Gentili utenti! Tutti i materiali presenti sul sito consistono in traduzioni da altre lingue. Ci scusiamo per la qualità dei testi, ma confidiamo che possano essere di vostro gradimento. Cordialmente, l'Amministrazione del sito. La nostra e-mail: admin@itmedbook.com

Cosa c’è da sapere sulla spondilosi cervicale?

La spondilosi cervicale è una condizione che causa il deterioramento delle vertebre, dei dischi e dei legamenti del collo o del rachide cervicale.

È anche conosciuto come artrite del collo, artrosi cervicale o artrosi degenerativa.

La colonna vertebrale cervicale è il nome dato alle sette piccole vertebre che formano il collo. Iniziano alla base del cranio. Nella spondilosi cervicale, i bordi delle vertebre spesso sviluppano speroni ossei chiamati osteofiti. Col passare del tempo, i dischi diventano più sottili e la loro capacità di assorbire lo shock viene persa, aumentando il rischio di sintomi.

Le articolazioni del collo gonfie, chiamate articolazioni delle faccette, possono premere o pizzicare le radici nervose vicine o il midollo spinale stesso. Ciò può causare formicolio o sensazione di “spilli e aghi” nelle estremità e talvolta anche dolore agli arti. In alcuni casi, ci può essere una perdita di sentimento e coordinamento. Alcuni pazienti possono avere difficoltà a camminare.

È normale che le persone sperimentino cambiamenti degenerativi quando invecchiano. L’American Academy of Orthopaedic Surgeons (AAOS) stima che quasi il 50% delle persone inizi a sperimentare i dischi indossati dopo aver raggiunto la mezza età.

La spondilosi cervicale non causa spesso sintomi, ma alcune persone provano dolore. Gli AAOS aggiungono che oltre il 65% delle persone di età superiore ai 65 anni vive con spondilosi cervicale.

Fatti veloci sulla spondilosi cervicale

  • Quasi il 65% delle persone di età superiore ai 65 anni vive con spondilosi cervicale, ma non tutte le persone con questa condizione soffrono di dolore.
  • Esiste una serie di esercizi di allungamento del collo che possono aiutare ad alleviare la rigidità e il dolore.
  • Rilassanti muscolari, iniezioni di steroidi e terapia fisica possono aiutare ad alleviare i sintomi e, nei casi più gravi, sono disponibili anche opzioni chirurgiche.
  • I sintomi possono includere debolezza e dolore. Nei casi più gravi, il disco può premere su un nervo e causare perdita di coscienza e problemi di mobilità.

esercizi

La terapia fisica viene eseguita da terapista sportivo sul collo dell'uomo maturo.

Una persona può alleviare i sintomi della spondilosi cervicale con alcuni semplici esercizi al collo.

Collo stretch

  1. Mantieni il tuo corpo dritto.
  2. Spingi il mento in avanti in modo tale da allungare la gola.
  3. Tendi delicatamente i muscoli del collo.
  4. Tieni questo per 5 secondi.
  5. Ritorna la testa nella sua posizione centrale.
  6. Spingi indietro la testa tenendo il mento in alto e tieni premuto per 5 secondi.
  7. Effettuare 5 ripetizioni.

Inclinazione del collo

  1. Inclina la testa in avanti in modo che il mento tocchi il petto.
  2. Tendi delicatamente i muscoli del collo.
  3. Tieni questo per 5 secondi.
  4. Riporta la testa in posizione neutra.
  5. Effettuare 5 ripetizioni.

Inclinazione del collo (da lato a lato)

  1. Appoggia la testa verso le spalle, conducendo con l’orecchio.
  2. Tendi delicatamente i muscoli del collo.
  3. Tieni questo per 5 secondi.
  4. Torna la testa al centro e ripeti sull’altra spalla.
  5. Effettuare 5 ripetizioni.

Giro del collo

  1. Girare la testa da un lato fino a quando rimane a suo agio, assicurandosi di mantenere il mento all’altezza del livello.
  2. Tendi i muscoli del collo per 5 secondi.
  3. Riporta la testa in una posizione centrale.
  4. Ripeti dal lato opposto.
  5. Ripeti questo esercizio 5 volte su ciascun lato.

Mentre questi esercizi possono essere efficaci, non cureranno la spondilosi cervicale. Possono aiutare a moderare l’impatto della condizione e alleviare il dolore o le sensazioni di rigidità.

Trattamento

Nella maggior parte dei casi, la spondilosi cervicale è asintomatica. Quando i sintomi si verificano, tendono a risolversi nel tempo, spesso senza trattamento. Tuttavia, sono disponibili trattamenti che possono aiutare a ridurre i sintomi che si verificano.

I rilassanti muscolari sono utili se il paziente ha degli spasmi al collo, in cui i muscoli del collo si irrigidiscono improvvisamente. La ciclobenzaprina o un simile rilassante muscolare possono essere prescritti.

L’amitriptilina è un farmaco normalmente usato per il trattamento della depressione, ma a volte è prescritto per il dolore implacabile che non ha risposto ad altri trattamenti. Il gabapentin può anche essere prescritto.

Un’iniezione di steroidi nel collo può aiutare con dolore molto intenso.

Esempi di iniezioni di steroidi includono un’iniezione del punto di innesco che può essere eseguita nello studio di un medico, un’iniezione articolare sfaccettata o un’iniezione di steroidi epidurali cervicali (ESI). Un ESI deve essere eseguito sotto fluoroscopia, con l’aiuto di una radiografia.

La terapia fisica può anche aiutare ad alleviare i sintomi.

Chirurgia

In alcuni casi, i sintomi di dolore e rigidità continuano a peggiorare e possono verificarsi problemi ai nervi.

In alcuni casi, la chirurgia può essere offerta per trattare il dolore al collo che si irradia lungo il braccio e persiste, o se c’è una perdita di sensibilità, debolezza muscolare o perdita della funzione intestinale o della vescica.

Se i risultati della risonanza magnetica mostrano che esiste una compressione della radice nervosa o una pressione sul midollo spinale, nota come mielopatia, il paziente può trarre beneficio da un intervento chirurgico.

Il chirurgo può rimuovere alcuni osteofiti o pezzi sporgenti di osso e possibilmente anche parti di un disco per togliere pressione alla radice del nervo spinale o al midollo spinale.

Un altro tipo di intervento chirurgico è la fusione cervicale. Ciò ridurrà la pressione sulle articolazioni della radice e sul midollo spinale.

Sintomi

[dolore al collo]

Nella maggior parte dei casi, i pazienti sperimentano solo un dolore al collo e una certa rigidità, e possono occasionalmente avere un mal di testa.

Il dolore al collo può diffondersi dal collo per raggiungere le spalle, le braccia e le mani e la base del cranio. Il dolore può essere peggiore quando viene spostata la testa.

La rigidità del collo è più comune dopo un lungo periodo di inattività, ad esempio dopo il sonno.

Il mal di testa tende a iniziare nella parte posteriore della testa e poi gradualmente si sposta nella metà superiore della parte anteriore. Il cervello può essere colpito se i vasi sanguigni sono compressi, in quanto ciò può influenzare l’afflusso di sangue al cervello. Ciò può provocare vertigini e persino blackout.

Altri, meno frequenti, problemi possono includere la perdita della funzione intestinale o della vescica e difficoltà di coordinazione. Le braccia e le gambe possono indebolirsi e potrebbe mancare la destrezza. Alcune persone possono avere disfagia o difficoltà a deglutire, se le ossa premono contro l’esofago.

Rimedi casalinghi

Accanto agli esercizi, ci sono passi che possono essere presi a casa per alleviare i sintomi se la spondilosi cervicale diventa dolorosa.

La maggior parte delle persone può usare farmaci da banco (OTC) che non hanno bisogno di prescrizione medica. I farmaci antinfiammatori non steroidei (FANS), come l’ibuprofene o il naprossene, possono aiutare. Anche gli acetaminofene, come il Tylenol, possono essere d’aiuto.

I pazienti con asma, malattie del fegato, malattie renali, malattie cardiache, ipertensione o anamnesi di problemi di stomaco non devono assumere i FANS. Per il dolore grave, il medico può prescrivere diversi farmaci antidolorifici.

Altre opzioni includono:

  • Esercizio fisico regolare: questo può aiutare ad accelerare i tempi di recupero da periodi di dolore.
  • Un cuscinetto riscaldato o un impacco freddo: questo può fornire sollievo dal dolore quando i muscoli del collo diventano doloranti.
  • Un tutore morbido collo: questi possono alleviare temporaneamente il dolore quando indossati per brevi periodi. Tuttavia, l’uso prolungato non è raccomandato in quanto può indebolire i muscoli del collo.

Questi rimedi possono funzionare solo in casi meno gravi. Le persone con grave dolore al collo dovrebbero visitare un medico.

Le cause

La spondilosi cervicale si verifica a causa della degenerazione a lungo termine e dell’usura del rachide cervicale. Un precedente infortunio al collo può anche portare alla condizione.

Alcune attività a lungo termine possono aumentare il rischio di sviluppare una spondilosi cervicale, come trasportare carichi pesanti, praticare arti marziali o essere un ballerino professionista o una ginnasta.

Alcuni ricercatori affermano che potrebbe esserci una causa genetica perché ci sono stati casi di malattia in corso nelle famiglie.

La condizione di solito appare negli uomini e nelle donne oltre i 40 anni e progredisce man mano che una persona invecchia. Gli uomini di solito lo sviluppano in età precoce rispetto alle donne.

Il fumo può anche aumentare il rischio di sviluppare una spondilosi cervicale.

Diagnosi

[Collo e testa MRI]

Se una persona di età superiore ai 40 anni cerca un consiglio medico per il dolore o la rigidità del collo, un medico sospetterà normalmente la spondilosi cervicale.

Un certo numero di test può aiutare a diagnosticare la condizione.

Esame fisico

Il medico può chiedere al soggetto di spostare la testa lateralmente per controllare l’intervallo di movimento. Al paziente potrebbe anche essere chiesto di muovere la testa in avanti, portando il mento al petto.

I riflessi saranno testati nelle mani e nei piedi. Il medico può controllare l’andatura e la postura chiedendo a una persona con sospetta spondilosi cervicale di camminare a breve distanza.

Verranno testati anche la forza e la sensazione sia negli arti superiori che inferiori.

Scansioni di immagini

Una radiografia può rivelare qualsiasi danno fisico alla colonna vertebrale e se ci sono degli speroni ossei.

Se il paziente ha un dolore al braccio grave e radiante che non migliora, è possibile utilizzare un test della risonanza magnetica per osservare le radici nervose, in quanto potrebbe esserci un’ernia del disco. Una scansione MRI può anche aiutare a decidere se è necessario un intervento chirurgico e se si trova la posizione del problema specifico.

Un mielogramma può essere eseguito. In questo test, una colorazione colorata viene iniettata nella colonna vertebrale. Questo colorante si presenta nelle scansioni di immagini, come i raggi X.

Una TAC può aiutare a valutare la struttura ossea del rachide cervicale.

L’elettromiografia (EMG) e gli studi di conduzione nervosa (NCS) sono spesso usati per valutare i muscoli e i nervi specifici che possono essere coinvolti.

Prevenzione

La spondilosi cervicale non può essere prevenuta, ma i sintomi ad essa correlati possono essere controllati.

Ad esempio, uno specialista ergonomico può regolare la postazione di lavoro di una persona per ridurre al minimo lo stress ripetitivo sul collo.

Non fumare, allenarsi in modo ragionevole e lo stretching regolare sono tutti modi per evitare i sintomi.

Like this post? Please share to your friends: