Gentili utenti! Tutti i materiali presenti sul sito consistono in traduzioni da altre lingue. Ci scusiamo per la qualità dei testi, ma confidiamo che possano essere di vostro gradimento. Cordialmente, l'Amministrazione del sito. La nostra e-mail: admin@itmedbook.com

Cosa sapere sulle infezioni del tratto urinario

Le infezioni del tratto urinario sono causate da microbi come i batteri che superano le difese del corpo nel tratto urinario. Possono influenzare i reni, la vescica e i tubi che corrono tra di loro.

Sono uno dei tipi più comuni di infezione e rappresentano circa 8,1 milioni di visite a un medico ogni anno.

Il tratto urinario può essere diviso nel tratto urinario superiore e nel tratto urinario inferiore. Il tratto urinario superiore è costituito dai reni e dagli ureteri e il tratto urinario inferiore è costituito dalla vescica e dall’uretra.

Fatti veloci sulle infezioni del tratto urinario

Ecco alcuni punti chiave sull’infezione del tratto urinario. Maggiori dettagli e informazioni di supporto sono nell’articolo principale.

  • Le donne hanno un rischio a vita di oltre il 50 percento di sviluppare un’infezione del tratto urinario (UTI).
  • I sintomi più comuni includono una forte, frequente voglia di urinare e una sensazione dolorosa e bruciore quando si urina.
  • Un UTI viene solitamente diagnosticato in base a sintomi e test di un campione di urina.
  • Le IVU possono essere curate con 2 o 3 giorni di trattamento.
  • Gli estratti di mirtillo non trattano le infezioni del tratto urinario ma possono aiutare a ridurre il rischio di infezioni del tratto urinario ricorrenti.

Le cause

Diagramma di reni

La stragrande maggioranza delle infezioni del tratto urinario (UTI) sono causate dal batterio (), solitamente presente nel sistema digestivo. I batteri della clamidia e del micoplasma possono infettare l’uretra ma non la vescica.

Le UTI hanno nomi diversi a seconda di dove si verificano. Per esempio:

  • Un’infezione vescicale è chiamata cistite.
  • Un’infezione da uretra si chiama uretrite.
  • Un’infezione renale è chiamata pielonefrite.

Gli ureteri sono molto raramente il sito di infezione.

Fattori di rischio

Oltre il 50% di tutte le donne sperimenterà almeno una UTI durante la sua vita, con il 20% -30% che soffre di UTI ricorrenti.

Le donne incinte non hanno maggiori probabilità di sviluppare un IVU rispetto ad altre donne, ma se si verifica uno, è più probabile che viaggi fino ai reni. Questo perché i cambiamenti nel corpo durante la gravidanza che colpiscono il tratto urinario.

Poiché una UTI in gravidanza può rivelarsi pericolosa sia per la salute materna che infantile, la maggior parte delle donne in gravidanza viene testata per la presenza di batteri nelle loro urine, anche se non ci sono sintomi, e trattata con antibiotici per prevenire la diffusione.

Persone di qualsiasi età e sesso possono sviluppare un UTI. Tuttavia, alcune persone sono più a rischio di altri. I seguenti fattori possono aumentare la probabilità di sviluppare un IVU:

  • rapporti sessuali, soprattutto se più frequenti, intensi e con partner multipli o nuovi
  • diabete
  • scarsa igiene personale
  • problemi di svuotamento della vescica completamente
  • avere un catetere urinario
  • incontinenza intestinale
  • flusso bloccato di urina
  • calcoli renali
  • alcune forme di contraccezione
  • gravidanza
  • menopausa
  • procedure che coinvolgono il tratto urinario
  • sistema immunitario soppresso
  • immobilità per un lungo periodo
  • uso di spermicidi e tamponi
  • uso intensivo di antibiotici, che possono disturbare la flora naturale dell’intestino e delle vie urinarie

Sintomi

Donna con dolore nell'addome

I sintomi di un UTI possono dipendere dall’età, dal sesso, dalla presenza di un catetere e da quale parte del tratto urinario è stata infettata.

I sintomi comuni di un UTI includono:

  • forte e frequente voglia di urinare
  • urina torbida, sanguinante o dall’odore forte
  • dolore o sensazione di bruciore durante la minzione
  • nausea e vomito
  • dolori muscolari e dolori addominali

Le persone con cateteri possono sperimentare la febbre solo come un sintomo, rendendo la diagnosi più difficile.

Pyelonephritis affilato

La pielonefrite acuta è un’infezione renale improvvisa e grave. Se un individuo sviluppa questa condizione, potrebbe anche provare dolore alla parte alta della schiena e laterale, febbre alta, tremori, brividi, stanchezza e cambiamenti mentali. È considerato un’emergenza e dovrebbe essere valutato da un medico immediatamente se sospettato.

Cistite

Se una persona ha un’infezione alla vescica, potrebbe anche manifestare febbre bassa, pressione e crampi nell’addome e nella parte bassa della schiena.

complicazioni

La maggior parte delle UTI non è seria, ma alcune possono portare a seri problemi, in particolare con le UTI superiori.

Infezioni renali ricorrenti o di lunga durata possono causare danni permanenti e alcune improvvise infezioni renali possono essere pericolose per la vita, in particolare se i batteri entrano nel flusso sanguigno in una condizione nota come setticemia.

Possono anche aumentare il rischio che le donne consegnino neonati prematuri o con basso peso alla nascita.

Prevenzione

Esistono diverse misure che possono essere adottate per ridurre il rischio di sviluppare un IVU:

  • Bevi molta acqua e urina frequentemente.
  • Evitare i liquidi come l’alcool e la caffeina che possono irritare la vescica.
  • Urinare poco dopo il sesso.
  • Pulire dalla parte anteriore a quella posteriore dopo la minzione e il movimento intestinale.
  • Mantieni pulita la zona genitale.
  • Le docce sono preferite ai bagni ed evitano l’uso di oli.
  • I tamponi igienici o le coppette mestruali sono preferibili ai tamponi. Se vuoi acquistare coppette mestruali, allora c’è un’eccellente selezione su Amazon con migliaia di recensioni dei clienti.
  • Evitare l’uso di un diaframma o spermicida per il controllo delle nascite.
  • Evitare l’uso di prodotti profumati nell’area genitale.
  • Indossare indumenti intimi di cotone e indumenti ampi per mantenere l’area intorno all’uretra asciutta.

Si consiglia agli individui di contattare un medico se sviluppano i sintomi di una UTI, soprattutto se hanno sviluppato i sintomi di una potenziale infezione renale.

Diagnosi

La diagnosi viene solitamente effettuata dopo aver chiesto dei sintomi e testando un campione di urina per valutare la presenza di globuli bianchi, globuli rossi e batteri.

Viene utilizzato un metodo di raccolta delle urine chiamato “clean catch”. Ciò richiede che una persona lavi la sua area genitale prima di fornire un campione di urina a metà del flusso. Questo aiuta a prevenire la formazione di batteri nell’area circostante nell’area genitale.

Se una persona ha infezioni del tratto urinario ricorrenti, un medico può richiedere ulteriori test diagnostici per determinare se le cause anatomiche o problemi funzionali sono da biasimare. Tali test possono includere:

  • Imaging diagnostico: si tratta di valutare il tratto urinario usando ultrasuoni, tomografia computerizzata e risonanza magnetica, tracciamento delle radiazioni o raggi X.
  • Urodinamica: questa procedura determina quanto bene il tratto urinario stia immagazzinando e rilasciando l’urina.
  • Cistoscopia: questo esame diagnostico consente al medico di vedere all’interno della vescica e dell’uretra con una lente della fotocamera, che viene inserita attraverso l’uretra attraverso un tubo lungo e sottile.

Negli uomini

UTI negli uomini sono rari. L’incidenza per gli uomini di età inferiore a 50 anni è tra 5 e 8 uomini su 10.000. Il rischio di infezione aumenta con l’età.

Quando gli uomini contraggono una UTI, infetteranno gli stessi organi e le stesse aree di una UTI in una donna. Per gli uomini, tuttavia, la prostata è anche a rischio di infezione.

Un uomo con un pene circonciso ha meno probabilità di ottenere un UTI che un uomo che non ha subito la circoncisione.

I metodi di trattamento sarebbero simili a quelli usati per il trattamento delle UTI nelle donne.

Trattamento

Acqua potabile della donna

Dal momento che le UTI sono normalmente causate da batteri, vengono comunemente trattate con antibiotici o antimicrobici.

Il tipo di farmaco e la durata del trattamento dipenderanno dai sintomi e dalla storia clinica dell’individuo.

L’intero ciclo di trattamento deve essere sempre completato per l’UTI per assicurarsi che l’infezione sia completamente chiara e per ridurre il rischio di resistenza agli antibiotici. I sintomi UTI possono scomparire prima che l’infezione sia completamente scomparsa.

Bere molti liquidi e urinare frequentemente è sempre raccomandato per le persone che hanno infezioni del tratto urinario come questo aiuta a scovare i batteri. Una varietà di farmaci antidolorifici può essere prescritta per alleviare il dolore. Anche l’applicazione di una piastra elettrica sulla schiena o sull’addome può essere d’aiuto.

Una UTI non complicata è quella che si verifica in una persona altrimenti sana con una normale distesa urinaria chiara. Questi di solito possono essere curati con 2 o 3 giorni di trattamento.

Un UTI complicato è quello che si verifica in una persona che è indebolita da un’altra condizione, come la gravidanza o il trapianto di cuore. Le UTI complicate tendono a richiedere periodi più lunghi di antibiotici, di solito tra 7 e 14 giorni.

Per curare un UTI che è causato da problemi all’interno del sistema urinario, il problema sottostante deve essere trovato e corretto. Se non trattata, queste infezioni possono causare danni ai reni.

Se la persona è gravemente malata, potrebbe dover essere ricoverata in ospedale per assicurarsi di assumere fluidi sufficienti e ricevere il farmaco giusto. Le persone possono anche dover andare in ospedale se sono uno dei seguenti:

  • incinta e sono altrimenti malati
  • gli anziani
  • persone con cancro, diabete, sclerosi multipla, lesioni del midollo spinale o altri problemi medici
  • individui con calcoli renali o altri cambiamenti nel loro tratto urinario
  • recupero dalla recente chirurgia del tratto urinario

Infezioni ricorrenti nelle donne

Le donne che hanno infezioni ricorrenti della vescica possono essere avvisate di:

  • Assumere una singola dose di un antibiotico dopo il contatto sessuale
  • Assumere una singola dose giornaliera di un antibiotico per almeno 6 mesi
  • Prendi un ciclo di antibiotici da 2 a 3 giorni se ricompaiono i sintomi
  • Sottoporsi a terapia estrogenica vaginale se hanno già avuto la menopausa

Rimedi casalinghi

Esistono numerosi rimedi suggeriti che le persone con una UTI possono provare a casa.

Bere liquidi e urinare frequentemente può aiutare a sciacquare i batteri dal corpo e usare un tampone riscaldato per brevi periodi può aiutare ad alleviare il disagio.

Si dice anche spesso che i mirtilli ei loro estratti potrebbero trattare l’UTI.

Gli estratti di mirtillo non aiutano a trattare gli UTI esistenti, ma possono aiutare a prevenirne lo sviluppo.

Questo perché i mirtilli contengono composti chiamati proantocianidine che impediscono di attaccarsi alle pareti del tratto digestivo e delle vie urinarie.

In una vasta meta-analisi, i ricercatori hanno scoperto che le donne con UTI ricorrenti che hanno assunto il mirtillo per 12 mesi hanno avuto una riduzione del 35% delle infezioni.

Un altro studio clinico di ampia portata ha rilevato che 500 mg di estratto di mirtillo rossi assunti giornalmente per 6 mesi riducevano il tasso di IVU nella stessa misura di 100 mg di trimetoprim, un antibiotico, senza rischio di resistenza antimicrobica o superinfezione nelle donne con UTI ricorrenti.

Le compresse di mirtillo sembrano essere due volte più efficaci del succo di mirtillo per prevenire le infezioni del tratto urinario, che possono essere in parte dovute al contenuto di zucchero del succo di mirtillo. Gli estratti di mirtillo contengono anche antociani e acido salicilico. Questo può avere un effetto antidolorifico e antinfiammatorio che può aiutare ad alleviare i sintomi UTI.

La Società di Ostetrici e Ginecologi del Canada consiglia prodotti a base di mirtillo per prevenire le UTI ricorrenti, ma non per l’uso in UTI attive.

Le compresse di estratto di mirtillo sono disponibili per l’acquisto online. Si consiglia di parlare con un medico per determinare l’idoneità di queste compresse.

Cambiamenti nell’equilibrio batterico del tratto genitourinario possono aumentare la probabilità di colonizzazione da parte di organismi come. L’uso regolare di probiotici può aiutare a ridurre il rischio di infezioni del tratto urinario, specialmente dopo un ciclo di antibiotici.

I probiotici sono disponibili online come prodotti alimentari, come yogurt e integratori.

In particolare, ha dimostrato la capacità di prevenire l’insorgenza di batteri indesiderati sulle pareti del tratto intestinale, oltre a migliorare la produzione di sostanze chimiche antibatteriche naturali e acidi organici, riducendo così la probabilità di UTI.

Abbiamo scelto gli articoli collegati in base alla qualità dei prodotti ed elencato i pro e i contro di ciascuno per aiutarti a determinare quale funzionerà meglio per te.Collaboriamo con alcune delle aziende che vendono questi prodotti, il che significa che Healthline UK e i nostri partner potrebbero ricevere una parte dei ricavi se si effettua un acquisto utilizzando un link (s) di cui sopra.

Like this post? Please share to your friends: