Gentili utenti! Tutti i materiali presenti sul sito consistono in traduzioni da altre lingue. Ci scusiamo per la qualità dei testi, ma confidiamo che possano essere di vostro gradimento. Cordialmente, l'Amministrazione del sito. La nostra e-mail: admin@itmedbook.com

Cosa c’è da sapere sul disturbo bipolare II?

Il disturbo bipolare II è una forma del disturbo psichiatrico noto come disturbo bipolare. Tutte le forme di disturbo bipolare causano insolite variazioni dell’umore e cambiamenti nei livelli di energia e attività.

Il disturbo bipolare II è una forma di questo disturbo caratterizzato da cicli di episodi depressivi seguiti da periodi ipomaniacali. L’ipomania è un periodo di umore e comportamento che è elevato al di sopra del normale comportamento. Non è così estremo come un periodo maniacale.

Disturbo bipolare II vs I bipolare

La signora è felice e triste

La principale differenza tra disturbo bipolare I e disturbo bipolare II ha a che fare con l’intensità del periodo maniacale.

Il disturbo bipolare di tipo I è caratterizzato da almeno un episodio di mania prima o dopo un episodio di depressione ipomaniacale o maggiore. A volte, gli episodi maniacali che si verificano nel disturbo bipolare I possono innescare un episodio psicotico in cui la persona si dissocia dalla realtà.

Le persone con disturbo bipolare II non sperimentano veri episodi maniacali, dove il loro umore e livelli di energia sono così alti da causare problemi di lavoro e socializzazione e possono causare psicosi. Alcuni soggetti con disturbo bipolare di tipo I devono essere ricoverati in ospedale durante periodi di mania.

Tuttavia, questo non rende il disturbo bipolare II meno grave del disturbo bipolare di tipo I. Nel disturbo bipolare II, gli episodi depressivi sono simili a quelli del disturbo bipolare di tipo I e causano un’interruzione significativa della vita quotidiana della persona per un periodo prolungato.

Sintomi

I sintomi del disturbo bipolare II includono periodi di ipomania seguiti da episodi depressivi.

Mentre può essere normale per le persone sperimentare periodi di sensazione ottimista seguiti da periodi di tristezza, in persone con disturbo bipolare, queste oscillazioni sono più estreme.

Le persone che soffrono di ipomania possono notare una combinazione dei seguenti sintomi:

  • un aumento di energia o sentirsi più agitati
  • sentirsi più ottimista o cablato
  • aumento della fiducia in se stessi
  • diminuita necessità o incapacità di dormire
  • pensieri da corsa
  • parlare troppo velocemente o parlare molto più del normale
  • una tendenza verso comportamenti spericolati, come spendere troppo, bere o usare droghe o correre rischi
  • processo decisionale compromesso

Affinché questi periodi siano classificati come veri episodi ipomaniacali, devono durare almeno 4 giorni e presentare almeno tre dei suddetti sintomi.

Le persone che soffrono di ipomania possono sentirsi molto bene durante questi periodi e potrebbero non sapere nulla di sbagliato. Tuttavia, i propri cari guardando una persona con disturbo bipolare II noteranno cambiamenti anormali nel comportamento durante episodi ipomaniacali.

Quando le persone con disturbo bipolare II non sono in uno stato ipomaniacale, possono essere in uno stato depressivo maggiore. I sintomi degli episodi depressivi maggiori includono quanto segue:

signora utilizzando uno smartphone nel letto

  • sentimenti di tristezza, vuoto o disperazione
  • perdita di interesse nelle attività
  • incapacità di dormire o dormire troppo
  • diminuzione dell’energia
  • sentimenti di inutilità e senso di colpa
  • difficoltà di concentrazione o messa a fuoco
  • aumento di peso o perdita di peso senza dieta
  • pensieri o tendenze suicidi

Altri segni e sintomi del disturbo bipolare II possono verificarsi durante entrambi i periodi di ipomania e episodi depressivi maggiori. Questi possono includere quanto segue:

  • ansia
  • malinconia
  • ciclismo rapido tra stati

Fattori di rischio

Non ci sono noti fattori di rischio per i disturbi bipolari II, anche se alcuni studi suggeriscono che potrebbe esserci una componente genetica.

Avere un parente di primo grado con disturbo bipolare II può aumentare le probabilità di una persona di essere diagnosticata con la stessa o una condizione simile.

Diagnosi

Il disturbo bipolare II può essere difficile da identificare ed è spesso diagnosticato erroneamente come disturbo depressivo maggiore poiché i sintomi di periodi ipomaniacali sono lievi e non riconosciuti dall’ideale.

Durante la diagnosi del disturbo bipolare II, un medico esegue un esame fisico e può ordinare alcuni esami del sangue per escludere le cause fisiche dei sintomi.

Se un medico non trova alcuna causa fisica per i sintomi di una persona, come uno squilibrio ormonale, può fare una valutazione psichiatrica o indirizzare la persona a uno psichiatra per un’ulteriore valutazione.

Trattamento

psichiatra prendendo appunti

Uno psichiatra sovraintende spesso il trattamento del disturbo bipolare II. Trattare il disturbo bipolare II è generalmente multiforme, coinvolgendo una combinazione di farmaci e psicoterapia.

I farmaci per trattare il disturbo del disturbo bipolare II possono includere quanto segue:

  • stabilizzatori dell’umore
  • antipsicotici
  • antidepressivi

Potrebbe volerci un po ‘di tempo prima che un dottore trovi la migliore combinazione e dose di farmaco. È importante che la persona dica al proprio medico come i farmaci influenzano il loro umore e se ci sono effetti collaterali.

La psicoterapia comporta servizi di consulenza. È centrato sul parlare attraverso le emozioni e i problemi associati al disturbo bipolare e ad altri problemi di vita. Può anche includere la gestione comportamentale, come la creazione di piani d’azione su cosa fare durante le alterazioni dell’umore.

Occasionalmente, possono essere richiesti programmi di ricovero ospedaliero o di ricovero per controllare gli episodi depressivi o trattare problemi concomitanti, come l’alcol o la tossicodipendenza.

prospettiva

Il disturbo bipolare II è una malattia permanente che può cambiare nel tempo. In alcuni casi, una persona può sperimentare una riduzione dei sintomi con l’età.

Molte persone con disturbo bipolare II sperimentano contemporaneamente altre condizioni. Queste condizioni possono complicare o esacerbare il disturbo bipolare II. Alcune persone con diagnosi multiple possono lottare per mantenere relazioni e occupazione.

Trovare un trattamento per il disturbo bipolare II che funzioni per l’individuo può essere un lungo processo di tentativi ed errori. Le esigenze di una persona possono cambiare ed evolvere nel tempo. Con un trattamento efficace, una persona può essere in grado di minimizzare i sintomi.

La terapia può aiutare le persone con disturbo bipolare II a trattare l’ipomania e gli episodi depressivi in ​​modo costruttivo.

Mantenere uno stile di vita sano, comprendere ed evitare i trigger noti e attenersi a un piano di trattamento efficace può aiutare a rendere gestibili i sintomi del disturbo bipolare II.

Like this post? Please share to your friends: