Gentili utenti! Tutti i materiali presenti sul sito consistono in traduzioni da altre lingue. Ci scusiamo per la qualità dei testi, ma confidiamo che possano essere di vostro gradimento. Cordialmente, l'Amministrazione del sito. La nostra e-mail: admin@itmedbook.com

Cos’è una frattura a spirale? Cause e trattamento

Una frattura a spirale è una frattura ossea che si verifica quando un osso lungo viene rotto da una forza torcente.

Di solito richiede una combinazione di chirurgia, riposo e terapia fisica per guarire dalle fratture a spirale.

Cos’è una frattura a spirale?

Paziente con una gamba rotta in stampelle, con medico in ospedale.

Una frattura a spirale si verifica quando un osso lungo viene strappato a metà da una forza o da un impatto di torsione.

Le ossa lunghe sono le ossa del corpo che sono più lunghe di quanto siano larghe. La maggior parte delle fratture a spirale coinvolgono le ossa lunghe delle gambe, come il femore, la tibia e la fibula.

L’infortunio può coinvolgere anche le ossa lunghe delle braccia, tra cui l’omero, l’ulna e il raggio.

Le fratture a spirale sono di solito lesioni gravi e comportano il rischio di complicanze.

Quando le ossa lunghe sono rotte su un angolo, spesso si separano in due parti che non si allineano e presentano bordi irregolari e irregolari. Questa frattura può rendere difficile ricomporre l’osso.

Le fratture a spirale sono a volte chiamate fratture da torsione o torsioni.

Le cause

Qualsiasi cosa che mette un sacco di torsione o forza su un osso lungo può causare una frattura a spirale. Ma alcuni movimenti, attività e circostanze specifici tendono ad essere associati alla ferita.

Le cause delle fratture a spirale includono:

  • Lesioni da sci o snowboard, quando la gamba viene attorcigliata da uno scarpone da sci o da snowboard mentre il resto della gamba continua a muoversi.
  • Lesioni da calcio, specialmente quando due giocatori si incontrano e si intrecciano o si attorcigliano.
  • Lesioni di football americano, in particolare quando un giocatore si imbatte in un altro, un giocatore viene trattenuto o trattenuto da un altro, o un giocatore si torce per liberarsi.
  • Lesioni di wrestling alle gambe o alle braccia causate da colpi di scena.
  • Incidenti di veicoli a motore e motocicli.
  • Incidenti stradali, in genere quelli che coinvolgono anche un veicolo a motore.
  • Cadendo dopo aver cercato di compensare una perdita in equilibrio mettendo un braccio o riposizionando rapidamente la gamba.
  • Abuso di minori, se il braccio o la gamba di un bambino sono stati tirati in modo aggressivo.
  • Cadendo giù per le scale o un pendio con ostacoli fissi, come rocce o alberi che possono torcere un braccio o una gamba dal resto del corpo.
  • Violenza fisica, quando il braccio o la gamba di una persona sono stati contorti con la forza.
  • Lesioni del macchinario che coinvolgono le membra di qualcuno.

Sintomi

Le fratture a spirale possono essere estremamente dolorose. Altri sintomi comunemente associati alla lesione includono:

  • svenire o perdere conoscenza
  • incapacità di mettere il peso sull’osso colpito
  • perdita di sensibilità e controllo nella parte inferiore della gamba o del braccio, specialmente nei piedi e nelle mani
  • tendine ossea, dove l’osso fratturato è pronto a sfondare la pelle
  • incapacità di raddrizzare o estendere completamente la gamba o il braccio
  • segni di lividi
  • infiammazione o arrossamento e gonfiore
  • perdita di polso alla caviglia o al polso

Diagnosi

Un medico di solito inizia esaminando la lesione, potenzialmente cercando di raddrizzare o piegare l’osso interessato. Faranno anche domande su quando e come si è verificato l’infortunio e come è stato trattato finora.

Radiografia del braccio rotto.

Altri test usati per diagnosticare fratture a spirale includono:

  • Raggi X
  • Scansioni CT
  • radiografie
  • analisi del sangue

Senza una corretta immagine, una frattura a spirale può essere confusa con un altro tipo di frattura, come una frattura obliqua.

Nelle scansioni e nei raggi X, una frattura a spirale è identificabile perché sembra un cavatappi.

Trattamento

Il trattamento per una frattura a spirale dipende dalla gravità della rottura e dal danneggiamento dei tessuti e dei vasi sanguigni circostanti.

Immediatamente dopo l’infortunio, è importante assicurarsi che nessun peso venga posto sulla frattura. Se possibile, dovrebbe essere splintato per prevenire ulteriori danni.

L’arto interessato deve essere elevato a livello cardiaco e ghiacciato per ridurre il flusso sanguigno e limitare l’infiammazione. Il ghiaccio dovrebbe essere applicato per non più di 10 minuti alla volta.

L’acetaminofene è l’unico farmaco da banco raccomandato durante il trattamento iniziale per una frattura. I farmaci anti-infiammatori indeboliscono la capacità del sangue di coagulare e possono peggiorare il sanguinamento interno.

Una persona non dovrebbe mangiare o bere nulla subito dopo la frattura, poiché potrebbe essere necessario un intervento chirurgico.

Tutte le fratture richiedono cure mediche immediate. Chiamare il 911 o una hotline di emergenza per richiedere un’ambulanza potrebbe essere il modo migliore per raggiungere un ospedale senza ulteriori lesioni.

Chirurgia

La maggior parte delle fratture a spirale richiede chirurgia e anestesia generale. Casi meno gravi, in cui l’osso non è completamente separato, possono essere utilizzati utilizzando l’anestesia locale.

Se le due estremità dell’osso sono separate, sarà necessario un intervento chirurgico di riduzione aperto.

Per questa procedura, i chirurghi solitamente tagliano la pelle per esporre la frattura. Esamineranno quindi l’intera area alla ricerca di frammenti di ossa, vasi sanguigni rotti e danni ai tessuti prima di riallineare o ridurre le parti rotte dell’osso.

Se necessario, l’osso viene quindi rinforzato usando perni, viti o aste per garantire che l’osso resti allineato durante la guarigione. Se l’intervento chirurgico comporta rinforzo, si chiama riduzione aperta con chirurgia di fissazione interna.

Se l’osso non è separato, un medico può eseguire un intervento chirurgico di riduzione chiuso. I chirurghi guideranno l’osso in un corretto allineamento dall’esterno, manipolando l’osso attraverso la pelle.

Trattamento post-chirurgico

Dopo l’intervento chirurgico, o con pause pulite, viene spesso utilizzata una stecca per rinforzare il corretto posizionamento delle estremità dell’osso. Una stecca può essere facilmente regolata per consentire l’infiammazione.

Per le prime settimane di guarigione, le ossa rotte devono essere completamente immobilizzate o impedite di muoversi. Una volta che il gonfiore si è abbassato, viene solitamente applicato un calco.

Un tutore può sostituire il cast dopo alcune settimane, poiché un tutore può essere rimosso per la pulizia, la fisioterapia e l’esame. Una sedia a rotelle, stampelle o un deambulatore può anche essere necessario per limitare il peso messo sull’arto.

Per le prime 48 ore dopo l’applicazione della stecca e del cast, l’arto deve essere elevato al livello del cuore. La glassa e l’elevazione dovrebbero essere usate periodicamente durante il giorno secondo necessità o dirette da un medico.

Verranno prescritti farmaci per aiutare a gestire il dolore. In genere un medico prescrive antibiotici per prevenire l’infezione.

Le attività di carico graduali possono essere appropriate da 4 a 6 settimane dopo la lesione. Tuttavia, nei casi gravi, occorrono spesso 12 o più settimane prima che l’osso possa iniziare a pesare. I dispositivi di rinforzo come aste e perni vengono solitamente rimossi tra 3 e 6 mesi dopo l’intervento.

Anche dopo che il cast o il tutore sono stati rimossi, la maggior parte delle persone ha ancora bisogno di limitare il movimento nell’arto colpito. Nel caso di ferite alle gambe, un deambulatore o una stampella possono essere utilizzati per alcune settimane o mesi dopo la rimozione delle calze o delle parentesi graffe.

In totale, ci vogliono spesso dai 4 ai 6 mesi per un completo recupero da una frattura a spirale. Lesioni gravi possono richiedere fino a 18 mesi per guarire correttamente.

complicazioni

Se non trattata, una frattura può essere pericolosa per la vita. Le fratture a spirale aumentano anche il rischio di sviluppare ulteriori condizioni di salute. Le complicazioni possono anche verificarsi durante l’intervento chirurgico.

Le complicanze comuni associate a fratture a spirale includono:

  • sindrome compartimentale, in cui il sangue alla gamba viene fermato da infiammazione o gonfiore
  • danni ai vasi sanguigni e ai nervi
  • danno muscolare
  • infezione, compresa l’osteomielite o un’infezione cronica dell’osso profondo
  • sepsi, quando il sistema immunitario inizia a danneggiare i tessuti dopo essere stato sovrastimolato da una grave infezione
  • non unione o unione, quando l’osso non guarisce o guarisce in modo errato
  • emboli polmonari, quando un coagulo di sangue si libera e va nei polmoni

Prevenzione e fattori di rischio

Sedendosi alla scrivania, lo stile di vita sedentario può causare dolori muscolari e ossa deboli.

Non esiste un vero modo per prevenire una frattura a spirale. La maggior parte delle persone subisce lesioni a causa di un incidente o durante attività sportive.

Tuttavia, ci sono fattori considerati per aumentare la probabilità di fratture ossee.

I fattori di rischio noti per le fratture includono:

  • precedente storia di lesione ossea
  • malattia ossea
  • malnutrizione cronica
  • età
  • basso livello di attività fisica
  • esposizione a violenza o abuso
  • mancato uso di indumenti protettivi, come protezioni da polso per calcio, rugby e snowboard
  • fumo di tabacco
  • lesione o malattia dei nervi
  • danno muscolare
  • condizioni neurologiche
  • condizioni genetiche che influenzano la formazione e la stabilità dell’osso, come l’osteogenesi imperfetta
  • nascita prematura
  • osteomielite o infezione ossea
  • carenza di vitamina C (scorbuto)
  • carenza di vitamina D (rachitismo)
  • carenza di rame o malattia di Menkes, una condizione congenita presente alla nascita che altera il metabolismo del rame
  • alcolismo

Evitare, prevenire o ridurre questi fattori può, a sua volta, ridurre il rischio di una frattura a spirale.

Like this post? Please share to your friends: