Gentili utenti! Tutti i materiali presenti sul sito consistono in traduzioni da altre lingue. Ci scusiamo per la qualità dei testi, ma confidiamo che possano essere di vostro gradimento. Cordialmente, l'Amministrazione del sito. La nostra e-mail: admin@itmedbook.com

Cosa sapere sulla malattia del fegato grasso non alcolico

La steatosi epatica non alcolica avviene quando c’è troppo grasso nel fegato o nella steatosi. La condizione è anche nota come fegato grasso.

Non ci possono essere sintomi nelle fasi iniziali, ma il continuo danno al fegato può portare a condizioni più gravi.

Alcune persone affette da steatosi epatica non alcolica (NAFLD) svilupperanno steatoepatite non alcolica (NASH). Questo può svilupparsi in cirrosi, cicatrici o disfunzione del fegato.

Il fegato grasso è spesso correlato all’obesità, all’ipertensione, al diabete e al colesterolo alto. La NAFLD o la NASH non sono dovute al consumo elevato di alcol.

Circa il 10-46 per cento delle persone negli Stati Uniti ha fegato grasso ma nessuna infiammazione o danno. Tra il 3 e il 12% ha NASH. La NAFLD è la causa più comune di malattia del fegato nei paesi occidentali.

Il fegato grasso può anche verificarsi durante la gravidanza e la cirrosi può derivare da una malattia epatica correlata all’alcol, ma la NAFLD è considerata una diagnosi separata e i medici la gestiscono in modo diverso.

Fatti veloci sulla malattia del fegato grasso

  • La steatosi epatica non alcolica (NAFLD) può verificarsi se troppo grasso si accumula nel fegato.
  • Molte persone hanno un fegato grasso senza sintomi, ma, in alcuni casi, può progredire in una condizione più grave.
  • La causa esatta è sconosciuta, ma l’obesità sembra essere un fattore di rischio.
  • Seguendo una dieta sana ed equilibrata a basso contenuto di zuccheri e grassi trans può aiutare a prevenire o addirittura invertire la condizione.
  • Le persone con qualsiasi tipo di malattia del fegato dovrebbero evitare l’alcol o consumare solo piccole quantità.

Sintomi e fasi

medico che mostra un fegato

Il fegato è importante per rimuovere le tossine dal corpo. Se non funziona correttamente, possono presentarsi vari sintomi.

Se il corpo produce troppo grasso o se il grasso non viene metabolizzato correttamente, può accumularsi nel fegato.

Se troppo grasso si accumula nel fegato, questo può causare il fegato grasso. Se il grasso continua ad accumularsi, questo può portare, in alcuni casi, alla NASH e alla fine alla cirrosi e insufficienza epatica.

Fegato grasso

A un livello soglia, oltre il 5-10% del peso del fegato è grasso.

Se più grasso di questo si accumula nel fegato, questo è noto come NAFLD, o semplice fegato grasso. Non è sano, ma non necessariamente abbastanza grave da causare problemi e la persona non noterà di solito alcun sintomo.

La maggior parte delle persone con fegato grasso semplice non saprà di averlo. Possono scoprirlo solo dopo essere stati testati per qualche altra condizione, o perché altri fattori di rischio suggeriscono che un test è una buona idea.

Circa il 30-40% degli adulti negli Stati Uniti ha NAFLD. Tuttavia, è difficile stabilire una cifra esatta, in quanto non esiste una serie di criteri per la definizione di NAFLD.

Per molte persone, la condizione non progredisce oltre questa fase.

Steatosi non alcolica

Se il grasso continua a crescere e il fegato si infiamma, i risultati NASH. Negli Stati Uniti, questo riguarda tra il 3 e il 12% degli adulti.

Circa il 75% dei pazienti presenterà gonfiore epatico o epatomegale.

I sintomi possono includere:

  • stanchezza e affaticamento, tra cui debolezza muscolare e mancanza di energia
  • disagio e possibilmente gonfiore nella parte superiore dell’addome
  • perdita di peso
  • basso appetito
  • nausea

I sintomi possono essere vaghi e possono somigliare a quelli di molti altri problemi. Le prove possono essere effettuate per eliminare altre condizioni.

Gli scienziati non sono sicuri del motivo per cui alcune persone hanno maggiori probabilità di sviluppare la NASH.

Cirrosi e insufficienza epatica

Nel tempo, dal 10 al 25% delle persone con NASH svilupperà cicatrici o fibrosi, note anche come cirrosi e insufficienza epatica.

I sintomi includono:

  • stanchezza e debolezza
  • nausea, vomito e diarrea
  • sgabelli
  • gonfiore addominale e dolore
  • un ingiallimento della pelle e degli occhi, noto come ittero
  • confusione, difficoltà di concentrazione, perdita di memoria e allucinazioni
  • prurito della pelle
  • sanguinamento e lividi facilmente

Nei casi più gravi, può essere necessario un trapianto di fegato.

Cause e fattori di rischio

Non è chiaro esattamente come e perché si sviluppa il fegato grasso. Si verifica quando il corpo produce troppo grasso o quando non può elaborare correttamente i grassi.

L’obesità è un chiaro fattore di rischio. Circa il 70 per cento delle persone con obesità ha la condizione, mentre il 10-15 per cento delle persone con un peso normale ce l’ha.

Indipendentemente dal loro peso, una persona con grasso addominale “profondo” ha più probabilità di avere un fegato grasso.

Altri fattori di rischio includono:

  • diabete
  • colesterolo alto o alti livelli di grassi nel sangue
  • alta pressione sanguigna
  • alti livelli di grassi nel sangue o trigliceridi

Le persone con sindrome metabolica, una condizione che comporta un raggruppamento dei fattori di rischio sopra menzionati, sono a rischio più elevato.

Tra il 40 e l’80% delle persone con diabete di tipo 2 ha NAFLD.

I ricercatori hanno trovato “prove crescenti” che la NAFLD è legata alla malattia cardiovascolare (CVD) e alla malattia renale cronica (CKD).

Ciò significa che anche quelli con NAFLD hanno maggiori probabilità di avere diabete e malattie cardiache.

Mentre ci sono chiari legami tra obesità e fegato grasso, alcune persone sviluppano NAFLD senza obesità. Questo suggerisce che ci sono altri fattori.

Questi includono:

  • influenze genetiche
  • fumo
  • età avanzata
  • alcuni farmaci, come gli steroidi e il tamoxifene per il trattamento del cancro
  • rapida perdita di peso
  • infezioni, come l’epatite
  • esposizione ad alcune tossine

Tuttavia, la ricerca suggerisce che “la massa grassa in eccesso rimane la condizione di fondo più comune”.

La NAFLD è anche la forma più comune di malattia epatica a lungo termine nei bambini. Una recensione pubblicata nel 2016 afferma che colpisce tra il 10 e il 20% dei pazienti pediatrici e il 50-80% dei bambini con obesità.

Gli scienziati prevedono:

“Entro i prossimi 10 anni, si prevede che diventi la principale causa di patologia epatica, insufficienza epatica e indicazione per il trapianto di fegato nell’infanzia e nell’adolescenza nel mondo occidentale”.

Circa il 25% dei pazienti pediatrici con NASH svilupperà cirrosi entro 10 anni. Tra quelli con obesità, il rischio è più alto.

Diagnosi

La NAFLD in fase iniziale di solito non produce sintomi, quindi la diagnosi di solito avviene a causa di un’analisi del sangue di routine o perché la persona ha i fattori di rischio rilevanti.

Se il medico sospetta la NAFLD, sentirà la zona addominale, per scoprire se c’è qualche gonfiore. Chiederanno di dieta e stile di vita e qualsiasi uso di farmaci, integratori e alcol.

Se i test suggeriscono che ci sono danni al fegato o che il fegato è gonfio, il medico deve escludere altre possibili condizioni, inclusa la malattia alcolica del fegato.

Le scansioni di immagini, come ultrasuoni, TAC e risonanza magnetica, possono mostrare grasso nel fegato.

Una biopsia può confermare NAFLD, rivelare l’entità del danno e distinguerlo da altri tipi di problemi al fegato. Il medico userà un ago per prelevare un piccolo campione di tessuto dal fegato.

Trattamento e gestione

Non esiste un trattamento medico per il fegato grasso, ma le scelte di vita, come il raggiungimento o il mantenimento di un peso sano, possono ridurre il rischio e possibilmente invertire il danno, nelle fasi iniziali.

Consigli dietetici

Per ridurre il rischio di NAFLD, è meglio:

  • seguire una dieta equilibrata con porzioni moderate
  • mangiare un sacco di frutta e verdura
  • consumare sia proteine ​​che carboidrati, ma limitare grassi e zuccheri
  • ridurre l’assunzione di sale
  • sostituire i grassi saturi e trans con grassi monoinsaturi e polinsaturi

L’Istituto Nazionale di Diabete e Malattie Digestive e Renali (NIDDK) raccomandano i seguenti consigli dietetici:

cibo fresco

  • sostituire grassi trans e grassi animali con olio d’oliva, olio di semi di lino, mais, soia e oli di cartamo
  • mangiare pesce grasso invece di carne
  • evitare cibi ad alto contenuto di zuccheri semplici, come il fruttosio, presenti nelle bevande zuccherate, nelle bevande sportive e nei succhi
  • mangiare più cibi a basso indice glicemico (GI), come frutta, verdura e cereali integrali
  • mangiare meno cibi ad alto indice glicemico, come pane bianco e riso bianco
  • evitare alcol o bere con moderazione

Gli scienziati stanno valutando se la vitamina E può essere d’aiuto, ma sono necessarie ulteriori ricerche. Coloro che stanno prendendo in considerazione l’assunzione di integratori o rimedi a base di erbe dovrebbero sempre parlare con un medico prima.

Una dieta sana e un’attività fisica regolare ridurranno il rischio di una vasta gamma di condizioni, tra cui diabete e malattie cardiovascolari.

prospettiva

Per la maggior parte delle persone, un fegato grasso generalmente non causa problemi gravi. In una certa misura, il fegato può riparare se stesso, quindi passare a uno stile di vita sano aiuterà.

I ricercatori avvertono che la NAFLD è in aumento e, se l’obesità continua a salire, potrebbe diventare “un’epidemia”.

Sebbene il semplice fegato grasso non sia pericoloso, senza azioni preventive, alcune persone svilupperanno la NASH e tra il 10 e il 25% degli adulti con NASH svilupperà cirrosi entro 10 anni.

Negli Stati Uniti, la malattia del fegato grasso è la terza causa del trapianto di fegato, ed è in aumento.

Inoltre, NAFLD è collegato a CVD, CKD e altre condizioni. Se questi possono essere invertiti o meno, anche se il fegato si riprende, non è chiaro.

Il modo migliore per curarlo e prevenirlo è attraverso scelte di vita salutari, con una dieta varia ed equilibrata e un regolare esercizio fisico.

Like this post? Please share to your friends: