Gentili utenti! Tutti i materiali presenti sul sito consistono in traduzioni da altre lingue. Ci scusiamo per la qualità dei testi, ma confidiamo che possano essere di vostro gradimento. Cordialmente, l'Amministrazione del sito. La nostra e-mail: admin@itmedbook.com

Cosa devi sapere sul carcinoma prostatico avanzato

Il cancro alla prostata comporta la crescita incontrollata delle cellule della ghiandola prostatica. Questa ghiandola è responsabile della produzione del liquido nello sperma.

La prostata si trova sotto la vescica e circonda una parte dell’uretra, il tubo che drena l’urina dalla vescica.

Gli uomini sono a maggior rischio di sviluppare il cancro alla prostata mentre invecchiano. Secondo il National Cancer Institute, circa il 20% degli uomini sperimenterà il cancro alla prostata durante la loro vita.

Mentre i medici possono rilevare la maggior parte delle forme di cancro alla prostata nelle loro prime fasi, il cancro alla prostata potrebbe progredire inosservato. Gli stadi avanzati del cancro alla prostata si verificano una volta diffuso in altre parti del corpo.

Il cancro alla prostata non progredisce spesso in una fase avanzata poiché i test di routine possono aiutare a diagnosticare e trattare la malattia nelle fasi precedenti più gestibili.

Fatti veloci sul cancro alla prostata

  • Il cancro alla prostata raramente raggiunge uno stadio avanzato.
  • La malattia normalmente ha una prospettiva molto buona quando diagnosticata e trattata precocemente.
  • La terapia ormonale è un’opzione di trattamento per il carcinoma della prostata avanzato, così come la chemioterapia e l’immunoterapia.
  • Il cancro alla prostata può diffondersi alle ossa, al cervello e ai polmoni.

Sviluppo

Cancro alla prostata

Il carcinoma prostatico avanzato ha diverse fasi da superare prima che possa essere considerato avanzato.

Il cancro della prostata si verifica quando le cellule della prostata mutano e iniziano a svilupparsi in modo anomalo. Si moltiplicheranno a un ritmo incontrollato. In alcuni casi, le cellule possono diffondersi ad altre parti del corpo. Le cellule cancerogene possono diffondersi attraverso il tessuto, il sangue o il sistema linfatico.

Dopo che un medico ha diagnosticato il cancro alla prostata, testeranno per vedere se il tumore si è diffuso ad altre aree del corpo, o quanto del corpo ha colpito il cancro.

Un medico assegnerà uno stadio del cancro alla prostata dalla fase I allo stadio IV. La fase IV è la forma di cancro più avanzata e l’argomento di questo articolo.

Il carcinoma della prostata in stadio IV è un carcinoma della prostata avanzato che si è diffuso ai linfonodi pelvici o sta bloccando gli ureteri. Gli ureteri sono i tubi che collegano i reni alla vescica.

I medici testeranno qualsiasi cellula cancerosa nel corpo per determinare se le cellule aggiuntive provengono dalla prostata. Anche se il cancro viene rilevato nell’osso, è ancora considerato un cancro alla prostata, se è lì che il cancro è iniziato.

Esistono due tipi di cancro alla prostata in stadio IV:

  • Stadio IV D1: il cancro della prostata si è diffuso al bacino, ai linfonodi o agli organi circostanti. Tuttavia, il cancro non si è diffuso ulteriormente.
  • Stadio IV D2: i tumori si sono diffusi a organi più distanti, come la spina dorsale, il bacino, le costole o altre ossa. Sfortunatamente, il carcinoma della prostata in stadio IV D2 è il più difficile da curare ma è ancora curabile.

Cosa significa per il cancro alla prostata diffondersi?

Le cellule tumorali possono diffondersi in altre parti del corpo. Se ciò accade, i medici dicono che il cancro ha “metastatizzato” o diffuso.

Le aree del corpo a cui il cancro alla prostata può diffondersi includono:

  • le ossa
  • il cervello
  • il fegato
  • i polmoni
  • i linfonodi, di solito quelli intorno al bacino

Un medico in genere raccomanderà scansioni di imaging e campioni di tessuto per testare la presenza di cellule cancerose.

Fattori di rischio

fumo fattore di rischio di cancro alla prostata

Secondo la Prostate Cancer Foundation, l’età è il principale fattore che contribuisce al rischio di cancro alla prostata. Si stima che il 65% di tutti i tumori della prostata sia diagnosticato in uomini di età superiore ai 65 anni.

Ulteriori fattori di rischio per il cancro alla prostata includono:

  • Storia familiare: gli uomini che hanno un padre o un fratello con cancro alla prostata hanno il doppio delle probabilità di contrarre il cancro alla prostata rispetto agli uomini che non lo fanno.
  • Razza: gli uomini afroamericani affrontano il maggior rischio di cancro alla prostata.
  • Fumo: una storia di fumo è associata ad un rischio più elevato di cancro alla prostata aggressivo.

I ricercatori stanno anche studiando un legame tra dieta e aumento del rischio di cancro alla prostata. Le diete a basso contenuto di verdure o ad alto contenuto di calcio sono state collegate ad un aumentato rischio di cancro alla prostata aggressivo.

Sintomi

La prostata è molto vicina al punto in cui l’urina defluisce dal corpo. Di conseguenza, molti sintomi del cancro alla prostata influenzano il processo di minzione. Esempi di questi sintomi includono:

  • dolore alla schiena, all’anca o alla pelvi
  • sangue nelle urine o nello sperma
  • bruciore o dolore durante la minzione
  • difficoltà a svuotare completamente la vescica
  • difficoltà a iniziare un flusso di urina
  • provando un’improvvisa urgenza di urinare
  • un debole flusso di urina

Alcuni di questi sintomi sono associati all’invecchiamento e alla prostata ingrossata. Di conseguenza, alcuni uomini possono ignorare questi sintomi invece di rivolgersi al medico.

trattamenti

Cancro alla prostata diagnosi precoce

I trattamenti per il carcinoma della prostata avanzato spesso si concentrano sul rallentamento o l’arresto della diffusione delle cellule tumorali.

Quando un uomo ha avanzato il cancro alla prostata, di solito ha subito una serie di trattamenti per uccidere le cellule tumorali, come rimozione della prostata, radiazioni o chemioterapia. Se questi trattamenti non impediscono il progredire del cancro alla prostata, possono essere utilizzati altri approcci.

L’Università del New Mexico afferma che le terapie ormonali sono il trattamento standard per il cancro alla prostata metastatico.

Tuttavia, un medico può anche usare altri trattamenti.

Terapie ormonali

Fermando la produzione di ormoni che contribuiscono alla crescita del cancro, le terapie ormonali possono spesso limitare la diffusione della malattia in tutto il corpo.

Le terapie ormonali possono essere prescritte dopo che un uomo ha subito un intervento chirurgico per rimuovere i testicoli, noto anche come orchiectomia, per ridurre la produzione di ormoni alla prostata, così come i trattamenti di chemioterapia.

Esempi di terapie ormonali per il carcinoma prostatico avanzato includono:

  • Abiraterone: questo farmaco viene spesso prescritto con prednisone, un farmaco steroideo.Questo farmaco ha dimostrato di ridurre la progressione del dolore e migliorare la qualità della vita.
  • Enzalutamide: questo farmaco può ridurre i rischi per il cancro di progredire senza gli effetti collaterali indesiderati della chemioterapia, tra cui nausea e perdita di capelli intense.

Altre opzioni di trattamento

Ci sono altri trattamenti che un medico può prescrivere per ridurre la diffusione del cancro alla prostata: tra cui:

  • Chemioterapia: questo è un trattamento che coinvolge farmaci che uccidono le cellule che si moltiplicano rapidamente. Esempi di farmaci chemioterapici usati per trattare il carcinoma prostatico avanzato includono mitoxantrone, docetaxel, paclitaxel ed estramustina.
  • Immunoterapia: questo comporta la costruzione di cellule del sistema immunitario per contrastare in modo più efficace i tumori. Esempi di terapie biologiche includono la somministrazione di fattori stimolanti le colonie, l’interferone, l’interleuchina o gli anticorpi monoclonali.
  • Farmaci per il trattamento delle metastasi ossee: se il cancro si diffonde alle ossa, i medici possono prescrivere diversi farmaci per ridurre la rottura delle ossa e ridurre il dolore. Esempi di farmaci usati per trattare il dolore osseo comprendono denosumab, xofigo e acido zoledronico.

I ricercatori stanno attualmente testando molti nuovi approcci e trattamenti per il cancro alla prostata, inclusi nuovi farmaci.

prospettiva

Una misura importante per valutare la probabilità di sopravvivenza del cancro è il tasso di sopravvivenza relativa. Queste percentuali confrontano il tasso di sopravvivenza a 5 anni di un uomo con cancro alla prostata rispetto a un uomo che non lo fa.

Questo metodo è utile perché gli uomini con carcinoma della prostata possono non essere vivi 5 anni dopo la diagnosi, ma questo non significa che il cancro alla prostata sia la causa diretta della morte.

Per tutti i tipi di cancro alla prostata, i tassi di sopravvivenza relativi dall’American Cancer Society sono i seguenti:

  • Tasso di sopravvivenza relativa a cinque anni: quasi il 100 percento
  • Tasso di sopravvivenza relativa decennale: 98 percento
  • Tasso di sopravvivenza relativa a quindici anni: 95%

I tassi di sopravvivenza per il cancro alla prostata possono variare in base alla fase del cancro. Le fasi successive del cancro hanno in genere tassi di sopravvivenza più bassi rispetto ai tumori dello stadio precedente.

I seguenti sono tassi di sopravvivenza relativa a 5 anni dall’American Cancer Society per le seguenti fasi del cancro:

  • Stadio locale, in cui il cancro non si è diffuso oltre la prostata: quasi il 100 per cento
  • Stadio regionale, in cui il cancro si è diffuso dalla prostata alle aree vicine: quasi il 100 per cento
  • Stadio distante, in cui il cancro si è diffuso a linfonodi, ossa o altri organi distanti: il 28 percento

Le prospettive non sono garanzie. Ci sono molti uomini che vivono molto più a lungo di una prospettiva stimata, e ce ne sono alcuni che non lo fanno.

Tuttavia, la diagnosi precoce migliora drasticamente la possibilità di una buona prospettiva e alla fine di curare la condizione.

Gli uomini dovrebbero sempre parlare con il loro medico e il team di cura del cancro per quanto riguarda i potenziali tassi di sopravvivenza e prospettive.

Like this post? Please share to your friends: