Gentili utenti! Tutti i materiali presenti sul sito consistono in traduzioni da altre lingue. Ci scusiamo per la qualità dei testi, ma confidiamo che possano essere di vostro gradimento. Cordialmente, l'Amministrazione del sito. La nostra e-mail: admin@itmedbook.com

Cosa c’è da sapere sull’ipertensione polmonare?

L’ipertensione polmonare è l’aumento della pressione sanguigna nei vasi sanguigni che raccolgono ossigeno dai polmoni. È una condizione grave, degenerativa e può portare allo scompenso cardiaco e alla morte.

L’ipertensione generale può essere spesso prevenuta attraverso i cambiamenti dello stile di vita, ma l’ipertensione polmonare spesso ha fattori genetici.

Ci sono circa 200.000 ricoveri ogni anno negli Stati Uniti (Stati Uniti) che coinvolgono l’ipertensione polmonare, e la condizione è ufficialmente responsabile di circa 15.000 vittime all’anno.

È più comune nelle persone di età pari o superiore a 75 anni.

Dati rapidi sull’ipertensione polmonare

  • L’ipertensione polmonare è alta pressione nei vasi sanguigni dei polmoni.
  • Le complicanze includono coaguli di sangue, battito cardiaco irregolare e cuore polmonare o insufficienza cardiaca destra. Le complicazioni sono gravi e possono essere fatali.
  • L’ipertensione polmonare può essere causata da difetti cardiaci congeniti, infezione da HIV, problemi di tessuto connettivo o uso di droghe.
  • La pressione arteriosa polmonare superiore a 20 millimetri di mercurio (mmHg) è considerata anormale.
  • L’ipertensione polmonare viene spesso diagnosticata utilizzando la camminata di 6 minuti.
  • Il trattamento prevede una serie di farmaci e interventi chirurgici.

Cos’è l’ipertensione polmonare?

L’ipertensione polmonare è una pressione arteriosa anomala nell’arteria polmonare che raggiunge i polmoni dal lato destro del cuore.

Ipertensione polmonare

Il sangue ossigenato viene fornito al resto del corpo dalla relativa camera di pompaggio del cuore. Se l’ipertensione, o l’ipertensione, si verifica vicino ai polmoni nella circolazione di una persona, è probabile che sia una condizione progressiva e seria.

L’ipertensione polmonare differisce dall’ipertensione generale. L’ipertensione è una condizione separata che coinvolge alta pressione sanguigna attraverso una gamma di sistemi corporei, che colpisce principalmente il più ampio sistema circolatorio.

La normale pressione sanguigna polmonare dovrebbe essere compresa tra 8 e 20 millimetri di mercurio (mmHg) durante il riposo.

Ci sono due tipi di pressione sanguigna elevata nei polmoni: primaria e secondaria.

  • L’ipertensione polmonare primaria è una condizione relativamente rara che non è legata al problema sottostante.
  • Ipertensione polmonare secondaria deriva da una condizione di base, come un difetto cardiaco.

L’aspettativa di vita media dopo la diagnosi è stimata in 2,8 anni senza trattamento, ma l’aiuto medico può migliorare le prospettive.

Sintomi

Ipertensione polmonare respiro corto

Il sintomo principale dell’ipertensione polmonare è la mancanza di respiro, noto anche come dispnea.

Altri due sintomi chiave sono affaticamento e sincope. La sincope si riferisce a svenimenti e vertigini.

L’assenza di respiro può influire sulla capacità di una persona di camminare, parlare e esercitarsi fisicamente.

È importante notare che l’ipertensione polmonare può essere clinicamente “silenziosa”. In questi casi, potrebbero non esserci sintomi finché la condizione non diventa grave.

complicazioni

L’insufficienza cardiaca destra, nota anche come cuore polmonare, è la principale complicazione dell’ipertensione polmonare.

La contropressione sul cuore e lo sforzo maggiore necessario per mantenere il flusso sanguigno possono portare a una malattia cardiaca nota come ipertrofia ventricolare destra. Il ventricolo destro del cuore collassa per il lavoro eccessivo dovuto alle pareti arteriose addensate, all’aumento delle dimensioni del ventricolo e all’alta pressione.

Questa è una complicanza pericolosa per la vita in quanto può portare a insufficienza cardiaca. L’insufficienza cardiaca è la principale causa di morte per le persone con ipertensione polmonare.

Altre complicazioni includono il sangue che entra nei polmoni e tosse sangue, o emottisi. Entrambe queste complicazioni possono causare la morte.

Coaguli di sangue e battito cardiaco irregolare, o aritmia, sono altre potenziali complicanze dell’ipertensione polmonare.

È di vitale importanza che una persona che sospetta di avere un’ipertensione polmonare riceva l’attenzione del medico il prima possibile.

Un aiuto medico rapido può ridurre il rischio di complicazioni che diventano gravi.

Le cause

L’ispessimento delle pareti dei vasi sanguigni nel polmone provoca ipertensione polmonare.

Questo restringe lo spazio all’interno della nave che il sangue può attraversare, aumentando la pressione.

Un complesso insieme di fattori porta all’ispessimento dei vasi sanguigni nei polmoni durante l’ipertensione polmonare.

Le cause note includono:

  • problemi con il tessuto connettivo, come la sclerosi
  • difetti cardiaci congeniti, il che significa che il difetto era presente alla nascita
  • cause genetiche ereditarie, come una mutazione del gene BMPR2
  • uso di droghe o altre tossine
  • Infezione da HIV
  • malattia polmonare veno-occlusiva, a volte associata a cancro o trattamento del cancro
  • malattia cardiaca sinistra, come la malattia della valvola cardiaca
  • malattia polmonare, ad esempio, BPCO e esposizione cronica ad alta quota
  • ipertensione polmonare tromboembolica cronica, che si verifica dopo che un coagulo di sangue ha raggiunto il polmone

Una serie di condizioni è legata all’ipertensione polmonare e il disturbo può verificarsi insieme a diversi tipi di malattie cardiache o polmonari. Di conseguenza, la causa della condizione può spesso essere sconosciuta o difficile da confermare.

Diagnosi

Un medico prenderà una famiglia e una storia medica ed effettuerà un esame fisico.

Se si sospetta un’ipertensione polmonare, si consiglia di norma una serie di test.

Questi includono:

  • Una radiografia del torace: questo è spesso combinato con le scansioni TC o MRI per aiutare a trovare la causa sottostante dell’ipertensione polmonare.
  • Elettrocardiogramma (ECG): misura l’attività elettrica del cuore.
  • Cateterizzazione del cuore destro: misura la pressione sanguigna polmonare.

L’ipertensione polmonare viene diagnosticata quando la pressione nell’arteria polmonare è maggiore di 25 mmHg durante il riposo o 30 mmHg durante lo sforzo.

Il test del cammino di 6 minuti (6MWT) consente di eseguire l’ipertensione polmonare.La stadiazione dimostra la gravità della condizione su una scala da 1 a 4. La prima fase si riferisce a una presentazione sintomatica della malattia in cui l’attività fisica non causa disagio, e la fase 4 significa che i sintomi si verificano durante il riposo.

Questo test misura fino a che punto una persona con sospetta ipertensione polmonare può camminare in 6 minuti, così come le risposte del proprio corpo a farlo.

Una volta che la condizione è stata gestita, può essere organizzato un piano di trattamento appropriato. Questa stadiazione viene anche utilizzata per indicare la prospettiva della condizione.

Trattamento

Il trattamento per l’ipertensione polmonare dipende dalla causa sottostante, da eventuali problemi di salute concomitanti e dalla gravità della condizione.

Terapie che possono aiutare a gestire la condizione includono bassi livelli di esercizio anaerobico, come camminare, per migliorare la capacità del paziente per l’attività fisica.

L’ossigenoterapia continua può essere necessaria per aiutare a mantenere la saturazione di ossigeno nel sangue, specialmente in un paziente che ha anche una malattia polmonare.

L’ossigenoterapia comporta la somministrazione di ossigeno supplementare dall’esterno del corpo, spesso conservato in apposite vasche e fornito da una maschera di ossigeno o tubi nel naso e nella trachea.

Farmaci per l’ipertensione polmonare

Un certo numero di farmaci diversi sono usati per trattare l’ipertensione polmonare, a volte in combinazione.

  • I diuretici sono usati per ridurre la ritenzione di liquidi e il gonfiore. Sono anche conosciuti come pillole d’acqua.
  • La digossina è usata per trattare l’insufficienza cardiaca. Aiuta a controllare la frequenza cardiaca e il ritmo e aumenta la quantità di sangue pompato da ciascun battito cardiaco.
  • Farmaci che fluidificano il sangue, come il warfarin, possono aiutare a prevenire i coaguli di sangue. Questi sono più probabili nelle persone con ipertensione polmonare.
  • I bloccanti del canale del calcio, come il diltiazem, possono aiutare alcuni pazienti.
  • Gli inibitori della fosfodiesterasi 5 (PDE5) aumentano il flusso sanguigno allargando i vasi sanguigni. Questo è chiamato vasodilatazione. Il sildenafil è un esempio di inibitore della PDE5.
  • Gli antagonisti dei recettori dell’endotelina, come il bosentan e l’ambrisentan, limitano la costrizione delle arterie che possono verificarsi quando una persona ha troppo peptide naturale.

Soluzioni chirurgiche

Ipertensione polmonare da trapianto di cuore

Trattamenti più invasivi sono possibili anche nei casi in cui la medicina non sta avendo l’effetto desiderato.

Questi includono:

  • Septostomia atriale: il chirurgo introduce uno shunt tra le camere cardiache e migliora la gittata cardiaca mentre il paziente attende un intervento chirurgico di trapianto.
  • Trapianto polmonare: questa è una procedura per sostituire un polmone o entrambi i polmoni.
  • Un trapianto combinato di cuore e polmoni: questa procedura è un doppio trapianto intensivo.

Ipertensione polmonare tromboembolica cronica è una presentazione di ipertensione nei polmoni che coinvolge un certo numero di coaguli di sangue nelle arterie.

Alcuni pazienti con ipertensione polmonare tromboembolica cronica possono sottoporsi a una procedura chiamata tromboendarterectomia polmonare (PTE). Questo è un intervento specialistico al cuore per rimuovere i coaguli di sangue dalle arterie coronarie.

L’ossigenoterapia continua può essere necessaria per aiutare a mantenere la saturazione di ossigeno nel sangue, specialmente in un paziente che ha anche una malattia polmonare.

Durante un volo ad alta quota, un paziente può aver bisogno di ossigenoterapia per compensare la riduzione dei livelli di ossigeno.

L’ipertensione polmonare non ha cura Tuttavia, il trattamento può alleviare i sintomi e rallentare lo sviluppo della condizione.

Like this post? Please share to your friends: