostica è un approccio che integra le tecniche di medicina nucleare per la diagnosi e l’imaging con quelle per il trattamento. Combinando i vettori di targeting molecolare, come i peptidi, con i radionuclidi, può dirigere la sostanza radioattiva nell’area target per diagnosticare e somministrare il trattamento allo stesso tempo.

Cosa aspettarsi

Una persona che sta andando per la diagnosi o il trattamento con la medicina nucleare dovrebbe essere sicuro di informare il personale sanitario se sono incinta o allattamento, o se possono essere incinta.

Imaging nucleare

Il paziente potrebbe dover indossare un abito, o potrebbe essere in grado di indossare i propri vestiti, ma dovranno rimuovere gioielli e altri accessori in metallo.

Terapia

[signora con un tè e un natter nella sua tromba delle scale]

Quando un paziente ha un trattamento per la tiroide con I-131, non viene utilizzata alcuna attrezzatura speciale.

Una singola dose preparata sarà presa per via orale. Questo è un trattamento di una volta.

Il paziente non deve mangiare o bere dopo la mezzanotte del giorno del trattamento. Se il trattamento è per un problema di tiroide, il medico di solito gli consiglierà di interrompere l’assunzione di farmaci per la tiroide regolari tra i 3 e i 7 giorni prima del trattamento.

Il paziente può essere in grado di tornare a casa dopo la dose, oppure potrebbe dover stare una notte in ospedale.

Tuttavia, poiché il corpo non assorbirà tutto lo iodio radioattivo, continuerà a lasciare il corpo nei prossimi 2 o 5 giorni.

L’individuo dovrebbe evitare il contatto con altre persone per quanto possibile, e specialmente con neonati e donne incinte.

Ciò potrebbe significare prendere tempo libero dal lavoro. Dovrebbero anche preparare il proprio cibo, evitare di dormire con un’altra persona, lavare il gabinetto due volte dopo l’uso e lavare i vestiti e il bucato separatamente.

La maggior parte dello iodio lascerà il corpo attraverso l’urina, ma viene anche espulso attraverso lacrime, sudore, saliva, perdite vaginali e feci.

Si consiglia alle donne di evitare una gravidanza per 6-12 mesi dopo il trattamento.

Chiunque intenda viaggiare immediatamente dopo il trattamento dovrebbe ricevere una lettera dal medico, in quanto la radioattività potrebbe comparire sulle macchine di scansione negli aeroporti.

Sicurezza nella medicina nucleare

Troppe radiazioni possono potenzialmente danneggiare organi o tessuti o aumentare il rischio di cancro.

Tuttavia, se usato per la diagnosi, il livello di esposizione alle radiazioni è all’incirca uguale a quello che una persona riceve durante una radiografia del torace di routine o una TAC. Di conseguenza, le procedure di medicina nucleare e di imaging sono considerate non invasive e relativamente sicure. La loro efficacia nella diagnosi della malattia significa che i benefici superano in genere i rischi.

Il trattamento con la medicina nucleare comporta dosi maggiori di materiale radioattivo.

Ad esempio, una scansione polmonare di medicina nucleare esporrà una persona a 2 millisievert (mSv) di radioattività, mentre il trattamento del cancro esporrà un tumore a 50.000 mSv.

Questa dose aggiuntiva può influenzare il paziente e sono possibili effetti collaterali.

Tuttavia, poiché il trattamento spesso si rivolge a malattie potenzialmente fatali, i benefici tendono a superare i rischi.

Con il progredire della tecnologia, gli scienziati sperano che i trattamenti saranno più diretti verso il tumore o la malattia e meno probabilità di colpire la persona nel suo insieme.

La Nuclear Regulatory Commission (NRC) e la Food and Drug Administration (FDA) statunitense regolano da vicino l’uso di materiali radioattivi per la medicina nucleare per garantire la sicurezza dei pazienti.

Like this post? Please share to your friends: