Gentili utenti! Tutti i materiali presenti sul sito consistono in traduzioni da altre lingue. Ci scusiamo per la qualità dei testi, ma confidiamo che possano essere di vostro gradimento. Cordialmente, l'Amministrazione del sito. La nostra e-mail: admin@itmedbook.com

Cosa devo aspettarmi durante un intervento a cuore aperto?

La chirurgia a cuore aperto è un’operazione importante. Ha bisogno di una degenza ospedaliera di una settimana o più, compreso il tempo in unità di terapia intensiva immediatamente dopo l’intervento chirurgico.

Le operazioni cardiache necessarie nei bambini sono principalmente dovute ai problemi con cui nascono i bambini. Negli adulti, le operazioni sono fatte per trattare quanto segue:

  • problemi con le valvole nel cuore
  • arterie bloccate che forniscono il cuore
  • problemi con rigonfiamenti nella nave principale vicino al cuore

Questo articolo si concentrerà sulla chirurgia a cuore aperto per gli adulti.

Cos’è la chirurgia a cuore aperto?

La chirurgia a cuore aperto è un’operazione per riparare un difetto o un danno nel cuore. Il chirurgo apre il torace per accedere al cuore.

[chirurgia a cuore aperto]

La procedura più comunemente eseguita con chirurgia a cuore aperto è la chirurgia di bypass delle arterie coronarie. Questo sostituisce il ruolo delle arterie coronarie nel fornire sangue al cuore. Questo intervento può essere necessario se le arterie coronarie si restringono a causa delle malattie cardiache. Tale restringimento aumenta il rischio di infarto.

Un’arteria viene innestata al posto di quella bloccata. Questo è preso da altrove nel petto o da una gamba.

Un’altra procedura eseguita con chirurgia a cuore aperto sta sostituendo una valvola difettosa. Le valvole nel cuore sono necessarie per fermare il sangue che scorre nelle parti del cuore dopo essere stato pompato fuori da esse.

Un problema chiamato aneurisma può anche essere riparato con un intervento a cuore aperto. Questo è quando c’è un rigonfiamento nell’arteria principale che lascia il cuore.

Sequenza temporale

La degenza ospedaliera totale necessaria per un intervento a cuore aperto è di circa 7-10 giorni. Questo include un giorno o più nell’unità di terapia intensiva immediatamente dopo l’operazione.

Preparazione per l’intervento chirurgico

La preparazione per la chirurgia a cuore aperto inizia la sera prima. I pazienti dovrebbero mangiare un pasto serale come normale, ma non prendere alcun cibo o bere affatto dopo la mezzanotte.

Sapone antibatterico può essere dato per il lavaggio della parte superiore del corpo durante il bagno o la doccia. Il torace può anche essere preparato prima che venga somministrato l’anestetico, compresa la possibile rasatura.

I pazienti dovrebbero indossare qualunque cosa sia più comoda per i vestiti. Abiti larghi aiutano a rendere il tempo più facile dopo l’intervento chirurgico quando il movimento è limitato.

[chirurgia cardiaca]

È utile avere tutte le informazioni mediche personali pronte per la squadra dell’ospedale. Questo potrebbe includere un elenco di farmaci, malattie recenti e informazioni sull’assicurazione.

È normale che le persone abbiano aumentato i livelli di ansia prima di un anestetico. I pazienti non dovrebbero esitare a chiedere al team sanitario eventuali domande.

I medici potrebbero aver bisogno di eseguire test prima dell’intervento, come il monitoraggio del cuore o il prelievo di campioni di sangue. Il team può posizionare una linea in una vena per la somministrazione di liquidi e farmaci.

In reparto può essere somministrata una compressa, prescritta dall’anestesista per rendere sonnolento il paziente. L’anestesia generale viene quindi utilizzata per mettere il paziente a dormire per iniezione.

Durante l’operazione

La quantità di tempo necessaria per la chirurgia a cuore aperto varia a seconda della particolare procedura e del paziente. Come guida, il National Heart, Lung e Blood Institute affermano che un bypass delle arterie coronarie richiede da 3 a 6 ore.

I chirurghi raggiungono il cuore aprendo il petto. Un taglio da 6 a 8 pollici è fatto con una lama lungo il centro del petto e attraverso lo sterno.

Durante l’intervento può essere utilizzata una macchina di bypass cuore-polmone. Questo significa usare un farmaco per impedire al cuore di battere mentre il chirurgo opera su di esso. Al posto dell’azione di pompaggio del cuore, una macchina viene utilizzata per prelevare i tubi di sangue dal cuore. Il biossido di carbonio viene rimosso dal sangue, l’ossigeno viene aggiunto e il sangue viene restituito al corpo.

Anche se di solito è fatto “on-pump” in questo modo, la chirurgia a cuore aperto può anche essere completata “off-pump”. Il cuore può continuare a battere e viene tenuto in posizione con un dispositivo per assistere il chirurgo.

Non ci sono molte prove per decidere se sia meglio avere un intervento chirurgico a cuore aperto o fuori pompa. Tassi di sopravvivenza 1 anno dopo che entrambe le forme di chirurgia a cuore aperto sono simili quasi al 100%.

Chi è in teatro per un intervento a cuore aperto?

Un team di medici e altri operatori sanitari lavorano insieme in sala operatoria durante un intervento a cuore aperto:

  • Il chirurgo principale è un cardiochirurgo che può dirigere altri chirurghi che forniscono assistenza
  • L’anestesista è incaricato di dare e monitorare l’anestesia e i segni vitali
  • Il team di pompaggio – persone chiamate perfusionisti operano la macchina cuore-polmone e altre attrezzature tecniche utilizzate durante la chirurgia a cuore aperto
  • Infermieri e tecnici assistono il team chirurgico e preparano la sala operatoria

Recupero

La chirurgia a cuore aperto è un’importante operazione che richiede un attento monitoraggio e supporto subito dopo.

È normale essere curati e rimanere nell’unità di terapia intensiva (ICU). Questo di solito è per un paio di giorni dopo la procedura.

Un tubo respiratorio rimane sul posto dopo essersi svegliato per aiutare con la respirazione. Rimane anche una linea nella vena per dare sollievo dal dolore. Sono anche presenti apparecchiature di monitoraggio.

È normale che i pazienti rimangano in ospedale dopo aver lasciato l’ICU. Il recupero a casa dopo aver lasciato l’ospedale richiederà un numero di settimane. Il periodo di riposo è spesso da 4 a 6 settimane.

La riabilitazione sarà guidata dal team sanitario, compresi i consigli sui farmaci e l’attività fisica. All’inizio le attività dovranno essere leggere.

Durante il recupero

  • La stanchezza e un po ‘di dolore sono normali
  • Essere attenti alla possibilità di infezione è importante

[aprire sentire un intervento chirurgico]

I pazienti devono seguire i consigli del team medico sulla cura delle ferite e prestare attenzione ai segni di infezione intorno alla ferita al torace come arrossamento o secrezione.

È importante che i pazienti cerchino cure urgenti per qualsiasi sintomo potenzialmente grave come difficoltà di respirazione, febbre e sudorazione eccessiva.

Il supporto specialistico per attività e altri aspetti del recupero può essere offerto in uno specifico programma di riabilitazione cardiaca

L’assistenza post-terapia varia a seconda dei singoli, ma può includere test di follow-up come esami del sangue, scansioni cardiache e test da sforzo, che è il monitoraggio del cuore durante un esercizio di tapis roulant. I farmaci possono includere farmaci che fluidificano il sangue.

prospettiva

Il recupero e la prospettiva a lungo termine dipendono dal paziente e dalla particolare procedura.

Dopo il recupero da un’operazione di innesto, ci dovrebbe essere un miglioramento dei sintomi come mancanza di respiro e dolore al petto.

Anche il rischio di infarto viene ridotto dall’intervento. Tuttavia, gli interventi chirurgici a cuore aperto non sono necessariamente una cura. La malattia nelle arterie coronarie può ancora progredire dopo un innesto, per esempio.

alternative

Sono ora disponibili alternative per aprire il baule. Questi possono includere l’uso di telecamere e robot endoscopio.

Il trattamento delle arterie coronarie ristrette può essere effettuato con tagli minimamente invasivi sulla pelle e l’uso del robot da Vinci. Questa alternativa è nota come chirurgia endoscopica di bypass dell’arteria coronaria.

Nessun vantaggio è stato trovato in termini di efficacia o sicurezza tra i pazienti che scelgono un intervento chirurgico aperto su queste alternative. Entrambi i tipi di chirurgia richiedono ancora un tempo simile in ospedale e assistenza. La principale differenza è che la chirurgia meno invasiva ha una ripresa più breve.

Tutte le forme di cardiochirurgia presentano rischi. Questi rischi includono l’anestesia e le possibilità di infezione, danni agli organi e ictus. I rischi dipendono dalla persona, come essere più alti nelle persone che stanno meno bene.

Le alternative alla chirurgia a cuore aperto includono:

  • Angioplastica: posiziona uno stent all’interno dell’arteria ristretta per allargarlo
  • Sostituzione della valvola aortica transcatetere – la nuova valvola viene inserita tramite un catetere e si apre una volta sul posto
  • Valvuloplastica con palloncino aortico – un palloncino viene utilizzato per allargare una valvola
Like this post? Please share to your friends: