Gentili utenti! Tutti i materiali presenti sul sito consistono in traduzioni da altre lingue. Ci scusiamo per la qualità dei testi, ma confidiamo che possano essere di vostro gradimento. Cordialmente, l'Amministrazione del sito. La nostra e-mail: admin@itmedbook.com

Cos’è lo spray al peperoncino ed è pericoloso?

Lo spray al peperoncino è comunemente usato dalle forze dell’ordine e dalle agenzie di correzione negli Stati Uniti per aiutare a sottomettere e arrestare le persone il cui comportamento è violento o non cooperativo. Gli individui possono anche usarlo per difendersi da attacchi umani o animali.

Il suo uso è a volte controverso.

Che cos’è?

Lo spray al peperoncino è un agente lacrimogeno. Ciò significa che fa lacrimare gli occhi. Lo spray al pepe si basa su un olio noto come oleoresina capsico. La capsaicina, l’agente infiammatorio nell’olio, è la stessa sostanza chimica che rende i peperoncini piccanti. Ma in spray al peperoncino, è presente ad una concentrazione molto più alta.

Come si confronta la concentrazione di capsaicina in spray al pepe con quella dei peperoni domestici?

[peperoni jalapeno]

Il calore di un peperone misura 0 sulla scala delle unità di calore Scoville, che viene utilizzata per misurare il “calore” dei peperoni. Un peperoncino jalapeño porta da 2.500 a 5.000 nella stessa scala.

Lo spray al peperoncino, tuttavia, varia da 2 milioni di unità per uso di autodifesa commerciale a 5,3 milioni di unità Scoville per spray al pepe di polizia.

Questo stesso ingrediente costituisce anche la base dello spray dell’orso, che riduce gli attacchi durante gli incontri umani con gli orsi.

Tuttavia, la concentrazione di capsaicina negli spray da orso è solo dell’1% -2%. Gli spray al pepe utilizzati nelle forze dell’ordine hanno un contenuto di capsaicina compreso tra il 10 e il 30 percento. Di conseguenza, il suo spiegamento è stato spesso controverso, in particolare se usato contro i manifestanti civili, come nelle proteste di Occupy Wall Street del 2011.

Lo spray al peperoncino è classificato come agente antisommossa ed è vietato per l’uso in guerra dall’articolo I.5 della Convenzione sulle armi chimiche.

Effetti fisici

Quando una persona entra in contatto con spray al peperoncino, i loro occhi si chiuderanno immediatamente. Sperimenteranno una sensazione di “ribollimento” o “ebollizione”, seguita da temporanea cecità e dolore agli occhi. Gli effetti durano dai 30 ai 45 minuti, a seconda della forza della soluzione spray.

Lo spray al peperoncino può anche bruciare la gola, causare sibili, tosse secca, mancanza di respiro, soffocamento, ansimante e incapacità di respirare o parlare.

In rari casi, può causare cianosi, una decolorazione bluastra della pelle che indica una mancanza di flusso sanguigno e ossigeno. Sono possibili apnea e arresto respiratorio.

Gli studi hanno scoperto che le persone che respirano spray al peperoncino possono soffrire di ipertensione acuta o pressione alta. Questo aumenta il rischio di ictus o infarto.

Trattamento

Ci sono salviette e soluzioni portate da tecnici medici di emergenza allo scopo di trattare i sintomi di spray al peperoncino. Se ti è stato spruzzato o ne hai spruzzato accidentalmente, i seguenti passaggi possono aiutare ad alleviare i sintomi di bruciore di peperoncino.

Poiché lo spray è a base di olio, si consiglia alle persone che lo hanno sulla loro pelle di non toccare l’area interessata. Toccando la soluzione può facilmente diffondersi ad altre aree del corpo.

Se lo spray al peperoncino entra negli occhi, lampeggiare rapidamente potrebbe aiutare a sciacquarlo.

Lavare con sapone per le mani, shampoo o detersivo per piatti può rompere l’olio. Successivamente, l’area dovrebbe essere risciacquata con acqua. Gli shampoo per neonati possono essere utili per lavare gli spray dalla zona degli occhi.

Le persone che sono state spruzzate potrebbero istintivamente desiderare di autoinvestirsi in acqua. Questo può fornire un sollievo immediato, ma non durerà a lungo. L’olio non si mescola con l’acqua a livello molecolare, quindi – come il grasso su una piastra sporca – il lavaggio con acqua da sola non rimuove la soluzione.

usi

Dagli anni ’80, lo spray al peperoncino è stato spesso utilizzato dalla polizia per soggiogare persone che si comportano in modo violento o incoerente.

[fondina con spray al pepe]

Quando spray al peperoncino viene spruzzato sul viso, il soggetto diventa temporaneamente accecato. Questo rende più facile per gli agenti di polizia rimuovere i sospetti da una scena e arrestarli.

Durante le proteste di Occupy, l’uso di spray al peperoncino da parte della polizia è stato esaminato dai media. I video hanno mostrato agenti di polizia che spruzzavano ripetutamente dimostranti pacifici per periodi prolungati, sebbene le linee guida affermino che lo spray dovrebbe essere usato per non più di un secondo su qualsiasi persona.

Il dispiegamento di spray al peperoncino da parte delle forze dell’ordine può essere controverso per altri motivi.

Uno studio del 2016 condotto dai ricercatori della Harvard University, ad esempio, ha scoperto che gli americani neri hanno il 25% di probabilità in più che i bianchi americani vengano polverizzati dalla polizia.

complicazioni

Lo spray al pepe è noto come “arma non letale”, un’arma che non può uccidere.

Tuttavia, si sono verificati decessi in seguito all’uso di spray al peperoncino. Le persone con asma hanno una maggiore probabilità di complicanze.

Nel 2003, un rapporto del Dipartimento di Giustizia rivelò che lo spray al peperoncino contribuiva direttamente alla morte di 2 persone su 63 casi, in cui i sospetti detenuti in custodia morivano dopo l’uso di spray al peperoncino.

Nei due casi in cui la causa della morte era direttamente attribuita allo spray al peperoncino, le due persone colpite avevano l’asma.

Le altre cause di morte sono risultate essere l’uso di droghe, la malattia, l’asfissia posizionale o una combinazione.

Tuttavia, lo stesso rapporto ha concluso che “l’inalazione con spray al peperoncino da solo non rappresenta un rischio significativo per compromissione respiratoria o asfissia, anche se associata a contenzione posizionale”.

Like this post? Please share to your friends: