Gentili utenti! Tutti i materiali presenti sul sito consistono in traduzioni da altre lingue. Ci scusiamo per la qualità dei testi, ma confidiamo che possano essere di vostro gradimento. Cordialmente, l'Amministrazione del sito. La nostra e-mail: admin@itmedbook.com

Cos’è una mastectomia?

Una mastectomia è la rimozione di tutto il tessuto da uno o entrambi i seni. Le mastectomie vengono eseguite principalmente per rimuovere o prevenire il cancro al seno.

L’operazione di mastectomia è stata praticata almeno dal 548 dC quando Aëtius of Amida offrì la procedura a Theodora, un’imperatrice bizantina, per trattare ciò che si pensa fosse una forma di cancro al seno.

Curiosamente, sembrava aver derivato l’approccio chirurgico dai filosofi naturali di 500 anni prima.

L’operazione viene eseguita più spesso per rimuovere le cellule cancerose esistenti all’interno della mammella e quindi ridurre la possibilità di diffusione del cancro al seno.

Fatti veloci sulla mastectomia:

  • Esistono diversi tipi di mastectomia per far fronte a diverse situazioni mediche.
  • Le mastectomie possono trattare con successo una serie di diversi tipi di cancro.
  • In alcune donne ad alto rischio, la mastectomia profilattica può ridurre il rischio di cancro al seno fino al 90%.

Tipi di mastectomia

Medico esaminando la radiografia del torace della donna

Esistono diversi tipi di mastectomia, tra cui:

  • Mastectomia totale (semplice): l’intero seno viene rimosso, ma i muscoli sotto il seno e i linfonodi vengono mantenuti in posizione.
  • Doppia mastectomia: entrambi i seni vengono rimossi come misura preventiva; questo è spesso usato per i pazienti ad alto rischio che hanno specifici marcatori genetici che rendono più probabile il cancro al seno.
  • Mastectomia radicale: vengono rimossi l’intero seno, i linfonodi ascellari e i muscoli della parete toracica.
  • Mastectomia radicale modificata: l’intero seno e i linfonodi ascellari vengono rimossi, ma i muscoli della parete toracica vengono lasciati intatti.
  • Mastectomia che risparmia la pelle: il tessuto mammario e il capezzolo vengono rimossi, ma la pelle viene lasciata ricostruire il seno nella stessa operazione.
  • Mastectomia risparmiatore del capezzolo – questa procedura relativamente nuova lascia intatta la pelle, il capezzolo e il tessuto mammario periferico.

Molti pazienti optano per la chirurgia conservativa del seno, anche se questo non è sempre possibile. Queste procedure includono:

  • Lumpectomia – una lumpectomia comporta la rimozione di un tumore e del tessuto circostante e lascia il seno in gran parte intatto; la procedura viene generalmente utilizzata in congiunzione con la radioterapia. Lumpectomies, tuttavia, non sono adatti a tutti i pazienti.
  • Quadrantectomia – è una mastectomia parziale che comporta la rimozione di più tessuto mammario rispetto a una lumpectomia più semplice, ma che risparmia ancora la maggior parte del tessuto mammario.
  • Mastectomia che risparmia la pelle: si tratta di procedure di mastectomia più recenti che preservano la pelle del seno, consentendo la ricostruzione di un seno dall’aspetto più naturale. Questo può essere solo un’opzione se non vi è alcun segno di cellule tumorali vicino alla pelle.

Alcune donne hanno la chirurgia ricostruttiva del seno come parte della stessa procedura della mastectomia o della lumpectomia maggiore, mentre altre attendono e hanno la possibilità di sottoporsi a una seconda operazione in un secondo momento.

Scopo

Le donne con una varietà di condizioni che interessano il seno possono ottenere una mastectomia, più comunemente il cancro al seno. Le mastectomie sono utilizzate per i tumori, tra cui:

  • Carcinoma mammario non invasivo – incluso carcinoma duttale in situ (DCIS), il tipo più comune di carcinoma mammario non invasivo – 1 su 5 nuovi casi di cancro negli Stati Uniti sono DCIS. Questo tumore si forma nei dotti del latte ma non si è ancora diffuso nel resto del tessuto mammario.
  • Fasi 1 e 2 – carcinoma mammario in fase iniziale.
  • Stadio 3 – carcinoma mammario localmente avanzato (dopo chemioterapia).
  • Cancro al seno infiammatorio – una malattia aggressiva in cui le cellule tumorali bloccano i vasi linfatici nella pelle del seno (la mastectomia è adatta solo dopo chemioterapia per questa forma di cancro).
  • Malattia di Paget del capezzolo o della mammella – un raro tipo di cancro che colpisce il capezzolo.
  • Cancro al seno localmente ricorrente – cancro che ritorna allo stesso seno.

In alcuni casi, una mastectomia può anche essere eseguita per ragioni non correlate a una diagnosi di cancro al seno, come nel caso in cui una persona abbia:

  • grave dolore al seno cronico
  • malattia fibrocistica del seno
  • tessuto mammario denso
  • fobia del cancro o una storia familiare di cancro al seno

Queste ragioni per la chirurgia sono molto meno comuni e non sono una pratica standard.

Se si consiglia una mastectomia, il tipo di mastectomia eseguita dipenderà da una serie di fattori, tra cui:

  • L’età del paziente.
  • La salute generale del paziente.
  • Stato della menopausa.
  • La dimensione del tumore.
  • Lo stadio del tumore (quanto è diffuso).
  • Il grado del tumore (la sua aggressività, quanto velocemente cresce o si diffonde).
  • Se il tumore è ormone-ricettivo.
  • Il coinvolgimento dei linfonodi

Procedura e rischi

La mastectomia è una procedura chirurgica che coinvolge l’anestesia e la rimozione del tessuto. Come tale, ci sono rischi associati, come nel caso di qualsiasi intervento chirurgico; questi includono:

  • Problemi con l’anestesia.
  • Dolore alla spalla e rigidità generale del braccio.
  • Sanguinamento e infezione.
  • Scabbing, vesciche o perdita di pelle lungo il sito dell’incisione chirurgica.
  • Una sensazione di “spilli e aghi” dove un tempo si trovava il seno e, occasionalmente, sotto il braccio.
  • Linfedema: gonfiore dovuto all’accumulo di liquidi sotto l’ascella e nel braccio.
  • Danni ai nervi della schiena, del braccio e della parete toracica.
  • Formazione di tessuto cicatriziale duro nel sito della chirurgia.
  • Accumulo di sangue o liquido sotto la pelle nel sito chirurgico.

L’operazione di mastectomia è stata eseguita milioni di volte dai chirurghi di tutto il mondo. Per questo motivo, l’operazione è relativamente sicura considerando la sua natura invasiva.

Recupero

Una volta completata la procedura di mastectomia, il paziente sarà monitorato attentamente. La frequenza cardiaca, la pressione sanguigna, il livello di dolore e le sensazioni di nausea verranno regolarmente controllati e medicati a seconda dei casi.

All’ospedale

La degenza media in ospedale per una mastectomia è di 3 giorni, ma se la chirurgia ricostruttiva è completata nello stesso intervento chirurgico, il soggiorno potrebbe essere leggermente più lungo. Ai pazienti verranno mostrati esercizi da eseguire per minimizzare la rigidità e la formazione di cicatrici. I pazienti riceveranno anche consigli su attività che dovrebbero essere evitate.

Prima di lasciare l’ospedale, ai pazienti verrà offerta una guida sui seguenti argomenti:

  • Farmaci antidolorifici: verrà discusso l’uso appropriato degli analgesici e verrà formulata una prescrizione per i farmaci antidolorifici.
  • Cura per le medicazioni, le bende e lo scarico chirurgico se ne viene fornito uno.
  • Cosa aspettarsi da punti e punti, anche se la maggior parte dei punti utilizzati si dissolverà e non richiederà un appuntamento di follow-up da rimuovere.
  • Come riconoscere i segni di infezione e linfedema.
  • Tipi di esercizi da completare regolarmente.
  • Quando riprendere a indossare un reggiseno normale o quando iniziare a utilizzare una protesi.

Recupero di mastectomia a casa

I tassi di recupero differiscono tra individui, ma il recupero da una mastectomia richiede in genere alcune settimane. Ci vorrà più tempo se la ricostruzione viene eseguita nella stessa procedura chirurgica. È probabile che ci siano lividi, gonfiore, febbre di basso livello e alcuni pazienti accuseranno un mal di gola causato dal tubo che è stato inserito nella gola durante la procedura; questo si risolverà entro pochi giorni.

Le linee guida generali da seguire a casa includono:

  • Riposo: è normale sentirsi stanchi dopo l’intervento. Non c’è motivo di combatterlo; i pazienti devono concedersi il tempo per guarire.
  • Gestione del dolore: è probabile che si verifichi un certo malessere, pertanto i farmaci prescritti devono essere assunti secondo le istruzioni del medico. È importante essere onesti sulla quantità di dolore sperimentato quando viene richiesto da professionisti del settore medico. Se un piano di gestione del dolore personale non funziona, può essere modificato.
  • Lavaggio – Prendete i bagni di spugna fino a quando le fognature, i punti metallici e le suture non sono stati rimossi.
  • Gestione della stitichezza – i farmaci possono causare stitichezza, si consiglia un maggiore consumo di liquidi e cibi ricchi di fibre.
  • Esercizio – continua a svolgere l’esercizio secondo le istruzioni del medico.
  • Chiedere aiuto – chiedere ai familiari e agli amici di prestare assistenza all’interno e intorno alla casa.

Con il passare delle settimane in mesi, si possono presentare le cosiddette “sensazioni fantasma” o “dolori fantasma”. Questi sono normali e si verificano quando i nervi guariscono.

Queste sensazioni possono manifestarsi come sensazione di gattonare o prurito o eccessiva sensibilità generale dell’area. In genere passano da soli e non sono una preoccupazione medica. A volte i medici possono prescrivere i FANS (farmaci antinfiammatori non steroidei) come il paracetamolo e l’ibuprofene se persistono.

I tempi di recupero possono variare, ma entro pochi mesi dovrebbe riprendere il senso di normalità. Molti pazienti ritornano al lavoro entro 3-6 settimane.

Recupero emotivo dopo una mastectomia

Consigliere parlando con una donna]

La guarigione fisica dalla chirurgia del cancro al seno è solo una parte del processo di recupero. È normale e comune per le persone avere una forte risposta emotiva a:

  • La perdita di un seno o di entrambi i seni, nonché i limiti fisici durante il recupero.
  • Il successo o l’incapacità di sradicare il cancro, che dopo una mastectomia può anche comportare un significativo bilancio emotivo.

Ai pazienti può essere offerta una consulenza specialistica mentre si sottopongono a un trattamento per il tumore al seno, oppure possono desiderare di organizzare un proprio terapeuta.

Mastectomia preventiva

È sempre più comune per le donne sottoporsi a mastectomia profilattica nel tentativo di ridurre il rischio di sviluppare il cancro al seno. Queste mastectomie preventive sono conosciute come mastectomie profilattiche. Vengono eseguiti solo in casi specifici. Sono utilizzati per le donne con un numero di parenti che hanno o hanno avuto un cancro al seno o se sono risultati positivi allo screening per specifici marcatori genetici.

Una persona può essere data la possibilità di una mastectomia profilattica nelle seguenti situazioni:

  • Forte incidenza familiare – se una madre, una sorella o una figlia hanno avuto un cancro al seno, soprattutto prima del loro 50 ° compleanno.
  • Test positivo per le mutazioni in BRCA1, BRCA2 o PALB2 – questi geni normalmente aiutano a riparare il DNA danneggiato – se non funzionano correttamente, i tumori possono essere lasciati crescere.
  • Cancro al seno in 1 seno – è più probabile che si sviluppi il cancro al seno se il cancro si è già manifestato in entrambi i seni. Si parla di mastectomia profilattica controlaterale.
  • Carcinoma lobulare in situ (LCIS) – questa è un’area di crescita anormale delle cellule e aumenta il rischio di cancro al seno.
  • Pazienti che hanno avuto radioterapia nella regione toracica prima dei 30 anni.
  • Le donne con il seno denso – diagnosticare i problemi in seno denso è difficile, e biopsie multiple e conseguenti cicatrici possono anche aggiungere alla difficoltà. A volte – anche se raramente – le donne con un seno denso possono optare per una mastectomia profilattica.
  • Le donne con microcalcificazioni – piccoli depositi di calcio nella mammella sono altamente indicativi della presenza di cancro.

Secondo il National Cancer Institute, la mastectomia profilattica nelle donne ad alto rischio potrebbe essere in grado di ridurre il rischio di sviluppare il cancro al seno del 90%.

Like this post? Please share to your friends: