Gentili utenti! Tutti i materiali presenti sul sito consistono in traduzioni da altre lingue. Ci scusiamo per la qualità dei testi, ma confidiamo che possano essere di vostro gradimento. Cordialmente, l'Amministrazione del sito. La nostra e-mail: admin@itmedbook.com

Cos’è la scleroterapia?

La scleroterapia è una forma di trattamento in cui un medico inietta la medicina nei vasi sanguigni o nei vasi linfatici che li fa contrarre. È comunemente usato per trattare le vene varicose o le cosiddette vene del ragno.

La procedura è non chirurgica e richiede solo un’iniezione. Può anche essere usato per trattare i disordini del sangue e dei vasi linfatici che causano la formazione scorretta di questi vasi.

La scleroterapia utilizza una soluzione irritante chiamata sclerosante, che viene iniettato direttamente in una vena o in un vaso linfatico. La soluzione irrita la nave, facendola gonfiare. Questo gonfiore elimina il flusso di sangue o fluido linfatico e la nave si restringe.

Varie forme di scleroterapia sono in circolazione dal 19 ° secolo, ma le tecniche sono migliorate negli ultimi decenni.

In questo articolo, diamo uno sguardo agli usi della scleroterapia, cosa aspettarci da questo trattamento, così come durante il periodo di recupero.

Quali condizioni tratta la scleroterapia?

Scleroterapia eseguita su vene varicose in piedi.

La scleroterapia è più spesso usata per trattare le vene varicose. Le vene varicose sono anche conosciute come insufficienza venosa cronica.

Le vene varicose si verificano quando le vene si gonfiano e si gonfiano, di solito nelle gambe. Ciò è dovuto a pareti venose deboli che, a loro volta, indeboliscono le valvole venose. Di conseguenza, il sangue accumula le vene, facendole gonfiare e apparire diverse.

Le vene varicose possono essere dolorose e possono causare problemi alla pelle, comprese le eruzioni cutanee. Riducendo le vene, la scleroterapia riduce gli effetti del danno venoso, rendendo le vene varicose meno visibili e meno dolorose.

La scleroterapia è anche usata per trattare alcune altre condizioni, tra cui:

  • Vasi linfatici malformati Si tratta di vasi che trasportano fluido linfatico o linfa, che aiuta il sistema immunitario a combattere le infezioni.
  • Emorroidi. La scleroterapia può essere utilizzata quando altri trattamenti falliscono. Le emorroidi si verificano quando i vasi sanguigni, circondando il retto, si gonfiano e si irritano, causando dolore e rendendo i movimenti intestinali a disagio.
  • Idroceli. Un idrocele è uno sviluppo malsano di fluido in una cavità del corpo. Gli idroceli sono comuni nei testicoli.

Quando considerare la scleroterapia

Non tutti coloro che hanno vene varicose o un’altra condizione che può essere trattata con scleroterapia devono avere la procedura. Le persone dovrebbero discutere i loro sintomi e le opzioni di trattamento con il proprio medico per decidere se è necessario.

Altri trattamenti possono essere più convenienti e meno invasivi. Le emorroidi, ad esempio, spesso rispondono bene ai trattamenti senza ricetta medica. Questo può includere cambiamenti nello stile di vita, come mangiare più fibre e non affaticare quando si ha un movimento intestinale.

Le persone con le vene dei ragni dovrebbero prendere in considerazione la scleroterapia quando:

  • le vene sono dolorose
  • le gambe sono dolenti o pesanti
  • la pelle delle gambe o dei piedi è chiazzata o secca
  • c’è un’eruzione cutanea vicino alle vene

Cosa aspettarsi dalla scleroterapia

scleroterapia

La scleroterapia richiede una consultazione con un medico per valutare la vena problematica o il vaso linfatico. La scleroterapia per le vene varicose viene di solito eseguita nell’ufficio di un dermatologo o di uno specialista di vena.

La procedura solitamente non richiede l’anestesia o alcuna preparazione speciale. Le persone dovrebbero seguire le istruzioni del medico prima dell’intervento poiché potrebbe essere necessario evitare lozioni o oli in anticipo.

Durante il trattamento, la persona si trova sulla schiena con le gambe alzate. Un medico pulisce l’area, quindi inserisce un piccolo ago nella vena. L’ago potrebbe pizzicare.

Il medico inietta la vena con una soluzione irritante. L’individuo può sentire bruciore, formicolio o niente del tutto.

Quando l’iniezione è completa, il medico massaggia l’area per impedire al sangue di rientrare nella vena. L’individuo potrebbe aver bisogno di indossare un cuscinetto o calze a compressione nella zona.

Nella maggior parte dei casi, qualcuno avrà bisogno di un trattamento di follow-up per far crollare completamente una vena. Se ci sono molte vene varicose, numerosi trattamenti possono essere l’unico modo per sbarazzarsi di loro.

Dopo il trattamento, le persone dovrebbero rimanere attive per prevenire la formazione di coaguli di sangue. La maggior parte dovrà anche evitare la luce solare, che può causare macchie scure sulla zona trattata.

Alcune persone provano tenerezza o lividi sul sito dell’iniezione, ma il recupero è altrimenti relativamente facile.

Rischi di scleroterapia

La scleroterapia è una procedura sicura. È un’opzione meno invasiva e rischiosa rispetto alla chirurgia, in quanto non richiede l’anestesia.

La ricerca suggerisce che rimuove efficacemente le vene del ragno nel 75-90 percento dei casi, ma in genere richiede trattamenti multipli. Quando la scleroterapia non funziona, potrebbero essere necessari ulteriori trattamenti, incluso un intervento chirurgico.

Le reazioni negative più comuni alla scleroterapia includono lividi, arrossamento e dolore vicino alla vena iniettata. Circa un terzo delle persone sviluppa piccoli rami di vasi sanguigni che circondano la vena iniettata. Queste navi di solito scompaiono da sole.

Meno frequentemente, un individuo può manifestare reazioni allergiche alla soluzione, bruciore nella vena e cambiamenti nel colore della pelle.

Piccole bolle d’aria dall’ago possono anche entrare nel flusso sanguigno, causando cambiamenti nella visione, mal di testa e nausea.

Molto raramente si può formare un coagulo di sangue nella vena trattata. I coaguli di sangue possono viaggiare in aree del corpo e diventare pericolosi per la vita se non trattati. Se un coagulo di sangue si muove, può causare un’embolia.

Le persone dovrebbero cercare un trattamento di emergenza se avvertono dolore toracico, difficoltà di respirazione o vertigini dopo la scleroterapia.

Costi e copertura assicurativa

La copertura assicurativa per la scleroterapia dipende dal fatto che un assicuratore ritenga che la procedura sia necessaria dal punto di vista medico.

Quando le vene del ragno sono solo una preoccupazione estetica, l’assicurazione potrebbe non coprire la procedura. Alcuni assicuratori potrebbero richiedere alle persone di provare altre procedure prima di provare la scleroterapia, come la crioterapia per congelare le vene.

Quando la scleroterapia è utilizzata per un’altra condizione, come le emorroidi, è coperta se è necessaria dal punto di vista medico. Ciò potrebbe richiedere al medico di dimostrare che altri trattamenti hanno fallito o che la scleroterapia è probabilmente il trattamento più sicuro ed efficace.

Alternative alla scleroterapia

terapia laser per le vene varicose

Non tutte le vene malformate richiedono un trattamento. Quando non ci sono altri sintomi, è sicuro monitorare le vene per vedere se peggiorano o iniziano a causare altri sintomi.

I cambiamenti dello stile di vita possono impedire alle vene di peggiorare e prevenire lo sviluppo di nuove vene varicose. Altre strategie di trattamento possono includere:

  • crioterapia o congelamento delle vene
  • terapia laser, usando la luce per sbiadire le vene
  • ablazione delle vene, usando il calore su una vena malformata
  • chiudere la vena con un intervento chirurgico
  • rimuovere chirurgicamente le vene nei casi più gravi

Porta via

La scleroterapia è di solito una procedura minore e non invasiva per correggere le vene fastidiose. Le prospettive per le persone dopo la scleroterapia sono buone poiché gli effetti collaterali gravi sono rari ed efficaci.

Le persone che sono preoccupate dei rischi e dei benefici della scleroterapia dovrebbero discutere la procedura con un medico e valutare la possibilità di cercare una seconda opinione. È anche consigliabile contattare un assicuratore per sapere se la procedura è coperta.

Like this post? Please share to your friends: