Gentili utenti! Tutti i materiali presenti sul sito consistono in traduzioni da altre lingue. Ci scusiamo per la qualità dei testi, ma confidiamo che possano essere di vostro gradimento. Cordialmente, l'Amministrazione del sito. La nostra e-mail: admin@itmedbook.com

Cos’è un rettocele?

Un rettocele è un tipo di prolasso di organi pelvici. Succede quando i legamenti e i muscoli di supporto si indeboliscono nella pelvi. È anche noto come prolasso posteriore o proctocele.

Il divisorio spesso duro, fibroso, simile a un foglio tra il retto e la vagina può lacerarsi, causando un rigonfiamento di sporgere come un’ernia nella vagina durante un movimento intestinale.

È causato principalmente da parto o isterectomia, ma il rischio può anche aumentare con l’età. È più probabile che si verifichi a causa del parto se il bambino pesa più di nove sterline, o se il parto è stato veloce.

All’età di 50 anni circa la metà di tutte le donne ha alcuni sintomi di un prolasso di organi pelvici, e all’età di 80 anni, 1 su 10 avrà avuto un intervento chirurgico per un prolasso.

Se il rettocele è piccolo, il paziente potrebbe non notarlo. Se è grande, potrebbe esserci una percettibile sporgenza del tessuto attraverso l’apertura vaginale. La donna può provare un certo disagio e, in rari casi, dolore.

Normalmente, il paziente può trattare il rettocele a casa. La chirurgia può essere richiesta nei casi più gravi.

I maschi possono anche sviluppare un rettocele, ma non è comune.

tipi

[pelvico]

Un rettocele è un tipo di prolasso di organi pelvici, in cui il retto si gonfia nella parete posteriore della vagina.

Altri tipi di prolasso sono:

  • Prolasso della parete anteriore o cistocele, dove la vescica si gonfia nella parete posteriore della vagina
  • Prolasso uterino quando l’utero si blocca nella vagina
  • Prolasso della volta, in cui la parte superiore (o volta) della vagina si piega verso il basso dopo un’isterectomia.

Possono anche variare in base alla gravità.

Sintomi

Nei casi lievi, la donna può notare una pressione all’interno della vagina, oppure può sentire che le sue viscere non sono state completamente svuotate dopo aver usato il bagno.

In casi moderati, un tentativo di evacuazione può spingere le feci nel rettocele piuttosto che fuori attraverso l’ano. Ci possono essere dolore e disagio durante l’evacuazione. C’è una maggiore possibilità di avere costipazione, e alcune donne possono provare dolore durante i rapporti sessuali.

Alcune donne dicono che si sente come se “qualcosa sta cadendo” o giù nel bacino.

Nei casi più gravi, possono verificarsi sanguinamento vaginale, incontinenza fecale e talvolta il rigonfiamento può prolassare attraverso la bocca della vagina o attraverso l’ano.

Molte donne hanno un rettocele, ma solo pochi notano i sintomi.

Le cause

La causa sottostante è un indebolimento delle strutture di supporto pelvico e del setto retto-vaginale, che è lo strato che separa la vagina dal retto.

La causa più comune è il parto, soprattutto se il neonato è grande, ha un peso superiore a nove sterline o se la nascita è rapida.

Più nascite vaginali hanno avuto una donna, maggiore è il suo rischio. Il rischio è significativamente inferiore con un parto cesareo.

Le donne che non hanno mai partorito possono anche sviluppare un rettocele.

I seguenti sono fattori di rischio:

  • Una diminuzione dei livelli di estrogeni alla menopausa, rendendo i tessuti pelvici meno elastici
  • Un’isterectomia
  • Costipazione cronica
  • Tosse a lungo termine, come nella bronchite cronica
  • Chirurgia pelvica
  • Abuso sessuale durante l’infanzia
  • Essere obesi o sovrappeso.

Potrebbe esserci un legame indiretto con le emorroidi. In un paziente che ha già fattori di rischio ha costipazione cronica, un movimento intestinale forzato può aumentare la pressione intra-addominale e può innescare un rettocele.

Negli uomini, un rettocele può svilupparsi come risultato di una prostatectomia, o rimozione della ghiandola prostatica, come trattamento per il cancro alla prostata.

Diagnosi

La diagnosi è normalmente possibile dopo aver esaminato la vagina e il retto, ma può essere difficile determinare la dimensione del rettocele.

Il resoconto del paziente su come il rettocele influisce sulla sua vita può aiutare a valutare il grado di prolasso.

Occasionalmente, il medico può rilevare qualcosa durante l’esame fisico che richiede l’identificazione attraverso l’imaging RM o una radiografia.

Un defecogramma è un tipo di studio a raggi X che aiuta il medico a determinare la dimensione del rettocele e quanto bene il paziente sta evacuando.

Trattamento

Nei casi lievi, in cui i sintomi non causano molti problemi, il trattamento può avvenire tramite esercizi pelvici, come gli esercizi di Kegel.

[donna con costipazione]

Il paziente deve consumare molti liquidi e mangiare fibre per evitare la stitichezza. È importante evitare sforzi prolungati durante la defecazione.

Una donna con un rettocele dovrebbe cercare di evitare qualsiasi tipo di sollevamento pesante o tosse prolungata.

Se il paziente è sovrappeso o obeso, il medico le consiglierà di provare a perdere peso.

Il medico può prescrivere emollienti delle feci. La terapia ormonale sostitutiva (HRT) può essere raccomandata per le donne in post-menopausa.

Un pessario vaginale, che è un anello di plastica o gomma inserito nella vagina, può aiutare a sostenere i tessuti sporgenti.

Se necessario, la chirurgia per riparare il tessuto danneggiato può essere effettuata attraverso un’incisione della pelle vaginale.

Il chirurgo può rimuovere il tessuto teso o danneggiato e riparare il danno usando una maglia o un innesto per rinforzare il muro tra la vagina e il retto.

Vari interventi sono possibili per il prolasso di organi pelvici, compresa la colpopessi sacrale, colpopessi sacrospinali, colpopessi uterosacrali e reticoli transvaginali. La tecnica può variare da chirurgia aperta a minimamente invasiva.

Il ginecologo discuterà le opzioni con il paziente e la scelta dipenderà probabilmente dall’estensione del prolasso e dalla situazione individuale del paziente, compresa l’età, la salute generale e se desidera o meno avere più figli.

Prevenzione

Una serie di azioni può ridurre la possibilità di sviluppare un rettocele o peggiorarlo.

Le donne che hanno partorito di recente dovrebbero fare regolarmente gli esercizi di Kegel raccomandati.

Chiunque abbia una tosse cronica, infezioni al torace e altri problemi ai polmoni dovrebbe consultare un medico. Il fumo rende le condizioni polmonari più probabili e dovrebbe essere evitato.

Mantenere un peso corporeo sano può ridurre il rischio. Una dieta sana e bere molta acqua può aiutare a evitare la stitichezza. Nel caso della stitichezza, gli individui dovrebbero evitare sforzi prolungati quando cercano di svuotare l’intestino.

Una donna che ha già un prolasso dovrebbe evitare attività come il sollevamento di carichi pesanti, in quanto possono peggiorare le cose.

Like this post? Please share to your friends: