Gentili utenti! Tutti i materiali presenti sul sito consistono in traduzioni da altre lingue. Ci scusiamo per la qualità dei testi, ma confidiamo che possano essere di vostro gradimento. Cordialmente, l'Amministrazione del sito. La nostra e-mail: admin@itmedbook.com

Cosa c’è da sapere sull’anestesia generale?

Gli anestetici generali comportano una perdita reversibile di coscienza e analgesia per consentire ai chirurghi di operare su un paziente. Il loro uso è comune, ma il modo in cui producono il loro effetto non è ancora completamente compreso.

L’anestesia generale è, essenzialmente, un coma medicalmente indotto, non il sonno. Le droghe rendono un paziente insensibile e incosciente.

Sono normalmente somministrati per via endovenosa (IV) o inalati. In anestesia generale, il paziente non è in grado di provare dolore e può anche avere un’amnesia.

I farmaci saranno somministrati da un anestesista o anestesista, da un medico o da un’infermiera appositamente addestrati che controlleranno anche i segni vitali e la frequenza respiratoria del paziente durante la procedura.

Gli anestetici generali sono stati ampiamente utilizzati in chirurgia dal 1842, quando Crawford Long somministrava dietil etere a un paziente ed eseguiva la prima operazione indolore.

In questo articolo, tratteremo una serie di argomenti, compresi i potenziali effetti collaterali dell’anestesia generale, i rischi associati e alcune teorie sulla loro modalità di azione.

Fatti veloci sull’anestesia generale

Ecco alcuni punti chiave sull’anestesia generale. Maggiori dettagli e informazioni di supporto sono nell’articolo principale.

  • Un anestesista o un anestesista normalmente amministra l’anestesia generale prima di un’operazione
  • Ci sono alcuni rischi associati all’assunzione di anestetici generali, ma sono relativamente sicuri se somministrati correttamente
  • Molto raramente, un paziente può sperimentare una consapevolezza intraoperatoria non intenzionale
  • Gli effetti collaterali dell’anestesia generale possono includere vertigini e nausea
  • I meccanismi con cui funziona l’anestesia sono ancora solo parzialmente compresi.

Effetti collaterali

[La donna si sente male]

Ci sono una serie di potenziali effetti collaterali dell’anestesia.

Alcuni individui potrebbero non provare nessuno, altri pochi. Nessuno degli effetti collaterali è particolarmente duraturo e tende a manifestarsi subito dopo l’anestesia.

Gli effetti collaterali dell’anestesia generale includono:

  • confusione temporanea e perdita di memoria, sebbene questo sia più comune negli anziani
  • vertigini
  • difficoltà nel passaggio dell’urina
  • lividi o dolore da flebo IV
  • nausea e vomito
  • tremando e sentendosi freddo
  • mal di gola, a causa del tubo di respirazione

rischi

Nel complesso, l’anestesia generale è molto sicura. Anche i pazienti particolarmente malati possono essere anestetizzati in sicurezza. È la procedura chirurgica stessa che offre il maggior rischio.

[Iniezione di anestetico generale da parte di una donna che indossa guanti blu accanto alla tenda blu]

Tuttavia, gli anziani e quelli sottoposti a lunghe procedure sono maggiormente a rischio di esiti negativi. Questi risultati possono includere confusione postoperatoria, infarto, polmonite e ictus.

Alcune condizioni specifiche aumentano il rischio per il paziente sottoposto ad anestesia generale, come ad esempio:

  • apnea ostruttiva del sonno, una condizione in cui le persone smettono di respirare mentre dormono
  • convulsioni
  • condizioni cardiache, renali o polmonari esistenti
  • alta pressione sanguigna
  • alcolismo
  • fumo
  • storia di reazioni all’anestesia
  • farmaci che possono aumentare il sanguinamento – aspirina, per esempio
  • allergie ai farmaci
  • diabete
  • obesità o sovrappeso

La morte come risultato dell’anestesia generale si verifica, ma solo molto raramente – all’incirca 1 su 100.000 a 200.000.

Consapevolezza intraoperatoria involontaria

Questo si riferisce a rari casi in cui i pazienti riportano uno stato di consapevolezza durante un’operazione, dopo il punto in cui l’anestetico dovrebbe aver rimosso tutte le sensazioni. Alcuni pazienti sono consapevoli della procedura stessa e alcuni possono persino provare dolore.

La consapevolezza intraoperatoria involontaria è incredibilmente rara e colpisce 1 su 19.000 pazienti sottoposti ad anestesia generale.

A causa dei rilassanti muscolari somministrati accanto all’anestesia, i pazienti non sono in grado di segnalare al chirurgo o all’anestesista che sono ancora consapevoli di ciò che sta accadendo.

[Ambulanza parcheggiata]

I pazienti che sperimentano una consapevolezza intraoperatoria involontaria possono soffrire di problemi psicologici a lungo termine. Molto spesso, la consapevolezza è di breve durata e solo di suoni e si verifica prima della procedura.

Secondo una recente indagine su larga scala del fenomeno, i pazienti hanno sperimentato tiri, cuciture, dolore, paralisi e soffocamento, tra le altre sensazioni.

Poiché la consapevolezza intraoperatoria involontaria è così rara, non è chiaro esattamente perché si manifesti.

I seguenti sono considerati potenziali fattori di rischio:

  • problemi cardiaci o polmonari
  • uso quotidiano di alcol
  • chirurgia d’urgenza
  • taglio cesareo
  • errore anestesista
  • uso di alcuni farmaci aggiuntivi
  • depressione

tipi

Esistono tre tipi principali di anestetico. L’anestesia generale è solo una di queste.

L’anestesia locale è un’altra opzione. Viene somministrato prima di interventi chirurgici minori, come la rimozione di un’unghia. Questo riduce le sensazioni del dolore in una piccola area focalizzata del corpo, ma la persona che riceve il trattamento rimane cosciente.

L’anestesia regionale è un altro tipo. Questo intorpidisce un’intera porzione del corpo – la metà inferiore, ad esempio, durante il parto. Esistono due forme principali di anestesia regionale: anestetico spinale ed anestesia epidurale.

L’anestesia spinale viene utilizzata per interventi chirurgici agli arti inferiori e all’addome. Questo viene iniettato nella parte bassa della schiena e intorpidisce la parte inferiore del corpo. L’anestesia epidurale viene spesso utilizzata per ridurre il dolore della chirurgia del parto e degli arti inferiori. Questo viene somministrato all’area attorno al midollo spinale attraverso un piccolo catetere invece di un’iniezione di ago.

Locale vs. generale

Ci sono una serie di ragioni per cui l’anestesia generale può essere scelta rispetto all’anestesia locale. In alcuni casi, al paziente viene chiesto di scegliere tra anestetico generale e locale.

Questa scelta dipende dall’età, dallo stato di salute e dalle preferenze personali.

I principali motivi per optare per l’anestesia generale sono:

  • È probabile che la procedura richieda molto tempo.
  • C’è una probabilità di significativa perdita di sangue.
  • La respirazione può essere compromessa, come durante un’operazione toracica.
  • La procedura farà sentire il paziente a disagio.
  • Il paziente potrebbe essere giovane e potrebbe avere difficoltà a rimanere fermo.

Lo scopo dell’anestesia generale è quello di indurre:

  • analgesia o rimozione della risposta naturale al dolore
  • amnesia o perdita di memoria
  • immobilità, o la rimozione dei riflessi motori
  • incoscienza
  • rilassamento del muscolo scheletrico

Tuttavia, l’uso di anestetico generale comporta un rischio maggiore di complicanze rispetto all’anestesia locale. Se l’intervento chirurgico è più lieve, un individuo può scegliere come risultato locale, soprattutto se ha una condizione sottostante, come l’apnea notturna.

Valutazione pre-chirurgica

Prima di somministrare l’anestesia generale, i pazienti effettueranno una valutazione pre-operatoria per determinare i farmaci più appropriati da utilizzare, le quantità di tali farmaci e in quale combinazione.

Alcuni dei fattori da esplorare in una valutazione pre-chirurgica includono:

  • indice di massa corporea (BMI)
  • storia medica
  • età
  • farmaci attuali
  • tempo di digiuno
  • assunzione di alcol o droghe
  • uso di droghe farmaceutiche
  • ispezione orale, dentaria e delle vie aeree
  • osservazione della flessibilità del collo e dell’estensione della testa

È essenziale rispondere a queste domande in modo accurato. Ad esempio, se non viene menzionata una storia di uso di alcol o droghe, potrebbe essere fornita una quantità inadeguata di anestesia che potrebbe portare a una pressione sanguigna pericolosamente alta o a una consapevolezza intraoperatoria involontaria.

fasi

La classificazione di Guedel, progettata da Arthur Ernest Guedel nel 1937, descrive le quattro fasi dell’anestesia. Anestetici moderni e metodi di consegna aggiornati hanno migliorato la velocità di insorgenza, sicurezza generale e recupero, ma i quattro stadi rimangono essenzialmente gli stessi:

[Donna anestesia generale]

    Fase 1 o induzione: questa fase si verifica tra la somministrazione del farmaco e la perdita di coscienza. Il paziente passa dall’analgesia senza amnesia ad analgesia con amnesia

      Stadio 2, o fase di eccitazione: il periodo che segue una perdita di coscienza, caratterizzato da attività eccitata e delirante. La respirazione e la frequenza cardiaca diventano irregolari e possono verificarsi nausea, dilatazione della pupilla e trattenimento del respiro.

      A causa della respirazione irregolare e del rischio di vomito, esiste il pericolo di soffocamento. Le moderne medicine ad azione rapida mirano a limitare il tempo trascorso nella fase 2 dell’anestesia

        Stadio 3 o anestesia chirurgica: i muscoli si rilassano, il vomito si ferma e la respirazione è depressa. I movimenti oculari rallentano e poi cessano. Il paziente è pronto per essere operato

          Stadio 4 o sovradosaggio: sono stati somministrati troppi farmaci che hanno portato alla sospensione cerebrale o alla soppressione midollare. Ciò si traduce in collasso respiratorio e cardiovascolare.

            La priorità dell’anestesista è quella di portare il paziente allo stadio 3 dell’anestesia il più rapidamente possibile e di mantenerlo lì per tutta la durata dell’intervento.

            Come funziona l’anestesia generale?

            I meccanismi esatti che cospirano per produrre lo stato di anestesia generale non sono ben noti. La teoria generale è che la loro azione è indotta modificando l’attività delle proteine ​​di membrana nella membrana neuronale, possibilmente facendo espandere alcune proteine.

            Di tutti i farmaci usati in medicina, gli anestetici generali sono un caso insolito. Piuttosto che una singola molecola che agisce in un singolo sito per produrre una risposta, c’è un’enorme varietà di composti, che generano effetti abbastanza simili ma diffusi, tra cui analgesia, amnesia e immobilità.

            I farmaci anestetici generali vanno dalla semplicità dell’alcol (CH3CH2OH) alla complessità del sevoflurano (1,1,1,3,3,3-esafluoro-2- (fluorometossi) propano). Sembra improbabile che solo un recettore specifico possa essere attivato da molecole così diverse.

            Gli anestetici generali sono noti per agire in un numero di siti all’interno del sistema nervoso centrale (SNC). L’importanza di questi siti sull’induzione dell’anestesia non è completamente compresa ma includono:

            [Il cervello umano è stato conservato]

            • Corteccia cerebrale: lo strato esterno del cervello coinvolto in compiti relativi alla memoria, attenzione, percezione tra le altre funzioni
            • Talamo: I suoi ruoli comprendono l’inoltro di informazioni dai sensi alla corteccia cerebrale e la regolazione del sonno, della veglia e della coscienza.
            • Sistema di attivazione reticolare: importante nel regolare i cicli sonno-veglia
            • Midollo spinale: trasmette informazioni dal cervello al corpo e viceversa. Ospita anche circuiti che controllano i riflessi e altri schemi motori.

            Un certo numero di diversi neurotrasmettitori e recettori sono anche noti per essere coinvolti in anestesia generale:

            • -Rettori di acido metil-D-aspartico (NMDA): alcuni anestetici generali si legano ai recettori NMDA, inclusa la ketamina e il protossido di azoto (N2O). Sono noti per essere importanti nel controllo della plasticità sinaptica e delle funzioni di memoria
            • Recettori 5-idrossitriptamina (5-HT): normalmente attivati ​​dal neurotrasmettitore serotonina, svolgono un ruolo nel controllo del rilascio di un numero di altri neurotrasmettitori e ormoni
            • Recettore della glicina: la glicina può agire da neurotrasmettitore e ha un certo numero di ruoli. È stato dimostrato che migliora la qualità del sonno.

            Sebbene gli anestetici generali contengano molti misteri, sono estremamente importanti in chirurgia e nel campo della medicina in generale.

            Like this post? Please share to your friends: