Gentili utenti! Tutti i materiali presenti sul sito consistono in traduzioni da altre lingue. Ci scusiamo per la qualità dei testi, ma confidiamo che possano essere di vostro gradimento. Cordialmente, l'Amministrazione del sito. La nostra e-mail: admin@itmedbook.com

Cosa c’è da sapere sulla malattia epatica alcolica?

La malattia epatica alcolica è il risultato di un consumo eccessivo di alcool che danneggia il fegato, causando un accumulo di grassi, infiammazioni e cicatrici. Può essere fatale.

La condizione è una causa primaria di malattia epatica cronica nelle nazioni occidentali.

Il fegato è uno degli organi più complessi del corpo umano, con oltre 500 funzioni. Questi includono filtrare le tossine del sangue, immagazzinare energia, produrre ormoni e proteine ​​e regolare il colesterolo e lo zucchero nel sangue.

Il danno al fegato può interessare tutto il corpo. Una volta che il danno ha inizio, può essere necessario molto tempo per diventare visibile, poiché il fegato è generalmente molto efficace nel rigenerare e riparare se stesso. Spesso, quando viene trovato il danno, è irreversibile.

Secondo i Centers for Disease Control and Prevention (CDC), nel 2014 il numero di decessi per malattia epatica alcolica negli Stati Uniti è stato di 19.388, mentre si stima che tutte le cause di malattia epatica cronica e cirrosi portano a 12 decessi ogni 100.000 persone per anno.

Nel 2015, negli Stati Uniti, quasi il 20% di tutti i trapianti di fegato si è verificato a causa della malattia epatica alcolica, diventando così la terza ragione più comune per trapiantare l’epatite C cronica e il cancro al fegato.

Fatti veloci sulla malattia epatica alcolica

  • La malattia epatica alcolica è la principale causa di malattia epatica cronica nelle nazioni occidentali e la terza causa più comune di trapianti di fegato.
  • Astenersi dal bere alcolici è l’unico modo in cui una persona ha una possibilità di recupero.
  • Ittero e tremori sono sintomi di malattia epatica alcolica.
  • Le opzioni di trattamento comprendono farmaci, cambiamenti nello stile di vita e chirurgia.
  • I limiti giornalieri raccomandati non sono più di un drink al giorno per le donne e non più di due bicchieri al giorno per gli uomini.

Primi segni

Fegato malato

I primi segni di malattia epatica alcolica sono vaghi e influenzano una serie di sistemi nel corpo.

Insieme a una sensazione generale di malessere, i segni possono includere:

  • dolore nell’addome
  • nausea e vomito
  • diarrea
  • diminuzione dell’appetito

Può essere facile liquidare i primi sintomi come gli effetti di un mal di stomaco o malessere generale. Tuttavia, lasciare questi sintomi non diagnosticati e non trattati, soprattutto continuando a consumare alcol, può portare a una più rapida progressione della malattia epatica nel tempo.

Sintomi

Una volta che la malattia epatica alcolica progredisce, i suoi sintomi diventano più facili da riconoscere.

I segni più distintivi della malattia epatica in fase avanzata sono i seguenti:

  • ittero, o una tinta gialla del bianco degli occhi e della pelle
  • edema o gonfiore degli arti inferiori
  • un accumulo di liquido nell’addome, noto come ascite
  • febbre e brividi
  • pelle estremamente pruriginosa
  • unghie che si curvano eccessivamente, note come clubbing
  • perdere una quantità significativa di peso
  • debolezza generale e muscoli inutili
  • sangue nel vomito e nelle feci
  • sanguinamento e lividi più facilmente
  • reazioni più sensibili ad alcol e droghe

Una volta che i sintomi sono evidenti, la condizione ha raggiunto uno stadio avanzato e visitare un medico è un passaggio cruciale.

Trattamento

Il primo passo nel trattamento di qualsiasi livello di malattia epatica alcolica si concentra sulla rimozione di alcol dalla dieta.

Astinenza

Uomo che dice di no all'alcol

Questo può aiutare a invertire alcune fasi iniziali della malattia del fegato. Ad esempio, smettere di bere una volta diagnosticata una malattia del fegato grasso può essere in grado di invertire la condizione entro 2-6 settimane.

Una volta che a qualcuno viene diagnosticata una malattia epatica alcolica in qualsiasi momento, si raccomanda di non riprendere mai a bere. Qualsiasi condizione che si è invertita verrà in genere restituita una volta che si riprende a bere.

Poiché la dipendenza da alcol può rendere più difficile smettere di bere alcol, è necessario ridurre gradualmente l’assunzione di alcol.

Coloro che bevono regolarmente più dei limiti giornalieri raccomandati di alcol non dovrebbero smettere di bere senza assistenza medica. Il ritiro dall’alcol può essere pericoloso per la vita. Gli individui dovrebbero cercare aiuto da un medico per gestire in sicurezza la sospensione di alcol.

I limiti giornalieri raccomandati sono più di un drink al giorno per le donne e più di due drink al giorno per gli uomini.

La terapia cognitivo-comportamentale (CBT) e le medicine chiamate benzodiazepine possono essere utilizzate per alleviare i sintomi di astinenza in una persona con dipendenza da alcool. Le persone con una dipendenza alcolica grave possono rimanere in una struttura di riabilitazione ospedaliera per un monitoraggio più attento.

La terapia in corso può quindi essere richiesta per prevenire una ricaduta nel bere alcolici. Farmaci come l’acamprosato, il naltrexone, il topiramato, il baclofen e il disulfiram possono anche essere usati per aiutare a prevenire le ricadute.

Cambiamenti nello stile di vita

La perdita di peso e il smettere di fumare potrebbero anche essere raccomandati poiché il sovrappeso e il fumo hanno entrambi dimostrato un ruolo nel peggioramento della malattia epatica alcolica. Di solito si consiglia anche l’assunzione di un multivitaminico giornaliero.

Ecco una pagina per l’acquisto di una gamma di multivitaminici giornalieri. Questo ti porterà su un sito esterno.

farmaci

I corticosteroidi o pentossifillina possono essere utilizzati per ridurre l’infiammazione nelle persone con epatite alcolica acuta mentre vengono curati in ospedale.

Altri farmaci che mostrano il potenziale per il trattamento e sono attualmente allo studio includono:

  • probiotici e antibiotici
  • terapia con cellule staminali
  • farmaci che prendono di mira il percorso di infiammazione

Trapianto di fegato

Nelle persone con insufficienza epatica, il fegato cessa completamente di funzionare. Questo può essere un risultato della malattia epatica in stadio avanzato e spesso significa che un trapianto di fegato è l’unica opzione per la sopravvivenza prolungata.

In genere, solo le persone che possono mostrare almeno sei mesi di astinenza dall’alcol prima della procedura e quelle con altri sistemi di organi che sono abbastanza sane da sottoporsi ad intervento chirurgico saranno prese in considerazione per il trapianto.

Il trapianto di fegato è una procedura complicata che dipende dalla disponibilità di un donatore. I farmaci anti-rigetto somministrati dopo il trapianto possono aumentare il rischio di infezioni gravi e alcuni tipi di cancro.

Un trapianto di fegato è l’ultima risorsa. Smettere di fumare e trattare questa condizione precocemente è il modo migliore per una persona di aumentare le sue possibilità di invertire o rallentare la malattia.

prospettiva

L’aspettativa di vita di una persona con malattia epatica alcolica si riduce drasticamente con il progredire della condizione.

In media, una persona su tre con lo stadio più avanzato di malattia del fegato e cirrosi è ancora in vita dopo 2 anni. Quando il corpo può compensare e gestire la cirrosi, la durata media della vita è compresa tra 6 e 12 anni. Quelli con malattie meno gravi sopravviveranno più a lungo, a patto che mantengano l’astinenza dall’alcol.

Alcune fasi della condizione possono essere invertite e l’aspettativa di vita può aumentare quando una persona smette di bere alcolici completamente.

Non fumare, controllare il peso corporeo e gestire il diabete e le malattie cardiache, renali o polmonari sono importanti anche per allungare e migliorare la qualità della vita.

fasi

La malattia epatica alcolica ha quattro fasi principali.

Malattia di fegato grasso alcolico

Bere un grande volume di alcol può causare la raccolta di acidi grassi nel fegato. A volte, bere pesantemente in un breve periodo, anche meno di una settimana, può causare questo. Normalmente non ci sono sintomi e questo stadio della malattia è spesso reversibile se il soggetto si astiene dall’alcol da questo punto in poi.

Epatite alcolica

L’uso continuato di alcol porterà ad una continua infiammazione del fegato. Questo può accadere dopo molti anni di alcolici pesanti. Può anche verificarsi in modo acuto durante i periodi di binge drinking. L’epatite è un termine generale gonfiore e infiammazione del fegato da qualsiasi causa.

Se l’individuo si astiene dall’alcol a lungo termine, l’epatite alcolica è solitamente reversibile.

Fibrosi

La fibrosi è un accumulo di alcuni tipi di proteine ​​nel fegato, compreso il collagene. È presente nella maggior parte dei tipi di malattia epatica cronica. Le forme di fibrosi da lievi a moderate possono essere reversibili. La fibrosi e l’infiammazione continue possono portare al cancro del fegato.

Cirrosi

La cirrosi si verifica quando il fegato è infiammato da molto tempo, causando cicatrici e perdita di funzionalità. Questa può essere una condizione pericolosa per la vita. Il danno da cirrosi è irreversibile, ma il paziente può prevenire ulteriori danni continuando a evitare l’alcol.

L’astinenza per tutta la vita può migliorare la funzionalità epatica, ma il danno permanente e grave della cirrosi potrebbe significare che il paziente ha bisogno di un trapianto di fegato per sopravvivere.

Poiché il fegato non tratta più correttamente le tossine, sarà più sensibile ai farmaci e all’alcol. L’uso di alcol accelera la distruzione del fegato e riduce la capacità del fegato di compensare il danno attuale.

Fattori di rischio

Donna che sembra triste vicino al vino

Una serie di fattori aumentano il rischio di malattia epatica alcolica.

Le persone che bevono birra e liquori possono avere maggiori probabilità di soffrire di malattie del fegato, se confrontate con quelle che consumano altre bevande alcoliche, come il vino.

Secondo l’American College of Gastroenterology, le donne che consumano più di due drink al giorno e gli uomini che consumano più di tre drink al giorno per più di cinque anni sono a maggior rischio di sviluppare malattie epatiche alcoliche.

Le donne metabolizzano l’alcol più lentamente rispetto agli uomini. Inoltre hanno maggiori probabilità di sviluppare rapidamente fibrosi, infiammazione e danni al fegato a causa dell’alcol. La ricerca ha dimostrato che le donne sono più suscettibili agli effetti negativi dell’alcol rispetto agli uomini, anche a parità di consumo di alcol.

Secondo il National Institute on Alcohol Abuse and Alcoholism (NIAAA), il 13% delle donne negli Stati Uniti che bevono alcolici consuma più di sette drink a settimana.

Le donne che consumano elevate quantità di alcol e trasportano anche un eccesso di peso corporeo hanno maggiori possibilità di sviluppare malattie epatiche croniche. Tuttavia, l’obesità è anche un fattore di rischio per gli uomini.

Avere l’epatite C aumenta il rischio, e una persona che consuma alcol regolarmente e che ha avuto qualsiasi tipo di epatite deve affrontare una maggiore probabilità di sviluppare malattie del fegato. L’epatite C aumenta anche il rischio di sviluppare un cancro al fegato.

I cambiamenti genetici possono influenzare il rischio. Se una persona sperimenta cambiamenti nei profili genetici di particolari enzimi che sono fondamentali per il metabolismo dell’alcol, come ADH, ALDH e CYP4502E1, avranno una maggiore probabilità di sviluppare malattie epatiche alcoliche.

Le cause

Non tutti i forti bevitori regolari sviluppano danni al fegato. Non è noto perché la malattia epatica alcolica colpisce alcune persone e non altre.

L’acetaldeide è una sostanza chimica tossica prodotta dalla decomposizione dell’alcol da parte dell’organismo. Danneggia il fegato e porta a cicatrici e infiammazioni del fegato.

Questa sostanza chimica sembra influenzare alcune persone più di altre.

Prevenzione

Per prevenire l’epatopatia alcolica e altre condizioni legate al consumo di alcol, si consiglia alle persone di attenersi alle linee guida nazionali per i limiti del consumo di alcol.

Le linee guida classificano bere moderatamente fino a un drink al giorno per le donne, fino a due bevande per gli uomini e solo di età superiore ai 21 anni. Una bevanda equivale a 12 once liquide (oz) di birra al 5% di alcol, 5 once di vino al 12% di alcol o 1,5 once di alcolici al 40% di alcol.

Binge drinking si riferisce al consumo eccessivo di alcol in un breve lasso di tempo. Può aumentare il rischio di danni al fegato. Quando un uomo consuma cinque o più bevande entro 2 ore, o una donna consuma quattro o più bevande nello stesso lasso di tempo, è considerato binge drinking.

Il NIAAA osserva inoltre che diverse persone reagiscono all’alcol in modi diversi, e alcuni sono più a rischio di altri dagli effetti dell’alcol.Il disturbo da alcol (AUD) spesso accompagna la malattia alcolica del fegato. È una forma di grave problema di bere. Una persona ha difficoltà a controllare l’assunzione di alcol e si sente emotivamente bassa quando non usa l’alcol.

Le linee guida identificano quelle ad alto rischio per un disturbo da consumo di alcool da donne che bevono quattro o più bevande in un giorno, o otto o più bevande in una settimana, e uomini che bevono cinque o più bevande in un giorno o 15 o più bevande a settimana.

Like this post? Please share to your friends: