Gentili utenti! Tutti i materiali presenti sul sito consistono in traduzioni da altre lingue. Ci scusiamo per la qualità dei testi, ma confidiamo che possano essere di vostro gradimento. Cordialmente, l'Amministrazione del sito. La nostra e-mail: admin@itmedbook.com

Cosa devi sapere sui periodi irregolari

La durata normale del ciclo mestruale di una donna è di 28 giorni, ma varia da individuo a individuo. La mestruazione irregolare è quando la durata del ciclo è superiore a 35 giorni o se la durata varia.

Un periodo, o mestruazioni, è la parte del ciclo mestruale in cui viene versato l’endometrio, che è il rivestimento dell’utero. Questo appare come sanguinamento dall’utero che viene rilasciato attraverso la vagina.

I periodi di solito iniziano durante la pubertà, tra i 10 ei 16 anni, e continuano fino alla menopausa, quando una donna ha 45-55 anni.

Periodi irregolari, detti anche oligomenorrea, possono verificarsi se vi è un cambiamento nel metodo di contraccezione, uno squilibrio ormonale, cambiamenti ormonali nel periodo della menopausa e esercizi di resistenza.

Il trattamento per periodi irregolari durante la pubertà e intorno alla menopausa non è solitamente necessario, ma se si verificano periodi irregolari durante gli anni riproduttivi, può essere necessario un consiglio medico.

Sintomi

[tamponi e assorbenti igienici]

Un ciclo mestruale dura circa 28 giorni, ma può variare da 24 giorni a 35 giorni, a seconda dell’individuo.

La maggior parte delle donne ha tra 11 e 13 periodi mestruali ogni anno. Il sanguinamento di solito dura circa 5 giorni, ma anche questo può variare, da 2 a 7 giorni.

Quando inizia il ciclo mestruale, possono essere necessari fino a 2 anni per stabilire un ciclo regolare. La pubertà della maggior parte delle donne è regolare dopo la pubertà. Il periodo di tempo tra ogni periodo è simile.

Tuttavia, per alcune donne, il tempo tra i periodi e la quantità di sangue versato varia considerevolmente. Questo è noto come mestruazione irregolare.

Il sintomo principale delle mestruazioni irregolari è quando il ciclo è più lungo di 35 giorni o se varia in lunghezza.

Se vi sono cambiamenti nel flusso sanguigno o se appaiono coaguli di diametro superiore a 2,5 centimetri, anche questo è considerato irregolare.

Le cause

Un numero di fattori aumenta la possibilità di mestruazioni irregolari. La maggior parte si riferisce alla produzione di ormoni. I due ormoni che influiscono sul ciclo mestruale sono estrogeni e progesterone. Questi sono gli ormoni che regolano il ciclo.

Influenze ormonali

I cambiamenti del ciclo di vita che influenzano l’equilibrio ormonale includono la pubertà, la menopausa, la gravidanza e il parto e l’allattamento al seno.

Durante la pubertà, il corpo subisce grandi cambiamenti. Possono essere necessari diversi anni prima che l’estrogeno e il progesterone raggiungano un equilibrio e in questo momento sono frequenti periodi irregolari.

Prima della menopausa, le donne hanno spesso periodi irregolari e la quantità di sangue versato può variare. La menopausa si verifica quando sono trascorsi 12 mesi dall’ultimo periodo mestruale della donna. Dopo la menopausa, una donna non avrà più periodi.

Durante la gravidanza, le mestruazioni cessano e la maggior parte delle donne non ha periodi durante l’allattamento.

Gli anticoncezionali possono causare sanguinamento irregolare. Un dispositivo intrauterino (IUD) può causare gravi emorragie, mentre la pillola anticoncezionale può causare spotting tra i periodi.

Quando una donna usa per la prima volta la pillola anticoncezionale, può sperimentare piccoli sanguinamenti che sono generalmente più brevi e più leggeri dei periodi normali. Questi di solito vanno via dopo pochi mesi.

Altre modifiche associate ai periodi irregolari includono:

  • estrema perdita di peso
  • guadagno di peso estremo
  • stress emotivo
  • disturbi alimentari, come l’anoressia o la bulimia
  • esercizio di resistenza, ad esempio, maratona.

Un certo numero di disturbi sono anche legati a mestruazioni mancate o irregolari.

complicazioni

Periodi irregolari possono a volte indicare un problema di salute, e alcuni di questi possono portare a ulteriori problemi, come problemi di fertilità.

La sindrome dell’ovaio policistico (PCOS) è una condizione in cui un numero di piccole sacche piene di liquido conosciute come cisti si sviluppano nelle ovaie.

Una donna con PCOS non ovula e non rilascia un uovo ogni mese. I sintomi includono periodi irregolari o nulli, obesità, acne e crescita eccessiva dei peli.

Le donne con PCOS hanno livelli insolitamente alti di ormoni sessuali maschili, androgeni o testosterone.

Secondo l’Office on Women’s Health del Dipartimento della Salute e dei Servizi Umani degli Stati Uniti, la PCOS colpisce tra il 10 e il 20 donne in età riproduttiva o fino a 5 milioni di donne americane. Alle bambine di 11 anni è stata diagnosticata la PCOS.

[cancro uterino]

Un disturbo della tiroide può causare periodi irregolari. La ghiandola tiroide produce ormoni che influenzano il metabolismo del corpo.

Il cancro cervicale o uterino, o il cancro dell’utero, può, in rari casi, causare sanguinamento tra i periodi o durante i rapporti sessuali.

L’endometriosi è una condizione in cui le cellule che si trovano normalmente all’interno dell’utero, chiamate cellule endometriali, crescono al di fuori di esso. In altre parole, il rivestimento interno dell’utero si trova al di fuori di esso.

Le cellule endometriali sono le cellule che cadono ogni mese durante le mestruazioni, quindi l’endometriosi ha più probabilità di colpire le donne durante gli anni fertili.

La crescita cellulare coinvolta nell’endometriosi non è cancerosa. Non ci possono essere sintomi, ma può essere doloroso e può portare ad altri problemi. Se il sangue rilasciato viene bloccato nel tessuto circostante, può danneggiare il tessuto, causando dolore intenso, periodi irregolari e infertilità.

La malattia infiammatoria pelvica (PID) è un’infezione del sistema riproduttivo femminile. Tra le donne, è la complicanza più comune e grave delle infezioni a trasmissione sessuale (STI), a parte l’AIDS.

Se rilevato precocemente può essere trattato con antibiotici, ma se si diffonde, può danneggiare le tube di Falloppio e l’utero, causando dolore cronico oa lungo termine. Ci sono molti sintomi e includono il sanguinamento tra i periodi e dopo il sesso.

Rimedi casalinghi

Mantenere uno stile di vita sano può aiutare a ridurre il rischio di alcune delle cause di periodi irregolari.

Ciò comprende:

  • esercitare regolarmente per mantenere un peso sano e ridurre lo stress
  • seguendo una dieta salutare

Si dice che alcuni rimedi erboristici, come cohosh nero, castagna, radice di liquirizia e curcuma, aiutano ma la ricerca non ha confermato la loro efficacia e possono avere effetti negativi. È meglio parlare prima con un dottore.

Trattamento

Il trattamento, se necessario, dipenderà dalla causa.

Pubertà e menopausa: i periodi irregolari che si verificano durante la pubertà o quando la donna si avvicina alla menopausa di solito non hanno bisogno di cure.

Controllo delle nascite: se il sanguinamento irregolare è dovuto alla contraccezione e continua per diversi mesi, la donna dovrebbe parlare con un operatore sanitario di altre opzioni.

PCOS e obesità: nei casi di PCOS, sovrappeso o obesità perdere peso può aiutare a stabilizzare le mestruazioni. Un peso inferiore significa che il corpo non ha bisogno di produrre così tanto insulina. Questo porta ad abbassare i livelli di testosterone e una migliore possibilità di ovulazione.

Problemi alla tiroide: è probabile che venga prescritto il trattamento per il problema di base. Questo può includere farmaci, terapia con iodio radioattivo o chirurgia.

Stress e disturbi alimentari: la terapia psicologica può aiutare se lo stress emotivo, un disturbo alimentare o un’improvvisa perdita di peso hanno causato periodi irregolari. Questo può includere tecniche di rilassamento, gestione dello stress e parlare con un terapeuta.

medicazione

Il medico può prescrivere metformina, un farmaco per abbassare l’insulina per il diabete di tipo 2, che può aiutare a garantire l’ovulazione e periodi regolari.

Una pillola anticoncezionale a basso dosaggio che contiene una combinazione di estrogeni e progesterone può aiutare. Questo diminuirà la produzione di androgeni e aiuterà a correggere il sanguinamento anormale.

In alternativa, l’assunzione di progesterone da 10 a 14 giorni ogni mese è in grado di regolare i periodi.

Gravidanza

Periodi irregolari possono indicare un problema con la fertilità, ma non è sempre così. L’ovulazione può verificarsi anche quando le mestruazioni sono irregolari.

Ecco alcune cose che puoi fare per tracciare l’ovulazione:

  • Segna tutti i periodi in un calendario e cerca i motivi.
  • Controlla i cambiamenti nel muco cervicale. Con l’avvicinarsi dell’ovulazione, il muco sarà più abbondante, scivoloso, limpido ed elastico.
  • Prendi la tua temperatura ogni giorno e nota quando picchi. Questo può indicare che l’ovulazione si sta verificando.

Se i periodi irregolari sono legati a problemi di fertilità, questi registri aiuteranno un medico a raggiungere una diagnosi.

Chiunque sia preoccupato per le mestruazioni irregolari dovrebbe consultare un medico.

Like this post? Please share to your friends: