Gentili utenti! Tutti i materiali presenti sul sito consistono in traduzioni da altre lingue. Ci scusiamo per la qualità dei testi, ma confidiamo che possano essere di vostro gradimento. Cordialmente, l'Amministrazione del sito. La nostra e-mail: admin@itmedbook.com

Cos’è un’emorragia subaracnoidea?

Un’emorragia subaracnoidea si verifica quando il sangue penetra nello spazio tra due delle membrane che circondano il cervello. Di solito è causato da un aneurisma rotto. Può causare un ictus ed è fatale nel 50 percento dei casi.

Il sanguinamento si verifica nelle arterie appena sotto la membrana aracnoidea e sopra la pia madre, appena sotto la superficie del cranio. Può accadere improvvisamente, spesso a causa di un aneurisma cerebrale rotto o di un trauma cranico.

È una condizione seria. Una persona su 8 che muore in questo tipo di evento prima di raggiungere l’ospedale.

I più a rischio sono i fumatori, i consumatori di cocaina, i forti bevitori, le persone con la pressione alta e quelli con un parente stretto che hanno anche avuto un’emorragia subaracnoidea.

Colpisce tra 10 e 15 persone ogni 100.000 negli Stati Uniti.

Che cos’è?

[mal di testa]

Ci sono tre membrane che circondano il cervello. La pia madre è la più interna, l’aracnoide è quella centrale e la dura madre è lo strato più esterno.

Un aneurisma è un rigonfiamento che si sviluppa in un vaso sanguigno, a causa di una debolezza nella parete dei vasi sanguigni.

Lo spazio subaracnoideo è pieno di liquido cerebrospinale. Durante un’emorragia subaracnoidea, il liquido cerebrospinale nello spazio subaracnoideo diventa sanguinolento.

Secondo il National Institutes of Health (NIH), la metà dei pazienti che sono ricoverati in ospedale con un’emorragia subaracnoidea morirà, il 10% di essi prima di raggiungere l’ospedale, altri entro le 3 settimane successive, a causa del risciacquo. Un terzo di coloro che sopravvivono sarà dipendente a causa di gravi disabilità.

Le emorragie subaracnoide sono responsabili dal 5 al 10% di tutti gli ictus e sono responsabili di circa 1 ogni 4 decessi causati da o correlati a ictus.

Le persone e le donne di mezza età hanno maggiori probabilità di essere colpite. L’età media all’esordio è di 55 anni.

Sintomi

Il primo sintomo di un’emorragia subaracnoidea è spesso un improvviso e grave “mal di testa a rombo di tuono”. I pazienti descrivono il dolore come simile a ricevere un colpo alla testa e il peggior mal di testa della loro vita. Questo mal di testa in genere pulsa verso la parte posteriore della testa.

Altri sintomi includono:

  • Torcicollo
  • Nausea
  • vomito
  • Biascicamento
  • Depressione, confusione, delirio e possibilmente apatia
  • Consapevolezza alterata, a volte perdita totale di coscienza
  • Convulsioni
  • Emorragia intraoculare o sanguinamento nel bulbo oculare
  • Alcuni pazienti possono avere difficoltà a sollevare una palpebra
  • Un forte aumento della pressione sanguigna.

Il mal di testa e il torcicollo possono essere scambiati per la meningite, ma, a differenza della meningite, non c’è febbre o eruzione cutanea.

Le cause

Diversi fattori possono portare a un’emorragia subaracnoidea.

Aneurisma

Fino all’80% dei casi di emorragia subaracnoidea si verificano quando si rompe un aneurisma cerebrale.

Un aneurisma si verifica quando una parte di un vaso sanguigno si gonfia, ad esempio, a causa di una debolezza nella parete dei vasi sanguigni. Quando la pressione sanguigna aumenta, il vaso sanguigno si gonfia nel punto più debole. Più grande diventa il gonfiore, maggiore è il rischio di scoppiare o di rompersi.

Aneurismi associati a emorragie subaracnoidee tendono a verificarsi nel circolo di Willis e dei suoi rami, un cerchio di arterie che forniscono sangue al cervello.

In alcune persone, un difetto congenito porta a pareti dei vasi sanguigni deboli e sottili, aumentando il rischio di un aneurisma.

Le persone che fumano, bevono alcol regolarmente in grandi quantità o che hanno la pressione alta che non è controllata correttamente hanno una maggiore probabilità di sperimentare un aneurisma rotto.

Malformazioni artero-venose

Una malformazione artero-venosa è una malattia congenita che si verifica quando si sviluppa una rete complessa e intricata di arterie e vene anomale. Comunicano in modo anomalo e sono collegati da fistole. Colpisce i vasi sanguigni nel midollo spinale, nel tronco cerebrale o nel cervello.

È una causa significativa di emorragia subaracnoidea. Aneurismi possono verificarsi sulle navi che portano a malformazioni artero-venose.

Malformazioni artero-venose possono sorgere a causa di un problema mentre il feto si sviluppa nell’utero.

I sintomi non tendono ad apparire fino a quando non si verifica un’emorragia.

Altre cause

Un grave trauma cranico può causare un’emorragia subaracnoidea. Nel 2% dei casi, un parente stretto familiare ha anche avuto un’emorragia subaracnoidea.

Diagnosi

Un paziente con torcicollo e un forte mal di testa può avere un’emorragia subaracnoidea e sarà sottoposto a un neurologo per ulteriori test diagnostici.

Una scansione MRI fornirà un’immagine dettagliata dell’interno del cranio. Può aiutare a identificare i problemi dei vasi sanguigni e l’emorragia.

Una puntura lombare comporta l’assunzione di un campione di liquido cerebrospinale dall’estremità inferiore della colonna vertebrale con un ago, per vedere se c’è sangue.

L’ecografia Doppler viene utilizzata per monitorare il flusso di sangue nel cervello. Cambiamenti insoliti nella velocità del flusso sanguigno potrebbero indicare che le arterie nel cervello sono in spasmo e questo può causare un’ulteriore emorragia. In questo caso, il paziente ha bisogno di un trattamento immediato.

Una TAC può rilevare il sangue attorno al cervello e tutti i problemi che ne possono derivare. Una tintura colorata può essere iniettata nel sangue per rivelare da dove proviene il sanguinamento.

Trattamento

Per impedire ai vasi sanguigni vicino all’aneurisma rotto di entrare nello spasmo, al paziente può essere somministrato un farmaco chiamato nimodipina per circa 3 settimane. Questo farmaco tratta l’ipertensione e previene gli spasmi.

Il mal di testa può essere trattato con la morfina.

Il ritaglio neurochirurgico è un intervento chirurgico per sigillare l’aneurisma chiuso con una piccola clip di metallo.

L’avvolgimento endovascolare comporta l’inserimento di un catetere o di un piccolo tubo di plastica in un’arteria, di solito nell’inguine o nella gamba del paziente.Il tubo viene infilato attraverso i vasi sanguigni fino a raggiungere la parte del cervello dove si trova l’aneurisma.

Le bobine di platino vengono spinte attraverso il tubo nell’aneurisma. Hanno interrotto il flusso di sangue nell’aneurisma, bloccando efficacemente l’emorragia.

Questo intervento ha un tasso di successo più alto e il paziente recupera più rapidamente rispetto al ritaglio neurologico.

complicazioni

La complicazione più pericolosa è il vasospasmo cerebrale, quando il vaso sanguigno vicino all’aneurisma va in spasmo, peggiorando l’emorragia.

[donna che si prende cura dell'uomo]

Se non curato, può portare al coma e alla morte. Nimodipina può aiutare a ridurre il rischio di questa complicazione in modo significativo.

I pazienti con vasospasmo hanno bisogno di un buon flusso di sangue al cervello.

Un approccio è quello di aumentare la pressione sanguigna pompando fluidi nel sangue o trasfondendo sangue e plasma nel corpo. Questo è noto come terapia tripla H: ipervolemia, emodiluizione e ipertensione, ma la sua efficacia non è stata confermata.

Se questo non funziona, un piccolo palloncino può essere impiantato in un’arteria e gonfiato, per aprire la nave e riportare l’afflusso di sangue.

Circa il 5% dei pazienti che hanno un ictus subiscono un attacco in poche settimane e circa il 5% dei pazienti con emorragia subaracnoidea svilupperà l’epilessia. Il primo sequestro avverrà normalmente durante il primo anno dopo l’evento.

L’idrocefalo è quando un eccesso di liquido cerebrospinale si accumula nei ventricoli del cervello. Con l’aumentare della pressione sul cervello, questo può causare danni. Il medico potrebbe dover drenare un po ‘di liquido posizionando un tubo o uno shunt nel cervello.

I risultati a lungo termine dipendono dalle complicazioni che si presentano.

I pazienti con uno qualsiasi dei fattori di rischio dovrebbero discutere i modi per ridurre il rischio con il medico. Controllare l’ipertensione e evitare l’uso di droghe e alcol può aiutare.

Like this post? Please share to your friends: