Gentili utenti! Tutti i materiali presenti sul sito consistono in traduzioni da altre lingue. Ci scusiamo per la qualità dei testi, ma confidiamo che possano essere di vostro gradimento. Cordialmente, l'Amministrazione del sito. La nostra e-mail: admin@itmedbook.com

Cosa dovresti sapere sulle scansioni MRI

Una scansione di risonanza magnetica (MRI) è una procedura comune utilizzata dagli ospedali di tutto il mondo. La risonanza magnetica utilizza un forte campo magnetico e onde radio per creare immagini dettagliate degli organi e dei tessuti all’interno del corpo.

Lo sviluppo di MRI ha rivoluzionato il mondo della medicina. Fin dalla sua scoperta, medici e ricercatori hanno perfezionato le tecniche per utilizzare le scansioni MRI per assistere nelle procedure mediche e anche per aiutare nella ricerca.

Questo articolo esamina in particolare le scansioni MRI. Abbiamo anche articoli nel nostro centro di conoscenza su scansioni TC, scansioni PET e scansioni a ultrasuoni.

Informazioni rapide sugli scanner MRI

Ecco alcuni punti chiave sugli scanner MRI. Maggiori dettagli e informazioni di supporto sono nell’articolo principale.

  • Le scansioni MRI sono una procedura non invasiva e indolore
  • Raymond Damadian ha creato il primo scanner full body MRI, che ha soprannominato “Indomitable”
  • Il costo di uno scanner MRI inizia a $ 150.000
  • Il Giappone ha il maggior numero di scanner MRI, con 46,5 per un milione di cittadini.

Panoramica

Cos’è una scansione MRI?

Una scansione MRI utilizza un grande magnete, onde radio e un computer per creare una dettagliata immagine in sezione trasversale degli organi e delle strutture interne del paziente.

Lo scanner stesso di solito assomiglia a un grande tubo con un tavolo nel mezzo, permettendo al paziente di scivolare nel tunnel.

Una scansione MRI differisce dalle scansioni TC e dai raggi X perché non utilizza radiazioni ionizzanti che possono essere potenzialmente dannose per un paziente.

Utilizza la risonanza magnetica

usi

Uno scanner MRI.

Lo sviluppo della scansione MRI rappresenta una pietra miliare per il mondo medico, poiché medici, scienziati e ricercatori sono ora in grado di esaminare accuratamente l’interno del corpo umano con uno strumento non invasivo.

Di seguito sono solo alcuni degli esempi in cui viene utilizzato uno scanner MRI:

  • Anomalie del cervello e del midollo spinale
  • Tumori, cisti e altre anomalie in varie parti del corpo
  • Lesioni o anomalie delle articolazioni, come mal di schiena
  • Alcuni tipi di problemi cardiaci
  • Malattie del fegato e altri organi addominali
  • Cause del dolore pelvico nelle donne (ad esempio fibromi, endometriosi)
  • Anomalie sospette dell’utero in donne sottoposte a valutazione per infertilità

Preparazione

Preparazione

C’è poca o nessuna preparazione richiesta per i pazienti prima di una risonanza magnetica. All’arrivo in ospedale, i medici possono chiedere al paziente di cambiarsi in abito. Poiché si utilizzano magneti, è fondamentale che nello scanner non vi siano oggetti metallici, pertanto al paziente verrà chiesto di rimuovere qualsiasi gioiello in metallo o accessori che potrebbero interferire con la macchina.

A volte, i pazienti verranno iniettati con liquido di contrasto per via endovenosa (IV) per migliorare l’aspetto di un determinato tessuto corporeo.

Il radiologo parlerà quindi l’individuo attraverso il processo di scansione MRI e risponderà a tutte le domande che possono avere sulla procedura.

Una volta che il paziente è entrato nella stanza di scansione, saranno aiutati nello scanner a sdraiarsi. Il personale farà in modo che sia il più confortevole possibile fornendo coperte o cuscini.

Saranno forniti tappi per le orecchie o cuffie per bloccare i rumori forti dello scanner. Quest’ultimo è molto popolare tra i bambini in quanto possono ascoltare musica per calmare qualsiasi ansia.

Durante

Durante una scansione MRI

Una volta nello scanner MRI, il tecnico di risonanza magnetica parlerà tramite l’interfono per garantire che il paziente sia a suo agio. Non avvieranno la scansione a meno che il paziente non sia pronto.

Durante la scansione, è fondamentale rimanere fermi. Qualsiasi movimento interromperà le immagini create, proprio come una fotocamera che tenta di scattare una foto di un oggetto in movimento. Rumori forti provengono dallo scanner, il che è perfettamente normale. Se il paziente si sente a disagio durante la procedura, può parlare al tecnico della risonanza magnetica tramite l’interfono e richiedere l’arresto della scansione.

Dopo

Dopo una scansione MRI

Dopo la scansione, un radiologo esaminerà le immagini per verificare se sono necessarie ulteriori immagini. Se il radiologo è soddisfatto, il paziente può andare a casa. Il radiologo preparerà una breve relazione per il medico, che fisserà un appuntamento per discutere i risultati.

Come funziona la risonanza magnetica

Funzione

Uno scanner MRI contiene due potenti magneti; queste sono le parti più importanti dell’attrezzatura.

Il corpo umano è in gran parte costituito da molecole d’acqua, che sono costituite da atomi di idrogeno e ossigeno. Al centro di ogni atomo si trova una particella ancora più piccola chiamata protone, che funge da magnete ed è sensibile a qualsiasi campo magnetico.

Normalmente, le molecole d’acqua nel nostro corpo sono disposte casualmente, ma entrando in uno scanner MRI, il primo magnete fa sì che le molecole d’acqua del corpo si allineino in una direzione, a nord oa sud.

Il secondo campo magnetico viene quindi attivato e disattivato in una serie di impulsi rapidi, facendo sì che ciascun atomo di idrogeno modifichi il suo allineamento e quindi ritorni rapidamente allo stato di rilassamento originale quando viene spento. Il campo magnetico viene creato facendo passare l’elettricità attraverso bobine a gradiente, che provocano anche la vibrazione delle bobine, causando un suono di battito all’interno dello scanner.

Sebbene il paziente non riesca a percepire questi cambiamenti, lo scanner può rilevarli e, in combinazione con un computer, può creare un’immagine cross-section dettagliata da interpretare dal radiologo.

Risonanza magnetica funzionale (fMRI)

La risonanza magnetica funzionale o RM funzionale (fMRI) utilizza la tecnologia MRI per misurare l’attività cerebrale monitorando il flusso di sangue nel cervello. Ciò consente di comprendere l’attività dei neuroni nel cervello mano a mano che il flusso sanguigno aumenta nelle aree in cui i neuroni sono attivi.

Questa tecnica ha rivoluzionato la mappatura del cervello consentendo ai ricercatori di valutare il cervello e il midollo spinale senza la necessità di procedure invasive o iniezioni di farmaci.

fMRI aiuta i ricercatori a conoscere la funzione di un cervello normale, malato o ferito.

La risonanza magnetica funzionale viene anche utilizzata nella pratica clinica poiché, a differenza delle scansioni MRI standard utili per rilevare le anomalie strutturali nei tessuti, una scansione MRI funzionale può aiutare a rilevare l’attività anomala in quei tessuti. Come tale, viene utilizzato per valutare i rischi posti dalla chirurgia cerebrale aiutando un chirurgo a identificare le regioni del cervello coinvolte in funzioni critiche come parlare, muoversi, percepire o pianificare.

La risonanza magnetica funzionale può anche essere utilizzata per determinare gli effetti di tumori, ictus, danni alla testa e al cervello o malattie neurodegenerative come l’Alzheimer.

FAQ RM

FAQs

Un paziente maschio in procinto di sottoporsi a una risonanza magnetica.

Quanto durerà una scansione MRI?

Le scansioni MRI variano da 20 a 60 minuti a seconda di quale parte del corpo viene analizzata e quante immagini sono necessarie.

Se, dopo la prima scansione MRI, le immagini non sono abbastanza chiare per il radiologo, al paziente può essere chiesto di sottoporsi immediatamente a una seconda scansione.

Ho bretelle / limatura, dovrei ancora sottopormi alla scansione?

Sebbene le graffe e le otturazioni non siano influenzate dalla scansione, possono distorcere l’immagine. Il medico e la radiologa ne discuteranno in anticipo. La scansione MRI potrebbe richiedere più tempo se sono necessarie immagini aggiuntive.

Posso spostarmi mentre sono nel tunnel MRI?

No, è importante rimanere il più fermi possibile mentre si è nello scanner MRI. Qualsiasi movimento distorce lo scanner e, pertanto, le immagini prodotte saranno sfocate. Nelle scansioni MRI particolarmente lunghe, il tecnico di risonanza magnetica può effettuare una breve interruzione a metà della procedura.

Sono claustrofobico, cosa posso fare?

Il medico e il radiologo saranno in grado di parlare al paziente attraverso l’intera procedura e affrontare ogni ansia. Gli scanner MRI aperti sono disponibili in alcune località per aiutare i pazienti con claustrofobia.

Ho bisogno di un’iniezione di contrasto prima della mia risonanza magnetica?

Alcuni pazienti potrebbero aver bisogno di iniettare un mezzo di contrasto prima della scansione per migliorare l’accuratezza diagnostica evidenziando alcuni problemi, come l’infiammazione.

Posso avere una risonanza magnetica se sono incinta?

Sfortunatamente, non c’è una risposta diretta a questa domanda. Il medico deve essere informato prima della scansione. C’è stata relativamente poca ricerca sull’effetto delle scansioni MRI sulla gravidanza. Tuttavia, le linee guida pubblicate nel 2016 hanno chiarito meglio la questione.

Si raccomanda di limitare le scansioni MRI durante il primo trimestre, a meno che l’informazione non sia considerata essenziale. Le scansioni MRI effettuate durante il secondo e il terzo trimestre sono sicure a 3.0 tesla o meno.

Le linee guida indicano inoltre che l’esposizione involontaria alla risonanza magnetica durante il primo trimestre non è stata associata a conseguenze a lungo termine e non dovrebbe destare preoccupazione clinica.

Like this post? Please share to your friends: