Gentili utenti! Tutti i materiali presenti sul sito consistono in traduzioni da altre lingue. Ci scusiamo per la qualità dei testi, ma confidiamo che possano essere di vostro gradimento. Cordialmente, l'Amministrazione del sito. La nostra e-mail: admin@itmedbook.com

Cosa c’è da sapere sulla sordità e la perdita dell’udito?

La perdita dell’udito, la sordità o la perdita dell’udito si riferiscono all’incapacità di ascoltare le cose, totalmente o parzialmente.

I sintomi possono essere lievi, moderati, gravi o profondi. Un paziente con problemi di udito lieve può avere problemi a comprendere la parola, specialmente se c’è un sacco di rumore in giro, mentre quelli con moderata sordità possono aver bisogno di un apparecchio acustico. Alcune persone sono gravemente sorde e dipendono dalla lettura delle labbra quando comunicano con gli altri.

Le persone che sono profondamente sordi non possono sentire nulla. Per comunicare spontaneamente e rapidamente con le persone, sono totalmente dipendenti dalla lettura labiale e / o dalla lingua dei segni. Le persone che sono nate sordi trovano molto più difficile imparare a leggere le labbra rispetto a coloro che sono diventati ipoudenti dopo aver imparato a comunicare oralmente (con i suoni).

Le cause

Alcune malattie o circostanze che possono causare sordità includono:

  • Varicella.
  • Citomegalovirus.
  • Parotite.
  • Meningite.
  • Anemia falciforme.
  • AIDS – i figli di madri che hanno avuto l’AIDS durante la gravidanza hanno un rischio molto più elevato di essere sordi all’età di 16 anni.
  • Sifilide.
  • Malattia di Lyme.
  • Diabete: studi hanno dimostrato che le persone con diabete hanno maggiori probabilità di avere una sorta di perdita dell’udito.
  • Tubercolosi (TB), gli esperti ritengono che il farmaco, la streptomicina, usata per trattare la tubercolosi possa essere il fattore di rischio chiave.
  • Ipotiroidismo – e tiroide iperattiva.
  • Artrite.
  • Alcuni cancri.
  • L’esposizione al fumo di seconda mano può aumentare il rischio di perdita dell’udito negli adolescenti.

Molte persone nel mondo hanno una perdita uditiva non trattata. Si stima che 23 milioni di americani vivano con problemi uditivi non trattati.

Perdita dell’udito contro la sordità

Gli apparecchi acustici possono essere indossati da persone con problemi di udito o sordità parziale.

La perdita uditiva si riferisce ad una ridotta capacità di sentire suoni come fanno gli altri

La sordità si riferisce all’incapacità di comprendere il parlato attraverso l’ascolto anche quando il suono è amplificato.

Sordità profonda significa che la persona non può sentire nulla; non sono in grado di rilevare il suono, anche al massimo volume possibile.

Grado di compromissione dell’udito: la gravità di una persona con problemi di udito è suddivisa in base alla quantità di volume sonora più alta rispetto ai “soliti livelli” prima di poter rilevare un suono.

Grado di sordità: qualsiasi grado di sordità significa che la persona non può capire il parlato attraverso l’udito a qualsiasi livello di amplificazione. Se una persona è profondamente sorda, non è in grado di rilevare suoni a qualsiasi volume. Alcune persone definiscono profondamente sordo e totalmente sordo allo stesso modo, mentre altri dicono che il sordo è la fine dello spettro uditivo.

Come ascoltiamo le cose?

Le onde sonore entrano nell’orecchio, scendono nel condotto uditivo (uditivo) e colpiscono il timpano, che vibra. Le vibrazioni dal timpano passano ai tre ossicini – le ossa chiamate il martello (martello), l’incudine (incudine) e la staffa – nell’orecchio medio.

Questi ossicini amplificano le vibrazioni, che vengono poi raccolte da piccole cellule simili a peli nella coclea; si muovono quando le vibrazioni li colpiscono, i dati del movimento vengono inviati attraverso il nervo uditivo al cervello. Il cervello elabora i dati, che interpretiamo come suoni.

tipi

Esistono tre diversi tipi di perdita dell’udito:

1) Perdita uditiva conduttiva

Ciò significa che le vibrazioni non passano dall’orecchio esterno all’orecchio interno, in particolare dalla coclea. Può essere dovuto a un accumulo eccessivo di cerume, orecchio di colla, un’infezione all’orecchio con infiammazione e accumulo di liquidi, un timpano perforato o un malfunzionamento degli ossicini (ossa nell’orecchio medio). Inoltre, il timpano potrebbe essere difettoso.

Le infezioni dell’orecchio possono lasciare tessuto cicatriziale, che danneggia il funzionamento del timpano.

Gli ossicini possono essere danneggiati a causa di infezioni, traumi o della loro fusione (anchilosi).

2) Ipoacusia neurosensoriale

La perdita dell’udito è causata dalla disfunzione dell’orecchio interno, della coclea, del nervo uditivo o del danno cerebrale. Di solito, questo tipo di perdita dell’udito è dovuta al danneggiamento delle cellule ciliate nella coclea. Con l’avanzare dell’età, le cellule ciliate perdono parte della loro funzione e il nostro udito peggiora. Nell’Europa occidentale e nel Nord America, si stima che oltre la metà delle persone sopra i 70 anni soffra di problemi di udito causati da cellule ciliate degenerate nella coclea.

L’esposizione a lungo termine a forti rumori, in particolare i suoni ad alta frequenza, è un’altra ragione comune per il danno delle cellule dei capelli. Le cellule ciliate danneggiate non possono essere sostituite. Attualmente, la ricerca sta studiando l’uso di cellule staminali per farne crescere di nuove.

La sordità totale neurosensoriale può essere dovuta a difetti alla nascita, infezioni dell’orecchio interno o trauma cranico. Se il timpano e l’orecchio medio funzionano correttamente, i pazienti possono trarre beneficio da un impianto cocleare: un elettrodo sottile viene inserito nella coclea, stimola l’elettricità attraverso un microprocessore minuscolo posizionato dietro l’orecchio, sotto la pelle.

3) Ipoacusia mista

Questa è una combinazione di ipoacusia conduttiva e neurosensoriale. Infezioni dell’orecchio a lungo termine possono danneggiare sia il timpano che gli ossicini. A volte, l’intervento chirurgico può ripristinare l’udito, ma non sempre funziona.

Sordità e linguaggio

La perdita dell’udito può influenzare le capacità linguistiche di un individuo a seconda di quando si verifica.

Sordità prelibata

Bambini che imparano la lingua dei segni in un'aula.

La sordità prelingua si riferisce all’incapacità di ascoltare correttamente, o del tutto prima che il paziente abbia imparato come pronunciare o capire la parola.

In questi casi, l’individuo è nato con una condizione congenita o ha perso il proprio udito molto presto nella vita, durante l’infanzia.

Le persone con sordità prelinguale non hanno mai acquisito la parola con il suono.

Nella maggior parte dei casi, le persone con sordità prelinguale hanno genitori e fratelli udenti e sono nati in famiglie che non conoscevano la lingua dei segni. Di conseguenza, tendono anche ad avere un lento sviluppo del linguaggio.I pochi che sono nati in famiglie di firma tendono a non avere ritardi nello sviluppo del linguaggio.

Se gli impianti cocleari vengono inseriti in bambini sordi prelinguali prima che abbiano 4 anni, acquisiranno di solito lingua orale con successo.

Il linguaggio orale e la capacità di utilizzare spunti sociali sono strettamente correlati. Questo è il motivo per cui i bambini con perdita dell’udito, specialmente quelli con sintomi gravi, possono non solo sperimentare un ritardo nello sviluppo del linguaggio, ma anche il loro sviluppo sociale richiederà più tempo. Di conseguenza, i bambini sordi prelinguali possono diventare socialmente isolati, a meno che non frequentino una scuola con altri bambini sordi prelinguali che hanno un reparto di bisogni speciali ben gestito.

I bambini che si identificano con una “sub-cultura sorda” o coloro che hanno imparato a usare la lingua dei segni, potrebbero non sentirsi isolati. Tuttavia, alcuni bambini potrebbero sentirsi isolati se i loro genitori non hanno imparato la lingua dei segni.

Un bambino sordo prelinguale i cui genitori e altri membri della famiglia li incoraggiano a imparare le abilità sociali acquisite e utilizzate dai bambini udenti hanno meno probabilità di sperimentare l’isolamento sociale.

Ci sono casi di bambini profondamente sordi che si trovano nella terra di nessuno. Sono ai margini esterni dei circoli sociali dei loro coetanei dell’udito, mentre allo stesso tempo non sono pienamente accettati da tutti i non udenti, perché non conoscono bene il linguaggio dei segni.

Sordità post-linguale

La maggior parte delle persone con una sorta di perdita dell’udito ha sordità post-linguale. Avevano acquisito la lingua parlata prima che il loro udito fosse diminuito. Perdere il senso dell’udito potrebbe essere stato causato da un effetto collaterale, da un trauma, da un’infezione o da una malattia.

Nella maggior parte dei casi, le persone perdono gradualmente l’udito; familiari, amici e insegnanti potrebbero aver notato che qualcosa non andava prima che riconoscessero la disabilità. A seconda della gravità della perdita dell’udito, l’individuo potrebbe aver dovuto usare gli apparecchi acustici, aver inserito un impianto cocleare o aver imparato come leggere le labbra.

Le persone che soffrono di perdita dell’udito affrontano sfide diverse, a seconda di quando si verificano e quanto tempo ci vuole per svilupparsi. Devono familiarizzarsi con le nuove attrezzature, magari subire un intervento chirurgico, imparare la lingua dei segni e leggere le labbra, e utilizzare vari dispositivi di comunicazione. Una sensazione di isolamento è un problema comune, che a volte può portare a depressione e solitudine; aggiungere a ciò il processo di venire a patti con una disabilità. È anche una sfida per i familiari, i cari e gli amici intimi, che devono adattarsi alla perdita dell’udito della persona.

I problemi di comunicazione possono mettere a dura prova le relazioni, una tensione non solo per la persona con problemi di udito, ma anche per le persone che li circondano. Se la perdita dell’udito è graduale e non è stata ancora diagnosticata, i familiari possono erroneamente credere che il paziente stia diventando più distante.

Sordità unilaterale e bilaterale

La sordità unilaterale (sordità su un solo lato o SDD) si riferisce a un solo orecchio, mentre bilaterale significa deficit uditivo in entrambi.

Le persone con problemi uditivi unilaterali possono avere difficoltà a portare avanti una conversazione se l’altra persona è “sorda”. Individuare da dove proviene un suono può essere più difficile, rispetto a quelli che riescono a sentire bene con entrambe le orecchie. Capire cosa dicono gli altri quando c’è molto rumore può essere difficile.

Quando non c’è rumore di fondo, o molto poco, una persona con sordità unilaterale ha praticamente le stesse capacità comunicative fonetiche di qualcuno con un udito normale in entrambe le orecchie.

I bambini nati con sordità unilaterale tendono ad avere ritardi nello sviluppo del linguaggio. Potrebbero trovare più difficile concentrarsi quando vanno a scuola. Le attività sociali possono essere più difficili di quelle dei bambini senza problemi uditivi.

Sintomi

Un sintomo è qualcosa che solo il paziente può sentire e descrivere a un medico, a un infermiere oa qualcun altro, come un dolore, vertigini, ronzio alle orecchie o affaticamento. Un segno è qualcosa che qualcun altro potrebbe rilevare sul paziente, ad esempio un rash, gonfiore, sanguinamento o lividi.

I sintomi associati a problemi di udito dipendono dalla sua causa; alcune persone nascono senza essere in grado di ascoltare, altre diventano improvvisamente sordi a causa di un incidente o di una malattia. Un accumulo di cerume può causare una perdita uditiva improvvisa. Tutti noi perdiamo una certa quantità di udito durante la tarda-metà e la vecchiaia. Nella maggior parte dei casi, i sintomi della sordità progrediscono gradualmente nel tempo.

Alcune condizioni possono avere la perdita dell’udito come uno dei numerosi sintomi, come l’acufene o l’ictus.

Compromissione uditiva nei bambini

I seguenti segni possono indicare un problema di udito (ma non sempre):

  • Prima dell’età di 4 mesi, il bambino non gira la testa verso un rumore.
  • All’età di 12 mesi, il bambino continua a non pronunciare una sola parola.
  • Il bambino non sembra essere spaventato da un forte rumore.
  • Il bambino risponde a te quando possono vederti, ma molto meno (o per niente) quando sei fuori dalla vista e fai il loro nome.
  • Il bambino sembra essere consapevole solo di alcuni suoni.

Compromissione dell’udito nei bambini e nei bambini

I seguenti segni possono indicare un problema di udito (ma non sempre):

  • Il bambino è dietro gli altri della loro età nella comunicazione orale.
  • Il bambino continua a dire “Cosa?” o “Pardon?”
  • Il bambino parla a voce molto alta e tende a produrre rumori più forti del normale.
  • Quando il bambino parla, le loro espressioni non sono chiare.

Quattro livelli di sordità

Esistono quattro livelli di sordità (possibilmente 5 in alcuni paesi), sono:

  • Sordità lieve o lieve disabilità uditiva – il paziente può rilevare solo suoni tra 25-29 decibel (dB). Possono trovare difficile capire tutto ciò che dicono gli altri, soprattutto se c’è un sacco di rumore di sottofondo.
  • Sordità moderata o deficit uditivo moderato – il paziente può rilevare solo suoni tra 40-69 dB. Seguire una conversazione solo dall’udire è molto difficile senza usare un apparecchio acustico.
  • Grave sordità: la persona sente solo suoni superiori a 70-89 dB. Una persona gravemente sorda deve leggere le labbra o usare il linguaggio dei segni per comunicare, anche se ha un apparecchio acustico.
  • Sordità profonda – chiunque non riesca a sentire un suono al di sotto dei 90 dB è profondamente sordo; alcune persone profondamente sorde non riescono a sentire nulla, a nessun livello di decibel. La comunicazione è fatta con linguaggio dei segni e / o lettura labiale.

Ovviamente, se i non udenti possono leggere e scrivere, i sordi possono anche comunicare leggendo e scrivendo.

Diagnosi

I pazienti che sospettano che qualcosa non va nel loro udito inizialmente andranno a vedere il loro medico. Il medico parlerà con il paziente e farà diverse domande sui sintomi, incluso quando hanno iniziato, se sono peggiorati o meno e se c’è qualche dolore.

Un esame fisico

Il medico esaminerà l’orecchio del paziente usando un otoscopio (auriscopio); uno strumento con una luce alla fine. Durante l’esame può essere rilevato quanto segue:

  • Un blocco causato da un oggetto estraneo.
  • Un timpano collassato.
  • Un accumulo di cerume.
  • Un’infezione nel condotto uditivo.
  • Un’infezione nell’orecchio medio (se il timpano si gonfia).
  • Colesteatoma: crescita della pelle dietro il timpano, nell’orecchio medio.
  • Fluido nel condotto uditivo.
  • C’è un buco nel timpano (timpano forato).

I medici faranno domande riguardanti l’udito dei pazienti, che potrebbero includere:

  • Ti capita spesso di chiedere alle persone di ripetere ciò che hanno detto?
  • Trovi difficile capire le persone al telefono?
  • Ti manca il campanello quando suona? Se è così, succede spesso?
  • Quando chiacchiera con le persone faccia a faccia, devi concentrarti attentamente?
  • Qualcuno ti ha mai detto che potresti avere un problema con l’udito?
  • Trovi più persone mormora oggi rispetto a prima?
  • Quando senti un suono, trovi spesso difficoltà a determinare da dove proviene?
  • Quando parlavano molte persone, trovi difficile capire cosa ti sta dicendo una di loro?
  • Vi è spesso detto che la televisione, la radio o qualsiasi altro dispositivo che produce il suono è troppo rumoroso?
  • Trovi il discorso degli uomini più facile da capire rispetto a quello delle donne o dei bambini?
  • Sei in un ambiente rumoroso per una buona proporzione di ogni giorno?
  • Ti sei trovato spesso frainteso ciò che gli altri ti dicono?
  • Senti suoni impetuosi, sibilanti o squillanti?
  • Eviti le conversazioni di gruppo?

Chiunque risponda “sì” alla maggior parte delle domande di cui sopra dovrebbe consultare il proprio medico e farsi controllare l’udito.

Test di screening generale

Audiometro o test dell'udito.

Un medico può chiedere al paziente di coprire un orecchio e descrivere come ascoltano le parole pronunciate a diversi volumi, oltre a controllare la sensibilità ad altri suoni.

Se il medico sospetta che il paziente abbia problemi di udito, sarà probabilmente indirizzato a uno specialista, uno specialista dell’orecchio, del naso e della gola (otorinolaringoiatra) o un audiologo.

Verranno effettuati ulteriori test, tra cui:

Un test del diapason – noto anche come test di Rinne. Questo test potrebbe essere stato fatto dal medico. Un diapason è uno strumento di metallo con due rebbi che produce un suono quando viene colpito. I semplici test del diapason possono aiutare il medico a rilevare se c’è qualche perdita dell’udito e dove si trova il problema.

Un diapason viene vibrato (512 Hz) e posizionato contro l’osso mastoideo (dietro l’orecchio). Al paziente viene chiesto di indicare quando non sentono più alcun suono. La forcella, che sta ancora vibrando, viene quindi posizionata a 1-2 centimetri dal canale uditivo; al paziente viene chiesto se possono sentire la forcella. Poiché la conduzione aerea è maggiore della conduzione ossea, il paziente dovrebbe dire “sì”. Se dicono “no” a questo punto, significa che la loro conduzione ossea è superiore alla loro conduzione aerea, il che significa che c’è un problema con le onde sonore che arrivano alla coclea attraverso il condotto uditivo.

Test dell’audiometro: il paziente indossa gli auricolari, i suoni sono diretti in un orecchio alla volta. Una gamma di suoni a vari toni viene presentata al paziente che deve segnalare ogni volta che si sente un suono. Ogni tono è presentato a vari volumi in modo che l’audiologo possa determinare a quale punto il suono a quel tono non viene più rilevato. Lo stesso è fatto con le parole, l’audiologo presenta le parole a vari toni e livelli di decibel.

Test dell’oscillatore osseo – usato per scoprire quanto bene le vibrazioni sono passate attraverso gli ossicini, le tre ossa nell’orecchio interno. Un oscillatore osseo è posto contro il mastoide. L’obiettivo è vedere come funziona il nervo uditivo.

Screening di routine dei bambini

L’American Academy of Pediatrics raccomanda che i bambini abbiano i loro test dell’udito quando iniziano la scuola, poi a 6, 8 e 10 anni, almeno una volta quando sono alle medie e una volta al liceo.

Test dei neonati

Il test delle emissioni otoacustiche (OAE) prevede l’inserimento di una piccola sonda nell’orecchio esterno; di solito è fatto mentre il bambino dorme. La sonda emette suoni e verifica la presenza di suoni “eco” che rimbalzano dall’orecchio (emissione otoacustica).

Se non c’è eco, il bambino potrebbe non avere necessariamente problemi di udito, ma i medici dovranno eseguire ulteriori test per essere sicuri e scoprire perché

Trattamento

C’è aiuto per i pazienti con tutti i tipi di perdita dell’udito. Il trattamento dipende dal motivo per cui la sordità esiste e da quanto è grave.

L’ipoacusia neurosensoriale è incurabile. Quando le cellule ciliate nella coclea sono danneggiate, non possono essere riparate.Tuttavia, vari trattamenti e strategie possono aiutare a migliorare la qualità della vita del paziente.

Apparecchi acustici

Questi sono dispositivi che aiutano nell’udito. Esistono diversi tipi di apparecchi acustici; sono disponibili in una gamma di dimensioni, circuiti e livelli di potenza. Non curano la sordità, ma amplificano il suono che entra nell’orecchio in modo che l’ascoltatore possa sentire le cose più chiaramente.

Gli apparecchi acustici sono costituiti da batteria, altoparlante, amplificatore e microfono. Oggi sono molto piccoli, discreti e possono essere montati all’interno dell’orecchio. Molte delle versioni moderne possono distinguere il rumore di fondo dai suoni in primo piano, come il parlato.

Per una persona con profonda sordità, un apparecchio acustico non è adatto.

L’audiologo ha l’impressione dell’orecchio del paziente per assicurarsi che il dispositivo si adatti bene. Sarà adattato ai requisiti uditivi del paziente.

Esempi di apparecchi acustici:

Apparecchi acustici Behind-the-ear (BTE) – questi sono costituiti da una cupola (auricolare) e un caso, con una connessione da uno all’altro. Il caso è dietro la pinna (orecchio esterno, la parte che sporge); la connessione alla cupola arriva dalla parte anteriore dell’orecchio. Il suono proveniente dal dispositivo viene indirizzato all’orecchio sia elettricamente che acusticamente.

Gli apparecchi acustici BTE tendono a durare più a lungo rispetto ad altri dispositivi perché i componenti elettrici si trovano all’esterno dell’orecchio (meno danni da umidità e cerume). Questi dispositivi sono più popolari con i bambini che hanno bisogno di un dispositivo robusto e facile da usare.

Apparecchi acustici in-the-canal (ITC) – questi riempiono la parte esterna del condotto uditivo e possono essere visti, ma solo in modo corretto. Gli inserti morbidi per le orecchie, solitamente in silicone, vengono utilizzati per posizionare l’altoparlante all’interno dell’orecchio. Questi dispositivi si adattano subito alla maggior parte dei pazienti e hanno una migliore qualità del suono.

Apparecchi acustici completamente integrati nel canale (CIC): sono piccoli dispositivi, ma non sono raccomandati per le persone con gravi perdite uditive.

Apparecchi acustici a conduzione ossea – per pazienti con perdita dell’udito conduttivo, nonché per coloro che non sono in grado di indossare apparecchi acustici di tipo convenzionale. La parte vibrante del dispositivo è tenuta contro la mastoide con una fascia. Le vibrazioni passano attraverso l’osso mastoideo, fino alla coclea. Questi dispositivi possono essere dolorosi o scomodi se indossati troppo a lungo.

Impianti cocleari

Inserito per aiutare i pazienti la cui compromissione dell’udito è causata da danni alla cellula dei capelli nella coclea. Gli impianti di solito aiutano la maggior parte delle persone a capire meglio le parole. Gli ultimi impianti cocleari dispongono di una nuova tecnologia che aiuta i pazienti a godersi la musica, a capire meglio il parlato anche con il rumore di fondo e a utilizzare i processori mentre nuotano.

Secondo il National Institutes of Health, a dicembre 2012, c’erano circa 58.000 adulti e 38.000 bambini con impianti cocleari in America. L’Organizzazione Mondiale della Sanità afferma che circa 219.000 persone a livello globale sono destinatari, la maggior parte dei quali in paesi industriali.

Un impianto cocleare consiste di:

Esterno:

  • Un microfono che raccoglie suoni dall’ambiente (forse più di uno).
  • Un processore del parlato che dà la priorità ai suoni più importanti per il paziente, come la parola. I segnali audio elettrici sono suddivisi in canali e inviati attraverso un filo molto sottile al trasmettitore.
  • Un trasmettitore Questa è una bobina che è fissata con un magnete. Si trova dietro l’orecchio esterno. Trasmette i segnali acustici elaborati al dispositivo impiantato interno.

Interno:

  • Un chirurgo protegge un ricevitore e uno stimolatore nell’osso sotto la pelle. I segnali vengono convertiti in impulsi elettrici e inviati attraverso fili interni agli elettrodi.
  • Fino a 22 elettrodi sono avvolti attraverso la coclea. Gli impulsi vengono inviati ai nervi nella scala tympani (i passaggi inferiori della coclea), e quindi direttamente al cervello. Il numero di elettrodi dipende da quale azienda produce l’impianto.

I bambini di solito hanno impianti cocleari in entrambe le orecchie, mentre gli adulti tendono ad avere uno in un solo orecchio.

Lingua dei segni e lettura labiale

Alcune persone con problemi di udito possono avere problemi di linguaggio e difficoltà nel capire cosa dicono gli altri. Un’alta percentuale di persone con problemi di udito può imparare altri modi di comunicare. La lettura labiale e la lingua dei segni possono sostituire o integrare la comunicazione orale.

Labiolettura

Conosciuto anche come speechreading, la lettura labiale è un metodo per comprendere la lingua parlata osservando i movimenti del labbro, del viso e della lingua dell’oratore, oltre che estrapolando dai dati forniti dal contesto e da qualsiasi residuo uditivo che il paziente possa avere.

Le persone che sono diventate ipoudenti dopo aver imparato a parlare possono imparare a leggere le labbra rapidamente; questo non è il caso di coloro che sono nati non udenti.

Linguaggio dei segni

Questo è un linguaggio che usa segni fatti con le mani, le espressioni facciali e le posture del corpo, ma nessun suono – è usato principalmente da coloro che sono sordi. Esistono diversi tipi di lingue dei segni. La lingua dei segni britannica (BSL) è molto diversa dalla lingua dei segni americana (ASL). Ad esempio, BSL utilizza un alfabeto a due mani, mentre la lingua dei segni americana utilizza un alfabeto con una sola mano.

Alcuni paesi usano la lingua dei segni introdotta da missionari provenienti da paesi lontani – la lingua dei segni norvegese è usata in Madagascar.

La lingua dei segni è completamente diversa dalla forma parlata, l’ordine delle parole (sintassi) e la grammatica in BSL non è la stessa dell’inglese parlato. L’ASL è più grammaticalmente simile al giapponese parlato che all’inglese parlato.

Prevenzione

Non c’è nulla che possiamo fare per prevenire la sordità congenita (quando sei nato con la condizione), o problemi di udito dovuti a malattie o incidenti. Tuttavia, alcune misure possono essere adottate per ridurre il rischio di perdere parte del tuo senso dell’udito.

Le strutture nelle nostre orecchie possono essere danneggiate in molti modi diversi.Esposizione a lungo termine a rumore molto forte – al di sopra di 85 dB può causare la perdita dell’udito. Un tipico tosaerba emette circa 85 dB.

Le seguenti misure possono aiutare a proteggere l’udito:

  • TV, radio, lettori musicali e giocattoli: non impostare il volume troppo alto. I bambini sono particolarmente sensibili agli effetti dannosi della musica ad alto volume. I ricercatori hanno scoperto che i giocattoli rumorosi mettono a rischio l’udito dei bambini.
  • Cuffie: concentrati sull’isolamento di ciò che vuoi sentire; bloccare tutto il rumore esterno il più possibile, invece di affogarlo a volume elevato.
  • Il luogo di lavoro: se lavori in un ambiente rumoroso, indossa tappi per le orecchie o cuffie. Anche nelle discoteche, nei locali notturni e nei pub – i tappi per le orecchie sono discreti e difficilmente percepibili.
  • Locali per il tempo libero: se si partecipa a concerti pop, corse automobilistiche, gare di drag racing e altri eventi rumorosi, indossare tappi per le orecchie.
  • Tamponi di cotone: non spingerli nelle orecchie dei tuoi o dei tuoi figli. Lo stesso vale per cotone o tessuti.
Like this post? Please share to your friends: