Gentili utenti! Tutti i materiali presenti sul sito consistono in traduzioni da altre lingue. Ci scusiamo per la qualità dei testi, ma confidiamo che possano essere di vostro gradimento. Cordialmente, l'Amministrazione del sito. La nostra e-mail: admin@itmedbook.com

Cosa aspettarsi quando hai il fuoco di Sant’Antonio

L’herpes zoster provoca dolorose eruzioni cutanee, prurito e bruciore della pelle, e nella maggior parte dei casi dura da 3 a 5 settimane. Le persone di solito sperimentano solo l’herpes zoster una volta, ma l’infezione può ripresentarsi.

L’herpes zoster è un’infezione virale che colpisce circa 1 su 3 adulti negli Stati Uniti. Circa la metà di tutti i casi di herpes zoster si verificano negli adulti oltre i 60 anni.

Può verificarsi in chiunque abbia avuto la varicella, poiché sia ​​l’herpes zoster sia la varicella sono causate dal virus varicella-zoster (VZV). Questo virus rimane nel corpo dopo che la varicella si è liberata e può riattivarsi in qualsiasi momento, causando l’herpes zoster.

I sintomi di herpes zoster tendono a svilupparsi su un lato del viso o del corpo. Spesso colpiscono solo una piccola area. La posizione più comune è sul lato della vita, anche se possono verificarsi ovunque.

Cronologia dei sintomi

L'uomo con scandole viene detto cosa aspettarsi dal medico indicando eruzioni cutanee sulla schiena

Diversi giorni prima che compaia un’eruzione, l’herpes zoster può causare sensibilità o dolore alla pelle. Ulteriori primi sintomi includono:

  • disagio generale
  • pelle calda
  • irritazione
  • pizzicore
  • intorpidimento
  • formicolio

Entro i prossimi 1-5 giorni, un’eruzione cutanea rossa si formerà normalmente intorno all’area sensibile. Alcuni giorni dopo, vesciche piene di liquido si svilupperanno nel sito dell’eruzione cutanea.

Le vesciche trasudano prima di asciugarsi, in genere entro 10 giorni dall’apparizione. A questo punto, si formeranno delle croste sulla pelle che tendono a guarire entro 2 settimane.

Ci possono essere altri sintomi che accompagnano la sensibilità della pelle e l’eruzione cutanea, tra cui:

  • brividi
  • fatica
  • febbre
  • mal di testa
  • malessere o sensazione di malessere
  • nausea
  • sensibilità alla luce

La visione di una persona può essere influenzata se l’herpes zoster si verifica vicino agli occhi.

Va notato che i sintomi di herpes zoster vanno da lievi a gravi, con alcune persone che manifestano prurito e lieve disagio e altri con dolore intenso.

Potenziali complicazioni

La maggior parte dei casi di herpes zoster si risolvono senza causare effetti a lungo termine. Tuttavia, le potenziali complicazioni includono:

Neuropatia post-erpetica (PHN)

La neuropatia post-erpetica (PHN) è una complicazione comune del fuoco di Sant’Antonio. Si riferisce a danni ai nervi che causano dolore e bruciore che persiste dopo che l’infezione da fuoco di Sant’Antonio è scomparsa.

Alcune fonti suggeriscono che fino al 20% delle persone che sviluppano l’herpes zoster sviluppano la PHN con gli anziani che si ritiene siano particolarmente a rischio.

Trattare la PHN è difficile ei sintomi possono durare per anni. Tuttavia, la maggior parte delle persone guarisce completamente entro 12 mesi.

Non è noto il motivo per cui alcune persone che hanno scandole sviluppano PHN. I fattori di rischio per PHN includono:

  • un sistema immunitario indebolito
  • avere dolore durante le prime fasi di un’infezione da herpes zoster
  • età avanzata
  • avere scandole severe che coprono una grande porzione della pelle

Secondo alcune ricerche, le donne anziane che soffrono di forti dolori e sintomi cutanei possono avere una probabilità del 50% di sviluppare PHN.

Altre complicazioni

Altre potenziali complicanze di herpes zoster includono:

  • infezioni batteriche della pelle
  • paralisi facciale
  • perdita dell’udito
  • epatite
  • perdita di gusto
  • polmonite
  • suonando nelle orecchie
  • vertigini, un tipo di vertigini
  • problemi di visione

Trattamento

Farmacista che controlla prescrizione mentre prendendo il farmaco dalla mensola.

È importante consultare un medico non appena una persona nota i sintomi del fuoco di Sant’Antonio.

Il National Institute on Aging raccomanda che le persone cerchino cure mediche entro 3 giorni dall’eruzione cutanea. Il trattamento precoce può limitare il dolore, aiutare l’eruzione a guarire più velocemente e può ridurre le cicatrici.

Una volta che un medico conferma l’herpes zoster, possono suggerire i seguenti trattamenti:

Farmaci antivirali

Questi sintomi di facilità, accelerano il recupero e possono prevenire complicazioni. Un corso di farmaci antivirali viene solitamente prescritto per 7-10 giorni. Le opzioni includono:

  • acyclovir (Zovirax)
  • famciclovir (Famvir)
  • valacyclovir (Valtrex)

I farmaci antivirali sono più efficaci se assunti entro 3 giorni dall’esordio dell’eruzione cutanea, sebbene possano ancora essere prescritti entro i primi 7 giorni dall’eruzione cutanea.

Antidolorifici e antistaminici

I farmaci da banco (OTC) o di prescrizione medica possono ridurre il dolore e l’irritazione della pelle. Le opzioni includono:

  • farmaci anti-infiammatori, come l’ibuprofene (Advil)
  • antistaminici per prurito, tra cui difenidramina (Benadryl)
  • corticosteroidi o anestetici locali per dolore severo
  • prodotti paralizzante, compresa la lidocaina (Lidoderm)

antidepressivi

Alcuni farmaci antidepressivi si sono dimostrati efficaci nel ridurre il dolore al fuoco di Sant’Antonio, così come i sintomi della PHN.

Antidepressivi triciclici (TCA) sono più comunemente prescritti per il dolore di fuoco di Sant’Antonio, tra cui:

  • amitriptilina (Elavil)
  • imipramina (Tofranil)
  • nortriptilina (Aventyl, Pamelor)

Possono essere necessarie diverse settimane o mesi prima che gli antidepressivi lavorino per il dolore nervoso.

Farmaci anticonvulsivanti

Anche se tipicamente usato per trattare l’epilessia, alcuni farmaci anticonvulsivanti possono ridurre il dolore ai nervi. Di nuovo, queste possono richiedere diverse settimane per avere effetto. Gli anticonvulsivanti comunemente prescritti per l’herpes zoster includono:

  • gabapentin (Neurontin)
  • pregabalin (Lyrica)

Gestione dei sintomi di herpes zoster

Oltre a cercare cure mediche, le persone possono prendere altre misure per alleviare i loro sintomi e ridurre il disagio. Questi includono:

  • dormire abbastanza e riposare
  • usando un impacco umido sulla pelle pruriginosa e infiammata e vesciche
  • ridurre lo stress attraverso uno stile di vita sano, meditazione e esercizi di respirazione profonda
  • indossare abiti larghi fatti di fibre naturali, come il cotone.
  • prendendo un bagno di farina d’avena
  • applicare la lozione di calamina sulla pelle

Le persone dovrebbero evitare di graffiare l’eruzione cutanea e le vesciche il più possibile. Rompere la pelle o scoppiare le vesciche può causare infezioni e ulteriori complicazioni.

L’herpes zoster è contagioso?

L’herpes zoster non è contagioso ma è la riattivazione di un virus già presente nel corpo.

Tuttavia, una persona con l’herpes zoster può dare la varicella a qualcuno che non ha mai avuto l’infezione VZV prima.

Pertanto, le persone con l’herpes zoster dovrebbero evitare il contatto con coloro che non hanno mai avuto la varicella fino a quando la loro eruzione cutanea non è completamente guarita. Per catturare il virus, qualcuno deve avere un contatto diretto con l’eruzione cutanea.

Per evitare di diffondere VZV, le persone con l’herpes zoster dovrebbero:

  • Evitare il contatto ravvicinato con persone che non hanno mai avuto la varicella o sono stati vaccinati per la varicella.
  • Evitare il contatto ravvicinato con i neonati con basso peso alla nascita e le persone con un sistema immunitario compromesso, come quelli sui farmaci per l’HIV o che hanno subito un trapianto di organi.
  • Tenere l’eruzione coperta con indumenti ampi e naturali per evitare che altri vengano a contatto con essa.
  • Lavarsi spesso le mani, soprattutto dopo aver toccato l’eruzione cutanea o aver applicato lozioni sulla pelle.

Vaccinare contro l’herpes zoster

Donna senior che riceve la vaccinazione

È disponibile una vaccinazione per ridurre il rischio di sviluppare il fuoco di Sant’Antonio e sperimentare complicanze a lungo termine, come la PHN.

Il Centro per il controllo e la prevenzione delle malattie (CDC) raccomanda che gli adulti di età pari o superiore a 60 anni abbiano questa vaccinazione, poiché si ritiene che riduca il rischio di fuoco di Sant’Antonio del 50% e PHN del 67%.

Le persone che hanno già avuto l’herpes zoster possono avere il vaccino per prevenire eventi futuri. Ogni vaccinazione protegge per circa 5 anni.

Porta via

Fino a un terzo della popolazione degli Stati Uniti è interessata dal fuoco di Sant’Antonio. I sintomi variano nella loro gravità e durata. L’intervento precoce è fondamentale per ridurre la gravità dei sintomi ed evitare complicazioni, come la PHN.

Pertanto, le persone dovrebbero consultare il proprio medico, il prima possibile, se hanno aumentato la sensibilità della pelle o sviluppano un rash o vesciche. Diversi rimedi casalinghi possono alleviare i sintomi di ghiaia quando usati in congiunzione con trattamenti medici.

Le persone dovrebbero prendere in considerazione l’idea di sottoporsi alla vaccinazione del fuoco di Sant’Antonio per ridurre il rischio di sviluppare l’herpes zoster e il dolore nervoso a lungo termine.

Like this post? Please share to your friends: