Gentili utenti! Tutti i materiali presenti sul sito consistono in traduzioni da altre lingue. Ci scusiamo per la qualità dei testi, ma confidiamo che possano essere di vostro gradimento. Cordialmente, l'Amministrazione del sito. La nostra e-mail: admin@itmedbook.com

Cosa c’è da sapere sulla schizofrenia disorganizzata?

La schizofrenia disorganizzata è un precedente sottotipo di schizofrenia, una malattia mentale cronica.

La schizofrenia disorganizzata, o efrenia, si riferisce a pensieri e comportamenti incoerenti e illogici legati alla schizofrenia.

Tuttavia, l’hebfrenia non è più considerata una forma distinta di schizofrenia. Il cambio di stato è avvenuto perché non era possibile mantenere separati i diversi tipi per aiutare nella diagnosi.

Dal 2013, il Manuale diagnostico e statistico dei disturbi mentali (DSM-5) dell’American Psychiatric Association (APA) ha definito la schizofrenia come una singola condizione, che può includere o meno la disorganizzazione.

La schizofrenia colpisce circa l’1,1% della popolazione mondiale.

Fatti veloci sulla schizofrenia disorganizzata:

Ecco alcuni punti chiave sulla schizofrenia disorganizzata. Maggiori dettagli sono nell’articolo principale.

  • La schizofrenia è una grave malattia mentale permanente che può comportare pensieri e comportamenti disorganizzati e illogici.
  • La schizofrenia disorganizzata, o ebefrenia, era un sottotipo, ma dal 2013 è stata inclusa sotto la voce “schizofrenia”.
  • Il trattamento è disponibile, e se una persona aderisce ad esso, può consentire loro di far fronte alla vita di tutti i giorni.
  • Le complicazioni della schizofrenia possono essere gravi, ma il sostegno da parte della famiglia e degli amici può aiutare una persona ad evitare alcune di queste.

Sintomi

I segni della schizofrenia rientrano nelle seguenti categorie di sintomi chiave di tutti i disturbi psicotici:

Delusioni: il paziente ha false credenze di persecuzione, colpa o grandezza. Non è raro che le persone con schizofrenia descrivano complotti contro di loro o credano di avere poteri e doni straordinari. Alcuni pazienti possono nascondersi per proteggersi da un persecutore immaginato.

Allucinazioni: comportano vedere, sentire, assaggiare o odorare cose che non ci sono. Ascoltare le voci è l’allucinazione più comune.

Discorso e pensieri disorganizzati: il paziente non è in grado di formare pensieri coerenti o logici, e ciò è significato da un discorso disorganizzato. Durante una conversazione, l’individuo non sarà in grado di attenersi al soggetto. Salteranno da un argomento all’altro. Nei casi più gravi, la parola può essere percepita dagli altri come un inganno incomprensibile.

Comportamento disorganizzato o catatonico: i comportamenti possono variare dall’essere infantile e sciocco, aggressivo e violento. Ci può essere agitazione non provocata o comportamento sessuale in pubblico. Movimento eccessivo, azioni bizzarre, congelamento sul posto o mancanza di risposta alle istruzioni o alla conversazione sono altri modi che questo sintomo può manifestare.

Sintomi negativi: si riferisce all’incapacità di funzionare normalmente e può includere sintomi quali mancanza di igiene personale, ritiro sociale e incapacità di mostrare emozioni come evitare il contatto visivo o parlare con voce monotona.

Cause e fattori di rischio

Gli esperti non sono sicuri di ciò che causa la schizofrenia, ma la ricerca suggerisce che esiste una sorta di disfunzione cerebrale, probabilmente influenzata da una combinazione di fattori biologici e ambientali.

I prodotti chimici nel cervello – come i neurotrasmettitori dopamina e serotonina – possono essere coinvolti nell’insorgenza della schizofrenia.

La condizione potrebbe essere causata da una difettosa segnalazione cellula-cellula nel cervello, secondo la ricerca del 2009 pubblicata sulla rivista. Gli scienziati nello studio hanno identificato 49 geni che funzionano in modo diverso nel cervello dei pazienti schizofrenici rispetto ai controlli.

Fattori di rischio

I fattori di rischio per la schizofrenia includono:

Genetica: gli individui con una storia familiare di schizofrenia hanno un rischio più elevato di sviluppare la condizione. Se non c’è storia di schizofrenia, le possibilità di svilupparlo sono inferiori all’1 per cento. Tuttavia, tale rischio aumenta al 10% se un genitore ha la condizione. La ricerca ha suggerito che la schizofrenia e il disturbo bipolare hanno la stessa base genetica.

Infezione virale: se un feto è esposto a un’infezione virale, esiste un rischio maggiore di sviluppare la schizofrenia. Non esiste un elenco definitivo di virus che rappresentano un rischio, ma i possibili candidati includono l’influenza, l’herpes, la toxoplasmosi e la rosolia.

Malnutrizione fetale: se il feto soffre di malnutrizione durante la gravidanza, vi è un rischio maggiore di sviluppare la schizofrenia.

Grave stress durante la prima infanzia: i bambini che sperimentano forme estreme di stress precocemente nella vita possono essere a rischio di schizofrenia. Questo potrebbe essere dovuto ad abusi o traumi infantili.

Età dei genitori al momento della nascita del bambino: i bambini nati da genitori più anziani hanno un rischio più elevato di schizofrenia rispetto ai bambini nati da genitori più giovani.

Farmaci: l’uso di sostanze che influenzano la mente oi processi mentali durante l’adolescenza può aumentare il rischio di sviluppare la schizofrenia. L’uso di droghe illegali è comune tra quelli con schizofrenia, sebbene non sia certo se tale uso di droghe sia una causa o un effetto della condizione.

Diagnosi

Se si sospetta la schizofrenia, verranno condotte una serie di test medici e psicologici per escludere altre condizioni.

Tali test includono:

Esame fisico: l’altezza, il peso, il polso, la pressione sanguigna e la temperatura del paziente vengono controllati. Il medico ascolterà anche cuore e polmoni e controllerà l’addome per escludere cause fisiologiche alternative.

Emocromo completo: per verificare l’uso di alcool e droghe, nonché la funzione tiroidea.

Scansione RM o TC: queste tecniche di imaging sono utilizzate per cercare lesioni cerebrali o altre anomalie nella struttura del cervello. Un EEG può anche essere usato per verificare la funzionalità cerebrale.

Valutazione psicologica: un medico o uno psichiatra controllerà lo stato di salute mentale chiedendo ai pazienti i loro pensieri, sentimenti e modelli di comportamento.Cercheranno qualsiasi cosa insolita nell’aspetto o nel comportamento del paziente e prenderanno una dettagliata anamnesi familiare e personale.

Criteri diagnostici

Per ricevere una diagnosi di schizofrenia, è necessario soddisfare una serie di criteri. Il DSM-5 delinea i criteri dei sintomi.

I sintomi sono:

  • deliri
  • allucinazioni
  • discorso disorganizzato
  • comportamento disorganizzato
  • sintomi negativi

La persona deve sperimentare due dei cinque sintomi chiave dei disturbi psicotici e almeno un sintomo deve essere tra i primi tre elencati.

Trattamento

Le persone con schizofrenia avranno bisogno di cure su base continuativa, anche quando i sintomi sembrano essere andati via. In questi momenti, i pazienti possono credere che stanno bene e non richiedono altro aiuto, ma se smettono di usare i loro farmaci, i sintomi di solito ritornano.

Il trattamento varia a seconda della gravità e dei tipi di sintomi, della salute del paziente, della sua età e di altri fattori.

medicazione

I farmaci antipsicotici atipici o di seconda generazione sono usati per trattare le condizioni psichiatriche. Differiscono dagli antipsicotici tipici o di prima generazione, poiché sono meno probabili causare sintomi extrapiramidali (EPS). L’EPS include movimenti di tipo parkinsoniano, rigidità e tremore.

Gli effetti collaterali degli antipsicotici atipici comprendono aumento di peso, diabete e colesterolo alto.

Altri farmaci possono essere utilizzati per affrontare ulteriori problemi di salute mentale in quelli con schizofrenia, come antidepressivi o farmaci anti-ansia.

ricovero

Quando i sintomi sono gravi, potrebbe essere necessario il ricovero del paziente. Un ambiente ospedaliero può essere più sicuro e aumenta le possibilità che il paziente ottenga un’alimentazione corretta, un sonno migliore e un aiuto per l’igiene.

Psicoterapia

La consulenza o la psicoterapia possono essere suggerite, di solito in combinazione con i farmaci. Queste tecniche trattano problemi con la salute mentale e la regolazione emotiva.

La psicoterapia aiuta le persone a identificare i loro sentimenti e modi di pensare, aumentando la loro capacità di affrontare situazioni difficili.

Formazione sociale e professionale

Questa formazione può aiutare la persona a vivere in modo indipendente. Questa è una parte vitale della ripresa. Il terapeuta può aiutare il paziente a imparare l’igiene, la preparazione dei pasti e le abilità comunicative. Potrebbe esserci aiuto nella ricerca di lavoro, alloggio e partecipazione a gruppi di auto-aiuto.

Terapia elettroconvulsiva (ECT)

L’ECT comporta l’invio di una corrente elettrica attraverso il cervello per produrre convulsioni o convulsioni controllate. Può aiutare i pazienti ad alto rischio di suicidio, depressione o quelli con altri sintomi gravi che non hanno risposto ad altri trattamenti o che non possono assumere antidepressivi.

Si pensa che il sequestro controllato scatenato dall’ECT ​​provochi un importante rilascio neurochimico nel cervello. Gli effetti collaterali possono includere la perdita di memoria a breve termine, che di solito si risolve rapidamente.

Il medico deve spiegare chiaramente i pro ei contro di ECT al paziente e al suo tutore o familiare prima di eseguire il trattamento.

L’importanza della compliance nel trattamento

Un problema chiave nel trattamento della schizofrenia è quello della compliance. Conosciuto anche come aderenza, la conformità in medicina significa seguire il piano di trattamento.

Questo può essere difficile per i pazienti con schizofrenia e un numero significativo smette di assumere i farmaci entro i primi 12 mesi, peggiorando le cose per se stessi e per coloro che li circondano.

complicazioni

Complicazioni di schizofrenia possono includere:

  • depressione, pensieri suicidi e comportamento suicidario
  • malnutrizione
  • problemi di igiene
  • abuso di sostanze
  • incapacità di trovare o mantenere un impiego che possa comportare povertà e senzatetto
  • conflitti familiari
  • incapacità di studiare o frequentare la scuola
  • diventare una vittima del crimine
  • problemi legati al fumo

Alcune persone affette da schizofrenia dicono che il fumo li aiuta a concentrarsi, ma può interferire con i farmaci e portare a seri problemi di salute.

La schizofrenia è una condizione seria, per tutta la vita. Essere consapevoli di ciò che comporta può aiutare familiari e amici a sostenere una persona cara che ha questa condizione.

Like this post? Please share to your friends: