Gentili utenti! Tutti i materiali presenti sul sito consistono in traduzioni da altre lingue. Ci scusiamo per la qualità dei testi, ma confidiamo che possano essere di vostro gradimento. Cordialmente, l'Amministrazione del sito. La nostra e-mail: admin@itmedbook.com

Cosa c’è da sapere sull’embolismo polmonare?

Un’embolia polmonare è un blocco nell’arteria polmonare, che fornisce il sangue ai polmoni. È una delle più comuni malattie cardiovascolari negli Stati Uniti.

L’embolia polmonare colpisce ogni anno circa 1 persona su 1.000 negli Stati Uniti.

Il blocco, di solito un coagulo di sangue, impedisce all’ossigeno di raggiungere i tessuti dei polmoni. Ciò significa che può essere pericolosa per la vita.

La parola “embolismo” deriva dal greco émbolos, che significa “tappo” o “spina”.

In un’embolia polmonare, l’embolo, si forma in una parte del corpo, circola attraverso l’afflusso di sangue, e quindi blocca il sangue che fluisce attraverso una nave in un’altra parte del corpo, cioè i polmoni.

Un embolo è diverso da un trombo, che si forma e rimane in un posto.

Fatti veloci sull’embolismo polmonare

Ecco alcuni punti chiave sull’embolismo polmonare. Maggiori dettagli e informazioni di supporto sono nell’articolo principale.

  • Il rischio di embolia polmonare aumenta con l’età
  • I sintomi includono dolore al petto, vertigini e respiro rapido
  • Il rischio di embolia polmonare è alto per le persone che hanno avuto un coagulo di sangue nella gamba o nel braccio
  • In rari casi, un’embolia polmonare può essere causata dal liquido amniotico

Sintomi

[dolore al petto]

I sintomi di embolia polmonare includono:

  • dolore al petto, un dolore acuto e lancinante che potrebbe peggiorare quando si inspira
  • battito cardiaco aumentato o irregolare
  • vertigini
  • difficoltà a riprendere fiato, che può svilupparsi improvvisamente o nel tempo
  • respirazione rapida
  • una tosse, normalmente secca ma possibilmente con sangue, sangue e muco

I sintomi gravi richiedono immediata assistenza medica di emergenza.

Casi più gravi possono provocare shock, perdita di coscienza, arresto cardiaco e morte.

Trattamento

[esercizio]

I trattamenti per embolia mirano a:

  • fermare il coagulo dalla crescita
  • evitare la formazione di nuovi coaguli
  • distruggere o rimuovere qualsiasi coagulo esistente

Un primo passo nel trattamento della maggior parte delle embolie è quello di trattare lo shock e fornire l’ossigenoterapia.

I farmaci anticoagulanti come l’eparina, l’enoxaparina o il warfarin vengono solitamente somministrati per aiutare a fluidificare il sangue e prevenire ulteriori coaguli.

Possono anche essere somministrati farmaci anti-coagulazione chiamati trombolitici. Tuttavia, ma comportano un rischio elevato di sanguinamento eccessivo. I trombolitici comprendono Activase, Retavase ed Eminase.

Se il paziente ha bassa pressione sanguigna, può essere somministrata dopamina per aumentare la pressione.

Il paziente dovrà normalmente assumere i farmaci regolarmente per un periodo di tempo indefinito, di solito almeno 3 mesi.

Prevenzione

Una serie di misure può ridurre il rischio di embolia polmonare.

  • Un paziente ad alto rischio può usare farmaci anticoagulanti come eparina o warfarin.
  • La compressione delle gambe è possibile, utilizzando calze compressive anti-embolismo o compressione pneumatica. Una manica, un guanto o uno stivale gonfiabili trattiene l’area interessata e aumenta la pressione quando necessario.

I metodi di compressione prevengono i coaguli di sangue forzando il sangue nelle vene profonde e riducendo la quantità di sangue in pool.

Altri modi per ridurre il rischio includono attività fisica, esercizio fisico regolare, una dieta sana e rinunciare o evitare il fumo di tabacco.

Le cause

[coagulo di sangue]

Un’embolia polmonare si verifica quando un embolo, di solito un coagulo di sangue, blocca il sangue che scorre attraverso un’arteria che alimenta i polmoni.

Un coagulo di sangue può iniziare in un braccio o una gamba, noto come trombosi venosa profonda (TVP).

Dopo di ciò, si libera e viaggia attraverso il sistema circolatorio verso i polmoni. Lì, è troppo grande per passare attraverso i piccoli vasi, quindi forma un blocco.

Questo blocco impedisce al sangue di fluire in una parte del polmone. Questo fa sì che la sezione interessata del polmone muoia per mancanza di ossigeno.

Raramente, un’embolia polmonare può derivare da un embolo formato da goccioline di grasso, liquido amniotico o altre particelle che entrano nel flusso sanguigno.

Diagnosi

Per raggiungere una diagnosi, il medico esaminerà la storia del paziente e valuterà se è probabile un’embolia. Effettueranno un esame fisico. La diagnosi può essere difficile perché altre condizioni hanno sintomi simili.

I test per la diagnosi di embolia polmonare includono:

  • elettrocardiogramma (ECG), per registrare l’attività elettrica del cuore
  • studio dei gas del sangue arterioso, per misurare l’ossigeno, il biossido di carbonio e altri gas nel sangue
  • raggi X del torace, per generare un’immagine del cuore, dei polmoni e di altri organi interni
  • scansione V / Q polmonare, due test che analizzano la ventilazione e le proprietà strutturali dei polmoni
  • scansione di tomografia computerizzata (CT), che può rivelare anomalie nel torace, nel cervello e in altri organi
  • ultrasuoni delle gambe, per misurare la velocità della velocità del flusso sanguigno e qualsiasi cambiamento
  • test del d-dimero, un esame del sangue in grado di diagnosticare la trombosi
  • angiografia polmonare, per rivelare coaguli di sangue nei polmoni
  • risonanza magnetica (MRI), per ottenere immagini dettagliate di strutture interne

Fattori di rischio

Il rischio di sviluppare un’embolia polmonare aumenta con l’età. Le persone che hanno condizioni o malattie che aumentano il rischio di coagulazione del sangue hanno maggiori probabilità di sviluppare embolie polmonari.

Una persona ha un rischio più elevato di embolia polmonare se ha o ha avuto un coagulo di sangue nella gamba o nel braccio (DVT) o se ha avuto un’embolia polmonare in passato.

Lunghi periodi di riposo a letto o inattività aumentano il rischio di TVP e, di conseguenza, aumentano il rischio di embolia polmonare. Questo potrebbe essere un lungo volo o un giro in macchina.

Quando non ci muoviamo molto, il nostro sangue si accumula nelle parti inferiori del nostro corpo. Se il sangue si sta muovendo meno del normale, è più probabile che si formi un coagulo di sangue.

Anche i vasi sanguigni danneggiati aumentano il rischio.Ciò può verificarsi a causa di lesioni o interventi chirurgici. Se un vaso sanguigno è danneggiato, l’interno del vaso sanguigno può diventare più stretto, aumentando le possibilità di formazione di coaguli di sangue.

Altri rischi di fattori includono alcuni tumori, malattie infiammatorie intestinali, obesità, pacemaker, cateteri nelle vene, gravidanza, supplementi di estrogeni, una storia familiare di coaguli di sangue e fumo.

prospettiva

Con un trattamento efficace e tempestivo, la maggior parte delle persone che soffrono di embolia polmonare può recuperare completamente.

La condizione comporta un alto rischio di morte. Tuttavia, un trattamento precoce può ridurre drasticamente questo rischio.

Il periodo di massimo rischio è in queste ore dopo l’embolia prima si verifica. L’outlook è anche peggiore se l’embolia è causata da una condizione sottostante, come un tipo di cancro.

Tuttavia, la maggior parte delle persone con embolia polmonare può recuperare completamente.

Like this post? Please share to your friends: