Gentili utenti! Tutti i materiali presenti sul sito consistono in traduzioni da altre lingue. Ci scusiamo per la qualità dei testi, ma confidiamo che possano essere di vostro gradimento. Cordialmente, l'Amministrazione del sito. La nostra e-mail: admin@itmedbook.com

Cosa devi sapere sul recupero del coma diabetico

Nelle persone con diabete, un coma diabetico si verifica quando i livelli severi di glicemia alta o bassa non controllata non vengono corretti. Se trattati rapidamente, una persona farà un rapido recupero da un coma diabetico.

Tuttavia, il coma diabetico può essere fatale o causare danni al cervello. È importante che le persone con diabete controllino i loro zuccheri nel sangue e sappiano cosa fare quando i loro livelli di zucchero nel sangue non rientrano nel loro range di riferimento.

I gravi sintomi di glicemia incontrollata che possono verificarsi prima di un coma diabetico comprendono vomito, difficoltà di respirazione, confusione, debolezza e vertigini.

Recupero dal coma diabetico

Se un coma diabetico non viene trattato entro un paio d’ore dallo sviluppo, può causare danni irreversibili al cervello. Se non viene ricevuto alcun trattamento, un coma diabetico sarà fatale.

Inoltre, avere livelli di zucchero nel sangue che continuano a essere troppo bassi o troppo alti può essere negativo per la salute a lungo termine. Questo rimane vero anche se non si trasformano in coma diabetico.

Riconoscere i primi segni di livelli di zucchero nel sangue bassi o alti e un monitoraggio regolare può aiutare le persone con diabete a mantenere i loro livelli di zucchero nel sangue nell’intervallo sano. Così facendo si riduce anche il rischio di complicanze associate e coma diabetico.

Cos’è il diabete?

Il diabete è una condizione a lungo termine in cui il corpo non è in grado di controllare il livello di uno zucchero chiamato glucosio nel sangue. Il diabete è causato da una mancanza di insulina, dall’incapacità dell’organismo di usare correttamente l’insulina o da entrambi.

Una persona controlla i livelli di zucchero nel sangue.

Nelle persone che non hanno il diabete, l’insulina di solito garantisce che il glucosio in eccesso venga rimosso dal flusso sanguigno. Lo fa stimolando le cellule ad assorbire il glucosio di cui hanno bisogno per l’energia dal sangue. L’insulina inoltre fa sì che il glucosio rimanente sia immagazzinato nel fegato come una sostanza chiamata glicogeno.

La produzione di insulina aumenta quando i livelli di glucosio nel sangue sono alti, ad esempio dopo un pasto. Il corpo produce meno insulina quando i livelli di zucchero nel sangue sono tornati alla normalità.

Se i livelli di glucosio nel sangue diminuiscono troppo, viene prodotto un secondo ormone chiamato glucagone che stimola il fegato a rilasciare il glucosio che ha immagazzinato come glicogeno.

Nel diabete di tipo 1, le cellule del pancreas che producono insulina sono danneggiate. Il pancreas non è quindi in grado di produrre insulina. I livelli di glucosio nel sangue non sono controllati e salgono a livelli dannosamente alti a meno che le persone assumano insulina quotidianamente.

Inoltre, la mancanza di insulina significa che le cellule del corpo non possono assorbire il glucosio dal sangue. Invece, ottengono l’energia di cui hanno bisogno per sopravvivere bruciando grassi. La scomposizione dei grassi determina il rilascio di sottoprodotti di scarto chiamati chetoni.

Il diabete di tipo 1 di solito inizia nell’infanzia o nell’adolescenza anche se può verificarsi a qualsiasi età. Le persone con questa forma di diabete richiedono iniezioni di insulina per controllare i livelli di glucosio nel sangue per il resto della loro vita.

Nel diabete di tipo 2, il pancreas produce ancora insulina, almeno all’inizio del processo patologico, ma non in quantità sufficiente a mantenere il livello di glucosio nel sangue a un livello normale. Questo tipo di diabete di solito si verifica più tardi nella vita, anche se può verificarsi a qualsiasi età, ed è particolarmente comune tra le persone che sono obese.

Il diabete di tipo 2 viene gestito con dieta ed esercizio fisico, con l’aggiunta di farmaci necessari per controllare i livelli di zucchero nel sangue.

Le cause

Ci sono tre cause principali del coma diabetico. Due cause sono associate al diabete di tipo 1 e una è associata al diabete di tipo 2.

Nel diabete di tipo 1, il coma diabetico può essere causato da livelli molto bassi di glucosio nel sangue, noti anche come ipoglicemia o alti livelli di chetoni nel sangue, noto anche come chetoacidosi diabetica.

Nel diabete di tipo 2, il coma diabetico può essere causato da un basso livello di zucchero nel sangue o è causato da livelli di glicemia molto elevati, noti anche come sindrome iperosmatica iperglicemica.

L’ipoglicemia

Tubi di respirazione per un paziente in coma.

L’ipoglicemia si verifica quando i livelli di glucosio nel sangue sono troppo bassi (meno di 70 mg / dL). Il cervello usa il glucosio per l’energia. Se non c’è abbastanza glucosio nel sangue perché il cervello possa continuare a funzionare correttamente, si chiude. Questo fa sì che la persona entri in coma.

L’ipoglicemia di solito si verifica solo nelle persone trattate con insulina, sebbene possa verificarsi con farmaci orali che aumentano i livelli di insulina nel corpo. Troppi farmaci, troppo poco cibo, troppo esercizio fisico o una combinazione di questi fattori possono causare un abbassamento dei livelli di glucosio nel sangue.

Quando ciò si verifica, la persona può sentirsi debole, sudata o stanca. Possono anche sviluppare vertigini o mal di testa. Mangiare o bere una fonte di glucosio porterà i livelli di glucosio nel sangue nella gamma sana, e la persona si sentirà meglio quasi immediatamente.

Se i sintomi sono trascurati o non sperimentati affatto, l’individuo diventerà inconscio. L’incoscienza prolungata dovuta a livelli alterati di zucchero nel sangue è chiamata coma diabetico.

Un coma diabetico può essere rapidamente invertito dando glucosio e iniettando glucagone. Il trattamento deve essere somministrato entro un paio d’ore prima che il cervello subisca un danno permanente.

Chetoacidosi diabetica

La chetoacidosi diabetica è una grave complicanza del diabete di tipo 1 che si verifica quando i livelli di chetoni nel sangue diventano troppo alti.

I livelli di chetoni nel sangue aumentano eccessivamente se un individuo utilizza il grasso piuttosto che lo zucchero come fonte di energia. Ciò si verifica nelle persone con diabete di tipo 1 per una serie di motivi, tra cui non riceve abbastanza insulina o malattia. Le persone con chetoacidosi diabetica avranno anche alti livelli di glucosio nel sangue poiché lo zucchero non può passare dal sangue alle cellule.

Il corpo cerca di ridurre gli alti livelli di glucosio permettendo al glucosio di lasciare il corpo nelle urine. Tuttavia, questo causa anche all’organismo di perdere più acqua.

La chetoacidosi diabetica farà sentire una persona stanca e molto assetata e li farà urinare più frequentemente. Può anche causare mal di stomaco con nausea e vomito, pelle arrossata e secca, un odore fruttato al respiro e mancanza di respiro.

La chetoacidosi diabetica può portare al coma diabetico se non trattata. È un’emergenza medica che richiede un trattamento immediato con insulina e liquidi. Se la chetoacidosi diabetica non viene trattata efficacemente, porterà alla morte.

Sindrome iperosmolare iperglicemica

Una donna anziana controlla i suoi livelli di zucchero nel sangue.

La sindrome iperosmemica iperglicemica diabetica è una condizione che di solito si riscontra negli anziani con diabete di tipo 2 che non è adeguatamente controllato. Si verifica quando i livelli di glucosio nel sangue sono estremamente alti.

Come con la chetoacidosi diabetica, una persona con sindrome iperosmatica iperglicemica si sentirà stanca, molto assetata e avrà bisogno di urinare più frequentemente.

Le due condizioni possono essere differenziate da un semplice esame del sangue. A differenza della chetoacidosi diabetica, una persona con sindrome iperosmolare avrà livelli di chetoni del sangue normali.

La sindrome iperosmica iperglicemica causerà un coma diabetico se non trattata. Inoltre, la sindrome iperosmatica iperglicemica può anche portare a complicanze dei vasi sanguigni, come infarto, ictus o coaguli di sangue.

La sindrome iperosmolare viene inizialmente trattata somministrando soluzione salina nelle vene. Ciò contribuirà anche ad abbassare i livelli di glucosio nel sangue. L’insulina può essere necessaria se i livelli di glucosio non tornano alla normalità con la reidratazione, comunque.

Like this post? Please share to your friends: