Gentili utenti! Tutti i materiali presenti sul sito consistono in traduzioni da altre lingue. Ci scusiamo per la qualità dei testi, ma confidiamo che possano essere di vostro gradimento. Cordialmente, l'Amministrazione del sito. La nostra e-mail: admin@itmedbook.com

Cosa devi sapere sul danno alla cartilagine

La cartilagine è un tessuto connettivo che si trova in molte parti del corpo. Sebbene sia un materiale duro e flessibile, è relativamente facile da danneggiare.

Questo tessuto fine e gommoso funge da cuscinetto tra le ossa delle articolazioni. Le persone con danni alla cartilagine comunemente soffrono di dolori articolari, rigidità e infiammazione (gonfiore).

In questo articolo descriveremo la funzione della cartilagine, come può danneggiarsi e come può essere trattato il danno.

Fatti veloci sul danno alla cartilagine

Ecco alcuni punti chiave sul danno alla cartilagine. Maggiori dettagli e informazioni di supporto sono nell’articolo principale.

  • La cartilagine ha diverse funzioni, tra cui tenere insieme le ossa e sostenere altri tessuti
  • Esistono tre tipi di cartilagine
  • La diagnosi di danno cartilagine richiederà normalmente e risonanza magnetica o artroscopia
  • Il danno cartilagineo viene spesso trattato con farmaci antinfiammatori non steroidei (FANS)

Cos’è la cartilagine?

La cartilagine è un tessuto che assorbe le ossa.

La cartilagine ha diverse funzioni nel corpo umano:

  • Riduce l’attrito e funge da cuscino tra le articolazioni e aiuta a sostenere il nostro peso quando corriamo, pieghiamo e stiracchiamo.
  • Tiene insieme le ossa, ad esempio, le ossa della gabbia toracica.
  • Alcune parti del corpo sono costituite quasi interamente da cartilagine, ad esempio le parti esterne delle nostre orecchie.
  • Nei bambini, le estremità delle ossa lunghe sono fatte di cartilagine, che alla fine si trasforma in osso.

A differenza di altri tipi di tessuto, la cartilagine non ha un apporto di sangue. Per questo motivo, la cartilagine danneggiata richiede molto più tempo per guarire, rispetto ad altri tessuti che sono forniti dal sangue.

Esistono tre tipi di cartilagine:

  • Cartilagine elastica (cartilagine gialla) – il tipo più elastico e flessibile di cartilagine. La cartilagine elastica compone l’esterno delle orecchie e parte del naso.
  • Fibrocartilagine: il tipo più duro di cartilagine, in grado di resistere a pesi pesanti. Si trova tra i dischi e le vertebre della colonna vertebrale e tra le ossa dell’anca e del bacino.
  • Cartilagine ialina – elastica, dura ed elastica. Si trova tra le costole, attorno alla trachea e tra le articolazioni (cartilagine articolare).

Cartilagine elastica, fibrocartilagine e cartilagine ialina possono essere danneggiati. Ad esempio, un disco scivolato è un tipo di danno da fibrocartilagine, mentre un forte impatto sull’orecchio può causare danni alla cartilagine elastica.

Quando la cartilagine in una articolazione è danneggiata, può causare dolore severo, infiammazione e un certo grado di disabilità – questo è noto come cartilagine articolare. Secondo il NIH (National Institutes of Health), un terzo degli adulti americani di età superiore ai 45 anni soffre di qualche tipo di dolore al ginocchio.

Sintomi

I pazienti con danni alla cartilagine in una articolazione (danno cartilagineo articolare) sperimenteranno:

  • Infiammazione – l’area si gonfia, diventa più calda di altre parti del corpo ed è tenera, dolente e dolorosa.
  • Rigidità.
  • Limite della portata: man mano che il danno progredisce, l’arto interessato non si muove così liberamente e facilmente.

Il danno articolare della cartilagine si verifica più comunemente nel ginocchio, ma anche l’articolazione del gomito, del polso, della caviglia, della spalla e dell’anca può essere compromessa.

Nei casi più gravi, un pezzo di cartilagine può rompersi e il giunto può bloccarsi. Questo può portare a emartro (sanguinamento nell’articolazione); l’area può diventare macchiata e avere un aspetto livido.

Le cause

  • Colpo diretto – se un’articolazione riceve un impatto pesante, forse durante una brutta caduta o un incidente automobilistico, la cartilagine può essere danneggiata. Gli sportivi hanno un rischio maggiore di subire danni articolari, in particolare quelli coinvolti in sport ad alto impatto come il football americano, il rugby e il wrestling.
  • Usura e rottura: un’articolazione che attraversa un lungo periodo di stress può danneggiarsi. Gli individui obesi hanno maggiori probabilità di danneggiare il ginocchio per un periodo di 20 anni rispetto a una persona di peso normale, semplicemente perché il corpo è sottoposto a un livello molto più elevato di stress fisico. L’infiammazione, la rottura e l’eventuale perdita di cartilagine nelle articolazioni sono noti come artrosi.
  • Mancanza di movimento: le articolazioni devono muoversi regolarmente per rimanere in salute. Lunghi periodi di inattività o immobilità aumentano il rischio di danni alla cartilagine.

Diagnosi

Dire la differenza tra danno cartilagineo al ginocchio e distorsione, o danno ai legamenti, non è facile perché i sintomi possono essere simili. Tuttavia, i moderni test non invasivi rendono il lavoro molto più semplice di un tempo.

Dopo aver effettuato un esame obiettivo, il medico può ordinare i seguenti test diagnostici:

  • Risonanza magnetica (MRI): il dispositivo utilizza un campo magnetico e onde radio per creare immagini dettagliate del corpo. Anche se utile, una risonanza magnetica non può sempre rilevare danni alla cartilagine.
  • Artroscopia: uno strumento a forma di tubo (artroscopio) viene inserito in un giunto per esaminarlo e ripararlo. Questa procedura può aiutare a determinare l’entità del danno alla cartilagine.

Trattamento

[Ginocchio a raggi X]

Trattamento conservativo (non chirurgico): alcuni pazienti rispondono bene al trattamento conservativo, che può includere esercizi speciali, FANS (farmaci antinfiammatori non steroidei) e talvolta iniezioni di steroidi.

Gli esercizi possono includere la terapia fisica e / o un programma che il paziente può fare a casa. Se il danno non è esteso, questo potrebbe essere necessario per tutti i pazienti.

Chirurgia: i pazienti che non rispondono al trattamento conservativo necessiteranno di un intervento chirurgico. Esistono diverse opzioni chirurgiche, a seconda di una serie di fattori, tra cui l’età e il livello di attività del paziente, quanto è grande la lesione e quanto tempo fa si è verificato l’infortunio.

Le opzioni chirurgiche includono:

  • Debridement – levigare la cartilagine danneggiata e rimuovere i bordi liberi per evitare che sfreghi e irriti altre parti del corpo. La procedura viene eseguita utilizzando piccoli strumenti artroscopici, come un rasoio meccanico.
  • Stimolazione del midollo – sotto la cartilagine danneggiata, il chirurgo esegue piccoli fori (micro-fratture), esponendo i vasi sanguigni che si trovano all’interno dell’osso. Questo fa sì che all’interno della cartilagine si formi un coagulo di sangue che innesca la produzione di nuova cartilagine. Sfortunatamente, la nuova cartilagine che cresce è meno elastica del tipo di cartilagine originale. Ciò significa che si consuma più rapidamente e che il paziente potrebbe necessitare di ulteriori interventi chirurgici in seguito.
  • Mosaicplasty: una cartilagine sana e non danneggiata viene prelevata da un’area e spostata nel sito danneggiato. Questa procedura non è adatta quando vi è un danno esteso, come nell’osteoartrite. Mosaicplasty è usato solo per aree isolate di danno cartilagineo, generalmente limitato a 10-20 millimetri di dimensione; questa tecnica è più comunemente usata in pazienti di età inferiore ai 50 anni che hanno subito danni da un incidente.
  • Impianto autologo di condrociti: un piccolo pezzo di cartilagine viene rimosso e portato in un laboratorio. Qui viene coltivato per produrre più cellule cartilaginee. Circa 1 o 3 mesi dopo, le nuove cellule cartilaginee vengono impiantate nel ginocchio dove crescono in tessuto sano.

complicazioni

Se non trattata, l’articolazione, specialmente se si tratta di un elemento portante, come il ginocchio, può alla fine diventare così danneggiata che la persona non può camminare. A parte l’immobilità, il dolore può lentamente peggiorare.

Tutti i piccoli difetti della cartilagine articolare possono eventualmente progredire fino all’osteoartrite se gli viene dato abbastanza tempo.

esercizi

Un fisioterapista può suggerire esercizi adatti a un individuo per rafforzare i muscoli intorno all’articolazione. Ciò ridurrà la pressione sull’area con la cartilagine danneggiata.

La Fondazione per l’artrite raccomanda:

  • stretching delicato per mantenere flessibilità e libertà di movimento
  • allenamento aerobico e di resistenza per raggiungere o mantenere un peso sano e migliorare l’umore e la resistenza
  • esercizi di rafforzamento per costruire i muscoli intorno alle articolazioni

Mentre l’esercizio fisico offre molti vantaggi, sembra improbabile che si verifichi una rigenerazione della cartilagine.

Come una recensione conclude:

“Contrariamente alle aspettative generali, il feedback meccanico non gioca un ruolo rilevante in questo processo e, a differenza dell’osso, non serve a regolare il complesso meccanismo metabolico biochimico verso l’ottimalità duratura della forma della cartilagine”.

Non è stato riscontrato che l’aumento dell’uso abbia come conseguenza la cartilagine.

Like this post? Please share to your friends: