Gentili utenti! Tutti i materiali presenti sul sito consistono in traduzioni da altre lingue. Ci scusiamo per la qualità dei testi, ma confidiamo che possano essere di vostro gradimento. Cordialmente, l'Amministrazione del sito. La nostra e-mail: admin@itmedbook.com

Cosa c’è da sapere sull’ernia epigastrica?

L’ernia è un rigonfiamento che deriva dal tessuto corporeo che spinge attraverso il muscolo circostante.

La maggior parte delle ernie si verificano nell’addome e vi sono diversi tipi di ernie addominali, comprese quelle note come ernie epigastriche.

Cos’è un’ernia epigastrica?

Ernia epigastrica

Le ernie epigastriche sono masse o rigonfiamenti che si verificano nella parte superiore della parete addominale – in un’area nota come l’epigastrio, che si trova sopra l’ombelico e appena sotto lo sterno.

Le ernie epigastriche possono essere presenti fin dalla nascita. Possono variare di dimensioni ed è possibile avere più di un’ernia epigastrica alla volta.

Tipicamente, un’ernia epigastrica è piccola, con solo il rivestimento dell’addome che si rompe attraverso il tessuto circostante. Le ernie più grandi, tuttavia, possono far passare attraverso il tessuto adiposo o parte dello stomaco.

Per molte persone, le piccole ernie non causano problemi, possono comparire solo in determinati momenti e potrebbero non essere visibili quando si è sdraiati. Molte persone non sono consapevoli di avere un’ernia epigastrica.

Cause e fattori di rischio

Un’ernia epigastrica è solitamente presente dalla nascita. Si forma come il risultato di una debolezza dei muscoli della parete addominale o della chiusura incompleta del tessuto addominale durante lo sviluppo.

Alcuni fattori che possono causare o esacerbare le ernie epigastriche includono:

  • obesità
  • gravidanza
  • attacchi di tosse
  • sollevamento pesante
  • lavoro fisico
  • allenamento intensivo o sport

Sintomi

ernie epigastriche

Le persone con ernie epigastriche spesso non manifestano alcun sintomo. Alcune persone attraversano l’infanzia e l’adolescenza inconsapevoli di avere un’ernia epigastrica. Tuttavia, molti bambini hanno sintomi sin da piccoli.

I sintomi in adulti e bambini includono:

  • dolore
  • tenerezza
  • un dosso addominale che può essere visto e sentito

Alcune azioni, come sforzare, piangere o avere un movimento intestinale, possono produrre o esacerbare questi sintomi.

I sintomi di alcune ernie epigastriche vanno e vengono, che è noto come un’ernia riducibile.

Diagnosi

Le ernie epigastriche vengono diagnosticate sulla base di un esame fisico. Il medico prenderà una storia medica, una storia familiare e un elenco di sintomi. Spingeranno sull’addome e potrebbero chiedere alla persona di sedersi, mentire o stare in piedi in varie posizioni.

Le tecniche di imaging, come la TC o l’ecografia addominale, possono essere utilizzate anche per verificare complicazioni o altre condizioni.

Un medico può diagnosticare un’ernia epigastrica come un’ernia incarcerata, il che significa che è bloccata nella posizione “fuori”. Anche se non è un’emergenza, questo richiede cure mediche.

Se un’ernia non ha un adeguato apporto di sangue, richiederà un trattamento di emergenza per prevenire danni ai tessuti. Questa è chiamata un’ernia strozzata.

Chirurgia: cosa aspettarsi

Le ernie epigastriche non guariscono da sole e si consiglia alle persone con un’ernia epigastrica di prendere in considerazione un intervento chirurgico.

Riparare l’ernia allevierà i sintomi e ridurrà il rischio di complicazioni, come danni ai tessuti o un’ernia allargata.

Prima dell’intervento

Una valutazione pre-ammissione avrà luogo prima dell’intervento. I test includono:

  • analisi del sangue
  • un cardiogramma
  • una radiografia del torace

Per ridurre qualsiasi fattore di rischio, il medico può chiedere a una persona di perdere peso in eccesso o smettere di fumare prima dell’intervento chirurgico.

La chirurgia dell’ernia epigastrica può essere eseguita sia in regime di ricovero che in regime ambulatoriale.

Se ci sono ragioni mediche per farlo, un individuo può essere ammesso il giorno prima dell’intervento chirurgico o può essere richiesto di rimanere in ospedale la notte dopo l’intervento chirurgico, o entrambi. Nella maggior parte dei casi, tuttavia, una persona sarà ammessa nel giorno dell’intervento e potrà tornare a casa quella sera.

Durante l’intervento

La riparazione chirurgica può essere eseguita in anestesia generale o anestesia locale, a seconda della preferenza dell’individuo e del parere del chirurgo.

Una volta che l’anestetico ha fatto il suo corso, il chirurgo praticherà un’incisione nell’ernia e inserirà un laparoscopio. Questo dispositivo è un tubo sottile con una luce che consente al chirurgo di osservare gli organi addominali e l’ernia. Il chirurgo eseguirà un’altra incisione per gli strumenti chirurgici.

Il chirurgo muoverà l’ernia sac (la parte del tessuto che spinge fuori) nella sua posizione corretta. Rafforzeranno anche il muscolo della parete addominale.

Se l’area che causa debolezza muscolare è piccola, il chirurgo può cucirla. Questi punti permanenti sono noti come punti di sutura e impediscono l’ernia di attraversare nuovamente.

Grandi aree di debolezza muscolare possono richiedere una patch di rete di nylon, che viene cucita per coprire il buco. Tuttavia, questo potrebbe non essere adatto per coloro che hanno precedentemente rifiutato altri impianti chirurgici.

Una volta che l’ernia è nella posizione corretta e la sutura o la rete è a posto, il chirurgo rimuoverà il laparoscopio e chiuderà l’incisione chirurgica.

I punti dissolvibili sono comunemente usati per chiudere la ferita. Il chirurgo coprirà quindi la ferita con una medicazione impermeabile.

Dopo l’intervento chirurgico

 Image credit: PacoPeramo, 2014 </ br>“></p> <p align=Alcuni dolore postoperatorio, disagio, gonfiore e lividi nell’area addominale sono normali. I medici possono raccomandare sollievo dal dolore per le prime 48 ore.

Un rigonfiamento potrebbe essere ancora presente dopo l’intervento. Questo probabilmente è causato dalla sutura usata per chiudere la parete addominale e dovrebbe diminuire nel tempo.

Dopo l’intervento, le persone dovrebbero iniziare a bere liquidi non appena possibile. Se possono tollerare i liquidi, possono essere in grado di iniziare una dieta leggera.

Poiché la stitichezza e il successivo sforzo possono causare problemi postoperatori, è importante mangiare abbastanza fibra e rimanere idratati.

Un medico consiglierà di rimuovere la medicazione quando la ferita è sufficientemente sigillata, di solito entro 5-10 giorni.In questo momento, le persone possono fare il bagno o la doccia.

Sebbene le persone non debbano esercitare alcuna pressione sulla ferita per almeno 28 giorni, dovrebbero impegnarsi in attività leggere, che possono aumentare progressivamente nel tempo.

L’attività sessuale può essere ripresa una volta che è comodo farlo. Le persone dovrebbero evitare di guidare per almeno 7 giorni.

Una persona deve fare molta attenzione quando:

  • passando da una posizione all’altra (ad esempio, da sdraiati a seduti)
  • starnuti
  • tosse
  • pianto
  • passando un movimento intestinale
  • vomito

La maggior parte delle persone sarà in grado di tornare al lavoro entro 2 o 4 settimane dopo l’intervento. Tuttavia, le persone con lavori che richiedono un sollevamento pesante o attività intense dovrebbero discuterne con il proprio medico.

Le persone dovrebbero rivolgersi immediatamente a un medico se hanno una delle seguenti condizioni:

  • sanguinamento persistente
  • febbre
  • nausea
  • vomito
  • aumento dei livelli di dolore, arrossamento o gonfiore intorno alla ferita
  • scarico dalla ferita

Trattamento per i bambini

I bambini di solito subiscono la stessa operazione degli adulti.

Può essere consigliabile ritardare l’intervento chirurgico per i neonati con un’ernia epigastrica fino a quando non sono più grandi e più in grado di tollerare un intervento chirurgico. Questo potrebbe non essere possibile in casi di emergenza.

Viene prestata particolare attenzione alla preparazione dei bambini per la chirurgia dell’ernia epigastrica e un chirurgo pediatrico esegue di solito la procedura.

prospettiva

La maggior parte delle persone guarisce facilmente dopo l’intervento chirurgico per un’ernia epigastrica. Mentre c’è il rischio di recidiva, tende ad essere bassa, con alcune stime che la colloca tra l’1 e il 5%.

Alcune ricerche hanno rilevato che la gravidanza può aumentare il rischio di recidiva. Uno studio del 2016 suggerisce che la riparazione delle maglie può aumentare la possibilità di recidiva nelle donne con una gravidanza successiva.

Like this post? Please share to your friends: