Gentili utenti! Tutti i materiali presenti sul sito consistono in traduzioni da altre lingue. Ci scusiamo per la qualità dei testi, ma confidiamo che possano essere di vostro gradimento. Cordialmente, l'Amministrazione del sito. La nostra e-mail: admin@itmedbook.com

Cos’è una biopsia al seno?

Una biopsia al seno è la rimozione di un campione di tessuto mammario o di cellule da testare per il cancro al seno. Il medico può raccomandare una biopsia se il paziente ha una mammografia anormale o un nodulo al seno.

Un medico può consigliare una biopsia al seno se ci sono cambiamenti nel capezzolo, come ad esempio una fossetta, ispessimento, desquamazione o formazione di croste sulla pelle.

Se una mammografia, un’ecografia o una risonanza magnetica rivelano una zona del seno che sembra sospetta, o se si avverte un nodulo nel seno o in un vicino linfonodo, può essere raccomandata una biopsia.

Cosa succede in una biopsia al seno?

Esistono diversi modi per eseguire una biopsia al seno.

Biopsia per aspirazione con ago sottile (FNAB)

[esame del seno]

In una biopsia di aspirazione con ago sottile, il chirurgo, il patologo o il radiologo utilizza un ago molto sottile e una siringa per prelevare, o aspirare, alcune cellule da un nodulo palpabile. Possono altrimenti prendere una piccola quantità di fluido da una cavità piena di liquido come una ciste.

L’FNA è una procedura percutanea, il che significa che l’ago viene passato attraverso la pelle per raggiungere l’area da campionare.

Se si avverte il nodulo o l’area sospetta, il medico può guidare l’ago sul bersaglio toccandolo. Se non può essere percepito, è possibile utilizzare gli ultrasuoni per guidare l’ago nella posizione corretta osservandolo su uno schermo. Questo è noto come una biopsia guidata da ultrasuoni.

Nella biopsia con ago stereotassico, la posizione esatta della massa viene mappata utilizzando mammografie prese da due angoli. Questa è anche nota come biopsia del seno stereotassica guidata da immagini.

L’ago utilizzato nel FNAB è solitamente più piccolo del tipo di ago usato per l’analisi del sangue. Di solito non è necessario un anestetico locale.

Il liquido o le cellule saranno quindi esaminati al microscopio per determinare se sono presenti cellule tumorali. Se il liquido chiaro viene ritirato, c’è una buona probabilità che provenga da una ciste benigna e non ci saranno cellule cancerose. Fluido nuvoloso o sanguinoso può provenire da una ciste benigna o da un cancro.

Poiché l’ago è sottile, potrebbe mancare le cellule cancerose nelle vicinanze. Se la diagnosi non è chiara, il medico può raccomandare una procedura di biopsia diversa.

Biopsia con ago centrale

Con la biopsia con ago centrale (CNB), il medico rimuove campioni piccoli e solidi di tessuto. Viene utilizzato un ago “nucleo” cavo, simile a quello in FNAB, ma leggermente più grande di diametro.

La procedura è solitamente guidata da ultrasuoni o raggi X. Se un nodulo è palpabile, il che significa che può essere sentito con la mano, l’ago può essere guidato palpando la massa.

L’ago cavo ritira i nuclei, o piccoli cilindri, di tessuto dalla massa. L’ago può entrare fino a sei volte per rimuovere diversi nuclei di tessuto.

Il CNB impiega più tempo del FNAB, ma è meno probabile che manchi le cellule tumorali, quindi il risultato è più affidabile. Un anestetico locale è spesso usato per intorpidire l’area prima di una biopsia core.

Dopo il trattamento con CNB, il paziente potrebbe avere qualche livido, ma non ci saranno punti di sutura o cicatrici significative.

Biopsia assistita da vuoto

Il dottore fa un piccolo taglio, lungo meno di un quarto di pollice. Una sonda cava viene inserita attraverso l’incisione e guidata alla massa anormale mediante risonanza magnetica, ecografia o radiografia. La sonda ha un foro sul lato, in cui il tessuto viene “aspirato” usando una tecnica a vuoto.

La sonda può essere ruotata per raccogliere diversi campioni attraverso una singola incisione.

Non sono necessari punti e la cicatrizzazione è generalmente minima.

Biopsia aperta

In una biopsia escissionale, o chirurgica, viene praticato un taglio o un’incisione nella mammella e l’intera o parte della massa viene estratta ed esaminata al microscopio. L’incisione è lunga da 1 a 2 pollici.

Questo è normalmente fatto nel reparto ambulatoriale dell’ospedale, con anestesia locale o generale, in modo che il paziente non senta dolore.

La localizzazione del filo viene utilizzata se il chirurgo non riesce a trovare il nodulo al tatto. Un ago sottile e cavo viene inserito nel seno, mentre i raggi X lo guidano alla massa. Quindi un filo molto sottile con un gancio all’estremità viene infilato nell’incavo dell’ago, e questo si attacca al grumo. L’ago viene rimosso, ma il filo rimane per guidare il chirurgo nell’area target.

In una biopsia chirurgica, il paziente avrà bisogno di punti di sutura e ci sarà una cicatrice. Se viene rimosso molto tessuto, il paziente può notare una differenza nella forma del seno in seguito.

È comune dopo una biopsia che l’area si gonfia e sanguini, facendo sembrare la massa più grande in seguito. Questo è normale, e solitamente i lividi e le emorragie andranno via entro pochi giorni a una settimana.

Cosa sono i marcatori di biopsia?

Questa è una clip o un marker per contrassegnare il sito di biopsia. Dopo che i campioni di tessuto sono stati rimossi, è possibile posizionare una piccola clip o un marker che è fatto di materiale chirurgico che è visibile su una mammografia.

La clip segna il sito esatto dell’area cancerosa in modo che possa essere localizzata facilmente al momento dell’intervento. Questo è particolarmente importante se un paziente ha la chemioterapia o altri trattamenti sistemici che cambiano le dimensioni e la forma della massa cancerosa. In alcuni casi può persino scomparire dopo il trattamento.

Al momento dell’intervento, la clip e il tessuto circostante saranno rimossi, anche se la massa non è più visibile.

Preparazione per una biopsia

Si consiglia ai pazienti di non usare il deodorante, la polvere, la lozione, la crema o il profumo sulle braccia o sul seno il giorno della biopsia.

[cellule del cancro al seno]

Prima della procedura, il paziente deve informare il medico se:

  • Sono allergici a qualsiasi cosa
  • Hanno preso l’aspirina durante la settimana precedente
  • Stanno assumendo anticoagulanti (farmaci per fluidificare il sangue), come eparina o warfarin
  • Ha una storia di disturbi emorragici
  • Stanno assumendo farmaci da prescrizione, farmaci da banco, erbe o integratori
  • Avere un pacemaker cardiaco o qualsiasi dispositivo elettronico impiantato nel loro corpo, nel caso in cui il medico prevede di utilizzare la risonanza magnetica durante la procedura
  • Sono o potrebbero essere incinta.

La Mayo Clinic consiglia di indossare un reggiseno, in modo che possa essere inserito un impacco freddo dopo la procedura.

Prima di partire, il paziente dovrebbe scoprire come e quando otterranno i risultati.

I pazienti che stanno per avere un’anestesia generale possono essere tenuti a digiunare, ovvero senza cibo o bevande, fino a 12 ore prima della procedura.

Dopo la biopsia

I pazienti che hanno un’anestesia generale andranno in sala di risveglio per l’osservazione dopo la procedura, e quando la pressione sanguigna, la frequenza cardiaca e la respirazione sono stabili e sono mentalmente attenti, saranno dimessi. Potrebbero essere ancora un po ‘sonnolenti e dovrebbero fare in modo che qualcun altro li porti a casa.

I pazienti con anestesia locale saranno dimessi non appena avranno completato il periodo di recupero.

Dopo una biopsia, l’area attorno a qualsiasi punto deve essere mantenuta pulita e asciutta. Se non ci sono punti, l’equipe medica darà istruzioni sulla rimozione della medicazione o della fasciatura.

L’area della biopsia sarà probabilmente dolorante e tenera per alcuni giorni e potrebbero essere necessari antidolorifici, soprattutto per una biopsia escissionale. I pazienti devono evitare l’aspirina, poiché assottiglia il sangue e aumenta il rischio di sanguinamento. Potrebbe essere utile indossare un reggiseno di supporto.

Il medico può raccomandare di evitare attività fisica faticosa per un po ‘.

Non è comune ma esiste il rischio di infezione con tutti i tipi di biopsie. Se vi sono segni di infezione, come febbre o brividi, arrossamento, sanguinamento, gonfiore o dolore intorno al sito bioptico, il paziente deve informare il medico.

Like this post? Please share to your friends: