Gentili utenti! Tutti i materiali presenti sul sito consistono in traduzioni da altre lingue. Ci scusiamo per la qualità dei testi, ma confidiamo che possano essere di vostro gradimento. Cordialmente, l'Amministrazione del sito. La nostra e-mail: admin@itmedbook.com

Cosa c’è da sapere sulla deformità del collo di cigno?

La deformità del collo di cigno è una condizione che colpisce le articolazioni delle dita.

È causato da uno stress anormale sulla placca volare, il legamento attorno all’articolazione media del dito (articolazione PIP).

La forma risultante sembra simile al collo di un cigno, che è il modo in cui la condizione ha preso il nome.

Che cos’è una deformità del collo di cigno?

Deformità del collo di cigno

Affinché si verifichi una deformità del collo del cigno, si deve porre uno sforzo anormale sul legamento attorno all’articolazione PIP del dito.

Lo stress fa sì che il legamento si allenti, causando quindi l’iperestensione dell’articolazione PIP. Di conseguenza, l’articolazione PIP si inchina verso il palmo.

Allo stesso tempo, l’articolazione più lontana dal palmo (articolazione DIP) costringe il polpastrello a puntare verso il palmo.

Le dita anormalmente piegate possono rendere difficile per una persona con deformità del collo di cigno afferrare oggetti o fare un pugno. La mozione limitata può essere classificata come disabilità, in quanto la persona ha perso alcune funzioni fondamentali delle dita e delle mani.

Alcune malformazioni simili alle dita possono essere confuse con la deformità del collo di cigno. Questi includono la deformità a becco d’anatra, che fa sì che il pollice o le dita formino un angolo di 90 gradi.

Benché legata ad altre deformità, la deformità del collo di cigno è distinta in quanto può verificarsi soltanto sulle dita, poiché il pollice non ha un’articolazione media.

Le cause

 Image credit: Phoenix119, 2014. </ Br>“></p> <p align=Mentre ci sono diverse potenziali cause di deformità del collo di cigno, la causa più comune è l’artrite reumatoide.

Altre possibili cause possono includere uno o più dei seguenti:

  • altri tipi di artrite
  • dito di maglio non trattato – una condizione spesso causata da lesioni
  • frattura mal guarita nel dito
  • altro trauma diretto al dito che ha indebolito i legamenti che circondano l’articolazione PIP
  • danno ai nervi che provoca spasmi muscolari
  • punta delle dita gravemente inceppata
  • muscoli della mano tesi a causa di lesioni
  • allentamento della piastra fibrosa all’interno della mano situata alla base delle dita
  • legamenti allentati delle dita
  • tendine o tendini rotti
  • alcune condizioni genetiche, come la sindrome di Ehlers-Danlos

Le persone con diagnosi di artrite reumatoide sono a maggior rischio di sviluppare deformità del collo del cigno in una o più dita.

Quando viene diagnosticata per la prima volta l’artrite reumatoide, una persona potrebbe voler parlare con un medico delle misure precauzionali per evitare di sviluppare deformità del collo del cigno man mano che la malattia progredisce.

Sintomi

Nelle fasi successive della deformità del collo di cigno, è relativamente facile riconoscere i sintomi visivamente.

I primi segni di deformità del collo di cigno possono includere dolore quando si piega la nocca e una leggera curva nella direzione sbagliata di una o più dita.

Se non trattate, le due articolazioni esterne del dito si piegheranno in modo evidente, causando il dito simile al collo di un cigno.

Diagnosi

I medici diagnosticano la deformità del collo di cigno con un esame visivo delle mani. Il medico cercherà un giunto medio iperesteso (PIP) e controllerà se la punta del dito si sta piegando verso l’interno per puntare verso il palmo.

Oltre a determinare se un paziente ha deformità del collo di cigno, un medico cercherà di diagnosticare la causa. Per le persone con artrite reumatoide, la causa più probabile è l’artrite.

Se l’artrite reumatoide non è la causa, un medico può ordinare una radiografia del dito o delle dita per determinare se una lesione acuta può essere la causa.

Trattamento

Ci sono una varietà di opzioni di trattamento per le persone che hanno deformità del collo di cigno. Esistono due grandi categorie di trattamento: chirurgico e non chirurgico.

Non chirurgico

artrite reumatoide

Il trattamento non chirurgico si concentra sul ripristino della flessibilità per l’articolazione PIP e l’allineamento della mano e delle dita. Il fissaggio del giunto PIP dovrebbe risolvere il giunto DIP nella maggior parte delle situazioni. In caso contrario, potrebbe essere necessario un ulteriore intervento chirurgico.

In alcuni casi, una persona può ricevere una terapia fisica o occupazionale. Questi trattamenti utilizzano stretching, massaggio e mobilizzazione articolare per ripristinare la funzionalità e l’allineamento delle dita e delle mani.

Oltre alle terapie o come trattamento autonomo, un medico può prescrivere speciali stecche per le dita. Questi producono i migliori risultati quando le articolazioni PIP sono più elastiche. Molti stili più recenti di stecche ricordano gioielli e possono essere discreti o decorativi.

Una persona può assumere medicinali da banco o da prescrizione per ridurre il dolore e il disagio. Una persona dovrebbe consultare il proprio medico prima di assumere nuovi farmaci.

Opzioni chirurgiche

Prima di un intervento chirurgico, un chirurgo può suggerire che una persona prova alcune delle opzioni di trattamento non chirurgico per diverse settimane.

I casi gravi di deformità del collo di cigno, così come quelli che non rispondono a terapie e stecche, sono i più probabili da raccomandare per la chirurgia.

Ci sono diverse opzioni chirurgiche disponibili. La chirurgia dei tessuti molli, la fusione dell’articolazione delle dita e l’artroprotesi dell’articolazione PIP sono tutte opzioni praticabili per il trattamento della deformità del collo di cigno.

  • La chirurgia dei tessuti molli comporta il rilascio, l’allineamento e il bilanciamento dei legamenti attorno all’articolazione PIP. Tuttavia, la chirurgia che mira a fissare il tessuto molle che contribuisce alla deformità del collo di cigno potrebbe non essere altrettanto efficace. Dopo l’intervento chirurgico, molte persone riceveranno una terapia fisica per aiutare il recupero.
  • La fusione dell’articolazione del dito coinvolge la fusione del giunto DIP in modo che la punta del dito non sia in grado di piegarsi all’articolazione DIP. La fusione dell’articolazione DIP stabilizza l’articolazione, riduce il dolore ed evita ulteriori deformità. Nei casi più gravi, un chirurgo può raccomandare di fondere l’articolazione PIP in una posizione leggermente piegata.
  • L’artroplastica articolare PIP comporta la sostituzione parziale o totale dell’articolazione PIP nelle dita interessate. Entrambe le sezioni del legamento attorno al giunto vengono rimosse e sostituite. Una volta che i nuovi legamenti sono a posto, il chirurgo ricostruisce in genere parte del tessuto molle per ripristinare il movimento del dito.

Recupero e gestione

Dopo l’intervento chirurgico, non è raro che una persona si sottoponga a continue terapie occupazionali e fisiche. Queste terapie aiuteranno una persona a riprendere gradualmente forza e mobilità nelle dita. I tempi di recupero tipici vanno da pochi mesi a mezzo anno.

L’obiettivo della terapia è recuperare la forza, migliorare la gamma di movimento, riportare le capacità motorie e ridurre il dolore.

Oltre alle terapie, una persona può continuare a indossare un tutore o una stecca.

Se la deformità del collo di cigno si è verificata a seguito di una lesione acuta, una persona probabilmente non espierà ulteriori complicazioni una volta guarito dall’intervento.

Le persone con artrite reumatoide possono aver bisogno di sottoporsi a intervento chirurgico e terapia diverse volte per ridurre l’impatto della deformità del collo di cigno.

Like this post? Please share to your friends: