Gentili utenti! Tutti i materiali presenti sul sito consistono in traduzioni da altre lingue. Ci scusiamo per la qualità dei testi, ma confidiamo che possano essere di vostro gradimento. Cordialmente, l'Amministrazione del sito. La nostra e-mail: admin@itmedbook.com

Cosa sapere dell’anemia da carenza di ferro

L’anemia da carenza di ferro è una condizione in cui ci sono troppi globuli rossi nel corpo a causa di una carenza di ferro.

Il corpo utilizza il ferro per produrre globuli rossi, che trasportano l’ossigeno in tutto il corpo.

Senza abbastanza ferro, potrebbero esserci troppi globuli rossi sani per trasportare ossigeno sufficiente a soddisfare i bisogni del corpo.

Il risultato di questa situazione è chiamato anemia da carenza di ferro, che può lasciare una persona estremamente stanca e senza fiato.

Cos’è l’anemia?

globuli rossi al microscopio

L’anemia è una malattia del sangue caratterizzata dalla mancanza di globuli rossi sani o di emoglobina.

L’emoglobina è la parte dei globuli rossi che si lega all’ossigeno.

Quando il corpo non ha abbastanza emoglobina in circolo, non abbastanza ossigeno arriva a tutte le parti del corpo.

Di conseguenza, organi e tessuti potrebbero non funzionare correttamente e una persona potrebbe sentirsi affaticata.

L’anemia da carenza di ferro si verifica quando il corpo non ha abbastanza ferro da produrre l’emoglobina di cui ha bisogno.

Le cause

L’anemia da carenza di ferro si riferisce direttamente alla mancanza di ferro nel corpo. La causa della carenza di ferro varia, tuttavia.

Alcune cause comuni includono:

  • dieta povera o non abbastanza ferro nella dieta
  • perdita di sangue
  • una ridotta capacità di assorbire il ferro
  • gravidanza

Dieta povera

Le diete prive di ferro sono una delle principali cause di carenza di ferro.

Gli alimenti ricchi di ferro, come uova e carne, forniscono all’organismo gran parte del ferro necessario per produrre l’emoglobina. Se una persona non mangia abbastanza per mantenere la sua riserva di ferro, si può sviluppare una carenza di ferro.

Perdita di sangue

Il ferro si trova principalmente nel sangue, poiché è immagazzinato nei globuli rossi. Una carenza di ferro può risultare quando una persona perde molto sangue da una ferita, dal parto o da una mestruazione intensa.

In alcuni casi, la lenta perdita di sangue da malattie croniche o alcuni tipi di cancro può portare a una carenza di ferro.

Diminuzione della capacità di assorbimento del ferro

Alcune persone non sono in grado di assorbire abbastanza ferro dal cibo che mangiano. Ciò potrebbe essere dovuto a un problema con l’intestino tenue, come la celiachia o il morbo di Crohn, o se una porzione dell’intestino tenue è stata rimossa.

Gravidanza

Bassi livelli di ferro sono un problema comune per le donne incinte. Il feto in crescita ha bisogno di molto ferro, che può portare a una carenza di ferro.

Inoltre, una donna incinta ha una maggiore quantità di sangue nel suo corpo. Questo volume più grande di sangue richiede più ferro per soddisfare i suoi bisogni.

Fattori di rischio

donare sangue

Alcuni gruppi di persone hanno un rischio più elevato di sviluppare anemia da carenza di ferro.

I gruppi a rischio includono:

Vegetariani: le persone, come i vegetariani, che mangiano una dieta a base vegetale, possono essere carenti di ferro. Per combattere questo, dovrebbero essere sicuri di includere alimenti ricchi di ferro, come fagioli o cereali fortificati. I vegetariani che mangiano anche pesce dovrebbero prendere in considerazione le ostriche o il salmone, come parte della loro dieta regolare.

Donne: i cicli mestruali mensili possono mettere donne e adolescenti ad aumentato rischio di carenza di ferro.

Donatori di sangue: le persone che donano sangue aumentano regolarmente le loro possibilità di sviluppare una carenza di ferro. Questo è a causa della frequente perdita di sangue.

Neonati e bambini: i bambini prematuri e quelli con un basso peso alla nascita possono essere a rischio di carenze di ferro. Inoltre, i bambini che non ricevono abbastanza ferro attraverso il latte materno sono a maggior rischio. Un medico può consigliare a una donna che allatta di aggiungere una formula ricca di ferro alla dieta del suo bambino se i suoi livelli di ferro sono bassi.

Allo stesso modo, i bambini che attraversano gli schizzi di crescita hanno un aumentato rischio di carenza di ferro. È importante che i bambini assumano una dieta varia e ricca di sostanze nutritive per evitare carenze di ferro.

Sintomi

L’anemia da carenza di ferro spesso richiede molto tempo per svilupparsi. Le persone potrebbero non sapere di averlo fino a quando i sintomi non saranno gravi.

In alcuni casi, una carenza di ferro può migliorare senza alcun intervento, in quanto la situazione di una persona cambia, ad esempio dopo che una donna ha dato alla luce.

Tuttavia, se una persona ha sintomi di anemia da carenza di ferro, deve parlare con il proprio medico.

Una persona con una carenza di ferro può presentare alcuni dei seguenti sintomi:

  • debolezza generale
  • vertigini o stordimento
  • estrema fatica
  • battito cardiaco veloce
  • unghie facilmente spezzate e fragili
  • più pallido della pelle normale
  • dolore al petto
  • mancanza di respiro
  • mal di testa
  • mani e piedi freddi
  • dolore o infiammazione della lingua
  • voglie per cose non nutritive, come sporcizia, amido o ghiaccio
  • scarso appetito, specialmente nei bambini

complicazioni

Nei casi più lievi di anemia sideropenica, è improbabile che una persona abbia più dei normali sintomi descritti sopra. Tuttavia, possono verificarsi ulteriori complicazioni se l’anemia da carenza di ferro non viene trattata.

Possibili complicazioni includono:

  • crescita lenta e ritardi di sviluppo nei bambini e nei neonati
  • problemi cardiaci, tra cui insufficienza cardiaca o un ingrossamento del cuore dovuto alla compensazione della mancanza di ossigeno
  • complicazioni della gravidanza, tra cui basso peso alla nascita e un aumentato rischio di parto prematuro

Diagnosi

Esame del sangue in un laboratorio

Solo un medico può diagnosticare l’anemia da carenza di ferro. È importante per una persona chiedere consiglio a un medico se hanno sintomi evidenti.

È probabile che un medico inizi l’esame ponendo domande sulla salute generale di una persona. Possono esaminare il tono della pelle, le unghie e sotto le palpebre per cercare i segni fisici dell’anemia sideropenica.

Tuttavia, poiché l’anemia da carenza di ferro non ha sempre sintomi visibili, sarà probabilmente necessario un esame del sangue.

Un medico controllerà il sangue per quanto segue:

  • l’ematocrito o la percentuale di globuli rossi nel volume totale di sangue
  • dimensione e colore dei globuli rossi, in particolare per le cellule pallide più piccole
  • bassi livelli di ferritina in cui una carenza di questa proteina indica una scarsa conservazione di ferro nel sangue
  • minori livelli di emoglobina associati a carenza di ferro

Un medico può porre ulteriori domande o eseguire ulteriori test per aiutare a determinare se l’anemia da carenza di ferro è il risultato di una condizione sottostante non diagnosticata.

Questi test possono variare a seconda degli altri sintomi descritti da una persona. Per esempio, qualcuno che avverte dolore durante la digestione può richiedere una colonscopia per vedere se una malattia gastrointestinale è la causa della carenza di ferro.

Trattamento e autogestione

L’anemia da carenza di ferro viene solitamente trattata in due modi, che comportano un aumento dell’assunzione di ferro e il trattamento di eventuali condizioni di base.

I medici possono raccomandare l’uso di supplementi di ferro per aiutare a correggere i livelli di assunzione di ferro. I supplementi sono spesso disponibili al banco. È importante prendere gli integratori come prescritto. Questo perché troppo ferro può essere tossico e danneggiare il fegato.

Inoltre, grandi quantità di ferro possono causare stitichezza. Di conseguenza, un medico può prescrivere emollienti o lassativi delle feci per facilitare i movimenti intestinali.

Se viene trovata una condizione sottostante, potrebbe essere necessario un ulteriore trattamento. I trattamenti per le condizioni sottostanti dipenderanno dal problema, ma potrebbero significare ulteriori farmaci, antibiotici o interventi chirurgici.

L’autogestione comporta l’aggiunta di più ferro e vitamina C alla dieta. Gli alimenti ricchi di ferro includono fagioli, carne rossa, frutta secca, cereali fortificati con ferro e piselli. Gli alimenti ricchi di vitamina C includono agrumi, verdure a foglia verde e broccoli.

Se una persona sceglie di autogestirsi o di seguire le raccomandazioni di un medico, è importante ricordare che la correzione della carenza di ferro richiederà tempo. I sintomi possono migliorare dopo una settimana di trattamento, ma potrebbero essere necessari diversi mesi o più per aumentare la quantità di ferro nel sangue.

Like this post? Please share to your friends: